Back to School: la wishlist di Wiko per il ritorno sui banchi

di Redazione

Il 13 settembre si torna tra i banchi di scuola e, come ogni anno, Wiko (brand franco-cinese di smartphone da sempre portavoce del lusso democratico) dedica una speciale wishlist agli studenti, sempre più digitali e connessi.

Una selezione di proposte hi-tech per aiutare i ragazzi a tornare a scuola con il giusto mood e una nuova carica! Dalla Power U Collection (la nuova linea di smartphone dall’autonomia virtualmente infinita) agli auricolari Buds Immersion con cancellazione del rumore, ai leggerissimi WiBuds Pocket, Wiko accompagna gli studenti nel tragitto verso la scuola e durante le pause. E con la promo speciale del 20% in esclusiva sull’e-store italiano del brand, questi oggetti hi-tech diventano ancora più democratici!

WiBUDS POCKET: PER UNA PAUSA DIVERTENTE COI COMPAGNI DI BANCO
Dopo un anno di DAD, tornare a fare merenda in compagnia è davvero un piacere. Ancora di più con gli auricolari wireless WiBUDS Pocket, gli alleati ideali per condividere le proprie playlist preferite con gli amici durante le pause e, perché no, approfondire lo studio di qualche materia o argomento di attualità con l’ascolto di un podcast, a portata di clic. Leggerissimi (4 grammi l’uno), ergonomici, disponibili nella finitura glossy bianca, i WiBUDS Pocket di Wiko garantiscono fino a 16 ore no-stop di autonomia con una sola carica. La custodia funge anche da stazione di ricarica e permette fino a 4 ricariche complete aggiuntive, per 12 ore extra di autonomia. Facili da usare, grazie ai comandi intuitivi con cui è possibile fare lo skip da un brano all'altro, con un semplice tocco o chiacchierare con le mani libere, i WiBUDS sono associabili a qualsiasi dispositivo con Bluetooth® 5.0 sia esso Android o iOS.

I WiBUDS Pocket di Wiko sono disponibili sull’e-store www.wikomobile.com al prezzo scontato di 23.99€ dal 28 agosto al 12 settembre.

BUDS IMMERSION: PER UN TRAGITTO VERSO LA SCUOLA A RITMO DI MUSICA
Che si faccia fatica a svegliarsi o si senta il bisogno di un ripasso last minute per la temuta verifica, coi Buds Immersion, gli auricolari wireless a cancellazione del rumore di Wiko, il tragitto verso la scuola non è mai stato così tranquillo! Con un’autonomia di 20 ore, un suono cristallino e la cancellazione del rumore con tecnologia ANC combinata con ENC sarà bello lasciare il mondo fuori, con i suoi suoni e rumori, e godere di una experience di ascolto assoluta e senza distrazioni sia sull’autobus che una volta tornati a casa. Ma i Buds Immersion permettono anche di essere multitasking con la Transparency Mode, la funzione che permette di amplificare i suoni ambientali esterni. L'utente potrà così continuare a indossarli e parlare liberamente con le persone intorno o restare consapevole di ciò che lo circonda. Ergonomici, leggeri come una piuma (pesano solo 5g ciascuno) e facilissimi da collegare, Buds Immersion di Wiko sono compatibili sia con i dispositivi Android che iOS tramite Bluetooth®5.0 e resistono anche alle giornate di pioggia e agli schizzi d’acqua (IPX4).

I Buds Immersion sono disponibili sull’e-store www.wikomobile.com al prezzo scontato di 55.99€ dal 28 agosto al 12 settembre.

