Michelle Hunziker a Berlino per Triumph

di Redazione

Michelle Hunziker è volata a Berlino per partecipare all’evento con cui Triumph, brand leader nell’underwear, ha lanciato il suo nuovo reggiseno Fit Smart.


All’evento esclusivo hanno partecipato influencers provenienti da tutta Europa, tra cui Italia, Germania e Polonia.

Il reggiseno Fit Smart è il primo capo della nuova serie Design for Life di Triumph, realizzato per adattarsi alla forma unica del seno e ai cambiamenti del corpo di ogni donna, in tutti i momenti.

Triumph, che dal 1886 realizza e produce lingerie dalla perfetta vestibilità, ha introdotto sul mercato Fit Smart a seguito di una ricerca dalla quale è emerso che il 70% delle donne evidenzia cambiamenti fisici nell’arco del mese e, quindi, necessita di un reggiseno capace di adattarsi ai propri bisogni.


Il reggiseno senza ferretto Fit Smart presenta un vero sistema di supporto intelligente: realizzato in pizzo elasticizzato con ingegneria 4D e coppe 4D Foam, si adatta alla struttura unica del seno di ogni donna, donando una forma arrotondata naturale.

Inoltre, la costruzione interna del reggiseno permette di posizionare il seno in maniera adeguata e le spalline versatili e lisce, con chiusura a 4 ganci, si adattano perfettamente a ogni forma. Grazie a un tessuto e a un design rivoluzionari, Fit Smart presenta solo 4 taglie che coprono circa 35 combinazioni di taglia/coppa, dalla 70A a 90F, facilitando così le donne nella scelta del reggiseno giusto.
Adattandosi alle forme di ogni donna, questo reggiseno è la soluzione di lingerie pratica e confortevole per ogni momento della giornata.

Le ospiti dell’evento “Fit Smart Studio” hanno assistito all’esclusiva presentazione del reggiseno Fit Smart, prima del lancio ufficiale, fissato nei negozi per il 27 febbraio. L’idea alla base dell’evento è stata quella di far vivere, attraverso attività in aree interattive, le 4 caratteristiche principali del nuovo reggiseno: comfort, adattabilità, supporto e perfetta vestibilità.

Le ospiti hanno indossato il reggiseno mettendone alla prova le caratteristiche nelle 4 aree interattive: un puzzle per rappresentare la perfetta vestibilità, un'area meditativa per evidenziare il comfort, una lezione alla sbarra per dimostrare il supporto, infine, un workshop in cui le ospiti si sono messe alla prova nel ricreare le proprie forme utilizzando gli ingredienti solitamente usati per le protein balls, evidenziando così l’adattabilità unica del reggiseno.

Michelle Hunziker ha dichiarato: “Sono molto felice di aver partecipato al lancio del nuovo ed innovativo reggiseno Fit Smart di Triumph e di aver trascorso una giornata all’insegna del divertimento e dell’interattività, in compagnia di altre donne brillanti provenienti da tutta Europa".

All’evento presenti anche i Senior Manager di Triumph e di Jennifer Filippidis, Masha Rener, Rachel Boss protagoniste della campagna di comunicazione. Triumph, infatti, ha realizzato il reggiseno Fit Smart per le donne che desiderano una lingerie comoda, pratica e che si adatti alla vita di ogni giorno, scegliendo per la nuova campagna i volti di tre donne comuni.

Suzanne McKenna, Global Head of Brand di Triumphha dichiarato: “In Triumph cerchiamo di comprendere sempre i cambiamenti nella vita delle donne e il reggiseno Fit Smart ne è il perfetto esempio. Realizzato per rispondere ai reali bisogni delle nostre consumatrici, viene indossato nella nostra campagna da tre donne comuni, con le quali sono orgogliosa di aver celebrato il lancio, qui a Berlino. Triumph da sempre realizza capi di lingerie comodi e dalla vestibilità perfetta per sostenere le donne ogni giorno, in ogni momento”.

Il reggiseno Fit Smart della serie Design for Life è proposto in un’ampia palette colori dal classico nero e carne, alle nuance di stagione terracotta e celeste fino ad arrivare al rosso Campari più grintoso e deciso.


crediti foto: ufficio stampa

A tutta eco-pelle by Pinko (gallery)

di Redazione

La primavera si sta pian piano avvicinando e quindi starete sicuramente pensando a rinnovare il vostro guardaroba.
E tra i must have della nuova stagione si confermano i capi in eco-pelle, perfetti per ogni outfit e per tutti gli stili, ma soprattutto sostenibili (oggi qualità fondamentale!).

Tra le proposte più sfiziose ci sono quelle di PINKO, che potrete scoprire nella gallery qui sotto.


crediti foto: ufficio stampa

Sì Sposaitalia Collezioni: prime anticipazioni

di Laura Frigerio

La nuova edizione di Sì Sposaitalia Collezioni si terrà a Milano (presso fieramilanocity) dal 17 al 20 aprile. Un evento imperdibile per scoprire tutte le novità e le tendenze del settore bridal, che non solo coinvolge i più importanti brand italiani e internazionali, ma richiama anche buyer e addetti ai lavori provenienti da tutto il mondo.

