Milady è il nuovo singolo di Patrizio Santo feat. Mic Champion

di Redazione

Un brano da inserire assolutamente nella propria playlist? “Milady”, il nuovo singolo di Patrizio Santo (uscito per Ondesonore Records) che vanta il featuring con il rapper americano Mic Champion.

Questa collaborazione è nata sui Social con una stima reciproca nell’ascolto dei loro brani fino a portarli alla creazione di un singolo dal sapore internazionale.
Le riprese del videoclip sono state girate tra la Florida e l’Italia, nonostante la grande distanza geografica, i due artisti hanno amalgamato i loro diversi stili e le loro culture musicali creando un sound unico nel suo genere.

Patrizio Santo è reduce da un altro importante featuring con Luca Abete l’inviato di Striscia La Notizia con la canzone “Non ci ferma nessuno” grazie alla quale sono stati donati 10.000 pasti completi al Banco Alimentare. La canzone è diventata la colonna sonora della campagna sociale motivazionale ideata dallo stesso Luca Abete giunta quest’anno alla quinta edizione. La scorsa estate Patrizio è stato tra i protagonisti del Deejay on Stage a Riccione nel contest per emergenti con il suo brano “Ancora”.

Il suo primo album è quasi pronto... sui Social Patrizio ha una ricca Fanbase che lo segue e con la quale interagisce quotidianamente. C’è tanta energia positiva con l’obiettivo di trasmettere emozioni e costruire un lungo filo costante.

leggi di più

Origo, il film di Tom Rebl e Matteo Bittante al Fashion Film Festival

di Laura Frigerio

“Origo”, il film nato dalla collaborazione artistica tra lo stilista Tom Rebl e il coreografo e art director Matteo Bittante, verrà proiettato dal 7 al 10 novembre nella sezione Oddity del Fashion Film Festival di Milano.

In seguito, per la precisione dal 9 al 10 novembre, sarà al Fashion Film Festival di Istanbul e poi al Dance on Screen Festival a Graz in Austria (dal 15 al 17 Novembre).

COSA C’E’ DA SAPERE SUL FILM
“Origo” è il nome dell’uomo e della donna che in ogni epoca fugge da se stesso e dalla sua storia. Origo s’è svegliato dentro a un sogno selvatico, rapito in una corsa mascherata di satiri danzanti. Le loro pelli sono primitive e i costumi ibridati hanno le tinte del sacrificio tragico e dell’ora del tramonto che incendia trame di terra senza inizio e senza fine.
Loro è il regno dei boschi, dei pascoli e delle montagne e a Origo chiedono di essere riconosciuti come le divinità amiche di un tempo. Calata la maschera, Origo rivede gli antichi fratelli, “pastori immersi in tanta solitudine e immense distanze” e rivede il suo volto di sfinge sdoppiato in una smorfia di sorriso che rivela la ferita del suo dolore. Una vertigine improvvisa che tutto muove conduce l’uomo del mito a una nuova rivelazione, forse una nuova divinità. Origo reca in mano due galli d’oro, simbolo del risveglio, della rinascita, del sole.

Ha inizio una nuova danza, un nuovo corso che cancella il tramonto per fare spazio a una nuova luce metallica in cui tutto riverbera. L’ultima epifania è la donna ridotta alla sua essenza, “colei che appare come l’alba, bella come la luna, pura come il sole”. [Cantico dei Cantici 6:10] Non conosciamo i suoi pensieri ma intuiamo il suo destino. Anche lei è Origo. I satiri la osservano da lontano fasciati nelle loro stoffe preziose e seducenti come vene dorate nell’aspra roccia. Studiano le geometrie e le distanze di quel corpo esile e occidentale, lo desiderano, lo vogliono possedere. Origo non fa resistenza, le sue carni bianche cadono preda di quell’antico sortilegio, si sveglierà poco dopo in fuga da sé stessa.

