Gant festeggia il Capodanno Cinese con la Spring-Summer 2022

di Redazione

Il 1° febbraio si festeggia il Capodanno Cinese e il brand di moda Gant ha deciso di celebrare la simbologia cinese propone diversi capi dedicati all'animale guida che accompagna l'inizio del nuovo anno con la maestosità della tigra.

Dalle camicie alle giacche per la linea uomo con varie raffigurazioni del magnifico felino, e felpa e accessori per la donna con il più grande felino vivente, simbolo di maestosità e potenza.









crediti foto: ufficio stampa

Ana Mena in Moschino

di Redazione

In attesa di partecipare al 72esimo Festival di Sanremo, la cantante Ana Mena ha partecipato alla trasmissione televisiva “Idol Kids Spagna” indossando un completo coordinato in check di cotone con bottoni a forma di baby animals della collezione Moschino Donna Primavera/Estate 2022.


Immagini courtesy: Moschino

Capodanno: i party dress di Atelier Emé

di Laura Frigerio

A Capodanno non potremo fare i grandi party affollati che avevamo sperato, ma questo non vuol dire che rinunceremo a festeggiare.
Anzi, anche tra pochi intimi sarà bello attendere lo scoccare della mezzanotte e stappare lo champagne per salutare il 2022.

Naturalmente sarà importante avere l’outfit giusto e per questo vi segnaliamo i party dress della stagione Autunno-Inverno 2021-2022 di Atelier Emé

L'atmosfera di festa viene ad esprimersi a pieno in questa collezione, con proposte eleganti e romantiche ma allo stesso tempo sensuali e super glam. Nero e rosso rimangono ancora i colori prediletti per l’outfit di Capodanno.

Valorizza la figura l’abito a sirena in crêpe couture stretch con scollatura all'americana che mette in evidenza la schiena e sartoriali tagli che esaltano la silhouette disponibile in nero e rosso.

Scenografico l’abito in raso caratterizzato dalla scollatura a top sagomato dai tagli che valorizzano decolletè e punto vita. L'ampia gonna nasconde nelle pieghe spacchi profondi che lasciano intravedere le gambe durante il movimento. 

Una cascata di pailletes va ad impreziosire diversi modelli di long dress total black della collezione Party firmata Atelier Emé. Tante le proposte in grado di accontentare i diversi gusti. Dal modello senza maniche con spalline sparkling, alla variante long sleeves dove le paillettes incorniciano una profonda e raffinatissima scollatura, fino all’elegante modello più accollato con dettaglio luminoso che funge da spalline.

L’eleganza risplende sull’ intramontabile abito lungo trasformabile in jersey lamè, diventato tra le proposte più iconiche di Atelier Emé, ideale per più look ed occasioni. La particolarità dell'abito è la sua parte superiore trasformabile, il corpino può essere adattato per creare 4 tipi di incroci: la scollatura americana allacciata al collo o nel centro, un look monospalla, la scollatura americana incrociata, oppure lo scollo a V con delicate maniche.

Dal fascino senza tempo, ma in grado di stupire in ogni occasione, il sensuale abito a sirena in crêpe stretch con doppie spalline che decorano la schiena e spicchi in chiffon inseriti nei fianchi che donano movimento alla gonna e ampiezza al fondo e il raffinato abito in raso fluido con corpino drappeggiato e seducente scollatura trattenuta da sottili spalline; profondi spacchi davanti esaltano la femminilità e lunghe code di raso nel centro dietro in vita, possono diventare un fiocco o scendere annodate sulla gonna.










crediti foto: ufficio stampa

Per Natale Triumph e Eau de Milano

di Redazione

Prese dallo shopping natalizio? Sappiate che, fino al 24 dicembre, se andate da Triumph e acquisterete un prodotto di lingerie o homewear riceverete in regalo una raffinata pochette firmata Eau de Milano con due fragranze per donna e due uomo.


Un binomio perfetto, in cui l’invisibile tocco dei profumi Eau de Milano avvolgono le eleganti proposte di Triumph.









crediti foto: ufficio stampa

Il fashion show di Manila Grace celebra le sue muse

di Laura Frigerio

Giovedì 25 novembre, Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne, Manila Grace ha deciso di puntare i riflettori sull’altra metà del cielo con una sfilata speciale con protagonista la collezione Spring/Summer 2022.

