Babbel e il suo glossario di neologismi

di Redazione

La lingua è in costante evoluzione, adattandosi sempre al contesto storico e alla società.
Le lingue di tutto il mondo stanno quindi assistendo alla creazione di neologismi e nuovi trend dovuti alla situazione attuale di pandemia di Coronavirus, che ha portato i governi di (quasi) tutto il mondo a imporre il distanziamento sociale o l'auto-isolamento. Ancora una volta, la lingua segna il ritmo di un mondo in subbuglio.


Gli esperti dell’applicazione per l’apprendimento delle lingue di Babbel hanno selezionato alcuni termini cruciali e trend linguistici per comprendere al meglio l’attuale contesto storico.
Ecco il glossario
On-nomi
L’auto-isolamento e la chiusura di ristoranti e bar non hanno spento la voglia di socializzare. Anzi, la voglia di parlare con amici e parenti sparsi in tutto il mondo davanti a una birra, un cocktail o un bicchiere di vino è più forte che mai. In molti quindi si sono organizzati per fare videochiamate e brindare in compagnia. Per questa occasione, in Giappone hanno coniato l’espressione on-nomi, letteralmente “bere online”, che descrive questa nuova forma di socializzazione ed è ormai un trend sui social media.

Coronials
Dopo i millenials e la generazione Z è ora tempo dei Coronials. Questo termine, in voga sui social network, si riferisce alla generazione che nascerà nei prossimi mesi come conseguenza del distanziamento sociale e, in alcuni paesi, dell’isolamento. Sui social infatti ci si domanda se queste restrizioni e l’assenza di sport in TV porteranno presto ad un aumento delle nascite.

Covidiot o Covidiota

Un’altra espressione coniata online in questo periodo è covidiot, usata in paesi di lingua inglese e tedesca, o covidiota in portoghese, e indica tutti coloro che ignorano l’obbligo di isolamento, ma anche chi saccheggia i supermercati non lasciando niente agli altri.

Quarentena não é férias
Anche in questo caso, sono soprattutto i social media ad aver reso popolare l’espressione quarentena não é férias, letteralmente “la quarantena non è una vacanza”. Si tratta di un invito a rimanere a casa per chi considera la chiusura di scuole e uffici come un'opportunità per andare al parco o in spiaggia e per fare escursioni o feste con gli amici.

Covidengue

A preoccupare l’Argentina non è solo la pandemia di Coronavirus ma anche la Dengue, una malattia infettiva tropicale trasmessa dalle zanzare. In questi giorni è apparsa la notizia, anche se non ancora ufficialmente confermata, di una persona affetta da entrambi i virus. Per questo motivo è stata coniata l’espressione Covidengue.

Dracula cough e Dracula sneeze
I media statunitensi raccomandano di starnutire (sneeze) e tossire (cough) alla Dracula style, ovvero nella piega interna del gomito, imitando il gesto del noto conte Dracula che si copre il viso con il suo mantello.

Hamsterkauf
Nelle ultime settimane, in alcuni casi, i supermercati di tutto il mondo sono stati presi d’assalto. In molti hanno fatto scorte di viveri e altri beni, lasciando gli scaffali vuoti senza farina, pasta e carta igienica. Il termine tedesco “Hamsterkauf” fa riferimento proprio a questo. L’origine di questa parola, che unisce i termini hamster (criceto) e kauf (acquisto), è riconducibile ad una metafora che accomuna chi fa razzie di provviste ai criceti che accumulano cibo per tutto l’inverno, trasportandone in grandi quantità nelle loro guance.



crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

MioDottore e il progetto "consulenza online"

di Redazione

MioDottore, la piattaforma specializzata nella prenotazione online di visite mediche e parte del gruppo DocPlanner, presenta due nuovi prodotti, già testati con successo.
Si tratta della video consulenza online e del sistema di pagamenti online che consentono ai pazienti, in un momento di particolare attenzione, a non congestionare ospedali e a restare a casa, di svolgere dalla propria abitazione le abituali attività legate alla salute personale.

La nuova funzionalità di consulenza online, disponibile per i dottori e centri medici affiliati con profilo premium, lanciato in Italia e in tutti i Paesi dove opera DocPlanner, consente di incontrare via video gli specialisti, sia per un primo consulto sia per appuntamenti di consueto monitoraggio del proprio stato di benessere.