LA COLLABORAZIONE TRA TOM REBL E MATTEO BITTANTE
Nel 2013, Tom Rebl ha lavorato per la prima volta con Matteo Bittante coinvolgendolo come performer per la sua sfilata durante la Milano Fashion Week. Da quel momento sino ad oggi hanno collaborato su numerosi progetti di performance, video art e sfilate sia nel mondo della danza contemporanea che della moda. Oggi Matteo Bittante è direttore artistico di tutti gli eventi, le presentazioni e produzioni di foto e video del brand Tom Rebl.
Per il fashion film “Origo”, Matteo e Tom hanno scelto Matera, la capitale Europea della cultura 2019, come set ideale. Pochi giorni dopo le riprese, alcuni estratti del film sono stati proiettati al Palazzo Lanfranchi di Matera durante uno spettacolo di danza contemporanea prodotto dal Centro Nazionale di Produzione della danza DANCEHAUSpiù, di cui Matteo Bittante è co-direttore.

leggi di più

Cristiana Verardo è la vincitrice del Premio Bianca d’Aponte

di Laura Frigerio

Si è conclusa ieri la 15esima edizione del Premio Bianca d’Aponte, l’appuntamento annuale con la canzone d’autrice, tenutosi al Teatro Cimarosa di Aversa.

A vincere è stata la leccese Cristiana Verardo, a cui andrà una borsa di studio di 1000 euro offerta dalla cooperativa Doc Servizi e che avrà diritto anche a un tour di otto concerti realizzato grazie al NuovoImaie (progetto realizzato con i fondi dell’art.7 L. 93/92).

A Lamine (da Trapani) sono andati invece il premio della critica “Fausto Mesolella” e il premio per la migliore interpretazione. Invece il riconoscimento per il miglior testo se l’è aggiudicato Chiara Bruno da Palermo, quello per la miglior composizione La Tarma da Reggio Emilia.

Molti i premi da parte di enti e associazioni esterni all’organizzazione. A ChiaraBlue da Rieti va quello dell’etichetta Suoni dall’Italia di Mariella Nava, con la proposta di una possibile collaborazione artistica, e quello del Virus Studio, chiamato “Premio ’Na stella”, per incidere in studio un brano con la produzione artistica di Ferruccio Spinetti.


A Rebecca Fornelli da Bari vanno quello di XO la factory (consistente in produzione, registrazione e promozione di un singolo) e quello dell’Associazione Virginia Vita, con una borsa di studio di 500 euro.

A Cristiana Verardo anche quello di Soundinside Basement Records, con la realizzazione di un video live in studio. Erano in lizza anche Eleonora Betti da Arezzo, Jole da Manfredonia (Foggia), Martina Jozwiak da Ancona e Giulia Ventisette da Firenze.

Nel festival diretto da Ferruccio Spinetti, a salire sul palco nella serata finale ci sono stati, oltre alle finaliste del contest, importanti nomi del panorama musicale italiano, come Enzo Gragnaniello e la madrina di questa edizione, Tosca, che ha interpretato “Anima scalza” di Bianca d'Aponte insieme ad alcuni brani del suo nuovissimo album “Morabeza”.
Ed inoltre: il collettivo AdoRiza, Elena Ledda, Carlo Marrale, Mariella Nava, Mauro Palmas e i Suonno d’Ajere. A questi ultimi è stato consegnato il Premio Bianca d’Aponte international.

Venerdì invece era toccato a Ginevra Di Marco & Cristina Donà, Giuseppe Anastasi, Gabriele Avogadro, Tony Canto, Kaballà e Pilar. Ad aprire entrambe le serate è stata la vincitrice dello scorso anno, Francesca Incudine. La conduzione era affidata a Ottavio Nieddu e Carlotta Scarlatto.

I momenti più significativi della manifestazione saranno inseriti in due speciali televisivi trasmessi nelle prossime settimane sull’emittente Sardegna1 (anche in streaming), curati da Ottavio Nieddu, con la realizzazione televisiva e la regia di Nino Gravino.

leggi di più

Denise Capezza in Salvatore Ferragamo sul red carpet di Baby

di Laura Frigerio

Dal 18 ottobre sarà disponibile sulla piattaforma Netflix la seconda stagione della serie tv Baby.

Tra le new entry del cast anche la giovane attrice Denise Capezza che, in occasione della première tenutasi a Palazzo Dama a Roma, ha indossato un total look Salvatore Ferragamo sfilata Autunno- Inverno 2019/20.

L’attrice ha scelto una maxi gonna patchwork di pelle colorata, abbinata ad un top marrone, sciarpa in pelle e stivali bordeaux con tacco scultura.

crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

MY JOURNEY - Puccini’s Symphonic Works, il primo album di Beatrice Venezi

di Laura Frigerio

Fascino e talento si trovano in perfetta armonia in Beatrice Venezi, la più giovane donna Direttore d'orchestra, acclamata a livello internazionale tanto da essere inserita da “Forbes” tra i 100 giorni Under 30 leader del futuro.

