Trovare il proprio stile con Pinterest

di Redazione

La moda e lo stile sono concetti senza tempo. Sono ormai lontani i tempi in cui la moda era una passione solo ed esclusivamente dei giovani.
Adesso, sono l’individualità e l’autenticità a prevalere nelle scelte di bellezza e di moda. Sempre più donne e uomini appartenenti a diverse generazioni desiderano godersi appieno la vita e a dedicare del tempo a sé stessi e ad esprimersi attraverso uno stile unico.  


Ora Pinterest svela le ricerche più frequenti in ambito moda che ispirano le diverse generazioni - dai ventenni e trentenni, ai quarantenni e cinquantenni. In Italia, Pinterest ha riscontrato che, indipendentemente dall'età, i Pinner si rivolgono alla piattaforma per trovare ispirazioni per vari momenti della propria vita e per trasformare le idee in realtà.    È interessante notare che, nonostante le differenze di età, gli insight di Pinterest dimostrano come tra le fasce ci siano più elementi comuni che differenze. È altrettanto chiaro che sono le tendenze di stagione ad accomunare i Pinner italiani: Pinterest ha rilevato delle macro aree di ricerca molto simili tra i diversi segmenti di pubblico, anche se con varianti leggermente differenti, a dimostrazione di come lo stile non conosca età.

UNCINETTO, CHE PASSIONE
Che sia fai-da-te o prêt-à-porter, gli utenti di Pinterest di tutte le età hanno dimostrato grande interesse per i capi crochet - o realizzati all’uncinetto. Tuttavia, a seconda dell’età, variano i capi e gli stili preferiti: sulla piattaforma, le ricerche per top crochet sono in aumento di 3 volte per la categoria dei ventenni, mentre schemi per canotta uncinetto sono in aumento di 4 volte per i quarantenni. Gli accessori, invece, sembrano mettere d’accordo tutti: le ricerche per gioielli realizzati all'uncinetto sono aumentate di 3 volte per i ventenni e trentenni e duplicate per la fascia dei quaranta e cinquant’anni, così come le ricerche per borsetta all'uncinetto, in aumento di 6 volte per la fascia dei trenta e pochette all'uncinetto, in aumento di 2 volte per la fascia dei quaranta.
Anche le gonne all’uncinetto sono una tendenza per tutte le generazioni in Italia: sono aumentate di 7 volte per i Pinner ventenni e di 6 per i trentenni e quarantenni. La fascia dei cinquantenni, invece, ricerca più frequentemente gli schemi bikini all'uncinetto tutorial, come dimostrano le ricerche in aumento di 3 volte, che fa pensare che anche i più adulti si siano rivolti a Pinterest per ricreare il trend del crochet.

LOOK CLASSICI E COMODI

A prescindere dall’età, sempre più persone si rivolgono a Pinterest per idee su come vestirsi al meglio per questa stagione. I maxi abiti lunghi sono stati i protagonisti dell’estate 2021, con un aumento delle ricerche di 8 volte per la fascia dei venti, di 9 volte per quella dei trenta e dei quaranta e fino a 10 volte per la fascia dei cinquanta. Altri trend classici della stagione includono: camicie bianche oversize e biker shorts (ricerche in aumento rispettivamente di 4 e 3 volte per i Pinner ventenni), gonne lunghe outfit e pantaloni larghi outfit (entrambi in aumento di 2 volte per i Pinner trentenni), pantaloni bianchi (in aumento di 2 volte per i Pinner quarantenni) e vestiti lunghi più in generale (con ricerche addirittura quintuplicate per i Pinner cinquantenni).

IL RITORNO DEGLI ABITI DA SERA

Appena le restrizioni sono state allentate, molti italiani hanno colto l’occasione per ricominciare a vivere con un po’ più di libertà, soprattutta la sera, sia che si trattasse di una cena in compagnia, o di un drink con amici. L’opportunità di uscire la sera attira tutti, senza distinzione d’età, ciò che varia, piuttosto, sono le scelte di stile per questo tipo di occasione. Se da una parte, i ventenni e i trentenni hanno ricercato idee per abiti luccicanti, in aumento di 6 volte, e abiti da sera in aumento di 3 volte, la fascia dei cinquanta, ha registrato un aumento di 2 volte per abiti eleganti, classici e chic.

FAI-DA-TE
Dato che Pinterest è il luogo ideale per trovare l’ispirazione per il fai-da-te, non è sorprendente che le varie generazioni si siano rivolte alla piattaforma per cercare idee per creare i propri progetti DIY. In Italia, Pinterest ha riscontrato che gli utenti più giovani si sono concentrati su creazioni più semplici, come dimostrano le ricerche per anelli fai da te in aumento fino a 7 volte, mentre i più grandi si sono dilettati in progetti ben più complessi, come dimostrano le ricerche per idee vestiti fai da te in aumento di 3 volte per la fascia d’età dei trentenni, idee vestiti fai da te e tutorial vestito cucito, in aumento rispettivamente di 3 e 2 volte per la fascia d’età dei cinquantenni.


GLI UOMINI SU PINTEREST HANNO IL PROPRIO STILE
Non sono solo le donne a rivolgersi a Pinterest per idee di stile, bensì anche gli uomini, soprattutto tra i 20 e 40 anni. Per l’uomo prevale decisamente il trend vintage, con ricerche per abbigliamento uomo vintage in aumento di 3 volte, sia per i ventenni che per i trentenni, e di 2 volte per i quarantenni, a dimostrazione di come anche il pubblico maschile desideri stare al passo con le mode. Gli uomini di venti e trent’anni si stanno rivolgendo alla piattaforma anche per idee per outfit estivi uomo, in aumento rispettivamente di 3 e 4 volte, e stili eleganti e casual, in aumento rispettivamente di 7 e 8 volte.









crediti foto: Pinterest Style Photo

leggi di più

Avon per la prevenzione del tumore al seno

di Redazione

Avon, azienda leader mondiale nel settore beauty nel canale della vendita diretta di prodotti cosmetici, parte del Gruppo Natura &Co, da sempre si impegna ad aiutare le donne a conquistare il loro potere e a migliorare la loro vita, sostenendo concretamene le cause femminili, tra cui la prevenzione e la lotta contro il tumore al seno.


Per celebrare 135 anni di successi nel mondo della bellezza e del grande supporto nei confronti delle donne, Avon donerà 1,35 milioni di dollari che si aggiungono agli 1,1 miliardi di dollari raccolti e donati da Avon e dalla Fondazione Avon per le Donne nel corso degli anni, impegnandosi nuovamente a contribuire ed arricchire le cause che più interessano le donne di tutto il mondo. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), nel 2020 è stato diagnosticato il cancro al seno a 2,3 milioni di donne nel mondo, mentre i decessi sono stati 685.000. Alla fine del 2020 è stato calcolato che 7,8 milioni di donne nel mondo convivevano con il cancro al seno dopo aver ricevuto una diagnosi nei precedenti cinque anni.

