Salvatore Ferragamo e Gaia: asta benefica per Scena Unita

di Laura Frigerio

La cantautrice Gaia ha deciso, in accordo con Salvatore Ferragamo, di donare per un’asta benefica uno dei look appositamente creati per lei dalla maison in occasione della sua partecipazione al Festival di Sanremo 2021.

L’obiettivo? Sostenere Scena Unita, progetto che ha visto l’impegno e la partecipazione del mondo degli artisti e degli enti privati per dare un contributo concreto alla filiera, tramite il supporto ai lavoratori del mondo dello spettacolo, duramente colpiti e impossibilitati ad operare durante la pandemia da Covid19.

Per la precisione, l’oggetto dell’asta sarà l’outfit indossato da Gaia per la serata finale del Festival: un abito corto stile bomber bianco e nero, caratterizzato da dettagli in fil coupé sfrangiato con profonda scollatura a V e una maxi-cintura piatta con passante fasciato in pelle sul davanti.

Come partecipare? Collegandovi a https://www.charitystars.com/product/abito-ferragamo-indossato-da-gaia-a-sanremo-2021.

Ci sarà tempo fino al 24 maggio.







crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Festa della mamma: le idee regalo di Garden Steflor

di Redazione

Il 9 maggio è la Festa della Mamma. E quale modo migliore per farle sentire il proprio amore se non con delle piante e dei fiori? È per questo che Garden Steflor, nella sua sede a Paderno Dugnano (in provincia di Milano) ha pensato a tante idee regalo.

Sarà piacevole immergersi nei colorati e profumati reparti dove, oltre alle varie composizioni, si troveranno anche oggetti per la casa, dell'arredo giardino (che si fa fondamentale con l'arrivo della balle stagione) e tutto il necessario per soddisfare le mamme con il pollice verde (si va dagli attrezzi da giardino alle serre).

Garden Steflor (in Via Erba 2) è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 19.30 (naturalmente con le misure necessarie a garantire la sicurezza).

Ricordiamo che, per chi non potesse raggiungere Garden Steflor, è attivo il servizio consegne a domicilio. Basta collegarsi al sito www.steflor.it, scegliere gli articoli sul sito e compilare il form (che si trova su https://www.steflor.it/steflor/servizi). Un addetto poi chiamerà per completare l’ordine, che sarà consegnato a domicilio (entro 2/3 giorni lavorativi). In alternativa è possibile compilare direttamente in negozio una lista insieme ad un personal shopper e concordare la successiva consegna a domicilio.







crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

I 5 consigli anti-smog di MioDottore

di Redazione

Grandi città e metropoli offrono diverse opportunità e comfort, ma anche aspetti negativi, che possono incidere sul benessere di corpo e mente delle persone. In particolare, l’inquinamento atmosferico e lo smog, causano sempre più spesso risvolti problematici a cui prestare attenzione.

MioDottore (piattaforma specializzata nella prenotazione online di visite mediche e parte del gruppo DocPlanner) ha coinvolto uno dei suoi esperti, il dottor Christian Raddato, medico di base, che ha aderito al progetto di video consulenza online attivato dalla piattaforma, per approfondire le conseguenze che le polveri sottili provocano alla salute e condividere suggerimenti pratici volti a contenere gli effetti nocivi.

DANNI NON SOLO A POLMONI, MA ANCHE A CUORE, RENI, CERVELLO ED EMOTIVITA’
Secondo lo specialista di MioDottore, le possibili conseguenze che l’inquinamento può arrecare al benessere delle persone sono molteplici, toccando non solo lo stato fisico, ma anche quello mentale e psicologico. In particolare, a livello dell’organismo, spiega l’esperto: “La maggior parte degli individui sa che l'inquinamento dell'aria causa problemi ai polmoni, poiché le particelle inquinanti che respiriamo agiscono da elemento irritante, andando ad accumularsi nei bronchi e negli alveoli dove, a breve o a lungo termine, possono produrre effetti sulla salute. Tuttavia, questo non è l’unico distretto interessato, anzi, più le particelle sono piccole, più è facile che arrivino in profondità e che dal polmone raggiungano l’apparato cardiocircolatorio, causando reazioni ancora più serie”.