Parola chiave di quest’ultima è “Musa”: nella cultura classica è una delle figlie di Zeus, incarnazione d’ideale supremo dell’Arte, ma è anche nome che indica una pianta originaria del sud della Cina dalla quale si possono ricavare le fibre naturali e resistenti dei tessuti Manila Grace.

Una femminilità da vivere appieno e senza costrizioni quella di Manila Grace, che da sempre si lascia ispirare da donne forti, indipendenti e intelligenti per disegnare collezioni inclusive, un vero e proprio concentrato di energia positiva e libertà allo stato puro.

Questo show ha voluto celebrare la donna nella sua completezza e poliedricità come commenta l’A.D. Enrico Vanzo: “Manila Grace si rivolge ad una donna contemporanea e multitasking. Le nostre madrine ne sono l’emblema, donne molto differenti ma carismatiche e determinate come coloro che scelgono il nostro brand. Abbiamo voluto presentare la collezione a Milano perché simbolo della ripresa e della ripartenza. È infatti in questa città che è stata ambientata la nostra ultima campagna stampa perché crediamo molto nella forza trainante di questa capitale del business. Ma è all’Italia e in generale al gusto italiano e alle bellezze del Belpaese che ci ispiriamo per realizzare le nostre collezioni che sono da sempre inclusive e versatili”.


LE MUSE DI MANILA GRACE
Tre le muse d’eccezione di questa sfilata. La prima è Elenoire Casalegno, oratrice d’eccezione di un poema introduttivo che racchiude in sé l’essenza dell’identità Manila Grace; un’invocazione in chiave lirica contemporanea della potenza dell’abbigliamento nel comunicare sé stesse, dell’importanza di rimanere fedeli alla propria identità esprimendosi a pieno anche attraverso silhouette e colori, abiti e accessori.

A sottolineare il mood di collezione, l’esclusivo DJ Set firmato Fernanda Lessa, seconda musa Manila Grace per questa Primavera-Estate. Tagli e nuances della SS22 arrivano da lontano, dall’Africa con la sua natura selvaggia, incontaminata e primitiva.
Ecco sfilare una palette che miscela nuances terrose e avvolgenti, bollenti come la sabbia della savana, e tonalità sature e piene come i blu notte e i turchese che richiamano i cieli stellati di quella parte del pianeta. Preziosi i dettagli composti da ricami e intarsi dall’appeal coloniale, mix di silhouette pulite e rigorose e tessuti raffinati, accostate a stampe etno-chic. Bluse ampie, pantaloni morbidi, shorts e chemisier rivivono in una chiave urban safari, per finire con ampi abiti variopinti che racchiudono tutta la joie de vivre di un’estate da vivere con passione. A completare i look sandali colorati, zeppe folk e maxi tacchi da abbinare alle iconiche borse Jasmine e Felicia, e alle nuove shopper di stagione. Il twist in più? Gli occhiali da sole dalle forme sinuose e dalla palette psichedelica inseriti per la prima volta in collezione e realizzati in licenza da Castellani, azienda leader nel settore dell’eyewear.

A chiudere il défilé la terza musa Manila Grace, la splendida Elena Santarelli con un maxi dress gipsy chic a macro balze, con spalline sottili e profondo scollo a V, rosa ciclamino in perfetto stile Manila Grace.

Tra gli ospiti della serata, un parterre d’eccezione composto da Elisabetta Gregoraci, Iva Zanicchi, Costanza Caracciolo, Elettra Lamborghini, Bianca Guaccero, Ludmilla Radchenko, Laura Barriales, , Sonia Bruganelli, Cecilia Capriotti, Francesca Piccinini e Ivana Mrazova.












crediti foto: ufficio stampa 
 


Siggi presenta le novità abbigliamento del settore ospitalità

di Redazione

In un mondo in cui l’incertezza si impone come protagonista, Siggi mette al centro il lavoratore, qualsiasi sia la professione che svolge. La missione aziendale è dare un abito professionale a chiunque ne abbia la necessità, è di vestire la voglia di fare di uomini e donne che con il proprio mestiere esprimono se stessi e dimostrano la dignità e la motivazione che li mantengono umani, in una società e in un tempo in cui l’umanità è messa a dura prova.

Siggi non si ferma mai e presenta le sue ultime novità per il settore dell’ospitalità: dallo chef agli operatori del benessere fino al personale di servizio, in una struttura dedicata all’accoglienza sono tante e diverse le professionalità. La collezione, presentata in anteprima a Host (Fiera Internazionale dell'Ospitalità), è ampia e risponde alle esigenze di tutti con nuovi modelli di giacche chef, casacche e scamiciati.