POWER U COLLECTION: PER RESTARE SEMPRE CONNESSI (MA NON DURANTE LE LEZIONI)!
Power U30, U20 e U10 sono gli smartphone ideali per chi fa dell’autonomia il proprio leitmotiv. Nell’anno scolastico 2021/2022 ricaricare lo smartphone non sarà più un problema grazie alla batteria da 6000 mAh, ottimizzata dall’AI Power, di Power U30 e U20, in grado di garantire fino a 4 giorni di utilizzo, e alla batteria da 5000 mAh del fratello minore Power U10 che, a un prezzo ancora più accessibile, consente di stare fino a 3,5 giorni senza caricabatteria. Accedere al registro elettronico, fare ricerche online e rimanere sempre in contatto con i propri amici e compagni di classe sarà un gioco da ragazzi con la Power U Collection. Grazie al display da 6.82'' in un formato ergonomico 20,5:9 degli smartphone Power U, con notch a V e schermo HD+ protetto dal Panda Glass, l’esperienza immersiva è garantita, per guardare i propri video preferiti in compagnia degli amici o immergersi nel nuovo videogioco del cuore durante la merenda. E con l’ampia memoria - 64+4GB per Power U30, 64+3GB per Power U20 e 32+3GB per Power U10 – ulteriormente estendibile con una scheda MicroSD da 256GB, sarà possibile immortalare, condividere e portare con sé tutti i momenti più belli vissuti tra i banchi e i corridoi di scuola, coi compagni di sempre.

La Power U Collection è disponibile sull’e-store www.wikomobile.com a prezzo scontato dal 28 agosto al 12 settembre:
Power U30, nelle trendy nuance a gradiente Carbon Blue, Midnight Blue e Mint, al prezzo scontato di 143.99€
Power U20, nei colori Slate Grey e Navy Blue, al prezzo scontato di 119.99€ (cover trasparente e il film protettivo per il display inclusi)
Power U10 in Carbone Blue, Denim Blue e Turquoise al prezzo scontato di 103.99€ (cover trasparente e il film protettivo per il display inclusi).

 












crediti foto: ufficio stampa

Giornata Mondiale dell'Amicizia: il galateo dello smartphone di Wiko

di Redazione

Il 30 luglio è la Giornata Mondiale dell’Amicizia e per l'occasione Wiko (brand franco-cinese di smartphone da sempre attento ai trend del mondo digitale) ha deciso di stilare una lista di consigli per mantenere salde le proprie amicizie anche quando si comunica tramite smartphone. Via chat, infatti, spesso si rischia di creare più fraintendimenti che di persona, tra un emoji e una GIF fuori posto, o di peccare di entusiasmo, sommergendo gli amici di messaggi e notifiche.

Se, da un lato, grazie alla tecnologia e ai social è più facile consolidare i rapporti, dall’altro si rischia di essere poco attenti alla sensibilità altrui, invadere gli spazi online e mandare in fumo, con un unico clic, anni e anni di fiducia reciproca.

Quali sono allora i princìpi base per “tenersi stretti gli amici” anche online? Ecco qualche suggerimento di bon ton digitale da Wiko:
1-Dalla loro creazione alla recente funzione che consente di velocizzarle, le note vocali creano sempre un grande dibattito tra amici. Tra pigri della tastiera, che inviano audio anche alle 7 del mattino “per comodità”, e logorroici seriali, per cui stare sotto ai 3 minuti di audio è una conquista, è meglio optare per l’autocontrollo. Sono quindi da evitare le note vocali più lunghe di 60 secondi, anche se il gossip da commentare si fa davvero succoso.

2-Occhio alle GIF e alle Emoji più particolari. Siamo tutti d’accordo che in assenza di espressioni facciali e comunicazione paralinguistica, le faccine vivacizzano la conversazione e strappano anche qualche risata, ma il troppo stroppia. E attenzione ai fraintendimenti: nell’era 4.0 è il modo più facile per incorrere in inutili incomprensioni.

3-Soprattutto nelle conversazioni “concitate”, quando vogliamo che gli amici restino al passo con i nostri racconti, inviare le frasi spezzettate dopo ogni parola rischia di mettere a dura prova anche l’affetto dei più storici compagni di banco. Meglio includere un pensiero in un unico invio, per non assillare gli altri con mille notifiche, screenshot e fotografie che, oltre a intasare la memoria del loro smartphone, gli faranno fumare anche le orecchie.

4-Vietato spammare! Catene di Sant’Antonio, bufale e link a pagine improbabili? Non inviatele. Anzi, non apritele in prima persona. I virus sono sempre dietro l’angolo e ricordate, le password è meglio non condividerle, soprattutto via chat.