Ora questo splendido Maestro dai lunghi capelli biondi pubblica il suo primo album intitolato “MY JOURNEY - Puccini’s Symphonic Works”, in uscita il 18 ottobre per Warner Music.


Quale migliore occasione per farsi incantare dalla musica classica, con questo prezioso gioiello realizzato da Beatrice Venezi insieme all’Orchestra della Toscana?

Tra le varie cose vi segnaliamo che il 7 novembre Beatrice Venezi debutterà in America, in un concerto con Andrea Bocelli a Miami al Seminole Hard Rock Hotel & Casino Hollywood dopo che aveva diretto l’Orchestra dello show “Andrea Bocelli - Ali di Libertà” tenutosi a luglio al Teatro del Silenzio e andata in onda in prima serata su Rai Uno.

QUALCHE CURIOSITA’ SU BEATRICE VENEZI
Il Maestro Beatrice Venezi ha 29 anni ed è originaria di Lucca. È tra le poche donne al mondo a dirigere orchestre a livello internazionale: dall’Italia al Giappone, dalla Bielorussia al Portogallo, dal Libano al Canada fino all’Argentina si è distinta per la sua professionalità e la sua capacità di essere innovativa, paladina di femminilità e di italianità. Interprete di un vasto repertorio dalla musica barocca alla contemporanea, ha una predilezione per Giacomo Puccini, di cui condivide la città di nascita, ma ha eseguito anche prime assolute di compositori italiani contemporanei sia in veste di pianista che di direttore d’orchestra.

Diversi sono i riconoscimenti ottenuti nel settore per la sua brillante carriera, in particolare per le sue grandi capacità artistiche e l’impegno per la diffusione della cultura musicale nelle giovani generazioni. Ha ricevuto lo scorso 3 ottobre alla Fondazione Feltrinelli il Premio LEONIA, che il Marchese Lamberto Frescobaldi ha consegnato personalmente ad una donna che si è distinta particolarmente per l’AUDACIA e la CAPACITA’ di INNOVARE.

Attraverso il suo ruolo di Direttore Principale della Nuova Scarlatti di Napoli e dell’Orchestra Sinfonica Milano Classica, inoltre, Beatrice Venezi dedica il suo impegno artistico anche a cause umanitarie e all’eradicazione di ogni discriminazione nei confronti delle donne.

LA PAROLA A BEATRICE VENEZI
“Nell’opinione comune il direttore d’orchestra è una figura ingessata e cristallizzata – un uomo con un atteggiamento autoritario e lo sguardo accigliato – e il mondo della musica classica tutto, in generale, appare piuttosto brizzolato. Ma la musica classica è ben altro; la sua bellezza deve tornare ad essere patrimonio di tutti, anche dei più giovani. Questo il mio messaggio e la motivazione che mi guida nel definire il mio ruolo ogni giorno. Voglio essere il punto di contatto tra l’orchestra e il pubblico, e tenere insieme tutte le loro energie. Voglio dimostrare la modernità della tradizione, combattere il pregiudizio dall’interno e dall’esterno. Voglio rifiutare ogni stereotipo, continuare a lavorare perché la musica classica sia sinonimo di libertà e bellezza, e non di noia e costrizione”.


crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Capire adesso, il primo singolo di Echo

di Redazione

Si intitola “Capire adesso”, il primo singolo della giovane cantautrice romana Giorgia Acchioni in arte Echo (distribuito da Ondesonore Records).

Il brano affronta la tematica del crescere, del lasciare “il luogo sicuro”, la famiglia, passando da adolescente a donna. Il testo è stato scritto in collaborazione con la sua Vocal coach Silvia Gollini mentre l’autore della parte musicale è Marco Gollini.

Il progetto ha visto l’intervento di musicisti quali Cristiano Micalizzi, Pier Paolo Ranieri, Davide Pieralisi. Con “Capire adesso” è stata finalista ad Aulla del Premio Lunezia 2019 sezione nuove proposte.

Echo nasce il 17 luglio 1999 a Roma, si accosta al mondo della musica all’età di 12 anni con il suo maestro di chitarra Nicola di Già, chitarrista del Banco Del Mutuo Soccorso. Successivamente approfondisce gli studi di tecnica vocale specializzandosi, nel Voice Craft frequentando, “Professione Voce” il corso di canto ideato da Gabriella Scalise e conseguendo l'attestato di frequenza relativo a due livelli ufficiali Estill Voice Training ed un terzo livello specialistico.
Nel 2015 ricopre il ruolo di protagonista femminile nel musical “È sempre colpa dei grandi?”, per la regia di Mauro Mandolini e la direzione artistica di Davide Misiano, interpretando Micol. Il musical è andato in scena il 27 novembre 2015 al teatro Olimpico di Roma e, in replica, il 15 marzo 2016 al Teatro Italia di Roma.

