Venezia 77, gli outfit firmati PINKO (gallery)

di Laura Frigerio

Nel corso della 77esima Mostra del Cinema di Venezia ci sono state numerose star che hanno indossato degli outfit firmati PINKO.

Claudia Gerini, all'imbarcadero dell'Hotel Excelsior, ha indossato un abito chemisier in crêpe con stampa micro pois all-over. Colletto a camicia e tasche davanti. Chiusura con bottoni davanti. Completo di cintura in tessuto effetto pelle da indossare in vita per arricchire il look ed enfatizzare la silhouette.

Sofia Resing ha invece sfoggiato un abito lungo elegante dalla silhouette a sirena in jersey lucido di viscosa con scollo tondo davanti, scollo profondo sul retro e dettagli gioiello intrecciati sulle spalle davanti. Bustino aderente con maniche lunghe e gonna a portafoglio con pannello che incrocia davanti e crea profondo spacco. Motivo arricciato nel centro dietro.

Rocio Munoz Morales ha optato per un top a maniche corte in raso di seta stretch, con collo a giro e fondo capo leggermente stondato sul retro. Shorts in tessuto effetto pelle con vita caratterizzata da pences e passanti per cintura, completi di cintura con fibbia Love Birds in metallo. Love Bag in nappa trapuntata con motivo chevron. La chiusura con baccello in pelle è completata dall'iconica fibbia in metallo con uccellini Love Birds.


Frida Aasen ha indossato una tuta senza maniche in crêpe stretch con scollo all'americana allacciato dietro il collo con bottone gioiello. Fascia effetto cintura in vita con bottoni gioiello, pantaloni dalla silhouette flared.

Ludovica Martino invece ha scelto un abito corto a balze in marocaine di viscosa a stampa floreale all-over con collo a punta in pizzo e maniche lunghe chiuse con elastico al fondo. Mini Love Bag in nappa trapuntata con motivo chevron. La chiusura con baccello in pelle è completata dall'iconica fibbia in metallo con uccellini Love Birds.

 

 



crediti foto: ufficio stampa (foto Claudia Gerini by Getty Images)

leggi di più

Venezia 77, gli incontri virtuali di Mastercard partiti con Demi Moore

di Laura Frigerio

Non solo film e red carpet alla 77esima Mostra del Cinema di Venezia, ma anche incontri interessanti, fisici e virtuali. Come quelli organizzati da Mastercard, da sempre sostenitore del cinema, che ha dato il via alle Conversation Series di “Life through a Different Lens: Contactless Connections”, una serie di appuntamenti digitali organizzati in collaborazione con La Biennale di Venezia.

Protagonisti personaggi influenti del mondo del cinema, per parlare del loro rapporto con la settima arte. A dare il via delle danze è stata l’attrice Demi Moore, che ha parlato dell’unicità di questa edizione della Mostra e ha svelato alcune curiosità su “Songbird”, il nuovo film di Michael Bay a tema pandemia che lo vede nel cast. Ha continuato parlando di “Dirty Diana”, il podcast erotico a cui presta la voce e della compatibilità tra maternità e carriera.

Demi Moore si è unita a un panel di talent straordinari composto da Gia Coppola, Wim Wenders e Luca Guadagnino. Le Conversation Series di “Life through a Different Lens: Contactless Connections” saranno disponibili su priceless.com e labiennale.org.



crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Barbara Monte e la sua versione di Il Sud/Le Sud

di Redazione

In questa calda estate post-lockdown ci pensa Barbara Monte e portare una ventata di aria fresca con il videoclip di “Il Sud/Le Sud”, cover del celebre ballata di Nino Ferrer del 1975, rivisitata in chiave acustico/elettronica e cantata in italiano e francese.