Il mood è la voglia di fare, che mai come in questo periodo il brand trova sia adatto e che l'ha spinto a inserire molte novità in termini di numero articoli, ma non solo. In ogni modello comfort e praticità di manutenzione sono la base della qualità garantita ad ogni lavoratore, inoltre si unisce a questo una forte identità in un design italiano dal carattere semplice, ma deciso e inconfondibile. L’identità di un professionista passa attraverso il suo lavoro e la divisa è il suo biglietto da visita.

In particolare nei capi femminili l’Atelier Siggi pone da sempre grande cura nelle linee e nella scelta dei materiali, assicurandosi che risultino confortevoli in tutte le taglie, dalle più piccole a quelle più comode, senza rinunciare ad un look moderno e gradevole. Nasce per questo ‘curvy approved’, una dicitura che accompagna i capi Siggi che meglio si adattano ad ogni forma del corpo. Uno dei temi prioritari finalmente a livello mondiale, è la sostenibilità e la sicurezza. Per rispondere a questa irrinunciabile esigenza, tutti i capi Siggi sono conformi a STANDARD 100 by OEKO-TEX®, un sistema di controllo e certificazione volontaria, indipendente e uniforme a livello internazionale per le materie prime, i semilavorati e i prodotti finiti del settore tessile ad ogni livello di lavorazione e ha lo scopo di garantire l’assenza di sostanze pericolose per l’uomo e per l’ambiente.

Infine, c’è un tocco di poesia nei capi firmati Siggi: in occasione dei 700 anni dalla morte di Dante, sono stati ricamati due versi sulla manica di due giacche chef, parole che hanno attraversato i secoli e giungono a noi ancora intense e vive come appena uscite dalla penna di Dante. Un omaggio che richiama la forza dell’amore, un sentimento che fa da guida anche nella professione. Siggi dedica le nuove creazioni a tutti coloro che non mollano, che nonostante le difficoltà e con grande senso del dovere continuano a svolgere il proprio lavoro. Nulla è scontato e tutto può fermarsi da un momento all’altro. Siggi rivolge un pensiero anche a chi è stato costretto a non lavorare per lunghi mesi. Quando vivremo nuovamente liberi dal virus, che tanto condiziona ancora le nostre esistenze e le nostre attività professionali, avremo vissuto un’esperienza che ci ha resi più consapevoli di quanto ogni attività vada svolta al meglio perché collegata all’attività di qualcun altro in una catena che ci unisce tutti. Possiamo dire di aver maturato una sincera gratitudine per il lavoro che svolgiamo e abbiamo il dovere di rivalutarne largamente il valore non solo sotto l’aspetto economico, ma anche umano e motivazionale.











crediti foto: ufficio stampa

Torino Fashion Week: appuntamento con Dress for Success Serbia

di Laura Frigerio

È iniziata la sesta edizione della Torino Fashion Week, che si terrà fino al 21 novembre presso la Camera da letto della Madama, dello storico Palazzo Madama nella centralissima piazza Castello.. Dopo il successo dello scorso anno, la manifestazione torna in formato digitale e sarà possibile seguirla ogni sera, dalle ore 21.00, su https://www.facebook.com/TorinoFashionWeek oppure la web App della TFW www.torino-fashion-week.eu.

Questa è la prima fashion week al mondo a dedicare spazio agli stilisti emergenti ed è stata anche la prima a riportare la moda a Torino: non a caso è inserita tra le principali fashion week mondiali.

Tra gli appuntamenti imperdibili c’è quello del 17 novembre con la sfilata dell'organizzazione Dress for Success Serbia, realizzata in collaborazione con l'organizzazione non governativa tedesca Help-Hilfe zur Selbsthilfe.
I protagonisti sono designer, brand e gruppi socialmente sensibili come donne, giovani, minoranze nazionali, rimpatriati, persone con disabilità e detenuti. In questo senso la Torino Fashion Week ha un ruolo chiave per la Serbia e per i Balcani perché per la seconda volta sono presentate collezioni provenienti da diversi contesti sociali con lo scopo di supportare e promuovere una moda balcanica sostenibile.