Ma quali visite sarà possibile effettuare con questa modalità? MioDottore può già contare oltre 2.000 medici che hanno incluso questa funzionalità nel loro profilo e 500 visite effettuate da casa nell’ultima settimana con gli specialisti più vari. Non solo psicologici e psicoterapeuti, ma anche oculisti, ginecologici, ortopedici, diabetologi e tutte le categorie presenti sulla piattaforma. Infatti il servizio si presta e si adatta a tutte le esigenze di visite e a tutte le specializzazioni. Il nuovo strumento consente di fissare una video-visita attraverso il marketplace di MioDottore, con la stessa facilità con cui si prenotano gli appuntamenti tradizionali: dalla home page è sufficiente cliccare sul pulsante ”online” e selezionare la specializzazione prescelta.

Appariranno così tutti i professionisti che offrono tale possibilità; a questo punto, utilizzando i filtri, è possibile affinare ulteriormente la ricerca in maniera semplice e veloce, per parametri quali assicurazioni o modalità di pagamento accettate. Una volta che l’utente avrà effettuato il pagamento (anche questo online e diretto al medico o al centro medico selezionato) si è pronti per il consulto attraverso un sistema video integrato alla piattaforma. Se finora nei mercati dove opera DocPlanner l'adozione della video consulenza è stata piuttosto limitata, prediligendo l'interazione di persona, oggi l’attuale situazione sanitaria globale ha cambiato radicalmente l’approccio.

“Siamo molto orgogliosi di poter fornire un valido aiuto nell’attuale contingenza tramite la nuova funzionalità di consulenza online che connette pazienti e specialisti da remoto in breve tempo e in pochi click. La tecnologia di consulenza video di MioDottore nasce per contribuire a garantire la continuità dei servizi sanitari in questi tempi difficili e contestualmente fornisce agli utenti uno strumento per rimanere in contatto con gli esperti di fiducia, offrendo un’esperienza più umana e personalizzata rispetto a chat o chiamate, senza congestionare ulteriormente gli ospedali in questo momento delicato” - commenta Luca Puccioni, CEO di MioDottore.

“Se la sezione ‘Chiedi al Dottore’ è stata pensata per rendere il rapporto tra utenti e medici sempre più diretto, semplificato e umano, la possibilità di abbattere le barriere fisiche ad oggi indispensabili per far fronte all’attuale situazione sanitaria, conferma ulteriormente la volontà di MioDottore di fornire a esperti e pazienti la tecnologia che li può aiutare a proseguire un dialogo costruttivo per mantenere inalterata la routine della salute” - conclude Puccioni.


crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

I consigli di Gianluca Mech per affrontare la quarantena

di Redazione


L’emergenza Coronavirus ci ha portato, per forza di cose, a rimanere a casa. E troppe volte, nell’arco della giornata, scatta la tentazione di avvicinarsi alla dispensa e al frigorifero per uno “spuntino”. Questo, unito alle ore passate seduti o sdraiati sul divano, non aiuta a rimanere in forma.

Per evitare che gli sforzi fatti in palestra o nel seguire una corretta alimentazione vengano vanificati e per non farci trovare impreparati alla prossima prova costume, l’imprenditore e guru di Tisanoreica Gianluca Mech (che stiamo vedendo su Rete 4 nel programma "Ricette all'italiana" e che presto tornerà su La7 con Roberta Capua alla guida de "L'ingrediente perfetto"), svela alcuni consigli che aiuteranno a non ingrassare e ad utilizzare il tempo libero per fare qualcosa di utile.


Eccoli:
1- Cercare di mangiare di meno: utilizzare piatti piccoli può essere di aiuto. 

2- Preferire i cereali integrali con un minor impatto glicemico rispetto a quelli raffinati.

 

3- Sostituire i biscotti con frutta secca come mandorle e noci: sono ricchi di grassi “buoni”, minerali e fibre che hanno anche un effetto saziante.

4- Mangiare molta verdura per un ottimale apporto di fibre.


5- Preferire la frutta di stagione e meno zuccherina per una carica di vitamine e minerali.


6- Quando si ha il desiderio irrefrenabile di mangiare qualcosa, sorseggiare un té o una tisana depurativa: la ritualità e il gesto mantiene la bocca occupata e può aiutare a ridurre la fame nervosa.

 

7- Tenersi impegnati in casa facendo, per esempio, dell’attività fisica in modalità home fitness (30 minuti al giorno): se non si ha voglia, cercare di svolgere tutti quei lavori casalinghi che si rimandano sempre.