«”Il Sud/Le Sud” parte di un progetto più ampio che abbiamo chiamato MezzoMezzo, ovvero canzoni che hanno avuto successo in Francia e in Italia, cantate nelle due lingue e ri-arrangiate in chiave più moderna. Questo è il brano al quale ci siamo affezionati di più!» - spiega la cantautrice e violinista, che invece sul videoclip svela: «L'abbiamo girato tra Gavi, Voltaggio, il Parco delle Capanne di Marcarolo…quindi nelle mie zone, la mia cara terra dove sono le mie radici, i luoghi che ho sempre frequentato fin da bambina. Luoghi che si adattano particolarmente al testo della canzone, che appunto, descrive scene di natura, di vita semplice, di convivialità e condivisione».

“Il Sud/Le Sud” è stato arrangiato da Chistophe Violland e prodotto dalla MerSea Prod. Il videoclip, diretto dal regista Marcello Alongi e ora su YouTube, segna il ritorno in grande stile di Barbara Monte, che negli ultimi anni ha lavorato principalmente in Francia dove è riuscita a conquistare il pubblico con il suo talento e la sua eleganza.



crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

10 canzoni italiane per la playlist del weekend di Ferragosto

di Redazione

Siamo finalmente arrivati nel tanto atteso weekend di Ferragosto e uno degli ingredienti che non può mancare è ovviamente la musica.

Anche quest’anno ci sono gli aspiranti tormentoni mainstream che però, secondo noi, non sono realmente decollati. E in contemporanea sono stati lanciati altri singoli italiani che si sposano perfettamente con il mood di questa calda estate.


Ecco quindi le canzoni che, secondo noi, dovreste inserire nella vostra playlist:


“My heart is a jungle” degli Skelets On Me - il duo composto da Valentina Giani e Francesco Puccinelli propone un brano dream pop ipnotico ed estremamente elegante.

“Niña Blanca” di Ellynora - un brano suggestivo che racconta una leggenda molto affascinante.


“Lontano da te” di Maryna - la cantautrice e webstar italo-spagnola propone un pezzo che mischia la melodia italiana al mondo latino e al reggaeton.


“Arizona” di Jaqueline - la cantautrice e musicista siciliana propone un brano sensuale e avvolgente.

“Facci caso” de La Camba - la cantautrice Federica Camba propone un bel pezzo ispirato al libro di Kurt Vonnegut “Quando siete felici, fateci caso”. È stata lanciata anche una seconda versione “Facci caso - Poni a Menti (Sardinian Version).

“Over the Top” di Zic - un pezzo autobiografico con un sound accattivante e ricco di influenze, per nulla banale.

“Dolores” di Lolita - brano delle atmosfere R&B, calde e malinconiche, di sicuro affascinanti.

“Catch the Fox” di El Tano Project - nuovo progetto nato dalla collaborazione tra Emanuele PAPS Cozzi ed Alessandro DJ STECCA Pizzi, che partono con una intrigante versione reggaeton della famosa hit anni’80 di Den Harrow.


“Ballo Ballo” di Barbara Francesca Ovieni - la conduttrice tv, molto popolare sui social, ci regala una sua bella versione del celebre brano di Raffaella Carrà del 1982.

“Mojito” di D’Aria feat. Edel Farias - un brano leggero che profuma d’estate, reso speciale dalla collaborazione della cantante con il musicista argentino.




crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Silvia Siravo a teatro con Prometeo

di Laura Frigerio

L’estate ci ha ridato la gioia di tornare a teatro, dopo i duri mesi di lockdown. Certo, l’emergenza non è ancora rientrata e le limitazioni sono tante (in particolare per la cultura e lo spettacolo), ma non c’è da arrendersi. Ce lo dimostra l’attrice Silvia Siravo, che interpreta il ruolo di Io nel “Prometeo” di Eschilo, nell’adattamento di Patrick Rossi Gastaldi con Eduardo Siravo, Ruben Rigillo, Gabriella Casali e Alessandro D’Ambrosi.


Le prossime date della tournée di “Prometeo”? Il 7 agosto alle 21:30 a Volterra nell’ambito del Festival Internazionale del Teatro Romano di Volterra; il 12 agosto presso l’arena plautina di Sarsina nell’ambito del Plautus Festival; il 13 agosto ore 21.15 Calvi Teatro nell’ambito del Calvi Festival; il 21 agosto Festival del Teatro Classico “Tra Mito e Storia” di Portigliola; il 24 agosto a Segesta; il 25 agosto a Selinunte; il 26 agosto a Gela; il 27 agosto a Tindari.