“Capire adesso” è il primo singolo di un progetto discografico ben delineato per la giovane cantautrice romana.

leggi di più

Gli occhiali Silhouette scelti anche da Elton John, nel 1974

di Laura Frigerio

Presto uscirà “Me”, l’autobiografia di Elton John e non mancheranno gli aneddoti sulla vita e la carriera della celebre star. Chissà se verrà raccontato anche quello che lo lega a Silhouette, il celebre brand di eyewear.

La scintilla che fece divampare la leggenda fu un concerto charity per la squadra di calcio inglese Watford Football Club tenutosi il 5 Maggio 1974 a Watford. I calciatori della squadra erano soprannominati The Hornets (I Calabroni) per via dell'uniforme a strisce gialle e nere. Così Elton John per la sua esibizione non ebbe che un pensiero: trasformarsi in un calabrone!
E il "tocco d'artista" che rese indimenticabile questo suo eccentrico travestimento fu la scelta di un modello di occhiale decisamente all'avanguardia, non a caso una montatura tra le protagoniste della collezione denominata "Futura" di Silhouette, il marchio austriaco che nel 1999 divenne ulteriormente celebre per la leggerezza delle sue "inesistenti" montature (l'astina si inserisce direttamente nella lente).

Nel 1974 invece il modello indossato dalla rock star inglese  (che si può vedere bene in questo filmato su YouTube http://bit.ly/2B7ipnE) era decisamente voluminoso e assolutamente appropriato, con le sue 3 lenti, per evocare gli occhi di un grande insetto.
Elton John, da sempre appassionato collezionista di occhiali, non poteva farsi sfuggire l'avanguardia del design di Silhouette.

leggi di più

Le Brave ragazze di Michela Andreozzi, al cinema

di Laura Frigerio

C’è al cinema un film tutto al femminile, che non dovreste assolutamente perdere. Si tratta di “Brave ragazze”, commedia diretta da Michela Andreozzi, alla sua seconda prova dietro la macchina da presa.

Protagoniste quattro splendide attrici e donne: Serena Rossi, Ambra Angiolini, Ilenia Pastorelli e Silvia D’Amico. Nel cast anche Stefania Sandrelli, Luca Argentero e Max Tortora.

Ambientato a Gaeta, nei primi anni’80, il film racconta la storia di quattro donne in crisi provano a cambiare il corso delle loro vite armate di bigodini e pistole.

Anna è una ragazza madre, due figli da mantenere e nessun lavoro stabile. Maria è una timida devota alla Vergine, vittima di un marito violento. Chicca e Caterina, sorelle di indole opposta, sognano un futuro migliore, lontano. Col coraggio di chi ha poco da perdere, decidono di travestirsi da uomini e svaligiare insieme la banca del paese.
Ma è solo l'inizio di una serie di azioni spericolate, su cui è chiamato ad indagare il commissario Morandi, un vortice destinato a stravolgere per sempre il destino di quattro "brave ragazze”.


Crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

L'attrice Sofia Milos vestita da Matteo Perin agli Emmy Awards

di Redazione

Matteo Perin è volato nuovamente negli Stati Uniti, per la precisione a Los Angeles, per partecipare all'edizione 2019 degli Emmy Awards.

Lo stilista italiano ha accompagnato, con una delle sue creazioni Haute Couture, la bellissima Sofia Milos. L'abito lungo in micro paillettes, caratterizzato da una scollatura vertiginosa, è stato creato su misura per l'attrice italiana che lo ha indossato come fosse una seconda pelle, ricevendo numerosi complimenti sul red carpet.

Sofia Milos, che abbiamo visto in produzioni di successo come “I Soprano” e “C.S.I. Miami”, è attualmente impegnata a Vancouver (Canada) sul set di “Project Blue Book”, la serie tv diretta dal celebre regista Robert Zemeckis.

Matteo Perin è uno lifestyle designer che realizza capi di lusso su misura per celebrità, imprenditori e altri personaggi influenti della scena internazionale. Tra le sue collaborazioni più longeve quella con la star hollywoodiana John Travolta.

leggi di più

Brad Pitt al cinema con Ad Astra

di Laura Frigerio

Dopo essere stato presentato in anteprima alla 76esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia, è arrivato nelle sale italiane (con distribuzione 20th Century Fox) “Ad Astra”.