Purtroppo, la pandemia ha ritardato screening, diagnosi ed interventi causando conseguenze preoccupanti nei malati oncologici. Si conta infatti un calo delle visite di screening in Italia pari al 37,6%. Ciò ha reso urgente più che mai la necessità di garantire che tutti conoscano i rischi, i segnali per prevenire il cancro al seno e quando chiedere aiuto. Anche quest’anno, Avon collabora con partner autorevoli che da anni sono impegnati in prima linea in importanti progetti nel campo della ricerca e della prevenzione come Fondazione Humanitas per la Ricerca, La Forza e Il Sorriso, Europa Donna Italia e 1Caffè Onlus. Avon inoltre raccoglie fondi attraverso i prodotti Nastrino della Solidarietà, presenti sui Cataloghi Avon e sulla piattaforma digitale www.avon.it .

Ad Ottobre, in occasione del mese della prevenzione per il tumore al seno, un appuntamento ormai imperdibile per ricordare a tutte le donne l'importanza della prevenzione, oltre ai prodotti Nastrino della Solidarietà tra cui compare l’iconica Spilla Promise Enamel (3,99 €) e una pratica Tazza da Viaggio con coperchio in silicone ( 7,99 € - 500 ml), un’intera sezione di prodotti beauty presenti nel catalogo di Ottobre sarà dedicata interamente alla beneficenza. Parte del ricavato di questi prodotti specifici verrà infatti devoluto a supporto di associazioni benefiche a livello locale e nazionale che sostengono la lotta contro il tumore al seno.

Nel mondo, Avon e la Fondazione Avon per le Donne hanno donato 1,1 miliardi di dollari per il cancro al seno e finanziato lo screening sanitario al seno per più di 20 milioni di donne, dandosi come obiettivo di educare e raggiungere 100 milioni di donne sulla malattia ogni anno. Solo nel 2020 Avon ha donato 4,2 milioni di dollari a livello globale per sostenere l'educazione sul cancro al seno attraverso donazioni, campagne educative e altri eventi di sensibilizzazione; ha aiutato 300.000 persone grazie ai finanziamenti delle ONG che sostengono la ricerca e la lotta contro il tumore al seno e ha venduto oltre 18 milioni di prodotti i cui profitti sono destinati a questa importante causa sociale. Questi importanti traguardi, raggiunti a livello mondiale, sono stati possibili grazie al sostegno di donatori, dei Consulenti Avon e dei clienti.

“Crediamo che un mondo migliore per le donne sia un mondo migliore per tutti. Avon da sempre ha a cuore la tutela delle donne con particolare attenzione ai programmi che migliorano la loro vita e quella delle loro famiglie. Grazie ai progetti benefici che Avon sostiene ogni anno in collaborazione con le Onlus di tutto il mondo, siamo in grado di informare milioni di donne su prevenzione e segnali, perché le diagnosi precoci permettono di salvare vite umane e vogliamo, attraverso il nostro impegno sociale, che sempre più donne sappiano come agire per non sentirsi mai sole” – commenta Alessandro Mirandola, General Manager di Avon Italia.












crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Remise en forme post-vacanze: i cibi consigliati da MioDottore

di Redazione

Al rientro dalle vacanze e con la ripresa della quotidianità, spesso nasce anche il desiderio di rimettersi in forma, seguire un’alimentazione più equilibrata rispetto a quella che ci si è concessi in ferie e impostare attività sportive salutari.
Può capitare però che l’entusiasmo si esaurisca presto oppure che al contrario si tenda a esagerare optando per soluzioni drastiche. Come trovare dunque un giusto equilibrio per iniziare il nuovo anno accademico conciliando menu sani e attività fitness adeguate?
MioDottore (piattaforma leader nella prenotazione online di visite mediche e parte del gruppo Docplanner) ha coinvolto due dei suoi esperti, la Dottoressa Lucia Costucci, nutrizionista, e il Dottor Riccardo Gambugini, fisioterapista, per fornire utili suggerimenti in merito e ripartire in maniera armonica e senza stress.

I “MAGNIFICI 7”, CIBI DETOX
Secondo la Dottoressa Costucci, spesso accade che alla fine dell’estate ci si senta in colpa per gli sgarri commessi a tavola in ferie e si percepisca l’urgenza di correre ai ripari. Importante sottolineare che non sono da escludere a priori gli approcci drastici (come un digiuno intermittente, una dieta chetogenica spinta, un menu crudista, un periodo di centrifughe e estratti) ma solo se si è sani, consapevoli e preparati sulle tematiche nutrizionali, se gli esami clinici sono perfettamente nei range dati e solo se seguiti da professionisti. Nella maggior parte dei casi è invece fondamentale approcciarsi in maniera ponderata e non impulsiva, tenendo in considerazioni molteplici aspetti psico-fisici, facendosi comunque sempre supportare da uno specialista.

Nello specifico, commenta l’esperta: “È importante mettersi nell’ottica di diventare più responsabili nel porre in atto comportamenti e scelte nutrizionali specifiche per la nostra peculiare condizione, considerando la predisposizione genetica, il livello di stress a cui si è esposti, l’età, l’assunzione di farmaci, integratori e terapie ormonali. Non si deve scordare anche l’inquinamento tossinico presente nell’organismo, esso deriva dalla interazione delle tossine accumulate provenienti dall’ambiente esterno e quelle prodotte come risultante dei processi metabolici. Quando si vuole tornare in forma è necessario avere un punto di vista a 360 gradi, basti pensare che anche le emozioni potenzianti o depotenzianti influiscono costantemente sulla qualità di pensieri e comportamenti, determinando la costanza personale”.

Partendo dalla tavola, esistono però alcuni alimenti e bevande che più di altri possono supportare la remise en forme settembrina. Nello specifico, la dietologa di MioDottore stila una top 7:
1) Tè verde: è ricco di vitamina C, sostanze drenanti, alcalinizzanti e minerali per combattere osteoporosi, debolezza ossea, radicali liberi, colesterolo e problematiche cardiovascolari secondarie.
2) Alghe (in polvere o in compresse): sono un concentrato poco calorico di minerali, vitamine e non solo. In particolare, le alghe Hijiki regolano la pressione sanguigna e contrastano la fragilità dei capelli, mentre le Dulse stimolano la resistenza allo stress.
3) Germogli e semi: identificabili come “super food”, aiutano l’intestino a funzionare bene anche al ritorno dalle vacanze e fungono da detox naturale.
4) Cipolla (acqua di cipolla o cipolla rosolata): svolge un’efficace azione drenante e diuretica, oltre che antinfiammatoria.
5) Acqua di cicoria: è drenante e diuretica, perfetta se bevuta di mattina o quando serve un’azione di intenso drenaggio.
6) Centrifugato di cavolo cappuccio: è un rimedio ideale per le difficoltà digestive.
7) Quinoa: fa parte dei cereali proteici a basso indice glicemico, è priva di glutine e vanta un elevato valore biologico, dunque da preferire al posto di altri cereali e della pasta.