“Io, il personaggio che sto interpretando nel Prometeo di Eschilo è doppiamente vittima: degli abusi di Zeus e dei suoi stratagemmi per coprire quegli stessi abusi” – racconta Silvia Siravo - “Trasformata in giovenca, condannata ad errare pungolata da un tafano, il personaggio pone senza dubbio delle difficoltà. Spontaneamente ho immaginato il tafano come una paura interna che non si può scacciare, quella corsa come una ossessione distonica, cioè incoerente con tutto il suo essere. I movimenti convulsi e afinalistici di Io, mi hanno fatto pensare ad un disturbo mentale provocato da un forte trauma. Sarà per me una sfida complessa ma sicuramente interessante portare in scena un personaggio perennemente in fuga che vaga senza requie e meta e così colmo di dolore”.

 




crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Fiorella Ciaboco firma i look di Topless dei Soul System

di Laura Frigerio

La stylist Fiorella Ciaboco ha realizzato i capi indossati dai Soul System in “Topless”, il loro nuovo videoclip. Si tratta di una vera e propria capsule collection in canapa dipinta a mano, che mettono in risalto la personalità di ogni componente della band (Ainoo Joel, Alberto Patuzzo, Leslie NKum, Samuel Nyame Bismarck Jr in arte “Don Jiggy”, David Anokye Yeboah).


Importante è stato il contributo di artisti del pennello come Maurizio Cariati e Piero Guerriero. Questi capi hanno un occhio di riguardo nei confronti dell’ambiente, fondamentale per Fiorella Ciaboco.

La canapa è il must di questa capsule collection che sottolinea come anche i Soul System amino il nostro pianeta e lo rispettino, oltre all’argomento razzismo che li vede in prima linea in questo loro nuovo singolo. Una canapa fresca come sono freschi i componenti della band e poi colori vivaci e disegni geometrici, che rappresentano stati d’animo giocosi e felici e pieni d’amore e voglia di pace tra i popoli.

Le mascherine, divenute di moda e d’obbligo grazie al Covid-19, sono anche quelle realizzate in canapa e sono sormontate da cerniere apribili, quasi a voler dire che c’è una grande voglia di esprimersi artisticamente e cantando e una voglia di dire tutto quello che proviamo dentro, nell’anima, con amore e soprattutto la voglia di dire “basta razzismo!”. Anche le tinte vivaci e geometriche sono fortemente volute dalla stilista. E poi l’argomento “Made in Italy” che difende con forza, infatti, ha creato appositamente per l’occasione l’hashtag: #difendiamoilmadeinitaly



crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

È nata ALIENO label

di Redazione

Una bella notizia per gli amanti della musica: è nata ALIENO, una nuova label frizzante, fresca e proiettata verso lo sviluppo di un roster di artisti con una grande voglia di farsi conoscere.


ALIENO nasce dal desiderio del produttore e autore Maximilian Rio di puntare sulla propria consolidata esperienza ormai trentennale, con produzioni e progetti personali di rilievo e successo, per individuare e lanciare nel mondo nuovi talenti. ALIENO è infatti già presente con una propria sede e studio di produzione a L’Avana (Cuba), con connessioni sui mercati Latino – America e USA. Saranno quattro le sezioni cast di ALIENO: Rap – Pop – Rock – Dance.

La distribuzione sarà affidata a Pirames International (www.piramesinternational.com).

Seguite ALIENO sui social:
Instagram - https://www.instagram.com/alieno_label/
Facebook - https://www.facebook.com/alieno_label-102058134866187/

 

 


crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Bugie meravigliose, il singolo di Emily&Giuly

di Laura Frigerio

Conoscete Emily Shaqiri e Giulia Sara Salemi? Sicuramente si, perché formano il duo Emily&Julie della serie tv “Miracle Tunes”.