Qualche numero? Sono attese oltre 220 collezioni e 10 mila presenze, di cui il 30% dall’estero.

MADE IN ITALY
Un successo trainato dall’attenta attività di scouting che privilegia l’eccellenza. Tante le conferme rigorosamente made in-Italy: da Amelia Casablanca a Elisabetta Polignano, Maison Signore, Bellantuono Bridal Group, Blumarine, Emiliano Bengasi, Le Spose di Giò, My Secret, Maria Pia, Luisa Sposa, Dalin, Jillian, Diamond Couture, Vela Sposa, Michela Ferriero e Capri Sposa; italianissimo anche il debutto bridal di Avaro Figlio. Di grande interesse la presenza internazionale, con nomi che spaziano da Justin Alexander e Allure Bridal a Eddy K, Modeca, Susanna Rivieri e Lucciano Rivieri.
Anche nel settore ceremony, sempre più rappresentato all’interno del salone, tante e prestigiose le presenze: tra gli altri, Musani Couture, Matilde Cano, Maria Coca, Hannibal Laguna, Lexus e Gemy Maalouf. Protagonista speciale l’abito maschile, con proposte firmate Petrelli Uomo, Andrea Versali, Angelo Toma, Maestrami, Scribano 1966.
Importanti anche i ritorni, di top player come Giuseppe Papini, Nicole Spose e Carlo Pignatelli. E infine, un nome d’eccezione, quello di Roberto Cavalli che ha scelto il palcoscenico di Sì Sposaitalia Collezioni per il suo debutto nel segmento bridal.

DA NON PERDERE
Nuove idee e nuove opportunità di business saranno il cuore di un importante motivo di formazione, incontro e confronto: la masterclass “Say Yes To The Bride” tenuta da Randy Fenoli, celebre wedding influencer e showman statunitense, specializzato nell’universo bridal, che coinvolgerà i buyer presenti in un incontro dedicato al mondo della sposa tout court, con un focus preciso sulla generazione dei Millennial.

Una manifestazione che si fa interprete dei trend più importanti del settore attraverso progetti innovativi: in occasione del #SIGREENBRIDAL (evoluzione del Sì White Carpet by Sposaitalia Collezioni che giunge quest’anno alla terza edizione) sfileranno in passerella le caspule collection ecosostenibili frutto della collaborazione tra aziende produttrici di tessuti e filati green e maison bridal. Il risultato è un progetto corale che si fa portavoce di una nuova visione green della moda e al quale hanno risposto in molti con entusiasmo. La serata, in programma per venerdì 17 aprile, avrà il suo culmine durante l’assegnazione, per il terzo anno consecutivo, del Sì Sposaitalia Award.

Creatività e business, nuove culture e tendenze saranno protagoniste a Sì Sposaitalia Collezioni, facendone il centro gravitazionale della moda bridal internazionale e presentando il meglio del settore in un’atmosfera tutta italiana e con un’attenzione alla sensibilità sostenibile che lo rendono attento osservatore e anticipatore del mercato.



crediti foto: ufficio stampa

Nuna Lie e la sua capsule collection ispirata a Sanremo

di Laura Frigerio


Il Festival di Sanremo porta con sé, da sempre, un mood magico e sognante. È proprio ad esso che Nuna Lie si è ispirata per la sua capsule collection composta da tre abiti e un completo che ci riportano immediatamente a un immaginario fiabesco.

Un concentrato di tulle, fili di lurex, applicazioni glitter e gonne voluminose per sentirsi delle principesse. Tutti gli abiti sono caratterizzati da un colore e accompagnati da dettagli preziosi: il blu e il grigio sono impreziositi da dettagli color argento, il rosa e il beige da dettagli color oro.

La collezione, realizzata da Nuna Lie in edizione limitata, è venduta a su www.nunalie.it e in esclusiva nel solo punto vendita di Sanremo in Via Giacomo Matteotti, 182, a pochi passi dal Teatro Ariston.


NUNA LIE
Da più di quindici anni nel mercato del fashion retail, Nuna Lie è un brand di fast fashion dinamico, con collezioni in costante rinnovamento che propongono prodotti di qualità a prezzi competitivi.
Un’azienda virtuosa, consapevole che il successo passa attraverso il benessere dei suoi dipendenti, una realtà tutta italiana, con sede a Monterotondo, che dimostra giorno dopo giorno di essere vincente.


crediti foto: ufficio stampa

Ana Mena a Sanremo 2020

di Laura Frigerio

Tra le special guest che sono salite sul palco del Teatro Ariston nel corso della terza serata del Festival di Sanremo, dedicato alle cover, c’è stata anche Ana Mena.

La cantate spagnola si è esibita in copia con Riki nella celebre “L’edera” di Nilla Pizzi.