Parallelamente, per rendere realmente efficaci questi alleati food, è importante evitare alcuni prodotti: si consiglia di ridurre drasticamente il caffè, il tè nero e le bevande eccitanti. L’obiettivo è quello di limitare l’acidosi latente presente quasi costantemente nel corpo di ogni adulto, motore di una condizione chiamata “infiammazione cronica latente”. Ma non solo, è bene moderare anche le solanacee, ovvero un gruppo di sostanze altamente indesiderate per chi vuole rimettersi in forma velocemente perché aumentano il livello di tossine presenti nell’organismo, si tratta di: patate, pomodori e derivati, melanzane, peperoncino, peperoni di ogni tipo e tabacco.

ATTIVITA’ SPORTIVA: PROCEDERE CON GRADUALITA’ E SEGUIRE IL “MODELLO DI CARICO”
Secondo il Dottor Riccardo Gambugini, per una corretta routine di ben-essere, sia per gli sportivi amatoriali sia per chi si appresta per la prima volta ad attività fitness è bene tenere a mente il “modello di carico” e spiega: “Ogni volta che si riprende una qualsiasi attività fisica dopo un lungo periodo di stop è sempre consigliabile procedere con gradualità rispettando quello che, in riabilitazione e nel mondo dell’allenamento, viene chiamato ‘modello di carico e capacità di carico’: qualsiasi struttura anatomica e il corpo in generale hanno una determinata capacità di sopportare (capacità di carico) gli input esterni imposti (carico) come ad esempio l’allenamento. Dopo un tempo di pausa, la capacità di carico si riduce perché il fisico non viene più stimolato come prima, pertanto nel momento in cui si riprende l’attività fisica si deve necessariamente rispettare il corpo allo stato attuale e non ri-iniziare da dove si è lasciato mesi fa, dunque trovare una nuova baseline e aumentare gradualmente (frequenza e durata delle sessioni e carichi utilizzati). Tale approccio è sempre funzionale, ma soprattutto per le attività ripetitive come la corsa e le serie in palestra, che se eseguite scorrettamente espongono maggiormente al rischio di infortuni”.

COME SPRONARE CHI FA POCO MOVIMENTO
Per chi tendenzialmente è poco incline al mondo sportivo, talvolta sono necessari dei piccoli incentivi motivazionali che aiutino a seguire una sana routine di movimento. Ricordando che non esiste l’attività o l’esercizio perfetto, ma che ciascuno deve trovare ciò che è più adatto per sé, il fisioterapista di MioDottore suggerisce: “L’ideale sarebbe optare per un’attività che faccia piacere eseguire e che sia facilmente accessibile, per evitare rapidi scoraggiamenti. Ad esempio cominciare con 30 minuti di passeggiata quotidiana o con esercizi a casa, meglio se consigliati da uno specialista per assicurarsi siano adatti alla persona e siano ben eseguiti. Per chi ama nuotare, il movimento in acqua è perfetto per lavorare in maniera globale sul fisico. In alternativa, si può inserire nella propria quotidianità 15-20 minuti di stretching e di mobilità totale, preferibilmente al mattino per partire con la giusta carica. A prescindere dalla scelta di ognuno, gli errori più comuni post ferie sono sicuramente la fretta, eccedere nelle sessioni di allenamento settimanali e pretendere risultati immediati; il non ascoltare il proprio corpo e il ‘fai da te’: è invece fondamentale avere pazienza e affidarsi sempre a figure qualificate del settore”.

Per ricevere consigli relativi ad alimentazione e fitness, ma non solo, MioDottore mette a disposizione degli utenti la funzionalità di consulenza online, con circa 7.000 esperti disponibili. Nato per far fronte alle esigenze sorte con l’emergenza sanitaria, il progetto consente di incontrare via video gli specialisti della piattaforma, sia che si tratti di un primo colloquio o di appuntamenti di consueto monitoraggio del proprio benessere. Inoltre all’interno del sito, tramite la sezione “Chiedi al dottore”, è possibile rivolgere le proprie domande su dubbi e preoccupazioni ai medici della piattaforma, ricevendo un riscontro professionale entro un massimo di 48 ore.









crediti foto: Adobe Stock

leggi di più

Giornata Internazionale del Cane: Wiko svela come realizzare scatti dei nostri amici a favore di like

di Redazione

Oggi, 26 agosto, è la Giornata Internazionale del Cane e per l’occasione il brand di telefonia Wiko ha deciso di svelarvi come scattare foto attira-like con il vostro amato pelosetto.

Per questo ha chiesto il supporto delle influencer e dog-lover Sabrina Musco (@sabrinamusco su Instagram) e Maria Giovanna Abagnale (@myglamourattitude su Instagram) che hanno reso i propri adorati amici a 4 zampe Ice (splendido husky) e Ares (adorabile chihuahua) veri e propri cani-influencer amati da tutta la rete. Un husky e un chihuahua che portano a due modi di scattare ben diversi tra di loro, sia per la loro taglia e sia per il loro differente temperamento.

Il segreto che mette tutti d’accordo? Munirsi di un premio goloso, per “corrompere” anche il cane più agitato. Basta poi armarsi di tanta pazienza, assicurarsi che gli animali siano tranquilli e felici e seguire questi semplici consigli. Secondo Sabrina, proprietaria di Ice (husky), basta il comando “siedi” per garantire che il cucciolo, se abbastanza obbediente, rimanga fermo sufficientemente a lungo da consentire di fotografarlo, in perfetta posa da star. Ma ammette che, alla fine, premiare la buona condotta sia d’obbligo. Sebbene il vispo Ice sia difficile da corrompere con i croccantini, per esempio, un pezzetto del suo cibo preferito (la bresaola) di solito permette di ottenere gli effetti sperati! Il momento perfetto però, ricorda Sabrina, si raggiunge dopo almeno un paio di corse al parco, quando il cane si è calmato e non è più irrequieto.
Bisogna prima di tutto assecondare i loro bisogni e la loro natura. E su questo è d’accordo anche Maria Giovanna, che per immortalare Ares (chihuahua) e assicurarsi che sia tranquillo usa i suoi giochini preferiti, opportunamente posizionati vicino l’obiettivo, in modo che il pelosetto guardi perfettamente in camera! Ma spesso il giochino viene sostituito anche dai suoi snack favoriti. I nostri fedeli amici, si sa, sono dei gran golosoni e sarà divertente “sfruttare” questi piccoli accorgimenti per catturare la loro espressione languida e gli occhi che luccicano – per dei primi piani con sguardo fisso all’obiettivo…più o meno.