Dopo il successo della serie (trasmessa da Cartoonito e Italia 1) e il fortunato tour del 2019 durante il quale hanno potuto salutare i loro numerosissimi piccoli fan, le due ragazze sono tornate con una bella novità.

Si tratta di un singolo dal titolo “Bugie Meravigliose”. Ad accompagnarlo un videoclip prodotto dalla Alex Pacifico Management, con la regia di Massimiliano Varrese e le coreografie di Ilir Shaqiri.



crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Con un mazzo di rose, nuovo singolo in arrivo per i Fuoricentro

di Redazione

La band milanese dei Fuoricentro è pronta per tornare sulle scene con un nuovo singolo dal titolo “Con un mazzo di rose”.
Un brano fresco e dalle influenze anni'80, perfetto per l'estate ormai alle porte, che parla di distanze tra le persone.
Distanze non fisiche bensì psichiche, in una società dove le relazioni superficiali sono all'ordine del giorno e che vede troppo spesso gli individui presi da loro stessi e incuranti del prossimo.


“Con un mazzo di rose” sarà il primo di una serie di singoli di un album, che segna un cambio di passo della band e l'inizio di un nuovo capitolo del loro percorso artistico. Intanto la band capitanata dal frontman Maurizio Camuti sente di lanciare un messaggio di incoraggiamento alla loro Milano, città a cui hanno dedicato anche un brano omonimo patrocinato dal Comune: “Milano è sempre stata una città aperta all'arte e accogliente con gli artisti, che sono stati fortemente penalizzati dall'emergenza sanitaria e dal conseguente lockdown. È importante, ora più che mai, che si consideri l'arte non più come un elemento di contorno, ma come una parte essenziale della vita. In questo periodo sono stati la musica, la letteraura e il cinema, a tenerci compagnia e quindi bisognerebbe dare all'arte il giusto valore e il giusto peso”.




crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Belita ci seduce con Jefa

di Laura Frigerio

L’estate è ormai alle porte e, dopo il periodo duro che abbiano passato, c’è bisogno di una ventata di aria fresca e di vivacità.
Quindi, se state preparando le vostre nuove playlist, vi consiglio di inserire “Jefa” ovvero il nuovo singolo di Belita.

Chi è Belita? È una giovane cantante italo-brasiliana (il cui vero nome è Isabella dall’Agnese), cresciuta ascoltando artiste come Alicia Keys e Adele.
Il suo esordio discografico risale al 2017 e con il tempo è cresciuta diventando la splendida performer che possiamo ammirare anche nel video di “Jefa”, girato poco prima del lockdown.

Volete scoprire qualcosa in più del suo mondo? Visitate il sito www.belitaofficial.it.


crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Anna Ferzetti nel cortometraggio Stop!

di Laura Frigerio

Tra le attrici candidate agli ultimi David di Donatello c’era anche Anna Ferzetti (per il film “Domani è un altro giorno” di Simone Spada), che ora ritroveremo in “Stop!”, cortometraggio fanta-ecologico diretto dall’esordiente Salvatore Fazio.

“Stop!” (distribuito da Premiere Film) è stato sceneggiato dal regista insieme a Massimiliano Bruno, che compare tra i produttori insieme ad Alfonso Maria Chiarenza. La colonna sonora è firmata da Micki Patierno.

Il corto è ambientato nel 2050, su un pianeta Terra ridotto allo stremo dal surriscaldamento globale. Qui una ragazza si trova a dover affrontare il proprio passato, mentre una donna può rappresentare a quanto pare la salvezza. Possono essere la stessa persona? Il mondo si salverà?

“Stop!” racconta un futuro distopico, una società in cui il surriscaldamento globale sta arrivando al punto di non ritorno.


Un corto che non può fare a meno di far riflettere su un tema estremamente attuale, ma ancora sottovalutato, che lega l’avvenire del nostro pianeta con il nostro.