Il film, diretto da James Gray, ha per protagonista Brad Pitt nei panni di un coraggioso ed affascinante astronauta.

Nel cast anche Liv Tyler, Donald Sutherland e Tommy Lee Jones.

TRAMA
Vent'anni dopo la partenza di suo padre, per una missione di sola andata verso Nettuno alla ricerca di segni di vita extraterrestre, Roy McBride segue le orme paterne. Ingegnere dell'esercito attraversa il sistema solare in cerca di indizi sul fallimento della spedizione paterna, nella speranza anche di ricongiungersi al genitore. Ma lo spazio non lascia indenne il cuore dell'uomo.


Crediti foto: ufficio stampa

Qui sotto trovate il trailer e altre clip, tutte da vedere!

leggi di più

Silvia Tancredi alla conquista degli Stati Uniti

di Redazione

La musica di Silvia Tancredi ha sempre avuto un respiro internazionale, tanto da conquistare anche il raffinato pubblico statunitense con i suoi live dalla forte impronta Gospel. Non c'è quindi da stupirsi se ora la cantante abbia firmato un contratto discografico con una label americana: si tratta della SMG Record & Media di Garrett Clark, che viene distribuita da Sony / Orchard.

"Silvia Tancredi ha una splendida voce ed è una grande artista. Noi di SMG Records & Media crediamo molto in lei e pensiamo che sia affine allo stile della nostra label” - dichiara Garrett Clark - “Conosciamo e rispettiamo sia lei che Gigi Rivetti (il suo produttore artistico) e non vediamo l'ora di iniziare una bella collaborazione che ci auguriamo possa essere lunga e meravigliosa”.

"Questa firma per me rappresenta un traguardo importante ma soprattutto un nuovo stimolante trampolino da cui ripartire" – dichiara invece Silvia Tancredi, che è infatti pronta per farci ascoltare la sua nuova musica.

leggi di più

No Home Record, il primo disco solista di Kim Gordon

di Laura Frigerio

L’autunno ci riserva delle meravigliose sorprese musicali. Una di queste si intitola “No Home Record” ed è il primo album solista di Kim Gordon, co-fondatrice della leggendaria band dei Sonic Youth.
L’uscita è prevista per l’11 ottobre per Matador Records.

L’annuncio di “No Home Record” segue l’inaugurazione delle mostre di Kim “She Bites Her Tender Mind” all’IMMA (Irish Museum of Modern Art) di Dublino e “Lo-Fi Glamour” al Warhol Museum di Pittsburgh.

Tra le nove tracce presenti sull’album c’è anche il nuovo singolo “Sketch Artist”, accompagnato da un video diretto dall’artista e regista Loretta Fahrenholz, che dice: “’Sketch Artist’ è uno spettrale giro in macchina. Mentre Kim guida, l’applicazione ‘Unter’ Pool la aiuta a trovare dei passeggeri con cui condividere il suo viaggio notturno. Nell’attraversare la città, lo sguardo inquietante di Kim sconvolge i passanti che la incontrano".
Il video vede la partecipazione dell’attrice e scrittrice Abbi Jacobson.

"No Home Record" contiene anche il singolo acclamato dalla critica “Murdered Out” pubblicato nel 2016. 
L'album è stato in gran parte prodotto da Justin Raisen (Charli XCX, Ariel Pink, Sky Ferreira) agli Sphere Ranch a Los Angeles, con il contributo di Shawn Everett (Jim James, The Voids, The War On Drugs) e del compositore e produttore Jake Megisnky (L’Appel Du Vide). Il titolo dell’album è un omaggio al film “No Home Movie” della regista franco-belga Chantal Akerman.

“Perché un album solista? E perché proprio adesso?” - si è chiesta la stessa Kim - “Non lo so, ma sono sicura che non sarebbe successo senza la perseveranza di Justin Raisen. Ho vissuto a Los Angeles negli ultimi anni e mi sono sentita come a casa, ma ci sono volte in cui questa città, in cui tutto è transitorio, non ti fa proprio sentire a casa”.