Help-Hilfe zur Selbsthilfe è un'organizzazione internazionale tedesca con sede a Bonn che assiste e aiuta le persone in difficoltà. È stata fondata nel 1981 e ad oggi supporta i bisognosi in 23 paesi al fine di migliorare le loro condizioni di vita. Dress for Success Belgrado-Serbia fa parte dell'organizzazione internazionale Dress for Success World Wide fondata nel 1997. Da allora ha sostenuto più di un milione di donne in tutto il mondo con l'obiettivo di responsabilizzare e sostenere coloro che provengono da gruppi economicamente e socialmente vulnerabili in modo che possano raggiungere l'indipendenza economica e l'uguaglianza attraverso il lavoro nel settore moda.

“Torino Fashion Week è un grande evento in quanto offre la possibilità di promuovere i designer giovani ed emergenti e favorisce grandi opportunità di networking, l’internazionalizzazione e la conoscenza della moda balcanica “ sottolinea Sandra Abramovic, Founder ed Executive Director di Dress for Success Serbia.

Alla Torino Fashion Week sfilano 28 designer provenienti da Serbia, Croazia, Kosovo, Emirati Arabi Uniti e diversi gruppi socialmente sensibili composti da donne, giovani, minoranze nazionali e persone con disabilità che presentano la collezione “No Women is Island” pensata per una donna che si divide tra l’attività imprenditoriale, la famiglia, l’attenzione all’ecologia e sceglie l'economia circolare e la cultura di una vita sana senza rinunciare alla moda. Il titolo si rifà romanzo Il gobbo di Notre-Dame e indica che nessuno di noi è completamente solo, ma fa parte di un quadro più ampio nel tempo e nello spazio.

Un modo per guardare alla diversità della moda dell'Occidente e dell'Oriente dal punto di vista degli stilisti di Dress for Success che sono: Sharjah Business Woman Council e Wafa Balaswad e Dress for Success, Extravagance by Dunja, W Dress e Dress for Success e Blackbirdfield by Dragan Smiljanic, MILIMALISM e Vesna Ristic Denateja e Dress for Success e Standing Conference of the Roma Associations of the Citizens - League of Roma, SANA e Alida Miftari_Patchwork e Sladjana Ilic, SANA e Isidora Mirkovic e Rashid Centre for Disabled e Alida Miftari_Patchwork, Ajman Bussines Woman Council – Aroob, International University of Novi Pazar, Dress for Success, Association "Sheild“ e Borrisso Borisav Gasovic, Association "Izvor“ e Serbian Society of Autism, Isabell Prive Fashion Design e Serbian Society of Autism e Dress for Success, International University of Novi Pazar e Serbian Society of Autism, Atelier Sanja Peric, Isabell Prive Fashion Design e Sladjana Ilic, Magnifique by Divna Lazic e Jelena Despotovic, Magnifique by Divna Lazic e Jelena Despotovic, MARIRROMA e DUGME e VENA Candy, Vladana Popovic Atelier e Serbian Society of Autism, Gufo Wear e Mirjana Majstorovic, Vladana Popovic Atelier e Dress for Success e Rashid Centre for Disabled, W Dress e Filoco, Sharjah Bussines Woman Council - Maroon Designs e Blackbirdfield by Dragan Smiljanic.









crediti foto: ufficio stampa

Madalina Ghenea in Moschino alla première di House of Gucci

di Laura Frigerio

Il 9 novembre si è tenuta a Londra la première di “House of Gucci”, il nuovo film di Ridley Scott che racconta la vera storia della famiglia che ha dato vita a uno dei più celebri imperi del mondo della moda.

Nel cast anche Madalina Ghenea, che interpreta la mitica Sophia Loren e ha sfilato sul red carpet con un total look Moschino.
L'attrice ha indossato un abito bustier custom made, in moiré di seta nero con ampia gonna strutturata e spalline in tulle nero.










crediti foto: ufficio stampa

Idee look dark per Halloween: gallery

di Laura Frigerio

Che progetti avete per Halloween? Probabilmente molte di voi hanno deciso di partecipare a qualche party a tema, mentre altre lo passeranno a casa in attesa del rito del “Dolcetto o scherzetto?”.