8- Talvolta si possono sostituire gli alimenti quotidiani con dei preparati a base di proteine e fibre, ipocalorici ed ipoglucidici, come ad esempio i preparati per bevande Tisanoreica Original, da consumare in qualsiasi momento della giornata (1-2 al giorno), oppure la pasta Tisanoreica Style, per non rinunciare ad uno dei classici della dieta mediterranea, oppure ancora i biscotti CiocoMech per una colazione o uno spuntino gustoso e salutare e che dà un senso di sazietà maggiore.

9- Combattere la ritenzione idrica limitando l’assunzione di cibi ricchi di sale o di zuccheri semplici, come ad esempio gli snack industriali e le bevande gassate.

10- Mantenere una buona idratazione bevendo almeno un litro e mezzo di acqua al giorno.


11- Ripristinare l’equilibrio della flora batterica intestinale, tramite l’assunzione di probiotici, fermenti lattici vivi e yogurt bianco senza zuccheri aggiunti.

12- È molto utile utilizzare estratti erbali specifici, come quelli contenuti nell’integratore alimentare Metabolic Plus, che favorisce il metabolismo dei lipidi e lo stimolo metabolico grazie a caffè verde, arancio amaro, coleus e ad un estratto brevettato ad azione termogenica e drenante. Anche le alghe marine sono un prezioso alleato per supportare il metabolismo, come le alghe kombu e fucus, contenute nello Slim Kombu. Anche il Riducente o Slim Kalor Mech potrebbero essere d’aiuto.


crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Il metodo FlyLady tra i trend di Pinterest di marzo

di Laura Frigerio

In questi giorni in cui non ci è possibile uscire stiamo cogliendo l’occasione per sistemare casa e lo conferma anche Pinterest, che tra i trend di ricerca del mese di marzo in ambito domestico, ha notato che i Pinner stanno iniziando a cercare idee in tal proposito.
E sapete cosa è emerso? Che il metodo FlyLady sta superando quello di Marie Kondo.

Cos’è il metodo FlyLady? Battezzato così da Marla Cilley, ha come filosofia quella di concentrarsi su zone specifiche a intervalli di 15 minuti.

Pensate che ricerche del programma di pulizie FlyLady sono aumentate del 40%, mentre quelle di Marie Kondo sono diminuite dell'80%.

Quali sono le aree di organizzazione più ricercate?
Ecco i dati forniti sempre da Pinterest:
Organizzazione dell’armadio della camera +1242%
Organizzazione dei prodotti del bagno +810%
Organizzazione della dispensa +491%
Organizzazione della scrivania dell’ufficio +473%
Organizzazione degli attrezzi del garage +350%

Una curiosità: i Pinner si dedicano anche allo shopping mentre cercano idee per riordinare la casa. Il 63% dei Pinner ha utilizzato Pinterest durante l’acquisto di prodotti per la casa in un negozio fisico. Invece l’89% ha effettuato un acquisto dopo aver visto contenuti di brand di prodotti per la casa su Pinterest. Inoltre gli utenti di Pinterest hanno il 130% di probabilità in più di acquistare prodotti online rispetto agli utenti dei social media. In termini di shopping per contenitori e prodotti per l’organizzazione più in generale, le ricerche più frequenti includono organizzatori per mobiletti, contenitori per il sotto lavandino e trucchetti per l’organizzazione con oggetti di uso comune come le ceste.


crediti foto: ufficio stampa Pinterest

leggi di più

Citrus & E. Marinella per la Festa del Papà

di Laura Frigerio

La Festa del Papà porta con sé sempre delle belle iniziative, come quella lanciata da CITRUS – l’Orto Italiano (azienda ortofrutticola con sede a Cesena) in collaborazione con il brand fashion E. Marinella.


In che cosa consiste? Per l'occasione il broccolo CITRUS si vestirà ad hoc con una mini cravatta realizzata con le storiche texture E.Marinella che riporta un messaggio dei nostri supereroi preferiti: i papà.

Si tratta di una campagna importante di sensibilizzazione sulla prevenzione maschile dedicata agli uomini di ogni età. Dovete infatti sapere che otto italiani su dieci infatti non si sottopongono a regolari controlli di prevenzione. Pigrizia, pudore, vergogna fanno della salute un grande tabù.