Ma quali sono le prospettive e le pose migliori per foto instagrammabili e a prova di like e interazione? Per scattare foto ad Ares, Maria Giovanna predilige una prospettiva frontale o zenitale (quando il cane è supinò). Non è un caso infatti che per questo chihuahua le foto acchiappa like siano proprio quelle scattate in primo piano o dall’alto in situazioni buffe o molto dolci, come ad esempio quando dorme a pancia all’aria. Per Sabrina invece la prospettiva ideale per immortalare Ice è quando il pelosetto è seduto accanto a lei, il modo più semplice per “convincerlo” a fare una foto insieme. Ma le inquadrature migliori, anche per Sabrina, si ottengono con i primi piani. Soprattutto nel caso degli Husky: si riescono a cogliere le loro espressioni più divertenti e simpatiche!
Gli sfondi a contrasto mettono d’accordo sia l’husky che il chihuahua: fanno risaltare il loro manto e la loro figura. Ad esempio Ares, essendo molto chiaro, viene molto bene in foto che lo ritraggono con sfondi colorati come prati verdi o al mare. Ice offre scatti perfetti con i contrasti cromatici offerti da ambienti dove la luce è naturale e il paesaggio è coerente con la sua razza, come ad esempio la neve o i boschi! È però d’obbligo ricordare che, in caso di shooting all’interno, non va utilizzato il flash per evitare di disturbare con eccessiva luce i nostri amici pelosetti.

Completini sì o completini no? Dipende dal carattere del cane! Il chihuahua Ares non disdegna e la sua padrona Maria Giovanna li consiglia soprattutto su cani di piccola taglia anche se, sottolinea, la cosa più importante resta naturalmente il soggetto. Mentre l’husky Ice ritiene completini e accessori a favore di scatto una vera tortura e quindi la sua padrona Sabrina non glieli propone mai.

E in vacanza, come creare il perfetto scatto ricordo con il proprio cane? Per le due influencer già portare il proprio cane con sé in vacanza è sinonimo di “perfetto”, poiché non c’è cosa più bella di condividere un momento di spensieratezza e relax insieme al proprio amico a 4 zampe. Ed è proprio qui che bisogna tenere sempre a portata di mano lo smartphone, per non lasciarsi sfuggire i momenti più belli, al mare o in montagna, mentre il nostro amico esplora il mondo e scopre sempre nuove cose. Catturare la loro attenzione sarà quasi impossibile, ma non c’è niente di meglio che uno scatto spontaneo per rubarci un sorriso o, a volte, una grassa risata!








crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Diletta Leotta sul nuovo Postalmarket

di Laura Frigerio

Prima di Amazon e degli acquisti online c’era Postalmarket, catalogo dei desideri in cui ci si immergeva per scegliere i capi e i prodotti da acquistare e far recapitare direttamente a casa.

Ora Postalmarket, dopo anni di assenza, è pronto a tornare in autunno in una forma rinnovata e, in contemporanea, sarà attivo anche l’e-commerce dedicato.

Però a una tradizione non si è voluta rinunciare: alla copertina dedicata a una vip. In passato Postalmarket ha avuto in cover i volti di Ornella Muti, Romina Power, Carla Bruni, Cindy Crawford e Claudia Schiffer (solo per fare qualche esempio), mentre ora per la sua ripartenza ha scelto quello della regina del calcio in tv ovvero Diletta Leotta.

Cosa troverete al suo interno? Non più una mera raccolta di prodotti, ma un vero e proprio magazine da sfogliare dove sarà presente anche la recente tecnologia della realtà aumentata, grazie ad un’apposita app che sta programmando la startup No-Gravity.

Il catalogo sarà a supporto di un e-commerce di ultima generazione progettato da Storeden, che conterrà migliaia di altri prodotti che, per ovvie ragioni, non potranno trovare posto nelle 368 pagine che finiranno nelle edicole. Per rispondere alle richieste dei fan, che sui social network hanno iniziato il countdown per poter toccare con mano il nuovo catalogo, è stato deciso di lanciare un “early bird” con la possibilità di pre-ordinare una copia cartacea di Postalmarket da ricevere a casa senza spese di spedizione.

Questa la promozione: pagando 6,9 euro (invece di 9,9 euro, prezzo in edicola) si riceve il catalogo a casa assieme ad un voucher da 10 euro da utilizzare per il primo acquisto.

“Abbiamo deciso di ripercorrere la promozione che animava il catalogo qualche decennio fa” - dicono dall’azienda - “A chi comprava il catalogo veniva restituito l’intero valore al primo acquisto: noi abbiamo voluto fare qualcosa in più per i nostri fedelissimi, per la prima volta restituiremo un prezzo superiore a chi si aggiudicherà in preordine il catalogo”.

La versione cartacea accoglierà una selezione accurata di prodotti degli oltre 150 marchi italiani divisi in sei categorie: abbigliamento donna/uomo e accessori, intimo, casa, salute e bellezza, cibo e bevande, tempo libero.

Ma il catalogo sarà anche ricco di contenuti giornalistici con firme autorevoli, curiosità e consigli sullo shopping: anche questa è una novità assoluta, segno del tempo.

La filosofia del team che rappresenta Postalmarket è chiara, non basta infatti solo la vetrina dei prodotti, serve affiancarla all’autorevolezza del racconto sui trend del momento per spiegare al consumatore le tendenze.

“Per questa prima edizione è stato scelto il filone conduttore della rinascita” - concludono dalla società proprietaria del marchio - “La storia italiana di Postalmarket si identifica con l’italianità e quindi saranno presenti solo ed esclusivamente aziende italiane e che rappresentano perfettamente l’identità del nostro territorio, che sta lavorando in questi mesi per rinascere e ritornare alla normalità. Postalmarket aveva creato Amazon prima che Amazon nascesse. Una storia che da questo autunno ricomincerà contribuendo alla rinascita italiana”.









crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

MioDottore: i consigli per trasformare la spiaggia in una beauty farm

di Redazione

L’avvicinarsi delle tanto attese vacanze fa spesso pensare a piacevoli giornate da trascorrere in spiaggia per rigenerare corpo e mente. Sebbene sia risaputo che mare, sabbia e sole abbiano un effetto benefico a livello fisico e psicologico, non sempre ci si ricorda che questi elementi naturali possono essere preziosi alleati di bellezza. Ma come fanno le acque marine, i raggi solari e la sabbia a influire sull’aspetto estetico?