Infatti, gli agenti dannosi rischiano di seguire lo stesso percorso dell’ossigeno e penetrare nella circolazione sanguigna, toccando il sistema cardiovascolare e generando infiammazioni, coagulazione del sangue, restringimento delle arterie e stress per il cuore, più predisposto così a patologie come gli ictus. Non solo, aumentano anche le possibilità di sviluppare demenze, malattie renali e diabete. Inoltre, benché come concausa, anche il cervello potrebbe risentirne. Le particelle inquinanti, infatti, creano danni vascolari, in quanto, trasportate dal sangue, riescono a raggiungere ogni spazio irrorato dai vasi sanguigni. La lesione delle pareti vascolari predispone agli ictus, a piccole ischemie, e al TIA (Attacco Ischemico Transitorio) e l’accumulo di sostanze tossiche a livello neuronale favorisce cambiamenti neurodegenerativi, compromette la salute delle cellule e determina una maggior probabilità di decadimento cognitivo.

“Ancora una volta, è la possibilità sempre più diffusa (con polveri sottili e nano-particelle) di inalare particelle infinitesimamente piccole il vero fattore di rischio: così come queste entrano nel circolo sanguigno per via della loro dimensione, così penetrano anche la barriera ematoencefalica, una protezione naturale che preserva il cervello” - spiega il dottor Raddato. Infine, anche la sfera psico-emotiva può subire danni: “Se per l’organismo le micro-particelle sono tossiche, per l’emotività lo è vivere in un ambiente che produce quegli elementi. Le città con pochissimo verde, il traffico, le industrie e l’aria nociva sono strettamente collegati a uno stress psicofisico tale da produrre effetti avversi sulla quotidianità” - commenta l’esperto di MioDottore. Si potrebbe dunque aver meno voglia di uscire per preservare la salute fisica a discapito di quella psicologica, privandosi di una passeggiata all’aria aperta o anche di un giro in bicicletta.


I SOGGETTI PIU’ A RISCHIO: BAMBINI, ANZIANI, DONNE IN GRAVIDANZA
A parità di esposizione a smog e particelle inquinanti, non tutti gli individui reagiscono allo stesso modo e sul lungo termine le categorie più fragili (come bambini, anziani e donne in gravidanza) sono quelle più soggette a rischi e o patologie pollution-related. Nello specifico, gli organismi in via di sviluppo come quelli dei bimbi, sono più predisposti a malattie respiratorie come l’asma e ad essere più vulnerabili durante tutto il loro percorso di vita. Anche gli anziani possono incorrere più facilmente di altri in problemi di asma e difficoltà polmonari e cardiocircolatorie, poiché le particelle inquinanti contribuiscono ad aggravare disturbi preesistenti o a favorirne l’insorgenza.

Infine, le donne in gravidanza rappresentano una categoria altrettanto delicata in quanto l'inquinamento ambientale interferisce con i processi riproduttivi e influenza lo sviluppo fetale. Le polveri sottili inalate possono correlarsi anche a un aumento del tasso di aborto spontaneo, ritardo di crescita intrauterina, nascita di bambini pretermine e sottopeso.

5 CONSIGLI ANTI-SMOG
Benché sia estremamente complesso evitare gli effetti dell’inquinamento, secondo l’esperto ci possono essere dei piccoli consigli pratici, facilmente attuabili e utili per il proprio benessere:
1. Cercare di ritagliarsi nella settimana delle pause in cui potersi spostare verso zone molto verdi e a bassa concentrazione di inquinamento
2. Areare casa in diversi momenti della giornata, prediligendo quelli a minor densità di smog
3. Cercare di riconoscere i precoci segnali di affaticamento quali tosse, malessere e catarro
4. Non sostare a piedi a ridosso di strade particolarmente trafficate per troppo tempo o guidare nel traffico a finestrini abbassati
5. Non pranzare a ridosso del passaggio delle automobili ed evitare ulteriori esposizioni ad aria malsana (es. fumo di sigaretta).

Per ricevere consigli sul tema benessere e inquinamento, MioDottore mette a disposizione degli utenti la funzionalità di consulenza online, con circa 7.000 esperti disponibili. Nato per far fronte alle esigenze sorte con il primo lockdown, il progetto consente di incontrare via video gli specialisti della piattaforma, sia che si tratti di un primo colloquio o di appuntamenti di consueto monitoraggio del proprio benessere.





crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Together We Plant, il progetto ecologico di Giglio.com

di Redazione

In occasione dell’Earth Day (che cade il 22 aprile) Giglio.com ha lanciato il progetto ecologico ed etico “Together We Plant”, supportando One Tree Planted, l’organizzazione no profit per la riforestazione globale. Grazie a questa iniziativa, gli utenti che acquistano su Giglio.com contribuiranno a piantare un albero in Ruanda per ogni ordine effettuato dal 22 al 29 aprile 2021.  