Ana Mena è anche una delle protagoniste della campagna “Selected by Music Edition” di AW LAB con cui proseguirà la collaborazione fino a giugno 2020 per la promozione della seconda edizione del contest musicale “AW LAB IS ME MUSIC EDITION” di cui sarà anche giudice.
Lo scorso anno il contest si avvalse della collaborazione di Anastasio, un altro top player che sta facendo grande questa edizione del Festival di Sanremo.


crediti foto: ufficio stampa

Sanremo 2020: Emma d'Aquino vestita Salvatore Ferragamo

di Laura Frigerio

Emma d’Aquino, giornalista del Tg1, è stata una delle co-conduttrici del 70esimo Festival di Sanremo accanto ad Amadeus. Elegantissima, ha indossato capi firmati Salvatore Ferragamo. Per la conferenza stampa ha scelto un abito chemisier arancio della collezione Primavera- Estate 2020, invece per la serata un sandalo in pelle glitter argento con gancini e cinturino alla caviglia




crediti foto: ufficio stampa

Antonio Martino ha presentato ad Altaroma il suo Rinascimento giapponese

di Laura Frigerio


Tra le varie collezioni presentate nell’ultima edizione di Altaroma, appena conclusa, ha ottenuto molto successo quella di Antonio Martino.


Lo stilista, per l’autunno-inverno 2020/21 ha scelto il tema "Rinascimento giapponese”.

 

A caratterizzarlo un métissage di elementi creativi, simmetrie e asimmetrie, volumi scultorei e linee minimal a contrasto che si incontrano. Atmosfere orientali, sperimentazioni materiche, ricerca e rivisitazioni contemporanee con accenti street style che trasformano l’alta moda in poetici sogni prêt-à-couture da indossare. 


L’antica leggenda giapponese di Tanabata narra di due amanti che, separati per volere degli dei, sono costretti a vivere il loro amore solo il settimo giorno del settimo mese, una volta l’anno. Affascinati da questa struggente storia d’amore, il 7 luglio gli abitanti del Sol Levante rendono omaggio agli innamorati più longevi dell’Oriente, realizzando degli origami piegati come tessuti con grande maestria e scrivendo frasi o romantici desideri su lunghi lembi di stoffa, poi annodati a rami di bambù nei luoghi di preghiera.


A ispirare la collezione Urban Park volume 4 è proprio la leggenda di Tanabata, molto diffusa nel periodo del Rinascimento giapponese. Dettagli di armature, kimono e paraventi finemente decorati danno vita a creazioni dal fascino metropolitano che sfruttano la natura di diverse texture: la morbidezza della lana, la durezza della pelle e la leggerezza geometrica delle lavorazioni plissé.

“Penso che la moda abbia ancora la capacità di comunicare ed emozionare. Quando ho iniziato a disegnare il quarto capitolo di una linea che è ormai il mio tratto distintivo, mi sembrava naturale ricercare nella tradizione la modernità. E ho pensato al Giappone, luogo magico dove la contemporaneità abbraccia la storia. Il made in Italy ha bisogno di essere valorizzato e promosso all’estero attraverso un costante processo di internazionalizzazione. Ringrazio di cuore i miei genitori e la mia famiglia per aver creduto nel mio sogno” - ha dichiarato Antonio Martino.


Giubbotti, cappe, felpe, abiti e capispalla dalle forme nuove, con particolari che sfidano la forza di gravità. Long dress realizzati per esaltare la femminilità e la sensualità della donna che, grazie all’originalità degli abiti, potrà provare la sensazione di essere ammirata intensamente come suggerisce la storica leggenda nipponica.


crediti foto: ufficio stampa

Beyoncé indossa un abito di uno studente Ied

di Laura Frigerio

Il Made in Italy è sempre una garanzia, soprattutto quando si parla di moda. L’ultima prova? Un paio di giorni fa la pop-star Beyoncé è apparsa al Roc Nation's pre-Grammys brunch (l’evento annuale che precede in mattinata i prestigiosi premi Grammy Awards) indossando un capo firmato dal giovane designer Francesco Murano, diplomato a luglio 2019 in Fashion Design in IED Milano.

L’abito in questione si chiama Ossimoro Dress e arriva direttamente dalla collezione di tesi di Francesco intitolata appunto "Ossimoro Plastico". Vestita dal low cut grigio dalle forme ondulate e dall'ampia scollatura, Beyoncé è risultata la celebrity più chic all'evento secondo la rivista Harper Bazaar.


Per il 23enne Murano, alumnus dell'Istituto Europeo di Design già vincitore di Milano Moda Graduate, non è il primo successo: le calzature della stessa collezione di tesi erano state indossate ancora da Beyoncé nel videoclip del brano "Spirit".


La scorsa estate, grazie alla partecipazione dell'Istituto Europeo di Design alla manifestazione di Camera della Moda Italiana dedicata ai giovani talenti, le creazioni di Francesco Murano sono state notate dalla stylist della pop star, Zerina Akers.


crediti foto: ufficio stampa

Altaroma: i vip presenti alla sfilate (gallery)

di Laura Frigerio

Si è conclusa ieri l’ultima edizione di Altaroma, con un ricco calendario di sfilate a cui hanno partecipato numerosi vip come Paola Perego, Stefania Orlandi, Massimiliano Rosolino, Fiona May, Sonia Bergamasco e i Booda (freschi di X Factor).