Nel cast, oltre ad Anna Ferzetti, Andrea Venditti, Giancarlo Porcari, Chiara Tron, Marco Landola, Federico Maria Galante, Silvia Maria Vitale, David Marzullo, Andrea Galasso e Daniele Blando.



crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Memorie dal Festival di Cannes: i look Messika (gallery)

di Laura Frigerio

In questi giorni si sarebbe dovuta tenere la 73esima edizione del Festival di Cannes, ma l'emergenza sanitaria ha portato alla sua cancellazione.


Inutile dire che ci mancano quelle immagini provenienti dalla Croisette che sapevano farci sognare. E subito scatta l'effetto nostalgia.


È per questo che vi proponiamo una gallery con le star che negli ultimi anni hanno indossato, sul red carpet, degli abiti Messika.

 




crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

ASVOFF Lockdown Film Festival: cosa c'è da sapere

di Laura Frigerio

Conoscete ASVOFF, ovvero A Shaded View On Fashion Film? È un evento nato nel 2008, che ha lanciato per primo il nuovo genere cinematografico, ovvero il Fashion Film.
E da evento fisico ora diventa online, in una inedita Home Edition: idea di Diane Pernet, critica di moda e mente creativa del festival, che invita il suo pubblico a seguirla in una nuova avventura e a mandare i loro film fai-da-te realizzati durante il lockdown.

“Rendetelo personale come se lo stesse facendo per la vostra famiglia e i vostri amici. Può essere tutto ciò che cattura ciò che state vivendo durante il blocco. Fuori dalla finestra, il cane, il gatto, il marito, il fidanzato, la compagna, la figlia. Un esercizio creativo e con poco sforzo, non è richiesta la qualità professionale ma solo il vostro cellulare. Ma ricorda: è necessario disporre dei diritti di pubblicazione per qualsiasi musica che è possibile utilizzare nel video!” - spiega Diane, che potete seguire su Instagram (al canale) @asvof per vedere tutti i finalisti in gara.

Volete partecipare a ASVOFF12 - LOCKDOWN EDITION?
Avete tempo fino al 14 maggio per inviare i vostri lavori, che devono essere di una durata che va dai 30 secondi ai 9 minuti.
Il modulo da compilare lo trovate qui.


Importante: non ci sono costi di iscrizione.

I film selezionati saranno caricati su www.ashadedviewonfashionfilm.com.



crediti foto Diane Pernet: ufficio stampa

leggi di più

I Rolling Stones pubblicano a sorpresa Living in a Ghost Town

di Laura Frigerio

Li abbiamo visti esibirsi (separatamente) nelle loro case durante l’evento "One world: Together at Home" e ora hanno pubblicato, a sorpresa, un nuovo singolo.
Stiamo parlando dei mitici Rolling Stones, che sono usciti da poche ore su tutte le piattaforme digitali con “Living in a Ghost Town”, pezzo ispirato al momento in cui stiamo vivendo, ideato e registrato a Los Angeles e Londra in isolamento.

Mick Jagger (voce/armonica/chitarra/cori), Keith Richards (chitarra/cori), Charlie Watts (batteria), Ronnie Wood (chitarra/cori), Darryl Jones (basso) e Matt Clifford (tastiere, corno francese, sax, flicorno) sono riusciti davvero a stupirci con effetti speciali.

LE LORO DICHIARAZIONI

Mick: “Gli Stones erano in studio a registrare del nuovo materiale prima del lockdown e c'era una canzone che pensavamo avrebbe risuonato attraverso i tempi che ora stiamo vivendo. Ci abbiamo lavorato in isolamento. Ed eccola qui: s’intitola 'Living in a Ghost Town’, spero che vi piaccia”.

Keith: “Allora, per farla breve. Più di un anno fa a Los Angeles avevamo pensato di tenere questo brano per un nuovo album, poi è scoppiato il casino e insieme a Mick abbiamo deciso che questa canzone doveva essere lavorata adesso e così eccola qui. Stay safe!”.

Charlie: “Mi è piaciuto lavorare su questa traccia. Penso rispecchi l’umore del momento e spero che le persone che l'ascoltano siano d'accordo”.