L’iniziativa sostiene il progetto SALUTE AL MASCHILE di Fondazione Umberto Veronesi.
Per ogni broccolo acquistato, parte del ricavato della vendita verrà destinato da CITRUS (www.citrusitalia.it) alla ricerca scientifica sui tumori maschili (http://www.fondazioneveronesi.it).

Ogni mini cravatta è non solo un simpatico oggetto da utilizzare come portachiavi o segnalibro ma si arricchisce e si fa portavoce anche di un messaggio importante: la prevenzione può partire anche dai gesti quotidiani più semplici, come il mettersi a tavola facendo attenzione ai cibi che mangiamo.

Dove potete trovare i broccoli? Nella rete di supermercati e ipermercati di tutta Italia aderenti all’iniziativa.


crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

L'8 marzo celebrato da The Mall Luxury Outlets

di Redazione

The Mall Firenze e The Mall Sanremo hanno intenzione di celebrare la Giornata Internazionale della Donna con due allestimenti speciali.

Dal 6 all’8 marzo, infatti, gli esclusivi Outlet del Lusso si tingeranno del colore del sole, omaggi floreali e ambientazioni suggestive animeranno questa giornata così importante da ricordare, fotografare e condividere.

The Mall Firenze, si trasformerà in un giardino fiorito fatto di colori e profumi, mentre The Mall Sanremo, con la sua altalena immersa tra fiori, permetterà a grandi e piccoli di sentirsi come in un film.
E così fare shopping sarà ancora più piacevole!



crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Un Click per la Scuola: il risultato dell'iniziativa di Amazon

di Redazione

Si è concluso il 29 febbraio la prima edizione di “Un Click per la Scuola”, l’iniziativa di donazione lanciata da Amazon.it lo scorso 28 agosto e dedicata a tutte le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo e di secondo grado del territorio nazionale.

Ad aderire sono state oltre 28.900 scuole ovvero una scuola ogni due sul territorio nazionale.

Amazon ha donato a queste realtà scolastiche un credito virtuale di 1,9 milioni di Euro, pari a una percentuale degli acquisti di prodotti venduti e spediti da Amazon.it, effettuati dai clienti che hanno confermato la partecipazione all’iniziativa sul sito www.unclickperlascuola.it, scegliendo la propria scuola preferita che desideravano supportare, senza nessun costo aggiuntivo per i clienti.

“Siamo molto felici che la nostra iniziativa ‘Un click per la Scuola’ abbia riscosso un grande successo tra studenti, famiglie e istituti scolastici. Sono decine di migliaia le scuole che hanno aderito all’iniziativa e alle quali Amazon ha donato credito virtuale per acquistare prodotti utili all’attività didattica e al miglioramento dell’infrastruttura scolastica” - afferma Giorgio Busnelli, responsabile della categoria Media per Amazon in Italia e in Spagna - “Gli istituti scolastici hanno tempo fino a fine aprile per richiedere quello di cui hanno bisogno scegliendo da un catalogo di oltre 1.000 prodotti. La lunga durata del progetto e l’ampia selezione di prodotti per le scuole sono solo due delle caratteristiche che i nostri clienti hanno apprezzato molto di questa iniziativa, oltre all’esperienza interamente digitale, che ha permesso a tutte le scuole d’Italia di partecipare e ai clienti di scegliere di supportare la propria scuola preferita, a prescindere dalla città in cui si trovano”.

L’istituto Comprensivo “Giuseppe Montezemolo” di Roma è quello che ha ottenuto i maggiori crediti virtuali, seguito da 10 istituti di Milano e hinterland, ad eccezione del sesto posto, ottenuto dall’Istituto Comprensivo di via Acerbi di Pavia.


crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

San Valentino: OpenTable svela le 5 mosse per non rovinare un appuntamento galante

di Laura Frigerio

Per stasera, in occasione di San Valentino, avete in programma una cena romantica?
OpenTable (piattaforma leader nella prenotazione di ristoranti a livello globale) ha individuato i 5 motivi che rischiano di trasformare un incontro da sogno in un appuntamento irrecuperabile.

Spesso si dice che per far breccia nel cuore di qualcuno sia importante “saperlo prendere per la gola”. Lo confermano i due terzi degli abitanti del Bel Paese (67%), che ritengono il ristorante la location ottimale per un primo incontro e una mossa strategica di conquista. Eppure, ci si conosce da poco, dubbi e incertezze sono dietro l’angolo, qualcosa potrebbe anche andare storto.