La settimana della moda romana, che si è tenuta dal 23 al 26 gennaio all’Ex Caserma Guido Reni, ha avuto un grande successo. Il processo di riposizionamento portato avanti negli ultimi anni ha consentito infatti ad Altaroma di affermarsi come l’istituzione italiana della moda dedicata a studenti, designer emergenti e giovani talenti, delineando più nitidamente la sua identità di piattaforma dello scouting dedicata alla selezione, alla promozione, al sostegno e al tutoraggio dei giovani della moda italiana.

“Oggi Altaroma agisce di fatto come un incubatore creando,attraverso i propri progetti un circuito virtuoso, volto alla scoperta e alla promozione dei nuovi talenti del Made in Italy. Sempre di più siamo percepiti come punto di riferimento e opportunità concreta di visibilità e crescita per tantissimi giovani designer alle prime armi e, in molti casi, rappresentiamo una porta di accesso al mondo del lavoro e ai mercati, soprattutto per giovani creativi provenienti dal centro-sud Italia. Nell’ultimo triennio Altaroma, affinando meglio il suo nuovo ruolo, è riuscita anche a dare più efficacemente il suo contribuito nell’introdurre nuova linfa nel sistema moda italiano, ottimizzando le sinergie con Firenze e Milano” - afferma Silvia Venturini Fendi.

Di seguito la gallery con i vari personaggi che hanno partecipato ad Altaroma.



crediti foto: ufficio stampa

Paola Iezzi e Myss Keta in Pinko sulla cover di LTM

di Laura Frigerio


Avete già ascoltato “LTM”, il nuovo singolo di Paola Iezzi featuring Myss Keta? È una vera bomba e lo stesso vale per la cover che ritrae le due artiste, confermando la loro allure glamour.


Nel caso ve lo foste chiesti, a firmare i loro outfit è Pinko.

Paola Iezzi indossa un Blazer in jacquard con pattern all-over e piping a contrasto sull'apertura davanti.
Collo sciallato, maniche lunghe con bottoni al fondo e spacco centrale al fondo sul retro.
Tasche con patta applicata davanti. Foderato. Chiusura monopetto con bottone singolo.
Cintura in morbida pelle mano seta con fibbia Love Birds in metallo galvanica oro.

Invece Myss Keta indossa un blazer d'ispirazione maschile in crêpe de Chine interamente ricamato full strass.
Collo a rever, maniche lunghe e tasche a filetto sui fianchi.
Chiusura monopetto con bottone singolo a pressione nascosto.


credito foto: ufficio stampa

Salvatore Ferragamo e Freedom, la campagna SS 2020

di Laura Frigerio

La parola chiave che definisce la campagna Spring Summer 2020 di Salvatore Ferragamo è Freedom. La maison lancia così un messaggio forte e chiaro, invitando ad essere liberi di essere ciò che vogliamo, dove e con chi vogliamo.


Per questa campagna Salvatore Ferragamo torna a collaborare con Harley Weir.
Il cast è eterogeneo e indossa una collezione ricercata (che porta la firma del Direttore Creativo Paul Andrew) in un mix di tradizione artigianale e tendenze contemporanee. Materiali, stili e colori si contaminano a vicenda, creando capi e accessori all'insegna del comfort e dell’originalità.

 Quella che vediamo è una serie di immagini e di video, progettati per trasmettere in maniera tangibile il calore estivo, in cui la gioia dell’amicizia e il brivido della scoperta sono esaltati da una luce estremamente sensuale.  

Paul Andrew dice: “Grazie a Harley Weir e al talento coreografico di Eric Christison, abbiamo esplorato ulteriormente il concept della sfilata, ambientando il set all’aperto, in un contesto selvaggio e pieno di luce. I modelli si muovono liberi e disinibiti con il calore del sole sulla pelle. L’obiettivo era anche quello di cogliere tutta l’allegria di una piacevole avventura estiva tra amici. La campagna accende i riflettori su prodotti che saranno protagonisti della prossima stagione, come la décolleté Viva, la borsa Trifolio e capi in crochet realizzati rigorosamente a mano”.

CREDITI  
Direttore creativo: Paul Andrew
Fotografa: Harley Weir
Coreografo: Eric Christison
Stylist: Jodie Barnes
Modelli: Malgosia Bela, Abby Champion, Sora Choi, Alpha Dia e David Kammenos
Agency: Laird+Partners

crediti foto: ufficio stampa  

Maglioni e calze coordinate by In The Box

di Laura Frigerio

Un modo per non passare inosservati? Lasciare spazio alle fantasie invernali, abbinando magari i maglioni con i calzini.
E l’ideale sarebbe affidarsi alle creazioni di In The Box, il brand di calze e collezioni apparel "Made in Milan" fondato da Mario Pastorini e Carla Bottoni, partner in crime anche nella vita privata ed entrambi con un consolidato background nel settore della moda.

La lavorazione dei loro capi è fra le più ambiziose della storia tessile, i disegni non sono da meno perché nascono dal culto di Mario per il vintage, ma anche per il second hand americano e giapponese, dalla passione di Carla per la street culture e la musica r'n'b old school, da icone preppy come John Kennedy che mescolava capi classici con dettagli sportivi e dall’immaginario western alla cultura Navajo.