Ronnie: “Grazie mille per tutti i messaggi di queste ultime settimane, per noi è importante che vi piaccia la musica. Abbiamo un brano nuovo di zecca per voi, speriamo vi piaccia. Ha una melodia struggente”.


crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Giorgia Wurth al Teatro Golden di Roma con "Killer per casa"

di Laura Frigerio

Se vi trovate a Roma e dintorni vi consigliamo di non perdere Giorgia Wurth al Teatro Golden “Killer per casa”, spettacolo che la vede dividere il palco con Stefano Pesce per la regia di Massimo Natale.


Si tratta di una commedia romantico-noir atipica, che racconta un doppio tradimento, un raggiro economico e un omicidio da consumare. E tutto questo permette alla suspence e all’ironia di andare a braccetto insieme.

Lo spettacolo, che sta riscontrando un grande successo, rimarrà in scena fino al 23 febbraio.


Per Giorgia Wurth è l’ennesima prova da attrice promossa a pieni voti, in una carriera fatta non solo di teatro, ma anche di cinema e tv.

Ricordiamo che Giorgia è anche scrittrice e il suo ultimo libro (assolutamente da leggere) si intitola Io, lui e altri affetti collaterali.


crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Sanremo 2020: Emma d'Aquino vestita Salvatore Ferragamo

di Laura Frigerio

Emma d’Aquino, giornalista del Tg1, è stata una delle co-conduttrici del 70esimo Festival di Sanremo accanto ad Amadeus. Elegantissima, ha indossato capi firmati Salvatore Ferragamo. Per la conferenza stampa ha scelto un abito chemisier arancio della collezione Primavera- Estate 2020, invece per la serata un sandalo in pelle glitter argento con gancini e cinturino alla caviglia




crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Sanremo 2020: Piero Pelù vestirà Tom Rebl

di Laura Frigerio

Ci siamo: stasera partirà la 70esima edizione del Festival di Sanremo, che animerà la settimana fino all’8 febbraio. Tra i Big in gara c’è anche Piero Pelù, che ha deciso di festeggiare così i suoi primi 40 anni di carriera (con tanto di album, “Pugili fragili”, in uscita il 21 febbraio).

Il rocker salirà sul palco del Teatro Ariston vestendo Tom Rebl. La collaborazione con il designer nasce nel 2013, in occasione della prima edizione di “The Voice of Italy”.

Da quel momento il connubio stilistico si è intensificato fino ad arrivare ad essere un rapporto personale. Oltre ai look per diversi concerti e due video musicali (“Picnic all’Inferno” e “Mille Uragani”), Tom Rebl ha infatti disegnato l’abito del matrimonio di Piero Pelù celebrato l’anno scorso a Firenze. I capi realizzati sono reinterpretazioni del guardaroba iconico di Piero Pelù, pezzi che hanno segnato e raccontato il suo essere uno degli esponenti più brillanti della scena rock italiana.

Pantalone in pelle, canotta e gilet sono emblemi di questo mondo che Tom Rebl ha rivisitato in chiave glam sostituendo alla pelle in alcuni casi il PVC o affiancando a questi capi più classici, come lo smoking, ma tingendoli di colori primari.


Due anime liberi e ribelli quelle di Tom Rebl e Piero Pelù, che raccontano, uno con la musica l’altro con gli abiti, due identità forti e originali che si nutrono di arte e creatività.


crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Guenda Goria è La pianista perfetta

di Laura Frigerio

Non c’è dubbio sul fatto che Milano sia una delle città più vive e vivaci sul fronte teatrale. Tra i vari spettacoli in cartellone in questi giorni vi vogliamo consigliare vivamente “La pianista perfetta”, in scena al MTM Teatro Litta fino al 2 febbraio.


Protagonista è un grande talento (forse non abbastanza esaltato dagli addetti ai lavori, come invece meriterebbe) ovvero Guenda Goria, che qui troviamo in doppia veste di attrice e musicista.

Si tratta infatti di uno spettacolo-concerto (di Giuseppe Manfridi, diretto da Maurizio Scaparro) dedicato alla figura di Clara Schumann. Quest’ultima non è stata solo la moglie del celebre compositore Robert Schumann, ma anche la più grande pianista dell’800.