5-Tutti hanno quell’amico/a social-addicted che passa le serate in compagnia, a scattare foto e girare stories per immortalare ogni momento sui propri feed. Ecco, se non lo avete, probabilmente siete voi. In questi casi, sarebbe bene ricordare di chiedere sempre il permesso agli amici prima di postare contenuti che li riguardano: potreste causargli problemi con il partner o sul lavoro, qualcuno potrebbe non amare le fotografie e qualcun altro, invece, potrebbe voler essere prima taggato per poterle condividere a sua volta. Oppure semplicemente godersi una cena con voi praticando un po’ di buon e sano digital detox!

Per finire, anche se grazie allo smartphone si riesce a rimanere sempre in contatto e con molti amici ci si sente anche più volte al giorno, non è mai una cattiva idea inviare un messaggio affettuoso a qualcuno per ricordare loro che gli si vuole bene e che li si sta pensando. Un pensiero positivo, per quanto piccolo, ha l’immenso potere di migliorare qualsiasi giornata!




 





crediti foto: ufficio stampa

Giornata Internazionale dello Yoga: l'indagine di Wiko

di Redazione

Il 21 giugno è la Giornata Internazionale dello Yoga, disciplina che nell’ultimo anno e mezzo (causa lockdown e restrizioni) è stato praticato sempre più spesso in casa. Wiko (brand franco-cinese di telefonia da sempre attento a cogliere trend e fenomeni che animano la rete e interessano gli utenti) ha voluto scoprire qualcosa in più su questa antichissima disciplina, ora divenuta digitale, attraverso il coinvolgimento di Yoga-Smart.

Yoga-Smart, come suggerisce la parola, è una piattaforma online per seguire live da casa (come al parco) le lezioni o le registrazioni di yoga, pilates, meditazione e mindfulness. Elisa, uno dei soci fondatori di Yoga-Smart, ha effettivamente confermato la tendenza virtuosa degli ultimi mesi, con iscrizioni in costante crescita, dovute proprio a una libertà di fruizione “smart” che è sempre più un valore aggiunto del quale in tanti non riescono a fare a meno.

L’esperienza di vita dell’ultimo anno, aggiunge Elisa di Yoga-Smart, ha inoltre risvegliato negli utenti l’importanza di prendersi cura di sé. Si è imparato a dare priorità alla cura del corpo anche lontano dalle palestre, badando maggiormente alla qualità dell’alimentazione, dedicando più tempo alla preparazione dei cibi in casa, riscoprendo tanti piaceri più “slow”. E non c’è da storcere il naso se lo yoga è divenuto digitale. Si può davvero insegnare anche attraverso uno schermo. Che sia quello di un PC o di uno smartphone con un ampio display come quello del nuovo Power U30 di Wiko da 6,8”, confortevole, ergonomico e facile da trasportare in qualsiasi situazione, l’insegnante può correggere immediatamente e suggerire a ciascuno le posizioni e le varianti più adatte. Con due grandi vantaggi: praticando online, di fronte a uno schermo, nessuno viene distratto dagli altri e non c’è competizione, nessuno si sente scoraggiato vedendo chi è più avanzato come spesso accade quando si è in una sala in presenza. Ma quali sono i grandi miti e pregiudizi da sfatare sullo yoga? Innanzitutto che sia unicamente una pratica rilassante. Lo è, ma è altrettanto tonificante e impegnativa. È una disciplina estremamente completa che richiede una preparazione fisica importante, tanta costanza e soprattutto, ci insegna a respirare.

I risultati sul corpo - e non solo - sono presto evidenti. In secondo luogo, è una pratica democratica e accessibile a tutti. La platea di fruitori Yoga-Smart, ad esempio, è estremamente transgenerazionale, intercettando utenti che vanno dai 18 ai 70 anni. Come iniziare, quindi, a praticare yoga senza scoraggiarsi e coinvolgere anche i più scettici?