Da quando ha co-fondato i leggendari Sonic Youth nei primi anni ’80, Kim Gordon si è dedicata alla musica, alla moda, all’arte e ultimamente anche alla scrittura e al cinema. Solo negli ultimi anni, Kim ha raggiunto la #1 della Bestseller List del NY Times con il suo libro del 2015 “Girl In A Band”, nel 2018 ha recitato a fianco di Joaquin Phoenix e Jonah Hill in “Don’t Worry, He Won’t Get Far On Foot”, diretto da Gus Van Sant, ha fatto parte del duo Body/Head insieme a Bill Nace e ha anche inaugurato delle personali mostre presso rinomati musei internazionali.

leggi di più

I Pixies sono tornati con On Graveyard Hill (videoclip)

di Laura Frigerio

Stanchi di ascoltare sempre i soliti tormentoni estivi? Allora datevi all’indie (quello autentico) e ascoltate “On Graveyard Hill”, il nuovo singolo dei Pixies che anticipa un album la cui uscita (per BMG) è prevista per il 13 settembre.

Ad accompagnare il pezzo della band americana un videoclip psichedelico, che vi farà immergere in un mondo magico popolato da streghe e veggenti, tarocchi e sfere di cristallo, follia e trepidazione, attraverso un viaggio su un carro funebre guidato da un cerbero.

In questo viaggio cosmico, vi imbatterete probabilmente nell’infinito, un posto magico quanto inquietante.

Questo video, che è un omaggio al regista Kenneth Anger, porta la firma di Kii Arens (che ha lavorato a “What We Do” dei Devo e a “The Vampyre Of Time and Memory” dei Queens Of The Stone Age) e di Bobbi Rich. Kii ha dichiarato: “Lavorare per i potentissimi Pixies è stato davvero un onore per me, e loro mi hanno lasciato totale libertà. E penso sia proprio questo che li renda una band così originale e incredibile. Ho iniziato a lavorare nella musica creando delle opere d’arte rock, e ho pensato che fosse perfetto per questo video psichedelico e fuori di testa”.

I Pixies sono anche partiti per un tour, che li terrà impegnati fino al 2020.  Due le date italiane: 11 ottobre all’Estragon di Bologna e il 12 presso OGR.

Crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Noe, la vincitrice di AW LAB IS ME

di Laura Frigerio

C’è una nuova giovane artista che si affaccia sul panorama musicale italiano: il suo nome è Noemi Cappello, in arte Noe ed è la vincitrice del contest AW LAB IS ME Music Edition.

A decretare la sua vittoria professionisti del settore musicale e lifestyle tra cui lo stesso Big Fish, Jake La Furia, Anastasio e Chadia Rodriguez.

Ora Noe ha pubblicato “Incancellabile”, il suo primo singolo che si avvale della produzione di Big Fish e la distribuzione di Sony Music Italia. In featuring con Jeik, un giovane artista della nuova scena rap italiana, e la collaborazione dei producer Exynos.

Così Noe parla del brano: “Due artisti si immedesimano in una storia divisa tra il loro amore e i loro sogni. Ci sono scelte che potrebbero dividere le loro strade. Si racconta la speranza di qualcosa che è difficile da dimenticare , un continuo ed altalenante scontro d’amore. Un ricordo che resta incancellabile”.

Il singolo “Incancellabile” é distribuito su Spotify e conta su un videoclip prodotto da Go Lab Agency. Il brano sarà anche on air in tutto il network di store AW LAB.

leggi di più

I love...Marco Ferreri, un docu-film di Pierfrancesco Campanella

di Laura Frigerio

Ventidue anni fa ci lasciava uno dei maestri del cinema italiano, ovvero Marco Ferreri, autore di film come “Dillinger è morto” e “La grande abbuffata”.

Il regista Pierfrancesco Campanella gli ha reso omaggio con il docu-film “I love… Marco Ferreri”, che è stato presentato con grande successo alla settimana edizione dell’Ariano International Film Festival.

Il lavoro di Campanella non può essere considerato un vero e proprio documentario, ma piuttosto “un film nel film”, alla luce dell’originalissima struttura narrativa che alterna fiction, interviste, testimonianze e spezzoni di pellicole “ferreriane”, in un cocktail davvero sorprendente.

A valorizzare “I love… Marco Ferreri” la preziosa presenza di due attori straordinari come Michele Placido e Piera Degli Esposti che, con ironia e devozione, ricordano le rispettive esperienze lavorative con il regista di capolavori come “Come sono buoni i bianchi” o “Storia di Piera”.