Design e manifattura di qualità sono i pilastri su cui si fonda il marchio. Le collezioni, infatti, prendono vita dalle eccedenze della produzione di calze nascono t-shirt, felpe, cardigan e pull, accanto alle proposte di cappelli e sciarpe, boxer per il mare che riprendono la creatività delle calze per un effetto total look.

E per questo inverno sono state create delle deliziose maglie unisex con disegno jaquard in lana e cashmere e calzini abbinati.

I prezzi? I maglioni tra i 160 e i 170 euro. Le calze tra le 17,50 e le 18,50 euro.


crediti foto: ufficio stampa

Angelo Carillo & C alla Fiera di Francoforte

di Redazione

La Angelo Carillo & C., eccellenza nel settore del tessile casa, parteciperà alla Heimtextil di Francoforte, dal 7 al 10 gennaio, una delle più importanti fiere del settore a livello mondiale, confermando un appuntamento ormai ventennale.

La partecipazione alla manifestazione, che è un saldo punto di riferimento per tutte le figure professionali che operano nel mondo tessile, è in linea con la mission aziendale, volta a dare sempre maggiore visibilità ai propri prodotti e ai propri brand anche a livello internazionale. Heimtextil è in quest’ottica un appuntamento irrinunciabile, una leva importante per i mercati a cui l’azienda si affaccia e nei quali vuole essere sempre più presente. In occasione della fiera, presso lo stand G41, nella hall 4.1, l’azienda accoglierà i visitatori presentando in anteprima tutti i nuovi trend della collezione A/I 2020-21 di tessuti e tendaggi Linea Oro, il suo brand storico.

 

LA COLLEZIONE
L’intera collezione si sviluppa attorno ad un principio: creare un confort domestico con tessuti che si combinano per creare spazi rilassanti. Fondamentale a tal proposito la scelta dei colori, che vanno dai bianchi naturali ai caldi toni di beige, fino ad arrivare a morbidi grigi. Immancabili le raffinate nuance del rosa e del verde che ricordano la natura, stemperate da fantasie ed unite in una proposta in grado di dare agli ambienti della casa una nota delicata e femminile. Romantici motivi floreali dai colori tenui si alternano a stampe astratte, morbide geometrie e trame in rilievo, che ricreano effetti di luce-ombra insieme ad una sensazione avvolgente e soft touch, data dai velluti, che esaltano il concetto di confort assoluto. Basi neutre e nuovi abbinamenti saranno i protagonisti della prossima stagione fredda, per vestire tutta la casa di un’unica e calda scelta cromatica e di tessuti.

Proprio l’attenzione dell’azienda nella continua ricerca e sviluppo di prodotti dal design originale e tessuti innovativi ha portato alla realizzazione, anche per Linea Oro, di una collezione in materiale riciclato, composto al 100% da polietilene tereftalato (PET), il materiale utilizzato per le bottiglie di plastica e da tessuti biologici, fibre naturali, come il cotone o il lino, provenienti da coltivazioni 100% bio. Ognuna di queste è seguita con metodi e materiali che hanno un basso impatto sull’ambiente. Il cotone biologico è coltivato senza l’uso di pesticidi e sostanze chimiche, in modo che gli agricoltori utilizzino solo fertilizzanti organici ed il principio di rotazione delle colture. L’obiettivo è quello di avere un massimo impegno in tema di sostenibilità, sensibilizzando clienti e potenziali tali a una maggiore attenzione e a un più forte rispetto nei confronti dell’ambiente.

IL BRAND
La Angelo Carillo & C. nasce dall’iniziativa imprenditoriale di Angelo Carillo e, dal 1952, opera nel settore dei tendaggi, della biancheria e dei tessuti d’arredo per la casa. L'attenzione dedicata al cliente, l'innovazione, l'ottimo rapporto qualità‐prezzo e l'ampiezza della gamma dei prodotti hanno portato l’azienda a diventare un punto di riferimento nel settore, in Italia e all’estero, grazie anche allo sviluppo dei suoi tre brand Linea Oro, Riviera e Reevèr e del canale e‐commerce Carillo Home.



crediti foto: ufficio stampa

L'Infinito di Giacomo Leopardi nella campagna SS20 di Eleventy

di Redazione

Il manoscritto originale de “L’Infinito” di Giacomo Leopardi è nel pay off della campagna Eleventy SS2020. Questo grazie ad una concessione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo.

“Così tra questa immensità s'annega il pensier mio: e il naufragar m'è dolce in questo mare”, accompagna lo scatto in B/N di una barca a vela che naviga in lontananza al tramonto nel mare della Liguria.


La scelta di questo verso sta nella grande modernità del suo messaggio che invita a sapersi staccare dalla materialità del quotidiano e riprendere contatto con la propria interiorità.

“Nella frenesia che ci impone il nostro settore è importante oggi recuperare momenti intimi di abbandono all'immaginazione per dare spazio alla creatività e credere in un futuro migliore” - spiega Marco Baldassari, co-fondatore e direttore creativo uomo di Eleventy.

Una campagna, quella di Eleventy, che invita a riflettere sul valore di tempi lunghi e pensati.

Crediti
Fotografo Natalino Russo
Liguria: Baia del Silenzio, Scogliera di Moneglia, Sestri Levante.