Un aiuto quello all’ambiente che sosterrà in contemporanea anche il tema dell'emancipazione femminile locale. Il progetto aiuterà infatti una cooperativa di lavoratrici, guidata da Agnes Uwifashije, per far rivivere la terra nel territorio di Mukura.  

Le specie di alberi che potranno essere piantate garantiranno la sicurezza dell'approvvigionamento alimentare e la creazione di una fonte stabile di reddito. Oltre a ridurre stress e ansia, essi giocano un ruolo chiave nell’assorbimento dell’acqua piovana, riducendo il rischio di frane e alluvioni.  

La community Giglio.com supporterà un vero e proprio ecosistema: piantare alberi significa ripristinare un habitat in grado di garantire acqua, energia e cibo, proteggere le specie, combattere il riscaldamento globale e aiutare le natura a riappropriarsi dei suoi spazi.





crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Cotonella supporta Fondazione Umberto Veronesi con My Pink Slip

di Redazione

Il 9 maggio sarà la Festa della Mamma e per l’occasione Cotonella ha deciso di lanciare una riedizione di My Pink Slip, la special edition creata per supportare Fondazione Umberto Veronesi e, nello specifico, il suo progetto Pink is Good.
Quest’ultimo è nato per dare un sostegno concreto alla ricerca scientifica, grazie al finanziamento di borse di ricerca per medici e scienziati che hanno deciso di dedicare la loro vita allo studio e alla cura del tumore al seno e degli altri tumori femminili.


Il connubio tra il brand di underwear e la Fondazione Umberto Veronesi è iniziato nel 2019 e ha già portato al finanziamento di una ricercatrice italiana, Francesca Bianchi, il cui scopo è determinare l’efficacia degli antinfiammatori non steroidei (FANS) somministrati durante la chirurgia del tumore al seno triplo negativo in relazione anche al peso corporeo, e che ora prosegue con il sostegno al progetto della Dottoressa Concetta di Natale, ricercatrice presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II che prevede lo sviluppo di un cerotto a microaghi per la somministrazione meno invasiva, più efficace e con meno effetti collaterali di farmaci contro il tumore al seno triplo negativo.

Il sostegno alla ricerca scientifica in questo ambito è fondamentale, sostenere i ricercatori è il primo passo per il processo che conduce alla prevenzione e alla cura dei tumori femminili. Cotonella ha scelto di proseguire il supporto a Fondazione Umberto Veronesi anche attraverso la vendita di un capo speciale, uno slip rosa in cotone, in taglia unica, con il ricamo del fiocchetto simbolo della lotta al tumore al seno. Uno special packaging segnala l’operazione e invita ad un acquisto consapevole gli appassionati del brand.

My Pink Slip è acquistabile anche online su shop.cotonella.com.





crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Anna Lou Castoldi protagonista del nuovo appuntamento di Perfetta di AW LAB

di Laura Frigerio

AW LAB continua con il suo format digitale “Perfetta” che, dopo Chadia Rodriguez, vedrà protagonista nel suo secondo appuntamento l’attrice Anna Lou Castoldi.

La mission di “Perfetta” è quella di supportare le ragazze nella crescita personale, verso un nuovo modello di femminilità consapevole, lontana dagli stereotipi di genere.

Anna Lou Castoldi, insieme a David Blank, interagirà con la community di AW LAB sui temi dell’Hate Speech e della Cancel Culture.
I partecipanti potranno ricevere consigli, approfondire l’argomento tramite sondaggi e case history. L’obiettivo è suggerire un uso dei social network più consapevole, empatico, etico e rispettoso del prossimo.

L’appuntamento è per l’8 aprile sui canali social di AW LAB.






crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Per Pasqua TIQETS lancia una grande caccia alle uova virtuale

di Redazione

Conoscete la caccia alle uova? È una tradizione pasquale dei paesi anglosassoni, che coinvolge genitori e bimbi di tutte le età: le famiglie nascondono le uova dipinte e i bambini devono trovarle e raccoglierle per scoprire la sorpresa che il coniglietto pasquale gli ha portato in regalo.