Da segnalare gli autorevoli contributi video con Fabio Melelli, docente universitario di Storia del Cinema, Orio Caldiron, noto critico cinematografico, Franco Mariotti, apprezzatissimo operatore culturale, Mario D’Imperio, esperto d’arte, Emanuele Pecoraro, scrittore e a sua volta regista, Lorenzo De Luca, sceneggiatore di film di grande successo.

leggi di più

Sara Galimberti torna con Ritratto

di Laura Frigerio

Una voce di cui sentivamo la mancanza? Quella di Sara Galimberti, che torna in questa calda estate con “Ritratto”, cover di un celebre brano che Franco Simone aveva presentato al Festival di Sanremo nel 1985.

La versione di Sara è contenuta nella compilation “Papik presents: Cocktail Italy vol. 2” (etichetta Irma La Douce), fortunata serie di rielaborazioni di brani italiani degli anni passati che esce a pochi mesi di distanza dal primo volume. La raccolta nasce da un’idea di Nerio “Papik” Poggi, autore e produttore romano che spazia dal pop al nu jazz, dalla bossa al nu soul.

“Questo brano è arrivato come una carezza sul cuore, perché racchiude per me il concetto puro e autentico di amore universale. Quando Nerio Poggi me lo ha proposto ed ho ascoltato per la prima volta la versione originale, mi sono emozionata perché ho percepito una sensazione di familiarità immediata ed ho sentito ogni singola parola scivolare sulla mia pelle. ‘Ritratto’ è un brano che arriva in un momento particolarmente positivo della mia vita, risultato di un lungo lavoro su me stessa, e che racconta in modo autentico e semplice non solo l’amore, ma la vita stessa e quanto sia meraviglioso aprirsi alle emozioni che ci può regalare” - racconta la cantautrice lanciata dal Festival di Sanremo del 2007, che aggiunge - “Mi ha colpito molto anche il titolo, perché io amo profondamente fotografare e soprattutto fare ritratti. Nel brano si parla anche di mare, elemento con il quale ho da sempre avuto un legame particolare... Insomma, ogni parte del testo sembra essere stata scritta per me”.

“Spero - conclude Sara Galimberti - che questo brano possa accarezzare l’anima di chi lo ascolta per infondere speranza e regalare un momento di magia, per ricordare che non bisogna mai smettere di sognare e amare la vita. Ed io ancora oggi, quando canto, continuo a sognare”.

Come e dove ascoltare “Ritratto”? Ovviamente su tutte le piattaforme streaming!

leggi di più

Andrea Preti al cinema con Di tutti i colori

di Laura Frigerio

È arrivato per Andrea Preti il momento di tornare al cinema e c’è già una data fissata: il 18 luglio. Lo ritroveremo infatti in “Di tutti i colori”, film di Max Nardari, che lo vede tra i protagonisti insieme a Giancarlo Giannini, Tosca D’Aquino, Alessandro Borghi, Paolo Conticini e Nino Frassica.

L’attore veste i panni di Giorgio, un ragazzo bugiardo, così bugiardo da fingersi addirittura gay per trovare un lavoro all’interno di una casa di moda.
Olga invece è una bella ragazza russa, arrivata in Italia per lavorare in quella stessa maison come vice presidente. Giorgio, vittima delle sue stesse bugie, per conquistare il cuore di Olga sarà costretto a diventare per la prima volta una persona sincera.

Il film è prodotto da BELL FILM.

 

Crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Il giovane Ispettore Morse torna su Paramount Network

di Laura Frigerio

In questa calda estate non smettono di arrivare belle novità sul fronte delle serie tv.
L’ultima riguarda Paramount Network (canale 27 del digitale terrestre e di Tivusat), dove tornerà “Il giovane Ispettore Morse (Endeavour)” con la sua seconda stagione.
L’appuntamento è dal 12 luglio, alle ore 21.10, in prima tv assoluta.

COSA C’È DA SAPERE
Per chi non conoscesse la serie tv inglese“Il giovane Ispettore Morse (Endeavour)”: si tratta del prequel dello storico “Ispettore Morse”, tratta dai romanzi omonimi di Colin Dexter. La sua forza è una storia avvincente, ricca di suspence, colpi di scena, casi appassionanti e un sense of humour pungente e irresistibile.


Si tratta di una serie antologica ambientata nella Oxford degli anni ‘60, sullo sfondo di un rivoluzionario cambiamento sociale, dove ogni puntata, della durata di un’ora, rappresenta una piccola opera d’arte, un movie a sé stante. La storia segue gli inizi della carriera del famoso detective Morse, uno dei personaggi più iconici nati dalla penna di Colin Dexter, reso celebre non solo per le intricate indagini che porta avanti, ma anche per il forte carattere e per il suo amore per la musica classica, i cruciverba, la birra chiara e le auto d’epoca.