Yamamay e Le Voliere presentano Party Collection

di Laura Frigerio

È stato presentato, con un evento speciale a Milano, “Party Collection”. Si tratta di una capsule nata dalla collaborazione tra Yamamay e il brand italiano di abbigliamento Le Volière, composta da party dresses perfetti per chi vuole indossare un outfit scintillante e speciale.

All’evento hanno partecipato Nicole Mazzocato, Catherine Poulain, Giorgia Lucini, Giorgia Rossi, Laura Brioschi, Marianna Zuliani, Arianna Bertoncelli, Chiara Carcano, Alessandra Gallocchio, Martina Luchena, Sonia Lorenzini, Nicole Confortin, Alessandra De Angelis, Anna Penello, Gloria Bianchi, Daniela De Santis, Alice De Togni, Rama Lila Giustini, Greta Liberato, Sonia Lorenzini, Federica Lucaferri, Maria Elena Monego, Alice Perella, Bianca Senatore, Sara Tozzi, Sara Pagliaroli.

La capsule include quattro diversi modelli di mini abiti arricchiti da lustrini, frange, tulle e paillettes per il perfetto party look. Oltre al più classico nero, saranno presenti anche nuance come il grigio argento e il rosa.

Yamamay ha voluto Le Volière, un brand cool e alla moda fondato da due sorelle italiane, Coletta e Silvia Pomero. Il risultato è una collezione fresca, desiderabile, versatile perfetta per ogni tipo di silhouette. Una capsule collection in edizione limitata da abbinare alla lingerie Yamamay per rendere il periodo più magico dell’anno ancora più speciale.

“Abbiamo scelto Le Volière per questa collaborazione per due motivi principali: in primis il loro stile si sposa perfettamente con lo stile Yamamay e siamo sicuri che le nostre clienti apprezzeranno molto questi abiti, in secondo luogo eravamo curiosi di confrontarci sia a livello commerciale che a livello di comunicazione con le potenzialità di un brand nativo digitale, che ha fatto della rete e dei social network il proprio trampolino di lancio e il luogo fertile per sviluppare il proprio business, dialogando in un molto diretto con i propri consumatori” - ha dichiarato Gianluigi Cimmino, CEO di Pianoforte Holding,

I mini-dress sono disponibili in tutti gli store Yamamay e su www.yamamay.com.

crediti foto: ufficio stampa

White presenta WSM - Fashion Reboot

di Laura Frigerio

In occasione della Milano Fashion Week dedicata alla moda uomo WHITE ha deciso di puntare sulla sostenibilità con WSM Fashion Reboot.


L’evento (realizzato grazie al supporto di MISE e ICE – Agenzia, alla partnership con Confartigianato Imprese e con il patrocinio del comune di Milano) è fissato per l’11 e il 12 gennaio al BASE Milano.

Si tratta del primo evento dedicato all’innovazione sostenibile e al fashion design, con lo scopo di fare da ponte tra la cultura della sostenibilità, il mercato e il pubblico finale. Il progetto affronta il tema in modo sistemico, olistico e propositivo, per dare voce a diversi stakeholder attivi da tempo nel trasformare l’attuale crisi ambientale e sociale nella nostra migliore opportunità di progresso. Sinergia e interazione sono la chiave per capire WSM Fashion Reboot, un progetto che include installazioni, display, happening e un ricco calendario di attività e workshop per coinvolgere non solo gli addetti ai lavori, ma la stessa città di Milano.

L’obiettivo è di promuovere un cambiamento concreto, grazie a un lavoro corale, frutto di una reale collaborazione. Il progetto nasce dalla sinergia tra Camera Nazionale della Moda, WHITE, CBI Camera Buyer Italia, che insieme a Confartigianato Imprese intendono lanciare un nuovo paradigma della moda a Milano. 

Un’importante iniziativa di sistema guidata da WHITE per valorizzare il ruolo di Milano sulla scena internazionale con una vocazione precisa: diventare il primo appuntamento imperdibile dedicato al mondo della circolarità e sostenibilità della moda. Proprio l’innovazione e la ricerca, finalizzate allo sviluppo sostenibile nel fashion sono gli elementi di raccordo tra i diversi progetti. 


E non è finita qui. Su questo tema, per celebrare i 20 anni di Camera Buyer Italia durante Milano Moda Uomo, CBI, WHITE, Camera Nazionale della Moda Italiana e ICE lanciano #FashionForPlanet, due giorni dedicati alla sostenibilità, dal punto di vista del fashion buyer. L’iniziativa prevede due giorni di roundtable con due differenti panel speaker, oltre a un’opera digitale di Felice Limosani e narrata dall’attore Alessandro Preziosi, che da una prospettiva artistica invita a una riflessione su tematiche ambientali.


crediti foto: courtesy of Museo Salvatore Ferragamo

La Petite Robe di Chiara Boni arriva a Firenze

di Laura Frigerio

Esaltare la femminilità del corpo di ogni donna, con capi che siano anche pratici e comodi. Questa, dal 2007, la mission di Le Petite Robe ovvero il celebre brand fondato dalla celebre stilista Chiara Boni che ora (dopo Milano e Roma) ha aperto una boutique anche a Firenze, sua città natale.