E così, in occasione del weekend di Pasqua (che anche per quest’anno sarà per lo più casalingo), TIQETS (piattaforma di prenotazione online leader a livello mondiale per musei e attrazioni, che nel 2019 ha ottenuto un finanziamento di Serie C da 60 milioni di dollari da Airbnb) allarga questa tradizione ai suoi followers di tutto il mondo e organizza la più grande EASTER EGG HUNT (CACCIA ALLE UOVA) VIRTUALE, a cui sarà possibile partecipare senza muoversi da casa e con il solo aiuto dei propri smartphone.

Fino al 5 aprile, TIQETS pubblicherà sul suo profilo Instagram una serie di foto e video in cui compariranno delle uova di Pasqua abilmente nascoste. Per partecipare, basta seguire la pagina Instagram di Tiqets e, una volta individuato l’uovo di Pasqua, commentare il post o la storia con “SPOTTED”, la traduzione in inglese di “TROVATO”.


Le regole sono semplici: chi ne trova di più, vince! I vincitori, che si aggiudicheranno un’estate di biglietti gratuiti per visitare i musei e le attrazioni con cui collabora TIQETS, validi da giugno a settembre 2021, verranno selezionati in maniera casuale tra coloro che hanno scovato più uova e riceveranno una mail entro le due settimane dalla fine del concorso.

Tutte le informazioni necessarie sono disponibili al link: https://www.tiqets.com/blog/easter-egg-hunt/.


Per garantire un divertimento completo e variegato a tutta la famiglia, TIQETS mette a disposizione anche tutte le esperienze virtuali che erano state organizzate in Italia, Spagna, Francia, Inghilterra e Irlanda, Olanda e Stati Uniti in occasione dell’Awakening Week, l’iniziativa volta al “risveglio” del turismo dello scorso settembre.

Tutte le attività sono disponibili al seguente link: https://www.tiqets.com/blog/easter-egg-hunt/#virtual-experiences.







crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

A Pasqua Winelivery supporta ENPA, l’Ente Nazionale Protezione Animali

di Redazione

Winelivery, il servizio che consegna vino, birra e drink in meno di 30 minuti alla temperatura ideale, in occasione della Pasqua devolve da sempre parte dei suoi ricavi ad una ONLUS e quest’anno sceglie l’ENPA. L’Ente Nazionale per la Protezione degli Animali quest’anno festeggia i 150 anni dalla fondazione, per questo ma soprattutto per dire un sentitissimo grazie ai nostri amici a 4 zampe Winelivery ha deciso di devolvere loro parte dei ricavi delle vendite di Pasqua.

“In questo periodo di distanziamento sociale abbiamo imparato tutti il valore dei nostri amici a 4 zampe, sia come compagni di vita, qualche volta come ottime scuse per uscire di casa, ma soprattutto come grande fonte di affetto” - afferma Andrea Antinori, Founder di Winelivery - “Per questo ci teniamo a supportare questa realtà!”

Winelivery, che è attiva su oltre 60 città italiane con l’obiettivo di portare a tutti un piccolo sorso di gioia, oggi non solo supporta chi vuole brindare ma anche i nostri amici a 4 zampe! Aiutare gli animali, partecipando a questo bel progetto, è davvero semplice: fino al 5 aprile basta scaricare l’app di Winelivery, accedere alla selezione “Pasqua Solidale” e scegliere i prodotti con il bollino ENPA.

Nella selezione ci saranno colombe, uova di Pasqua, coniglietti di cioccolato e qualche bollicina: ogni prodotto potrà essere acquistato per sé o anche regalato, perchè non c’è nulla che unisce di più di un regalo buono che faccia anche del bene! Fu nel 1971 che un visionario fondò la “Società Protettrice degli Animali contro i mali trattamenti che subiscono dai guardiani e dai conducenti” (oggi ENPA): Giuseppe Garibaldi! E oggi Winelivery vuole dare ai suoi clienti l’opportunità di dare un bel contributo a questa realtà perchè possa sostenere i nostri amici animali per altri 150 anni e oltre.






crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

La Pasqua colorata di Garden Steflor

di Redazione

In occasione della Pasqua Garden Steflor ha intenzione di portare un tocco di colore e allegria nelle case dei loro clienti.

Nella sede di Paderno Dugnano (Milano), in via Erba 2, è stata allestita un'area proprio dedicata a questa ricorrenza ricca non solo di piante, ma anche di articoli a tema.