In ogni modo è importante scegliere il look giusto, rigorosamente dark.
Volete qualche suggerimento? Date un’occhiata alla nostra gallery, dove troverete dei capi tartan firmati Amotea, che ne propone anche di neri. Poi ci sono delle soluzioni firmate Caterina Moro e Morfosis. P
er gli accessori? Si va dagli stylosissimi cerchietti di The Beatriz ai gioielli di Barbara Biffoli.







crediti foto: ufficio stampa

Manila Grace celebra Halloween con una sorpresa

di Redazione

Lo spirito di Halloween è già nell'aria e Manila Grace si appresta a festeggiare la notte più ‘scary’ dell’anno con un’iniziativa dedicata a tutto il suo pubblico. Il marchio di abbigliamento e accessori omaggerà infatti le sue clienti con un piccolo cadeau beauty.

Dal 27 al 31 ottobre 2021, Manila Grace decide di omaggiare a tutte coloro che effettuano una spesa minima di 169 € in store o sul sito una simpatica palette per il make-up firmata Pupa Milano in edizione limitata a forma di fantasmino composta da quattro ombretti e un rossetto matt. Halloween è l’occasione per osare più del solito con il trucco grazie a Manila Grace e Pupa Milano è possibile.

L’iniziativa, oltre ai negozi e sul sito, verrà promossa attraverso i profili social del brand con post, stories e un reel realizzato ad hoc.









crediti foto: ufficio stampa

Claudia Coli alla première di Carla in Jenny Monteiro

di Redazione

Claudia Coli ha partecipato alla première di “Carla”, tenutasi alla Scala di Milano.


L'attrice, che nel film interpreta la Signorina De Calboli, ha indossato per l'occasione un total look Jenny Monteiro: una elegante tuta in velluto della Collezione Armonica e dei preziosi gioielli realizzati dalla maison in collaborazione con un artigiano milanese.

Diretto da Emanuele Imbucci, il film “Carla” è una coproduzione Rai Fiction – Anele, che sarà al cinema nei giorni 8, 9 e 10 novembre (distribuito da QMI) per poi andare in onda a dicembre su Rai 1.




crediti foto: Laura Giovanna Rigatti

Beatrice Valli pazza per le collant parlanti di Calzedonia

di Laura Frigerio

Che “Share your passion”, la nuova capsule di Calzedonia, fosse irresistibile si era già capito.

E ora abbiamo avuto l’ennesima conferma grazie all’influencer Beatrice Valli, che ha sfoggiato i collant parlanti versione “Tattoo” con grafiche e frasi su entrambe le gambe, abbinati ad un camicia bianca e una giacca nera over.
Un look casual per passare una giornata insieme alla sua amata famiglia.

Che dire: questi collant, che danno un tocco funny al guardaroba di noi donne (di qualunque età), sono davvero tra i must-have di questa stagione.








crediti foto: ufficio stampa

La bellezza in tutte le sue forme secondo Intimissimi

di Laura Frigerio

“Trova la tua forza, trova la tua bellezza”: questo è il claim della campagna autunno-inverno 2021-2022 di Intimissimi, che punta a valorizzare una sensualità inclusiva, consapevole e orientata alla sostenibilità.

Il celebre brand di intimo invita le donne alla body consciousness, ampliando la sua offerta con taglie fino alla settima, presenti in numerosi modelli di reggiseno. Dai più iconici ed amati fino ai modelli nuovi, dai modelli con ferretto a quelli più morbidi e destrutturati, Intimissimi amplia le coppe, garantendo il distintivo connubio tra design, performance ed accessibilità che lo caratterizza.
Un esempio? L’iconico modello Elena, un balconcino a V leggermente imbottito con ferretto, messo anche al centro della campagna.

Le novità però non finiscono qui: Intimissimi presenta un nuovo pizzo con filato di poliammide degradabile al 100%. Si tratta di un tessuto particolarmente morbido, confortevole ed elastico, adatto quindi anche alle coppe più grandi. In aggiunta, la texture piatta che lo caratterizza, lo rende impercettibile sotto a qualsiasi tipo di indumento. Tutti i capi realizzati con questo nuovo pizzo fanno parte del progetto #intimissicares, votato ad un costante miglioramento e all’abbassamento dell’impatto ambientale. Il pizzo, infatti, contiene una fibra di poliammide degradabile che viene smaltita circa dieci volte più velocemente rispetto alla poliammide tradizionale e inoltre è riciclabile al 100%.