MioDottore (piattaforma leader nella prenotazione online di visite mediche e parte del gruppo Docplanner) ha coinvolto uno dei suoi esperti, il Dottor Marco Marconi, dermatologo, per approfondire la tematica e condividere 10 regole auree per trasformare le giornate al lido in una sessione di spa e prolungarne gli effetti positivi anche al rientro a casa.

LA PROTAGONISTA IN SPIAGGIA È LA PELLE
In base alle indicazioni dell’esperto della piattaforma, il mare è un alleato speciale della bellezza in quanto contribuisce al rinnovamento cellulare, infatti lo specialista commenta: “Grazie alle proprietà delle sue acque consente un ricambio degli strati più superficiali dell’epidermide, determinando idratazione della cute. In primis quindi ne beneficia la pelle, ma non solo: anche articolazioni e circolazione delle gambe. Mentre il sole, fautore della tintarella che spesso rende più affascinanti e regala una percezione di sé più piacevole, è anche il fattore primario che consente di fare scorta di vitamina D, prezioso elemento che contribuisce al ringiovanimento e all’aumento delle attività anti ossidanti del corpo. A ringraziare per i benefici dell’esposizione ai caldi raggi, ci sono anche ossa e apparato scheletrico e ovviamente l’umore. Infine, la sabbia è un potente scrub naturale che leviga la cute rendendola più liscia e gradevole”.

LE 10 COSE DA FARE PER TRASFORMARE LA PERMANENZA IN SPIAGGIA IN UN PERCORSO BEAUTY COMPLETO
Grazie al supporto dell’esperto, MioDottore ha stilato una top 10 di azioni pratiche che si possono fare in spiaggia in maniera semplice, naturale e anche divertente per migliorare il proprio aspetto estetico, proprio come se ci si trovasse in una spa.
1. Insabbiature: un vero toccasana per la pelle.
2. Passeggiate in acqua: ideali per tonificare la muscolatura.
3. Camminate sul bagnasciuga: perfette per migliorare la circolazione.
4. Coccole di crema: è bene applicare adeguatamente il prodotto solare per avere una pelle bella e protetta.
5. Non solo acqua di mare: è importante idratarsi costantemente bevendo due litri di acqua al giorno, per migliorare il proprio organismo e avere una pelle sana.
6. Mai dimenticare i capelli: è fondamentale proteggere anche la chioma e utilizzare spray solare per evitarne il danneggiamento.
7. Scrub con sabbia e acqua di mare: combinati insieme, questi due elementi combattono le callosità di mani e piedi.
8. Pausa ombra: se ci si ritaglia dei momenti per riposare lontano dai raggi solari e indossare cappelli, i danni da uv e le macchie solari saranno limitati.
9. Idratazione per la pelle: dopo la giornata di sole è basilare utilizzare prodotti che nutrano l’epidermide.
10. Doposole come miglior amico: è indispensabile per consentire alla pelle di migliorare nell’aspetto e al tempo stesso per combattere l’azione sfavorevole dei raggi uv.

COSA FARE UNA VOLTA TORNATE A CASA
È possibile prolungare gli effetti benefici che mare e sole hanno regalato in vacanza anche quando si rientra dalle vacanze mettendo in pratica alcune azioni semplici, ma particolarmente efficaci. Innanzitutto, per mantenere la pelle ben idratata è importante utilizzare costantemente creme idratanti e oli detergenti specifici, prestando attenzione a prodotti non aggressivi e non schiumogeni. In particolare per il viso, per preservare l’abbronzatura più a lungo, si possono applicare maschere a base di avocado e camomilla. Infine, è bene non dimenticare di curare anche la chioma, utilizzando shampoo delicati, e i piedi, da trattare con impacchi idratanti per evitare il ritorno di callosità.
Per essere più belli, oltre che in salute, è buona norma al rientro dalle ferie prestare un’attenzione particolare anche all’alimentazione. Nello specifico, per mantenere i benefici del sole, è importante organizzare menu ricchi di verdure, frutta e fibre. Infine, è cruciale non abbandonare l’esercizio fisico costante, anche se leggero.

Per ottenere consigli relativi ai benefici di mare, sabbia e sole per il benessere e la bellezza della propria pelle, ma non solo, MioDottore mette a disposizione degli utenti la funzionalità di consulenza online, con circa 7.000 esperti disponibili. Nato per far fronte alle esigenze sorte con l’emergenza sanitaria, il progetto consente di incontrare via video gli specialisti della piattaforma, sia che si tratti di un primo colloquio o di appuntamenti di consueto monitoraggio del proprio benessere. Inoltre all’interno del sito, tramite la sezione “Chiedi al dottore”, è possibile rivolgere le proprie domande su dubbi e preoccupazioni ai medici della piattaforma, ricevendo un riscontro professionale entro un massimo di 48 ore.







crediti foto: Adobe Stock

leggi di più

Trasloco in estate: i consigli di eBay e Giulia Torelli

di Redazione

Estate, tempo di cambiare casa. Il traffico diminuisce, le giornate si allungano e i giorni liberi aumentano. Quale momento migliore per programmare un trasloco? In un periodo storico in cui la casa ha assunto un ulteriore significato, è fondamentale ascoltare le proprie esigenze in termini di spazi abitativi e un trasloco può essere la soluzione.

“Sto vivendo una fase molto importante della mia vita: ho deciso di cambiare casa e di aprire le porte non solo di un nuovo appartamento, ma a un nuovo percorso. Lascio un appartamento che avevo arredato seguendo le emozioni e a cui mi legano ricordi bellissimi. A Milano ormai mi sento a casa e ho voluto che anche il posto in cui vivo mi rappresentasse. In questa nuova fase della mia vita volevo uno spazio che rispondesse alle mie nuove esigenze. Ho scelto il mio nuovo appartamento con molta attenzione, volevo un ambiente che fosse in grado di ospitare le persone che fanno parte della mia famiglia, accogliente per me e i miei ospiti. Non è stato facile chiudere in una scatola alcuni oggetti, ma l’ho fatto sapendo che mi aspetta una nuova casa e nuove cose da scegliere” - dichiara la digital creator Giulia Valentina.