OpenTable ha chiesto a donne e uomini quali sono le 5 mosse da evitare per evitare di mandare all’aria la serata.


PER LEI
1) Essere scortesi con il cameriere
2) Mangiare con la bocca aperta
3) Utilizzare lo smartphone a tavola
4) Criticare le scelte del proprio cibo
5) Ordinare al proprio posto


PER LUI
1) Utilizzare lo smartphone a tavola
2) Essere scortesi con il cameriere
3) Mangiare con la bocca aperta

4) Non toccar quasi cibo

5) Criticare le scelte del proprio cibo

Avete preso appunti?


crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

San Valentino: secondo MioDottore a stare meglio sono i single

di Laura Frigerio


San Valentino si avvicina e in molti si stanno preparando a festeggiare la giornata più romantica dell’anno con la propria dolce metà. Però MioDottore (piattaforma leader in Italia e nel mondo specializzata nella prenotazione online di visite mediche e parte del gruppo DocPlanner) ci svela che in realtà i single vivono meglio, attraverso l’indagine del dottor Argo Penovi, psicologo che ha trovato dieci benefici di non avere qualcuno al proprio fianco.

Quali sarebbero quindi i dieci motivi per cui si starebbe bene da soli? Eccoli qui:

1. Più tempo per curare il proprio corpo. Quando si è in coppia i momenti da dedicare a palestra e sport diminuiscono necessariamente: si dà più spazio al partner, magari intensificando cene fuori casa e pranzi con parenti. Non stupirà dunque che, mediamente, le persone single risultano più magre di chi è in dolce compagnia.

2. Maggior spazio per le proprie passioni. Se vissuti appieno, gli interessi preferiti necessitano di una quantità notevole di tempo, che si assottiglia drasticamente quando si è in due, proprio perché il vivere in coppia richiede più tempo di qualsiasi altra attività. Inoltre, qualora i partner non condividano le stesse passioni è probabile che seguirle risulti difficile.


3. Più energia per le amicizie. Come per le passioni, l’approfondimento di rapporti amicali necessita cura; anche in questo caso se tra i partner non ci dovesse essere allineamento tra le amicizie, coltivarle diventa complesso.

4. Meno stress per ordine/disordine. Quando si convive con altre persone bisogna inevitabilmente accettare abitudini che non sempre sono congeniali, una delle più frequenti è l’imposizione dell’ordine o del disordine, mentre quando si è single si può organizzare lo spazio domestico a proprio piacimento.

5. Viaggi più rilassati. Un’attività stimolante come la scoperta di nuovi angoli di mondo, può essere fonte di stress qualora i desideri non combacino. Accordare le esigenze di entrambi non è facile e questo rallenta i processi organizzativi riducendo anche la possibilità di partire all’improvviso.

6. Più tempo per sé. Quando si è in coppia si tende a investire tempo ed energie per far piacere al partner più che pensare al proprio benessere.


7. Disponibilità economica più ampia. Le coppie tendono a spendere molto per regali, cene e sorprese, rimanendo con meno soldi per le proprie passioni; i single invece possono organizzare in maniera diversa e autonoma il proprio budget.

8. Zero regole e giustificazioni. I single hanno la possibilità di gestire i propri orari di uscita e rientro a casa e possono essere più sereni e senza sensi di colpa qualora volessero flirtare, anche innocentemente, con qualcuno.


9. Meno litigi. In un rapporto a due, le discussioni, più o meno ricorrenti, sono normali, tale problematica invece non stressa i single.

10. Impegnarsi in un progetto. Maggior tempo e libertà garantiscono la possibilità di impegnarsi in un’idea o un obiettivo specifico che possa dare soddisfazione personale.

I benefici dell’essere single cambiano naturalmente in base all’età. Scopriamo qualcosa in più in merito.