L’ostacolo è solo iniziale, solitamente chi prova una volta, poi non molla più. Elisa consiglia di non cimentarsi subito con pratiche avanzate ma di iniziare con sessioni più soft, come classi di Hatha Basic, o comunque classi adatte alla propria preparazione fisica. Una volta scelta la classe giusta, il consiglio è di lasciarsi andare completamente, senza pregiudizi. Il benessere percepito alla fine della pratica sarà ciò che terrà “calamitati” gli allievi alla pratica per sempre.

Qualora non bastassero una connessione, uno smartphone e una dose di buona volontà, lo yoga online può essere arricchito con una colonna sonora a piacimento. Si possono indossare comodamente degli auricolari wireless, come i nuovi Buds Immersion di Wiko, per immergersi nella pratica senza rumori di fondo grazie alla doppia cancellazione del rumore con tecnologia ANC combinata con ENC, o in alternativa posizionare accanto al tappetino gli altoparlanti WiShake Vibes per riprodurre in maniera diffusa una playlist rilassante e mistica. Con la bella stagione, anche i parchi e le spiagge cittadine sono un’alternativa alle mura domestiche, per uno yoga più a contatto con la natura.








crediti foto: ufficio stampa

Huawei annuncia il nuovo Huawei MatePad 11

di Redazione

Huawei, azienda leader del settore della tecnologia, ha annunciato il nuovo Huawei MatePad 11, l’ultimo arrivato nel portfolio tablet Huawei e il primo a presentare un display che supporta una frequenza di aggiornamento di 120 Hz, offrendo immagini più fluide e una migliore reattività che mai.

Realizzato per una nuova generazione di dispositivi intelligenti, HarmonyOS 2 va a potenziare Huawei MatePad 11 con una nuova funzionalità. Il nuovo desktop tablet risulta così più organizzato e offre agli utenti una nuova modalità di visualizzazione più fruibile ed efficiente. Utilizzando la tecnologia distribuita, il nuovo tablet è attrezzato per sfruttare, in ogni occasione, le capacità di altri dispositivi come smartphone o Pc, ottimizzando creatività e produttività.

Il tablet supporta una frequenza di aggiornamento di 120 Hz, offrendo immagini straordinarie e fluide e una reattività migliorata. È inoltre dotato di Huawei M-Pencil (2a generazione). Insieme all'impressionante display, lo stilo è altamente reattivo con una latenza di input di appena 2 ms, offrendo ai consumatori esperienze di scrittura a mano più coinvolgenti ed estremamente naturali.

“Il nuovo Huawei MatePad 11, così come Huawei MatePad Pro, sfrutta a pieno le funzionalità distribuite di Harmony OS 2. Siamo orgogliosi di presentare al mercato una nuova generazione di tablet che permetterà agli utenti di lavorare e godersi il tempo libero in maniera più fluida ed efficiente che mai, sfruttando app e servizi in tutti gli scenari, senza soluzione di continuità” – ha commentato Pier Giorgio Furcas, Deputy General Manager Huawei CBG Italia.

GRAFICA FLUIDA, RESA MAGNIFICAMENTE
Il nuovo Huawei MatePad 11 è il primo tablet Huawei a supportare una frequenza di aggiornamento di 120 Hz. Grazie a questa caratteristica che lo differenzia da molti tablet sul mercato, il nuovissimo Huawei MatePad offre immagini incredibilmente fluide durante la visualizzazione di un'ampia gamma di contenuti. Per i video e i videogiochi con frame rate elevato, i consumatori possono godere di maggiori dettagli e immergersi completamente nel gioco grazie alla grafica accattivante. Quando si scorrono pagine Web e documenti, inoltre, il contenuto viene caricato rapidamente. Grazie all’impressionante frequenza di aggiornamento del display, il tablet consente anche un input di scrittura a mano altamente reattivo. La tecnologia di adattamento del frame rate aiuta inoltre a fornire agli utenti una durata della batteria maggiore.

Con il nuovo Huawei MatePad 11 che supporta la gamma di colori DCI-P3, immagini e video appaiono squisitamente vivaci sul display. Oltre alla capacità di produrre colori incredibili, Huawei MatePad 11 è anche progettato per ridurre al minimo l'esposizione degli utenti alla luce blu e allo sfarfallio, due dei principali fattori che causano l'affaticamento degli occhi. Il tablet ha ottenuto le certificazioni TÜV Rheinland Low Blue Light (Hardware Solution) e TÜV Rheinland Flicker Free, che sottolineano come la vista sia protetta anche dopo ore di utilizzo del tablet.