Dove? In uno dei posti più belli e affascinanti della città: Loggia Rucellai, ad angolo tra Via della Vigna Nuova e la celebre Piazza de’ Rucellai. 
Da sempre questo spazio ha avuto una vocazione commerciale ed è proprio con il commercio che i Rucellai costruirono la loro fortuna, grazie alla quale hanno contribuito in modo attivo alla storia dell’arte fiorentina. 

Ispirandosi ai disegni albertiani per Palazzo Rucellai, Antonio del Migliorino Guidotti realizzò quest'ampia loggia che racchiude in sé tutti i caratteri dell'architettura rinascimentale, composta da tre arcate a tutto sesto su colonne centrali e pilastri agli angoli, al di sopra dei quali corre una trabeazione caratterizzata dal motivo ornamentale che riprende l'emblema araldico dei Rucellai con le vele dispiegate al vento.


La bellezza del luogo e le peculiarità dell'architettura Rinascimentale, si sposano perfettamente con lo stile sofisticato, femminile ed elegante di Chiara Boni La Petite Robe. 

A firmare il concept della boutique (di circa 75 mq) sono ancora una volta gli architetti Marco Bonelli e Marijana Radovic, che puntano su un’immagine pulita e morbida, priva di spigoli, caratteristica che contraddistingue anche le altre boutique. Alla base del progetto vi è la volontà di lasciare ben visibile la qualità architettonica di pregio della location, utilizzando per gli arredi forme e volumetrie che si distaccano da quelle del contesto così da renderlo immediatamente riconoscibile e valorizzato nelle peculiarità. 


La boutique, dall'altezza complessiva di oltre 8 metri, è dominata da una quinta in tubolari verniciati e da un camerino free standing tondo. In linea con la porta di ingresso, posizionato su una pedana ellittica, il raffinato banco cassa dalla forma ovale. Ai lati del perimetro, appenderie dalle forme organiche in color platino fanno pendant con le sedute ecopelle ovali dalle linee sinuose ed avvolgenti color avorio. Lungo le vetrine sono collocate pedane espositive che nel loro centro vedono l'inserimento di schermi a led.  

“Siamo molto soddisfatti e particolarmente orgogliosi per l’apertura di questo nuovo monomarca di prestigio” - dichiara Maurizio Germanetti, amministratore delegato del brand - “La boutique è stata fortemente voluta da me, ma anche e soprattutto da Chiara Boni, per il profondo legame che ha con la sua città natale, fonte per lei di grande ispirazione creativa ma anche piazza di grande pregio per lo shopping internazionale del 'Made in Italy' di cui ci stiamo facendo portavoce nel mondo”

crediti foto: ufficio stampa

Elodie è il volto del Natale di Yamamay

di Redazione

Yamamay festeggia il Natale sulle note di una delle canzoni di Natale più belle di sempre, “Jingle Bells”, reinterpretata in esclusiva per il brand, in una versione unica, contemporanea ed originale, da una delle cantanti italiane più famose del momento: Elodie di Patrizi.


Ad accompagnare Elodie, 4 ballerini d’eccezione: Greta Zuccarello e Giulia Pauselli, già protagoniste lo scorso autunno della campagna Yamamay “Everybody”, Arianna Griffini, Alimah Grasso e Marcello Sacchetta (tutti guidati dal coreografo Mommo Sacchetta).


Per celebrare la magia e l’atmosfera incantata che accompagna il Natale, Yamamay ha scelto due linguaggi di comunicazione molto coinvolgenti ed immediati, veicolo di forti emozioni e capaci di raggiungere tutte le generazioni: la musica e la danza.

Il rosso, colore natalizio per antonomasia e da sempre tratto distintivo dell’identità Yamamay, fa da sfondo ai protagonisti della campagna che cantano e ballano indossando i capi della collezione Yamamay Natale 2019: completi lingerie da regalare come buon auspicio, capi ed accessori da indossare per le cene di Natale, i brindisi con gli amici e i party di Capodanno, maglioni a tema natalizio e comodi pigiami per le fredde serate invernali. Gli scatti della campagna sono stati realizzati dal fotografo Alfonso Ohnur, questo spot sarà protagonista della stagione natalizia non solo su tutti i canali social network del brand ma, proprio per la sua natura musicale, anche in radio.


crediti foto: ufficio stampa

Le Spose di Monza: presentata la collezione Sartorial 2020

di Laura Frigerio

Unicità, qualità e alta artigianalità: queste le caratteristiche della collezione sposa Sartorial 2020 de Le Spose di Monza (punto di riferimento per il mondo wedding), presentato in anteprima nazionale.

LA COLLEZIONE
La collezione è contraddistinta da linee pulite e classiche strizzando però l’occhio a contemporaneità e glamour più accattivante, prendendo come riferimento le dive del passato ma osservando anche le influencer di oggi. Dalla progettazione al prodotto finito tutto viene realizzato in Italia.

Il team di sarte e ricamatrici garantisce qualità e vestibilità eccezionali. Niente viene lasciato al caso, con il servizio “Fatto a Mano”, ogni sposa può modificare gli abiti e cambiare i tessuti a proprio piacimento. Oggi, infatti, l’esigenza di sentirsi in un abito estremamente unico, ricercato ma al tempo stesso non eccessivo fa sì che la linea “Sartorial” s’ imponga in Atelier nel momento stesso in cui le future spose arrivano a scoprirne leggerezza e gusto.