Qualche esempio? Simpatici coniglietti con le loro uova colorate in tutte le loro forme, vasi con orecchie da coniglio, borsette porta uovo, cestini, agnellini e pulcini in formato peluches, tazze e teiere, portacandele e anche i colori per pitturare le uova.

Tutti prodotti che si troveranno anche sul sito www.steflor.it.

Ricordiamo che, per chi non potesse raggiungere Garden Steflor, è attivo il servizio consegne a domicilio. Basta collegarsi al sito www.steflor.it, scegliere gli articoli sul sito e compilare il form (che si trova su https://www.steflor.it/steflor/servizi). Un addetto poi chiamerà per completare l’ordine, che vi sarà consegnato a domicilio (entro 2/3 giorni lavorativi) oppure compilare direttamente qui da noi una lista insieme ad un personal shopper e concordare la successiva consegna a domicilio.






crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Emma – The Sleep Company sfata i 5 miti più comuni sul sonno

di Redazione

Lo scorso 19 marzo è stato il World Sleep Day, giornata internazionale dedicata al sonno. Emma - The Sleep Company, tra le aziende a più rapida crescita in Europa (e tra gli sponsor del World Sleep Day 2021), ha coinvolto Verena Senn, neuroscienziata ed esperta del sonno di Emma per sfatare i 5 miti più comuni quando si parla di riposare bene e condividere le 5 indicazioni auree per un veloce e sereno addormentamento attraverso la “meditazione del sonno”.

1. Un riposo sano non dipende dalla quantità di ore di sonno profondo Il sonno profondo, detto anche a onde lente, è fondamentale per sentirsi riposati al mattino: è la fase notturna più rigenerante associata a funzioni vitali quali la produzione di ormoni della crescita e al rafforzamento del sistema immunitario. L'ipotesi che solo il sonno profondo determini per quanto tempo si dovrebbe dormire è sbagliata perché anche le restanti fasi hanno funzioni importanti. Il sonno più leggero, chiamato N2, contribuisce all'elaborazione e al consolidamento della memoria e svolge un ruolo vitale nell'apprendimento e nell'automazione delle sequenze di movimento.

Mentre il sonno REM agisce sulla salute mentale in quanto vengono disattivate nel cervello concentrazioni di sostanze chimiche che scatenano ansia e stress e riattivate strutture cerebrali legate a emozioni e memoria. Da ricordare: il sonno profondo è fondamentale per il riposo, ma ogni fase ha i suoi benefici. Dunque un sonno sano dipende dalla somma di tutte le fasi.

2. I sogni non sono solo buffi racconti Le esperienze notturne narrative – talvolta bizzarre – che vengono denominate “sogni” si verificano in tutte le fasi del sonno, ma prevalentemente in quella REM. Ciò può essere spiegato da uno stato neurobiologico particolarmente favorevole: l'aumentata attività delle strutture cerebrali legate alle emozioni e alla memoria, in particolare l'amigdala e l'ippocampo, così le emozioni possono essere “lavorate” in uno stato privo di stress. In questo modo, il sonno REM consente di riacquisire un maggiore controllo sulle esperienze e di guarire le “ferite emotive”. Da ricordare: alcuni studi hanno dimostrato che il sonno può effettivamente avere un importante impatto sulla stabilità e l'elaborazione emotiva.

3. Il caffè dopo le 15:00 non è sinonimo di sonno rovinato La caffeina inibisce l'effetto di fatica ed esercita un potere energizzante, per questo può influenzare i tempi di addormentamento, la riduzione della durata totale di sonno e la qualità del riposo. Tuttavia, l'effetto e la durata del caffè variano a seconda di molteplici fattori e dai singoli individui. Se per alcuni la tazzina del pomeriggio può già interferire con il sonno, altri possono assumerla anche dopo cena senza problemi. Da ricordare: la caffeina incentiva la vigilanza e contrasta i meccanismi che inducono il sonno. Quanto dura l'effetto del caffè, dipende da una serie di fattori interindividuali da considerare.


4. Rigirarsi nel letto non significa dormire poco e male Muoversi durante la notte non implica necessariamente vivere un sonno disturbato: infatti, la frequenza e la durata dei cambi di posizione possono variare a seconda dei soggetti e delle fasi di sonno, con una media di 5-16 movimenti l'ora. Se questa “attività” non interrompe il sonno, non è necessario preoccuparsi. Nello specifico, il corpo resta immobile nella fase REM, mentre vi sono più movimenti prima e dopo questa fase e durante quelle di sonno più leggero. La mobilità è correlata alle transizioni tra le fasi e rigirarsi può prolungarne il passaggio. Qualora i cambiamenti di postura provochino un risveglio, anche se per un breve periodo di tempo (i cosiddetti micro risvegli), possono comunque causare la frammentazione del riposo e quindi influenzarne la qualità. Da ricordare: rigirarsi di notte non significa dormire poco o male. Tuttavia, se il dolore o il disagio sono la causa dell'irrequietezza, è necessario agire.