Ecco allora che l’estate diventa l’occasione per cambiare casa ed essere pronti a un nuovo inizio, a settembre. Dalla closet organizer Giulia Torelli arrivano i consigli per un trasloco estivo perfetto:
1. Nuova casa, nuova vita. Vivi il trasloco come l’occasione per ricominciare e trova il coraggio di liberarti di tutto ciò che non ti rappresenta più, dagli oggetti rimasti per anni nel fondo dell’armadio fino alle abitudini da cui provi a liberarti da tempo.
2. Occhio alle tempistiche. A meno che non si tratti di un trasloco dell’ultimo minuto, è saggio iniziare a prepararsi per tempo, procurandosi scatole di cartone e tutto l’occorrente per imballare ciò che si vuole portare con sé. Ricordati che l’estate è un buon momento per traslocare non solo per te: assicurati di prenotare per tempo la ditta di traslochi o il furgone.
3. Parola d’ordine: organizzazione. Preoccupati di scrivere sugli scatoloni ciò che contengono e di dividere i diversi oggetti seguendo una logica precisa. Ricordati che di alcuni oggetti avrai bisogno subito: fai in modo che, una volta nella nuova casa, siano subito a portata di mano. Metterli nelle valigie, come se si stesse partendo per un viaggio, può essere una valida soluzione.
4. Scegli le ore giuste. Se l’estate è il periodo ottimale per sfruttare le ore di luce, le giornate più lunghe e ridurre il rischio di maltempo, il caldo potrebbe spaventare. Niente paura, l’importante è evitare di svolgere le attività pesanti nelle ore più calde del giorno, relegandole invece alle prime ore del mattino, al tardo pomeriggio e alla sera.

5. Goditi la nuova casa. Non importa che i lavori non siano ancora terminati o che tu sia circondato da scatoloni, inizia fin dalle prime ore a viverti al meglio la tua casa, rendendola accogliente con soluzioni provvisorie che seguano il tuo stile.
6. Evita gli sprechi. Non cedere alla tentazione di buttare via tutto: non risparmierai tempo. Vendere su eBay è facile e conveniente e ti consente di prendere parte a un processo di economia circolare, guadagnando denaro da investire nella nuova casa o in una vacanza post trasloco.

Cambiare casa, liberandosi del superfluo e facendo spazio al nuovo, infatti, è un ottimo modo per iniziare al meglio il nuovo anno lavorativo. A questo proposito giunge in nostro aiuto eBay: grazie alla promozione che riduce le commissioni variabili di vendita al 5% fino al 31 dicembre su tutte le vendite degli utenti privati, traslocare non è mai stato così conveniente! Scopri la promozione su https://pages.ebay.it/Vendi-facile-Spedisci-senza-pensieri/index.html.

Quando decidiamo di liberare i nostri spazi, rivendere su eBay quello che non ci è più utile - anche in fatto di arredamento - è una scelta vincente. Basti pensare che, solo nel 2020, sono stati oltre 6.700 gli articoli per arredare casa rivenduti su eBay, contro i 4.500 del 2019. In testa alla classifica divani e poltrone: quasi 1.400 quelli rivenduti (+23% rispetto al 2019), seguiti da sedie (oltre 800), mobili e pensili – oltre 800 – e bauli e casse, oltre 500. A seguire, strutture e basi per letti e tavoli: per entrambi, oltre 450 quelli rivenduti sul marketplace.

C’è chi decide di utilizzare eBay per rivendere cucine – 390 quelle vendute l’anno scorso -, armadi (oltre 290) e librerie e scaffali. Completano la top 10 scrivanie e mobili porta PC: quasi 250 quelli rivenduti nel 2020 su eBay. Mettere in vendita ciò che non si utilizza più su eBay ha molteplici vantaggi: consente di liberarsi del superfluo e di fare spazio al nuovo, regalando una nuova vita agli oggetti e prendendo parte a un processo di economia circolare. Inoltre, ciò che si guadagna dalla vendita, può essere reinvestito per rinnovare la propria casa o per concedersi una vacanza.








crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Solari: Everli svela le abitudini di acquisto degli italiani

di Redazione

Durante la stagione più calda dell’anno e con l’avvicinarsi delle tanto attese vacanze, gli italiani si preparano a sfruttare al meglio le giornate all’aria aperta e a farsi scaldare dai raggi del sole, ma sono sempre più attenti a salvaguardare la salute della propria pelle.

Lo conferma Everli (il marketplace della spesa online) che, tramite un’analisi dei propri dati volta a indagare le abitudini di acquisto degli italiani quando si tratta di prodotti solari, ha rilevato un importante incremento nello shopping di tali prodotti nel 2020 rispetto all’anno precedente. Inoltre, Everli ha coinvolto il Dottor Vincenzo Greco, dermatologo di MioDottore per commentare le evidenze emerse, scoprire come selezionare in autonomia i prodotti “giusti” tra gli scaffali e fornire 5 regole d’oro per godersi la tintarella senza preoccupazioni.

NEL 2020 PIU’ CHE RADDOPPIATA LA SPESA DEGLI ITALIANI PER I PRODOTTI SOLARI
Secondo quanto rilevato da Everli, in Italia nel 2020 si è registrato un incremento a tripla cifra (+157%) nella spesa per l’acquisto online (da sito e via app) di prodotti per la protezione di pelle, labbra e capelli al sole, con giugno che ha guadagnato lo scettro di mese in cui si è raggiunto il picco più alto di spesa. Analizzando nel dettaglio i dati della piattaforma e confrontando le abitudini di acquisto online lungo tutta la Penisola, emergono alcune curiosità e interessanti differenze. Pare, infatti, che lo scorso anno i più attenti alla protezione della propria pelle, nonché i maggiori acquirenti di prodotti solari, siano stati nell’ordine i consumatori di Milano, seguiti da quelli di Torino e Roma.
Ampliando però lo sguardo su questa speciale top 10 delle province in cui si sono registrati i maggiori volumi di acquisti, si nota che ci sono due regioni che la fanno da padrone: Emilia-Romagna e Veneto, rispettivamente con 3 (Rimini, Forlì-Cesena e Bologna) e 2 (Verona e Padova) città nel ranking. In questa speciale classifica sono tre le città in cui i consumatori hanno accresciuto maggiormente la propria consapevolezza nell’importanza dell’uso dei solari nel 2020: Padova, dove la spesa in fatto di solari è quasi quintuplicata rispetto all’anno precedente (+393%), seguita da Genova (+252%) e Rimini (+234%).