NUOVO TABLET DESKTOP
Huawei MatePad 11 offre un nuovissimo design desktop che presenta un'interfaccia utente pulita e organizzata. Il nuovo Bottom Dock che visualizza non solo le app utilizzate di frequente, ma anche quelle aperte di recente. I nuovi widget di servizio possono visualizzare informazioni in tempo reale e consentire agli utenti di accedere a determinate funzionalità dell'app senza doverla per forza avviare. Questi widget, inoltre, possono essere posizionati ovunque e sono anche personalizzabili per consentire agli utenti di gestire completamente il proprio dispositivo in base alle proprie preferenze.

COLLABORAZIONE MULTISCHERMO TRA TABLET E PC
Sfruttando le funzionalità distribuite su HarmonyOS, Huawei MatePad 11 supporta la nuova Multi-Screen collaboration tra tablet e PC offrendo tre differenti modalità di lavoro. In modalità Mirror, lo schermo del PC connesso viene rispecchiato sul display del tablet, consentendo agli utenti di firmare e annotare direttamente i documenti o di disegnare sul PC con Huawei M-Pencil (2a generazione).

In modalità estesa gli utenti possono ottenere un secondo schermo PC, ottenendo così più spazio per il lavoro. L'innovativa modalità Collaborate permette vere interazioni multipiattaforma tra HarmonyOS 2 e Windows, consentendo agli utenti di trasferire contenuti come testo, immagini e documenti tra dispositivi collegati con un semplice trascinamento. Oltre alla collaborazione multi-schermo, la nuovissima funzione multi-finestra supporta la visualizzazione di un massimo di quattro app contemporaneamente. Supporta anche due finestre mobili simultanee per un'esperienza multi-tasking tra app.

Quando non sono necessarie, le finestre mobili possono essere riposte nell'App Bubble per un facile accesso ogni volta che se ne presenta la necessità. Il moltiplicatore di app aggiornato consente l'esecuzione separata di due attività all'interno di un singola app con la nuova funzionalità Window Lock che supporta operazioni parallele e indipendenti nelle due finestre. Ad esempio, quando si utilizza un'app per lo shopping, è possibile aprire due finestre differenti per confrontare i relativi prodotti oppure è possibile scrivere un'e-mail nella finestra di sinistra e rispondere ai messaggi istantanei nella finestra di destra aumentando così notevolmente la propria efficienza. A giugno 2021, quasi 4.000 app hanno adottato App Multiplier per migliorare l’esperienza dell’utente sui tablet.

HUAWEI M-PENCIL (2a generazione)
Il nuovo Huawei MatePad 11 è compatibile con Huawei M-Pencil (2a generazione), la penna stilo Huawei che è stata aggiornata per aiutare permettere agli utenti a esprimere la propria creatività al meglio. La HUAWEI M-Pencil (2a generazione) presenta un nuovo pennino rivestito in platino, una latenza ultra-bassa e supporto per 4.096 livelli di sensibilità alla pressione. Ispirata al design trasparente del fondo degli orologi di lusso, la nuova punta della penna trasparente mostra il funzionamento interno dello stilo e viene fornita con una trama smerigliata per una migliore esperienza di scrittura.

Se abbinata a Huawei MatePad 11, Huawei M-Pencil (2a generazione) ha una latenza di input bassa, di soli 2 ms, che completa l'elevata frequenza di aggiornamento del display FullView per fornire una scrittura tra le più reattive, fluenti e autentiche ad oggi presenti sul mercato dei tablet. Anche l'associazione e la ricarica dello stilo con il tablet sono particolarmente facili e intuitive. Gli utenti devono solo spostare la penna accanto a Huawei MatePad 11 per collegarla magneticamente e avviare entrambi i processi. La nuova Huawei M-Pencil (2a generazione) supporta un'ampia gamma di funzioni di interazione innovative tra cui Huawei FreeScript, che trasforma il contenuto scritto a mano in testo codificato in tempo reale.