INFORMAZIONI UTILI PER LO SHOPPING
Sul cartiglio di ogni articolo è presente un QR code che permette alle clienti di scoprire sul sito Intimissimi informazioni più dettagliate di questo nuovo tessuto. L’estensione delle taglie rappresenta un’evoluzione così rilevante che si è deciso di esplicitarla anche nello shop online. Infatti, all’interno della scheda prodotto dei reggiseni per cui è prevista l’estensione delle taglie, sarà possibile visualizzare il capo indossato da modelle diverse in base alla taglia scelta. Questa miglioria applicata all’e-commerce permetterà alle clienti di poter vedere i dettagli del capo, avendo un’idea reale della vestibilità e dell’indosso.









crediti foto: ufficio stampa

Sophie Codegoni indossa al GF Vip un abito di Sophia Nubes Haute Couture

di Laura Frigerio

State seguendo la nuova stagione del Grande Fratello Vip, su Canale 5? Tra le concorrenti c’è anche la modella milanese Sophie Codegoni, ex tronista di “Uomini e Donne”, che nel corso di una delle puntate serali del reality ha scelto di indossare un outfit firmato Sophia Nubes Haute Couture.

Per la precisione si tratta di un abito lungo, rigorosamente total black, che fa parte della collezione Sophia Nubes Haute Couture presentata pochi giorni fa in occasione della New York Fashion Week.

La casa del GF Vip è il palcoscenico ideale per ospitare la carica vitale di Sophia Codegoni valorizzata ancora di più dalle creazioni di un brand che ha fatto di uno stile sofisticatamente libero e intimamente forte la sua firma riconoscibile.




 

 







crediti foto: ufficio stampa

Ferrari Fashion School presenta il progetto Ultragreen

di Redazione

Ferrari Fashion School ha inaugurato il nuovo anno accademico con degli eventi che raccontano “Ultragreen: moda e arte nei luoghi della città”, il progetto promosso insieme al contributo di Regione Lombardia, che mette al centro la realizzazione di una Moda Sostenibile, che dialoga con la città, con il territorio e con i luoghi significativi dal punto di vista culturale, sociale e ambientale.

“Il mondo della moda ha bisogno di una rivoluzione, ci piace pensarla in modo dolce, che inizi dalle scelte di ognuno, dal proprio armadio, a volte basta poco: già cambiando il nostro mindset e le nostre abitudini di acquisto sarà possibile ottenere risultati importanti” - ad inquadrare il tema, Silvia Ferrari Presidente di FFS che insieme a Gianluca Brenna P Simposio #Ultragreen La rivoluzione della moda sostenibile, che sarà trasmesso in diretta streaming sui canali Facebook, YouTube e Instagram di FFS.

I primi due appuntamenti si sono tenuti il 9 e il 18 settembre, mentre a concludere l'evento sarà la sfilata del 25 settembre alle ore 18:00, durante la quale, presso la Sede di Ferrari Fashion School (in Via Savona 97, a Milano) verranno presentati i progetti e le creazioni degli studenti di Ferrari Fashion School.

IL CONCEPT
Il progetto Ultragreen si basa sul riutilizzo e sulla rielaborazione di capi di abbigliamento già esistenti, al fine di regalare loro una nuova vita, nel pieno rispetto della sostenibilità. L'output finale è frutto del talento, della ricerca creativa, del senso estetico, della capacità organizzativa e progettuale, del lavoro in team degli studenti di Ferrari Fashion School, così come della collaborazione tra l'Accademia ed i professionisti così come le aziende del settore.
Grazie al supporto di cinque tra le più importanti aziende tessili a livello internazionale come Pinto, Mantero, Ratti, Colombo Industrie Tessili, Stamperia Lipomo, nonché della guida di due importanti Mentori come lo Stilista Tiziano Guardini e il giornalista e critico d'arte Angelo Crespi, gli studenti hanno avuto la possibilità di lavorare ad un progetto che mette al centro Moda, Sostenibilità, Arte e Innovazione grazie al supporto di aziende, professionisti ed esperti che, insieme ai docenti di FFS, hanno supportato gli studenti, sia ai fini della progettazione che in vista dell' allestimento e dell' esposizione finale che si chiuderanno con la sfilata. I progetti saranno allestiti nel mese di Settembre 2021 con un’attività ad hoc presso 4 location selezionate come luoghi significativi dal punto di vista culturale, sociale e ambientale della città di Milano, attraverso un evento itinerante, le quali ospiteranno gli allestimenti dei progetti, raccontati e documentati attraverso materiale multimediale e reportage fotografici, realizzati dagli studenti dell'Accademia.











crediti foto: Adobe Stock

Venezia 78: Alice Campello sul red carpet in Ermanno Scervino

di Redazione

Sul red carpet della 78esima Mostra del Cinema di Venezia anche Alice Campello che, per la première del film “Un Autre Monde (Another World)”, ha scelto Ermanno Scervino.