CHE TIPOLOGIA DI SOLARI PREFERISCONO GLI ITALIANI?
A livello nazionale, quando si tratta di mettere i solari nel carrello, il trend è chiaro: l’attenzione per i più piccoli è in cima ai pensieri dei consumatori, basti pensare che oltre un terzo della spesa per questa categoria merceologica è dedicato ai prodotti per bambini (33,5%). Seguono i prodotti ad alta protezione (31%) e chiudono questo speciale podio i doposole (11%) – purtroppo molto distanti dalle prime posizioni e molto vicini a quelle successive, occupate rispettivamente da oli abbronzanti e miscele a basso SPF (rispettivamente 10% e il 9%), segno che c’è ancora poca attenzione al nutrimento della pelle dopo l’esposizione, almeno per quanto riguarda l’utilizzo di prodotti specifici.
Guardando alla top 10 delle province in cui sono stati acquistati i volumi maggiori di prodotti solari, il trend rispecchia quello nazionale, benché con alcune leggere differenze tra città rispetto all’ordine delle prime due posizioni (a Verona, Rimini, Padova, Milano e Bologna, infatti, hanno la meglio i prodotti ad alta protezione). Uscendo dai confini del podio e guardando ad oli e abbronzanti (che rappresentano la quarta scelta per quattro città su dieci), a Rimini, Torino e Brescia si sono concentrati i volumi di acquisti più elevati. Tuttavia miscele abbronzanti e oli non sono da “demonizzare”. A questo proposito, il Dottor Vincenzo Greco ha commentato: “Ve ne sono di ottimi e sono quelli definiti pro-tanning, contenenti sostanze che contrastano i radicali liberi e idratano la pelle. Se utilizzati a partire da circa 15 giorni prima dell’esposizione solare, aiutano a ottenere un’abbronzatura uniforme, più duratura e senza danni alla pelle. Un ottimo consiglio è quello di usare regolarmente creme doposole, per mantenere la pelle idratata e contrastare la secchezza cutanea foto-indotta. Diversamente, alcuni prodotti contenenti sostanze abbronzanti come il bergamotto, risultano potenzialmente pericolose perché accelerano il danno al DNA e quindi foto-cancerogene”.

COME METTERE NEL CARRELLO I SOLARI GIUSTI?
Secondo l’esperto di MioDottore per scegliere il solare adeguato al supermercato è bene valutare principalmente tre elementi: il fattore di protezione (SPF), i filtri presenti nel prodotto e la stabilità nel tempo (PAO). A proposito del fattore di protezione SPF, ovvero il valore che indica la quantità di radiazioni filtrate, spiega: “Valori di SPF al di sotto di 30 non sono considerati idonei per una corretta protezione solare, soprattutto nei primi giorni di esposizione. Tale considerazione è valida solo se i prodotti sono utilizzati in modo corretto: per tutta la superficie corporea è necessaria l’applicazione di 35ml di prodotto, ovvero la quantità contenuta in una tazzina da caffe, da ripetere circa ogni 2 ore.”

Per quanto riguarda il filtro solare, prosegue: “Esistono due tipi di filtri, quelli chimici, che assorbono i raggi solari, e quelli fisici, che hanno azione coprente. Di regola, sono preferibili quelli fisici per le piccole zone come le labbra o le cicatrici e per i bambini, in quanto la pelle è più delicata e la barriera maggiormente fragile, quindi può assorbire i filtri di natura chimica potenzialmente dannosi. Attenzione al filtro chimico contenuto, alcuni ancora in commercio non sono di ottima qualità e sono potenzialmente dannosi, penetrano nella cute, sono rintracciabili anche nel latte materno, possono provocare allergia da contatto, allergia foto-mediata, irritazioni, in alcuni casi anche disturbi endocrinologici. Nel caso si scelga un solare con filtro chimico, è bene preferire un prodotto di qualità elevata”.
Inoltre, è da tenere a mente che nella composizione delle creme solari sono presenti diversi eccipienti al fine di assicurare la stabilità nel tempo (ovvero la PAO: periodo dopo apertura espresso in mesi, ad esempio 6M); sono da considerare, infine, la spalmabilità, la resistenza all’acqua e al sudore e che prodotti di qualità non contengono parabeni, petrolati e siliconi. Un utile consiglio generale è quello di preferire solari in crema per i bambini, comodi spray per gli adulti, le zone pilifere e i capelli e gli stick per le parti delicate come labbra e cicatrici.

LE 5 REGOLE D’ORO PER UTILIZZARE CORRETTAMENTE LE PROTEZIONI SOLARI
Infine, per aiutare gli italiani a godersi la bella stagione e le vacanze in tutta sicurezza, lo specialista ha stilato un breve vademecum di 5 regole da tenere a mente quando ci si espone al sole:

1. Utilizzare la quantità giusta di crema per ogni applicazione, da ripetere ogni due ore o in caso di doccia o bagno.
2. Evitare le ore più calde della giornata.
3. Fare attenzione alle giornate nuvolose e/o ventilate! Il sole è comunque pericoloso anche se in queste occasioni si crede il contrario.
4. Non dimenticare di applicare la crema nelle zone più delicate come orecchie, ascelle, collo e decolleté.
5. Evitare di indossare al sole profumi, repellenti antizanzare non specifici per il sole; prestare attenzione a piante, cibi e bevande a contatto con la pelle ed evitare l’esposizione prolungata se si assumono determinati farmaci (consultare il bugiardino).








crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

AW LAB presenta il sesto appuntamento con Perfetta, insieme a Patrizia di Quellocheledonn3 e Reebok

di Redazione

Il 9 agosto, sui canali social di AW LAB, sesto appuntamento con “Perfetta”, il format digitale volto a supportare le ragazze nella crescita personale, verso un nuovo modello di femminilità consapevole, lontana dagli stereotipi di genere. Protagonista della puntata la youtuber Patrizia di Quellocheledonn3 che, insieme a David Blank, affronterà il tema della “Sex Positivity”.

Cosa vuol dire essere sex positive? La sessualità è riconosciuta a livello internazionale come un aspetto centrale della vita umana. Il sesso mette in campo l’intimità dell’individuo, che si trova a confrontarsi con i propri desideri e le proprie fantasie, con la società in cui vive e i suoi tabù.

Ne sorgono pensieri e domande, l’interrogativo sull’esposizione del proprio pensiero e la propria espressione sessuale. Insieme a Patrizia e David Blank i partecipanti a "Perfetta" potranno discutere insieme, ricevere consigli, approfondire l’argomento tramite sondaggi e case history.

L’obiettivo è prendersi un momento di riflessione e di ricerca della propria personalità e dei propri dubbi.

Questo appuntamento nasce in collaborazione con Reebok che per l’occasione fa indossare a Patrizia la nuova Club C Double Geo, silhouette tutta al femminile.





crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Il glossario di Babbel per le vacanze in barca

di Redazione

Le vacanze in mare, complice la pandemia, paiono essere uno dei trend dell’estate, almeno considerando il buzz generato in rete. Anche secondo Charteritaly, motore di ricerca comparato specializzato nel noleggio di imbarcazioni, già a marzo scorso le richieste erano triplicate rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.
Un’esperienza che unisce il brivido dell’avventura e dell’esplorazione a giornate di relax da trascorrere in totale sicurezza. Per aiutare i futuri lupi di mare Babbel, la app che porta le tue conoscenze linguistiche ad un livello superior, ha creato un glossario con i termini nautici da conoscere per fare bella figura con l’equipaggio di vacanza, suggerendo anche alcuni dei migliori itinerari italiani.