5. Lo sport di sera non inibisce il sonno È opinione comune pensare che l'attività fisica serale crei un’eccitazione fisiologica e ostacoli il sonno a causa dell’aumento della frequenza cardiaca, dei livelli di endorfine e dello sfasamento circadiano, che controlla il ciclo sonno-veglia. Eppure, lo sport praticato a fine giornata può avere anche risultati positivi; infatti durante l'esercizio la temperatura corporea aumenta e poi diminuisce poco dopo, imitando il naturale cambiamento che si verifica prima di addormentarsi. Inoltre, devono essere prese in considerazione le differenze interindividuali; ad esempio per i cronotipi “gufi” (chi impiega più tempo a svegliarsi al mattino, ma è attivo la sera) l'esercizio serale porta a un accorciamento del tempo di addormentamento, mentre per i cronotipi mattinieri (“allodole”), lo sport a fine giornata ritarda l’addormentamento.

Da ricordare: è sbagliato affermare che l'esercizio vicino al momento di coricarsi abbia un impatto negativo sul sonno. Fare sport la sera può aiutare ad allineare l’orologio interiore a causa dei cambiamenti nella temperatura corporea interna. Anche in questo caso, ognuno dovrebbe identificare preferenze personali e osservare le risposte del proprio corpo.

Le 5 regole d’oro per un addormentamento rapido:
• Respirazione: controllare e decelerare la respirazione, ad esempio contando. L'idea alla base è quella di calmare il respiro e distogliere l'attenzione da preoccupazioni o paure. Ogni volta che si ha difficoltà ad addormentarsi, bisognerebbe “scansionare” il proprio corpo per individuare eventuali aree di tensione, iniziare contando i respiri, e non appena la mente ritorna a pensieri fastidiosi, riportala a contare il respiro.

• Come si sente il corpo: concentrarsi al fine di percepire consapevolmente dove il corpo tocca le superfici, partendo dalla punta dei piedi fino alla sommità della testa.

• Visualizzazione: pensare a un luogo o a una scena che rappresenta un’oasi di pace e relax totale dove fuggire con tutti i sensi.

• Distrazione immaginativa: consiste nel richiamare un'immagine piacevole e rilassante immediatamente prima di provare ad addormentarsi e visualizzarla in modo molto dettagliato. L'obiettivo è quello di utilizzare la maggior capacità cognitiva possibile per accantonare i pensieri preoccupanti.

• Rilassamento muscolare progressivo: iniziare dalla punta delle dita, contrarre per 10 secondi e poi rilassare di nuovo per altri 30 e procedere progressivamente coinvolgendo diversi gruppi muscolari: dalle mani e braccia al viso, alle spalle, dai glutei alla punta dei piedi.

“Sfatando falsi miti e condividendo accorgimenti e consigli, Emma desidera essere ancora più vicino alle persone per aiutarle a dormire meglio, oltre a fornire prodotti adeguati per un riposo sano e ristoratore. Il team di Ricerca e Sviluppo di Emma ha da sempre a cuore il benessere delle persone e si applica costantemente per raggiungere nuovi obiettivi e creare prodotti che possano rendere il riposo di ciascuno il più salutare e soddisfacente possibile: perché riuscire a vivere un sonno gratificante è il punto di partenza fondamentale per migliorare il proprio stile di vita” - commenta Verena Senn, neuroscienziata ed esperta del sonno di Emma – The Sleep Company.

Tra i prodotti di punta del brand, il pluripremiato Emma® Original è il materasso che garantisce appieno il benessere di chi lo utilizza. Certificato come dispositivo medico e più premiato in Europa, regala un sostegno deciso, sano e confortevole, inoltre favorisce il corretto allineamento della colonna vertebrale, grazie alla combinazione di schiume innovative e la presenza di zone a portanza differenziata. L’adattamento personalizzato offre così un riposo su misura e dona una sensazione di relax ottimale.

 




crediti foto: ufficio stampa

leggi di più