Per l’occasione ha indossato un abito bustier in organza stampa pitone con gonna drappeggiata.








Credito foto: Ermanno Scervino

Venezia 78: Claudio Santamaria in Salvatore Ferragamo

di Laura Frigerio

Uno degli attori più eleganti della 78esima Mostra del Cinema di Venezia? Sicuramente Claudio Santamaria, nel cast del film “Freaks Out” di Gabriele Mainetti (in concorso).

Per tutta la sua permanenza al Lido ha sfoggiato outfit firmati Salvatore Ferragamo.

All’arrivo ha indossato un total look composto da biker in nappa, polo e pantalone blu notte, cintura con fibbia-logo SF, stringate in vitello nero ed occhiali da sole stile aviator. Al suo fianco, la moglie Francesca Barra ha anche lei scelto accessori Ferragamo: occhiali da sole Gancini, sandali in nappa e borsa top-handle Trifolio ton sur ton.

Durante la conferenza stampa ha invece scelto un blouson in suede, pantalone in gabardine di cotone e polo con punto lavorato e zip metallica rifinita con l’ornamento Gancini. Ha completato l’outfit con uno stivaletto in nappa nera e cintura con fibbia-logo. In allegato la foto in alta risoluzione del total look.

Infine per il red carpet ha sfoggiato uno smoking blu scuro 3 pezzi in seta e lana con giacca ad un bottone caratterizzata da revers a scialle, camicia in seta ton sur ton con bottoni foderati e scarpe stringate nere in pelle patent.










crediti foto: ufficio stampa

Venezia 78: Caterina Balivo in outfit Ermanno Scervino

di Laura Frigerio

Caterina Balivo è da sempre considerata icona di stile e naturalmente non ha deluso la sua apparizione sul red carpet della 78esima Mostra del Cinema di Venezia.

Al Lido per il film “Dune”, la conduttrice tv ha scelto un outfit firmato Ermanno Scervino. Per la precisione ha indossato un abito bustier in georgette lamè stampa tigre.







Credit: Ermanno Scervino

Venezia 78: Georgina Rodriguez e Anna dello Russo sul red carpet in Ermanno Scervino

di Laura Frigerio

Si sono accesi i riflettori sulla 78esima Mostra del Cinema di Venezia. Sul red carpet della serata di inaugurazione sono state molte le star che hanno sfilato con i loro outfit griffati.
Tra di loro anche Georgina Rodriguez e Anna Dello Russo, che hanno scelto Ermanno Scervino.

Georgina Rodriguez ha indossato un completo con giacca smoking doppiopetto e pantalone a zampa.
Invece Anna dello Russo ha sfoggiato un abito couture bustier in pizzo rosa con manica ampia drappeggiata e struttura a gabbia in crinolina e stecche fasciate in seta, custom-made.









Credit: Ermanno Scervino

Borsalino lancia, in Grecia, un pop-up store su tre ruote

di Laura Frigerio


Borsalino continua ad espandersi, con stile. E quest’estate privilegia le località più ambite del turismo d’élite. Dopo le aperture a Mykonos e Saint-Tropez, il prestigioso brand sbarca in Grecia a bordo di un inedito pop-up store allestito su una Ape Piaggio.

Il leggendario tre-ruote (lanciato ormai nel lontano 1948) porterà i magnifici cappelli della Casa di Alessandria al Sani Resort, paradiso a cinque stelle affacciata sul Mar Egeo.

Il risultato è un pop-up store che racconta la nuova bellezza Borsalino, in perfetto equilibrio fra tradizione e contemporaneità. Il pop-up store offrirà un'esperienza d'acquisto guidata da un consulente di vendita, che accompagnerà gli ospiti del Sani Resort attraverso le collezioni estive della maison.

Qualche curiosità sul Sani Resort: è un lussuoso complesso che unisce cinque hotel su una superficie di 1.000 acri di riserva naturale privata lungo la costa della penisola Calcidica nel Nord della Grecia. Nel 2020 è stato riconosciuto World’s Leading Luxury Green Resort per l'impegno nella tutela dell'ambiente e lo sviluppo sostenibile.

 










crediti foto: ufficio stampa