LA NUOVA STAGIONE
Dopo lo scioccante finale della prima stagione, che lascia il giovane Morse ferito, professionalmente, emotivamente (e anche fisicamente) nella nuova stagione entriamo subito nelle retrovie delle vicende rimaste in sospeso. All’orizzonte nuovi e inquietanti omicidi da risolvere, segreti da svelare in uno scenario dove niente-è-come-sembra.

La nuova stagione (che si articola in 4 episodi) si apre con un capitolo ricco di suspence, dove storia, politica e mondo dello spettacolo si intrecciano in un groviglio di trame misteriose, che, una volta dipanato, svelerà moltissimi segreti. Rientrato in squadra, dopo quattro mesi dalla sparatoria, Morse indaga sul suicidio di un uomo, l’omicidio di una ragazza e il furto di un antico tesoro, apparentemente non connessi tra loro.

A vestire i panni di Endeavour Morse ritroviamo Shaun Evans (già visto in "Ashes to Ashes" e "Whitechapel").
Nel cast figurano anche Roger Allam, Richard Lintern e James Bradshaw.

leggi di più

Clichè, il ritorno di Marta Damm

di Laura Frigerio

La classe non è acqua e lo dimostra la proposta musicale di oggi: “Clichè”, il singolo che segna il ritorno discografico di Marta Damm (disponibile su iTunes e tutti i digital stores).

Un pezzo che ci immerge in una dimensione clubbing, ma in cui si possono ritrovare tutte le ispirazioni e le influenze (prevalentemente losangeline) dell’artista, dal funky al pop fino al rap.

Non si poteva immaginare a sequel migliore per il suo Ep e l’omonimo singolo “Bab Damm”.

Ma chi si nasconde dietro il nome di Marta Damm? Marta Lanzilotta, ventottenne cresciuta tra sketchbook e Red Hot Chili Peppers, diventata nel 2011 diventa foundraiser del Silverlake Conservatory of Music (LA), di Flea ed Anthony Kiedis.
Però la musica non è l’unica passione di Marta: la ragazza si è fatta anche strada come stilista con il suo brand MaDamm, che si contraddistingue per l’alto tasso di creatività.

leggi di più

Angelique Cavallari ne "La nuit", il nuovo corto di Stefano Odoardi

di Redazione

Angelique Cavallari ha terminato da poco le riprese de “La nuit”, nuovo cortometraggio di Stefano Odoardi.

L'attrice italo-francese veste i panni della star internazionale Lelé, cantante e compositrice di musica elettronica, immersa in una struggente e bellissima storia d'amore.

La giovane donna ritrova infatti il suo amore lontano Effe, interpretato da Alessandro Intini

"Un altro intenso e poetico progetto che farà sicuramente vibrare le anime e i cuori” - dice l'attrice.

Nel corto ci sono due concerti di Lelé e il regista ha voluto che la scaletta fosse realizzata proprio con i brani composti e scritti da Angelique Cavallari per “Collection A”, il suo nuovo progetto poetico-musicale d'avanguardia, che sta ultimando. Si tratta di brani onirici, che si sposano benissimo con il suo personaggio Lelé e il film.

Uno dei concerti ha come scenario il bellissimo Teatro Garibaldi di Lucera, bomboniera del teatro classico all'italiana. Il cortometraggio è stato girato interamente girato di notte, tra Foggia, Lucera e Pescara, in luoghi che Stefano Odoardi definisce “inattesi e metafisici”. La fotografia è di Michele Paradisi, mentre la colonna sonora porta la firma di Carlo Crivelli (che ha lavorato in passato con Marco Bellocchio, Paolo e Vittorio Taviani, Michele Placido).

“La nuit” è prodotto da Superottofilmproduction, con il sostegno del MIBAC, dell'Apulia Film Fund 2018/2020, Regione Puglia.

Mentre il corto è in postproduzione, Angelique Cavallari sta continuando a portare avanti la sua carriera parallela di attrice e di compositrice, cantante e poetessa. Infatti, dopo aver ultimato le riprese de “La nuit” è ripartita per un suo concerto a Parigi, all'interno del Festival F.A.M.E. Festival delle Arti e della Musica Elettronica ed Eclettica.

leggi di più