SINGLE A 20 ANNI
Non essere in coppia e dunque avere più tempo da dedicare al proprio percorso di studi, allo sport e alla carriera è senza dubbio uno dei vantaggi più significativi della singletudine in questa fascia d’età. Molti tra coloro che non hanno avuto relazioni amorose per lunghi periodi tra i 20 e i 30 anni, spesso oggi ricoprono posizioni lavorative di maggiore prestigio. Questo perché ogni relazione amorosa richiede una quantità di energie, denaro e compromessi che non possono essere incanalati nella costruzione di progetti privati.
L’assenza di un partner fisso durante questo periodo di vita non necessariamente stimola la sperimentazione sessuale, in quanto sono soprattutto il tessuto sociale e l’ambiente culturale a giocare un ruolo chiave. Infatti ragazzi e ragazze (indipendentemente dal genere, che non è un indicatore di comportamento) qui strutturano personalità e convinzioni. Ad esempio, se un giovane cresce in un ambiente disinibito dove il rapporto sessuale è normalizzato, è più probabile che sia predisposto alla sperimentazione, al contrario chi vive dove l’idea primaria è desiderare una relazione stabile, è probabile che lo sia molto meno.

SINGLE TRA I 30 E I 40 ANNI

I trentenni di oggi sono molto differenti rispetto a quelli di 10 anni fa perché la società è cambiata molto, sia per il protrarsi della fase adolescenziale sia per il prolungarsi del percorso di studi necessario a diventare professionisti affermati. Infine, l’attuale situazione economica non ha permesso a tutti di essere indipendenti e avere un’abitazione altra dalla famiglia di origine. Molti di loro, dovendo rimanere a casa dei genitori, non si pongono l’obiettivo primario di costruire una famiglia propria, ma preferiscono investire in hobby e svaghi.
Tale situazione genera una seconda adolescenza priva dei difetti della precedente (dove molte insicurezze sono state affrontate, si ha denaro per propri piaceri e la libertà di un adulto) portando a preferire l’indipendenza rispetto alla creazione di un’unione consolidata. Anche a livello sessuale, i trentenni single dei nostri giorni sono più attivi e disinibiti rispetto ai coetanei di 10 anni fa: per attitudine adolescenziale, potere economico e per le nuove tecnologie e app di incontri che facilitano l’avvicinamento a più partner.

SINGLE A 40 ANNI
Si potrebbe pensare che la non creazione di un nucleo familiare sia una sorta di “progetto mancato”, ma questo può essere fonte di malessere solo per chi lo desidera e non ha ancora avuto modo di raggiungerlo. In realtà, secondo l’esperto di MioDottore, sono sempre di più gli italiani che preferiscono uno stile di vita votato alla libertà individuale. Per loro la decade tra i 40 e i 50 anni è il momento perfetto: infatti chi aspirava ad essere un professionista in ambito lavorativo ha avuto modo di diventarlo, i guadagni economici sono cospicui, la maturazione psicologica è raggiunta e la sessualità può essere libera e senza compromessi.


SINGLE A 50 ANNI
La principale differenza riscontrabile nei cinquantenni è tra chi vive questa età da single senza figli e chi con prole al seguito e magari nipoti. L’aspetto positivo dell’essere single senza ragazzi in questo periodo della vita si traduce con l’avere meno preoccupazioni e scontri generazionali, oltre a non sentirsi “prigionieri” di quella che nel corso degli anni può essersi trasformata in una famiglia disfunzionale. Diversamente, chi è single ma con figli e magari nipoti, può godersi l’affetto dei propri cari (che ha sempre enormi benefici dal punto di vista emotivo, soprattutto quando ci sono nipotini) ma senza condividere gli spazi e i tempi di una famiglia da gestire in prima persona.



crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

San Valentino: idee regalo by Cheerz

di Laura Frigerio

I momenti più belli della nostra vita vengono spesso immortalati da delle foto, compresi quelli romantici. E così, per il San Valentino 2020, Cheerz ha decido di far spazio a quelle foto segrete, nascoste, scambiate in privato, quelle che a loro modo dicono il "ti amo" più sincero.

E per farlo ha lanciato un nuovo prodotto, la Very Little Box: una stupenda box per conservare tutti i momenti più preziosi del quotidiano.


VERY LITTLE BOX
La grande novità Contiene da 30 a 70 mini stampe (5,9 x 8,9 cm)
Layout delle stampe a scelta: a cuore, vintage, terracotta
(A partire da 13 €)

FOTOLIBRO

Da 26 a 96 pagine 100% personalizzabili
Dalla copertina ai layout delle pagine
(A partire da 24 €)

STAMPE SU TELA VINTAGE
Stampa su tela con una piccola frase personalizzata
4 formati a scelta
(A partire da 26 € )

CALAMITE A CUORE
Confezione da 10 calamite personalizzate
A forma di cuore (7 x 7 cm)

(A partire da 20 €)

crediti foto: ufficio stampa

leggi di più