“Negli anni abbiamo riscontrato sempre più l’esigenza da parte delle spose di unicità e di qualità e così nasce, dopo anni di rodaggio, la scelta di una linea tutta nostra puramente Sartoriale. Il valore aggiunto è sicuramente la contaminazione dei viaggi che facciamo nel mondo ogni anno con l’aggiunta del vero made in Italy” - ha detto Simone Di Bella, designer de Le Spose di Monza.

IL FASHION SHOW

Il fashion show si è svolto all’interno dell’Oasi Green di Spazio Green, uno spazio nuovo ed originale costituito da quattro suggestive serre per un totale di 450 mq circa. Una location insolita, fuori dal comune, caratterizzata da una struttura in ferro e vetro, composta da ampie vetrate che ne esaltano la luce naturale e la rendono unica nel suo genere. Il trucco e i capelli delle modelle sono stati studiati dall’hairstylist e make-up artist Laura Baretta, Beauty Essence.

Al termine della sfilata ha avuto inizio il Christmas Party con la musica di Those 2 and I, capitanato dall’elegante voce di Francesca Savio mentre lo shooting fotografico è stato realizzato da MasterPhotographers e Frank Catucci, fotografi di matrimoni con uno stile unico. Alternativa Catering & Events ha saputo deliziare gli ospiti con un servizio altamente ricercato.


crediti foto: Master Photographers Cefalù e Frank Catucci Fotografo Matrimonio Milano

I primi 25 anni di IED in Spagna

di Laura Frigerio

IED (Istituto Europeo di Design) ha festeggiato in bellezza i suoi primi 25 anni in Spagna, con una sfilata esclusiva al Museo Guggenheim di Bilbao nell'ambito del programma TOPArte del Museo Guggenheim e in occasione della Bilbao Bizkaia Design Week.

Il Museo ha aperto per la prima volta i suoi spazi ad una scuola di Design ospitando una sfilata di stilisti nazionali e internazionali e accendendo i riflettori su venticinque collezioni realizzate da Alumni IED.

Una varietà eclettica di capi e visioni che hanno messo in evidenza l'individualità internazionale di designer provenienti da paesi come Italia, Brasile, Romania, Israele, Messico e Regno Unito. Per l'occasione inoltre, due Alumni di IED Madrid e Barcellona insieme a Francesco Murano, neodiplomato IED Milano, hanno ideato due look ciascuno, realizzando una capsule collection che ha celebrato il 60° anniversario dalla costruzione del Museo Guggenheim di New York.

Le linee curve a spirale, la delicatezza delle opere d'arte esposte e la ricchezza dell'architettura dell'edificio sono state fonti d'ispirazione per gli outfit, alcuni dei quali sono stati realizzati con i tessuti Gratacós offerti appositamente per l’evento.

Tra i modelli in passerella, hanno sfilano le collezioni di rinomate firme della moda, giovani promesse emergenti, stilisti che hanno ottenuto premi importanti come il Vogue Who's On Next o il Samsung EGO Innovation Project, habitué della New York Fashion Week o delle passerelle della Mercedes Benz Madrid Fashion Week o la 080 Barcelona Fashion. Le collezioni selezionate definiscono il futuro della moda e riflettono le sfide che il settore si trova ad affrontare, con proposte create in un’ottica sostenibile, disegni concettuali e d'avanguardia, delicati capi fatti a mano da produzioni locali o abiti da cerimonia per le grandi occasioni che seguono le tecniche dell'haute couture.

LA PAROLA A IED
“Un anniversario che, per tutto il Network e per il nostro Paese, porta con sè un significato più ampio: il successo di un’impresa education che si è fatta portatrice dei valori del made in Italy – dichiara Emanuele Soldini, Direttore IED Italia - IED nasce nel 1966 in Italia a Milano e in più di 50 anni è uscito dai confini nazionali per aprire la sua attività educativa in Spagna e Brasile, rimanendo l’unica scuola di alta formazione in ambito creativo a matrice totalmente italiana. La sua vocazione non è mai cambiata nel tempo: il motore di IED sono i giovani, la loro formazione, la loro educazione nel rispetto di una visione innovativa e internazionale, sempre attenta ai cambiamenti del mercato del lavoro”.

"La moda è il mezzo più potente per esprimere l'identità degli esseri umani – aggiunge Alessandro Manetti, Direttore IED Spagna - "È ciò che raccoglie e tiene insieme i sogni, le pulsioni, le preoccupazioni, le ispirazioni delle persone. Per questo abbiamo composto un mosaico che rappresenta il talento di IED in Spagna degli ultimi 25 anni. IED ha visto nascere un’importante generazione di designer che promuovono la cultura e la sensibilità del design in tutto il mondo. Abbiamo sempre precorso i tempi e oggi vogliamo festeggiare guardando al passato, ma anche parlando del presente e del futuro, con lo sguardo fisso sulle sfide che il mondo contemporaneo ci presenta".

crediti foto: ufficio stampa