AUDIO A QUATTRO CANALI PER L’IMMERSIONE SENSORIALE COMPLETA
Progettato come un tablet a tutto tondo, il nuovo Huawei MatePad 11 offre esperienze audio coinvolgenti con il sistema quad-speaker. Il potente sistema di altoparlanti integrato offre suoni avvolgenti e coinvolgenti per qualsiasi contenuto audio. Il sistema audio è progettato e messo a punto dagli ingegneri del suono di Harman/Kardon, assicurando che i suoni prodotti dagli altoparlanti siano fedeli al loro materiale sorgente. Huawei MatePad sarà disponibile in preordine su Huawei Store da metà luglio ad un prezzo al pubblico di 499,90 euro.
Le informazioni relative alla disponibilità in preordine di tutti i nuovi prodotti Huawei sono reperibili consultando il link: https://consumer.huawei.com/it/offer/new-products/




crediti foto: ufficio stampa

Festa della mamma: le idee regalo di Celly

di Laura Frigerio

Il 9 maggio è la Festa della mamma è probabilmente starete già cercando qualche idea regalo. Volete andare sul sicuro? Puntate sui doni tecnologici, ormai graditi anche a tutte le età.
Celly ha diverse proposte, adatte per ogni tipo di mamma e per tutte le occasioni.

POCHETTE VENERE - per le mamme moderne, che vogliono liberarsi di borse alla “Mary Poppins” senza però rinunciare a comodità e praticità. Con effetto saffiano e disponibile in quattro colori diversi (rosa, azzurro, nero e rosso), questa custodia portafoglio universale permette di avere sempre a portata di mano carte di credito, contanti, documenti e il proprio smartphone.
Inoltre, Venere è dotata di un innovativo sistema di fissaggio magnetico integrato, che assicura una tenuta extra forte dello smartphone, a prova di gravità! Basta applicare la placca metallica inclusa nella confezione sul retro del device o all’interno della cover.

RUNBDUO e ARMBSPORT - ideali per le mamme più sportive. Si tratta rispettivamente di una cintura elastica regolabile, capiente e impermeabile, ideale per portare sempre con sé lo smartphone e altri piccoli oggetti durante ogni allenamento e di una fascia da braccio sportiva per device fino a 6,9” con un design sottile e minimale, regolabile e creata con materiali resistenti all’acqua e al sudore. La cintura è inoltre dotata di una tasca interna che consente di separare lo smartphone dal resto del contenuto, proteggendolo dai graffi e garantendo stabilità quando si è in movimento.
La finestra trasparente frontale consente poi di utilizzare la funzione touch screen del dispositivo con semplicità per monitorare le attività, gestire le chiamate o scegliere la propria playlist preferita.
Anche Armbsport dispone di una comoda finestra in plastica compatibile con la funzione touch screen, oltre a una cornice riflettente per una maggiore visibilità in condizioni di scarsa luminosità.

SPEAKER PER PANTONE - per le mamme che amano la musica e vogliono ascoltarla in ogni momento. Disponibile in ben quattro colorazioni, fedeli ai criteri del famoso brand di design, questo speaker Bluetooth® rivestito in tessuto, ha una potenza di 5W in uscita che assicura la massima resa sonora, sia in ambienti chiusi che all’aperto. Il dispositivo può anche essere collegato tramite il classico cavo jack da 3.5 mm in dotazione.

CLICKRINGBT - per le mamme sempre in movimento, che ricercano la comodità del selfie stick e la stabilità del treppiedi più classico. Perfetto per scattare e registrare dal proprio smartphone in totale semplicità e ovunque, grazie al ring light con tre diverse tonalità di illuminazione, per dare il giusto risalto ai propri contenuti. Inoltre, il telecomando multifunzione Bluetooth® consente di controllare lo smartphone anche a distanza. È il treppiede ideale che, a seconda della necessità, può trasformarsi in un pratico selfie stick con estensione fino a 90cm, per raggiungere anche le inquadrature più ampie. Inoltre, può essere facilmente ricaricato grazie al cavo USB in dotazione.