“’La pianista perfetta’ è la realizzazione del mio grande sogno: quello di potermi esprimere come attrice e concertista. Interpretando Clara mi sono immersa nel cuore grande e valoroso di una donna dedita all’arte. Una virtuosa dell’Ottocento di forza contemporanea, romantica e volitiva protagonista di una delle più struggenti storie d’amore; quella con il genio compositore Robert Schumann. Un personaggio che vivo con profondo amore e struggimento, che mi chiede grande preparazione pianistica e che mi offre ogni volta una gioia inaspettata. Il testo di Giuseppe Manfridi è di una bellezza rara, intriso di romanticismo e la regia del Maestro Maurizio Scaparro esalta l’eleganza ed intensità del racconto. Uno spettacolo performativo, ironico e commovente che parla a tutti, oggi più che mai” - ha dichiarato Guenda Goria.


crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Erika Lemay nel nuovo short film di Thirty Seconds Milano

di Redazione

Thirty Seconds Milano Film & Video Production Company torna a collaborare, con la grande artista poliedrica Erika Lemay curando la produzione per lo short-movie dal titolo “One Day To Fly”, che come autore e regia vede il nome di Francesco Tolve.

Erika Lemay, creatrice di spettacoli, danzatrice nel cielo, ambasciatrice di Physical Poetry e oratrice. Nata in Canada, Erika Lemay e' diventata un icona nel mondo delle performance dal vivo, usando il suo corpo in modi che sfidano la gravita' e le possibilita' umane. Il suo percorso di vita l'ha portata dalla sua prima lezione di balletto all'eta' di quattro anni, al successo mondiale e diversi riconoscimenti. Erika e' riconosciuta come un artista di prima classe nel mondo e ci si riferisce a lei come la creatrice di Physical Poetry.

Ogni spettacolo è letteralmente un momento in cui si sfida la vita – sotto l'ala dell'eleganza. Si e' esibita estensivamente come solista e ospite d'onore con il Cirque du Soleil ed e' un Ambasciatrice delle Arti per il progetto non-profit “Pensare Oltre”.

Vanity Fair l'ha nominata come la nuova regina del Circo in un intervista che include anche delle foto esclusive del fotografo leggendario e creatore di icone di Hollywood Douglas Kirkland. Il suo ultimo libro “Physical Poetry Alphabet” e' un tributo al lavoro di Erika. Gia' un autorita' nel mondo degli eventi e nel bel mezzo della sua brillante carriera, Erika creo' e si esibi' in uno spettacolo solista nel 2012 in cui spingeva ancora oltre i confini fisici e artistici. Questo spettacolo di 75 minuti, acrobatico, di ballo, di tecnologie immersive e teatro e' stato il primo del suo genere rappresentato e eseguito da una donna solista. La prima di Erika Lemay e che in seguito scaturi' altrettanti spettacoli del genere; esempi noti si trovano in Tailandia, Grecia e Arabia Saudita.


Oggi Erika attinge da due decenni di esperienza per creare spettacoli personalizzati per narrare le visioni di altre persone attraverso Physical Poetry.

crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Meghan Markle citata in The New Pope

di Laura Frigerio

In questi giorni non si fa altro che parlare di Meghan Markle, che ha convinto il Principe Harry a lasciare la Royal Family inglese per iniziare una nuova vita in Canada.

Caso vuole che sia stata nominata proprio nelle due puntate di The New Pope andate in onda venerdì scorso su Sky Atlantic.


«Non transigo, metti il Dior giallo»: è il suggerimento di stile che arriva a Meghan Markle da un consigliere piuttosto insolito, Giovanni Paolo III, il Papa dandy interpretato da John Malkovich. «Mi chiama almeno 25 volte al giorno per consigli di bellezza» - svela Brannox e «vuole fare l’influencer» senza saper abbinare i colori.


E pensare che la serie tv è stata scritta e girata in tempi non sospetti.



crediti foto: ufficio stampa Sky

leggi di più