NON SONO “PAROLACCE”
Il linguaggio dei marinai è spesso molto colorito e sentire alcune espressioni per la prima volta può portare a grandi risate: -Cazzare la randa: i neofiti possono stare tranquilli, nessuna lavata di capo in vista; significa semplicemente issare (tirare su) la vela centrale.
-Tirare dentro la mutanda: indica l’atto di spostare manualmente il fiocco (la vela che sta a prua) quando rimane bloccata sulla battagliola (la ringhiera della nave). -Legarsi al corpo morto: niente omicidi in mare aperto, si tratta di un oggetto pesante sul fondo del mare a cui ancorare la nave.
-Batticulo all’ormeggio: sono cime di ormeggio che tengono ferma la barca, note anche come “spring”. Mollare il pappafico: significa adeguarsi ad un’andatura più lenta, un’espressione che è entrata anche nel linguaggio comune a indicare il rassegnarsi agli eventi.
-Fare una strambata: è un cambio involontario dell’andatura della barca (un’abbattuta involontaria), dovuta a un errore del timoniere o a un salto di vento.
-Regolare il patarazzo: ingrassare o appiattire le vele per aumentare la curva che deve percorrere l'aria passandoci all’interno, aumentando quindi la spinta prodotta.

I TERMINI PER SAPERE DOVE SI STA ANDANDO
-Cambio di mura: il passaggio del vento da una parte all’altra dell'imbarcatura. Può avvenire controvento, prendendo il nome di virata, oppure a favore di vento e in tal caso si chiama abbattuta.

-Salto di vento: improvviso cambiamento direzionale del vento.
-Orzare e Poggiare: semplificando, quando si orza si gira controvento, quando si poggia si gira a favore di vento.

TALK LIKE A PIRATE: IL LINGUAGGIO DEI PIRATI NELLA LINGUA DI TUTTI I GIORNI
Come un vecchio messaggio in bottiglia, alcune delle espressioni utilizzate in passato dai marinai sono arrivate ai giorni nostri e vengono tutt’ora utilizzate nella lingua inglese. Il gergo tecnico è entrato a pieno diritto far parte del linguaggio quotidiano. -Pipe down: significa “chiudere il becco”, era il suono che indicava alla ciurma di smettere di fare baldoria e andare a dormire. -Slush fund: significa “fondo nero” e indica il denaro tenuto da parte per scopi illegali. Durante il 1700, era l’incasso ottenuto dalla vendita del grasso di scarto una volta che la nave tornava in porto. Il ricavato veniva poi usato per comprare oggetti speciali per l'equipaggio.
-Toe the line: significa “rigare dritto” per riferirsi all'accettare e obbedire all'autorità di una specifica persona. Veniva usata sulle navi quando un capitano chiamava l'equipaggio a riunirsi in linea retta con le dita dei piedi che incontravano il bordo di una delle tavole del ponte.
-Showing true colors: il significato attuale “rivelarsi per come si è veramente” deriva dalla frase opposta “false colours”, riferita a una nave che navigava sotto una bandiera non sua, uno stratagemma spesso usato in guerra.
-Loose cannon: un cannone che si era spostato dalla propria posizione ideale, rischiando di causare danni alla nave o all’equipaggio. Oggi il termine indica una persona imprevedibile o incontrollata che può causare danni involontari, una parola usata specialmente nel gergo del poker.
-To know the ropes: “conoscere le cime” era una qualità fondamentale sui velieri, tanto da diventare una figura retorica usata per indicare l’esperienza accumulata da un marinaio. Ancora oggi la frase indica il saper padroneggiare perfettamente una certa attività.

NEL BLU DIPINTO DI BLU: UNA BARCA PER OGNI ESIGENZA
Il mondo della navigazione è molto variegato, e, ad ogni esigenza, corrisponde una tipologia diversa di barca. Mentre i più avventurosi potrebbero preferire la libertà e la sostenibilità della barca a vela, una piccola famiglia potrebbe scegliere un mezzo più turistico e tranquillo come una barca o un gommone a motore:
-La Costiera Amalfitana in barca a vela: da Amalfi si spiegano le vele in direzione Capri, per un bagno tra i suoi iconici faraglioni, procedendo poi verso Ischia, la più grande isola del golfo, approdando infine alla vicina e coloratissima Procida. Per un ritorno sulla terra ferma si può fare tappa a Positano, l’unico paese al mondo ad essere concepito su un asse verticale invece che orizzontale.
-La Sardegna del Sud in yacht: la parte meridionale della Sardegna offre luoghi più incontaminati, natura più selvaggia e zone meno affollate rispetto alla parte settentrionale. Tra l’isola di San Pietro e Villasimius si trovano alcuni tra i paesaggi più belli da vedere in barca nel Sud della Sardegna come le Rovine di Nora, il Bastione di Saint Remy e il Parco naturale di Villasimius; oltre a spiagge bellissime come Chia, Mari Pintau, Spiaggia del Poetto e Porto Pino. Una vacanza in yacht con partenza da Cagliari è il massimo se si ha bisogno di relax e pace, con l’aggiunta di un tocco chic.
-La Toscana in gommone: la vacanza in gommone è perfetta per chi desidera visitare molti luoghi difficilmente accessibili con altri mezzi, come le numerose cale nascoste intorno all’Isola d’Elba. Tra queste la Cala di Zupignano, famosa per la sua scogliera rossiccia e geologicamente unica. Un’altra destinazione da sogno è la Grotta Azzurra, che deve il suo nome al blu intenso delle sue acque, che si riflette sulle pareti della roccia offrendo riverberi spettacolari. La grotta è raggiungibile in gommone dalla Spiaggia di Cavoli, dove ci si potrà riposare dopo l’escursione.
-Un tour della Sicilia in catamarano: questa opzione combina il comfort degli ampi spazi a bordo con la possibilità di immergersi nella ricca cultura locale visitando i tanti siti archeologici sparsi ovunque nel litorale siciliano. Consigliatissime anche le immersioni alla scoperta della prosperosa fauna ittica e degli affascinanti reperti sottomarini. L’itinerario del viaggio è tutto da comporre: non solo un tour della Sicilia in catamarano, perché non valutare una visita alle vicine Eolie o Egadi?









crediti foto: ufficio stampa

leggi di più