MAGIKDESK - per le mamme lavoratrici instancabili, è un innovativo supporto portatile per smartphone e tablet che non può mancare sulla scrivania. Ottimo per il lavoro in ufficio, ma anche in smartworking o per studiare, grazie alla sua struttura richiudibile può essere portato comodamente ovunque, durante ogni spostamento. Inoltre, è dotato di un pratico braccio estendibile, che permette di regolare a piacimento sia l’altezza che l’angolazione del device.







crediti foto: ufficio stampa

Come usare al meglio Zoom: i 5 consigli di Thirty Seconds Milano

di Redazione

In questo periodo in cui gli eventi in presenza sono stati sospesi, si fa sempre più uso di servizi streaming per fare eventi aziendali virtuali. Attualmente un prodotto video per grandi aziende o un evento è diventato tutto sommato più complicato da gestire a “distanza”.

Le richieste delle grandi aziende sono diventante sempre più esigenti e, dopo più di un anno di webinar "fatti in casa" solo con l'ausilio di Zoom, le aziende si sono finalmente rese conto che si poteva ottenere di più con la tecnologia messa a disposizione da seri professionisti del settore, con palchi virtuali, contenuti, grafiche, studi televisivi, con tutti i prerequistiti per una diretta e collegamenti broadcast professionali, molto simili, se non uguali alle tv ammiraglie. Di fatto, negli ultimi mesi, alcuni eventi on-line sono paragonabili ad un programma in prima serata Mediaset o Rai. Tutte le attività, qualora si volesse, si possono gestire on-line a condizione che chi lo faccia sia un esperto e sappia cosa fare.

La casa di produzione Thirty Seconds Milano offre da anni ai propri clienti servizi ad hoc in streaming eventi virtuali creando anche format televisivi per tv aziendali e ha stilato 5 regole fondamentali per sfruttare al meglio tutta la "nuova" tecnologia e le professionalità messe a disposizione dal settore audiovisivo.

1-Figure professionali
Evitiamo di scegliere imprese che si sono dovute adattare e si sono trasformate in pochi mesi esperti delle dirette tv in streaming. Non dimentichiamo che lo streamming esiste da anni, sempre utilizzato sia da televisioni nazionali che da società con l'ausilio di up link o strumenti professionali che non facessero disperdere segnale a scapito di una brutta ricezione dello stesso. In buona sostanza avvaliamoci di chi la televisione e lo streaming lo ha sempre fatto e conosce perfettamente ogni singola procedura ogni location ogni situazione ha un set up tecnico diverso.

2-Materiale broadcast e trasmissione dati
Bisogna curare tutto. Dalle telecamere broadcast ad una regia “fisica”, da un mixer video alla scelta dei microfoni più adatti, dal tipo di interazione che si vuole ottenere con il vostro pubblico di riferimento all’impostazione grafica (tutto come se fosse una mini regia tv).

3-Contenuti
Fondamentale regolare e amministrare a regola d'arte i contenuti di un live streaming, che deve essere pensato come una diretta tv vera e propria. La figura dell'autore che sin dai primi passi sviluppa il concept televisivo insieme al cliente. Quello che potrebbe sembrare mera improvvisazione non è nient’altro che una buon lavoro autorale alle spalle che lo fa sembrare diretto, spontaneo e soprattutto fluido, di facile ascolto e comprensione.

4-Regia
Non di poco conto è la regia di una buona produzione video, soprattutto se si parla di streaming e di Zoom. Gli stacchi di camere, quante telecamere usare, quanti ospiti saranno collegati simultaneamente, quando e quanto devono intervenire, il tipo di interventi, le grafiche le musiche fanno parte di quel famoso “pacchetto broadcast professionale” che in pochi conoscono e pochi possono offrire, se non le grandi case di produzione televisive o chi come noi in questo caso arrivano da un esperienza televisiva di più di 20 anni.

5-Qualità
Dopo più di un anno di dirette Zoom improvvisate, oggi l'87% del lavoro delle vendite e delle offerte rimane decisamente on line. La qualità regna sovrana, non ci si puo più permettere di “arrangiarsi” e presentare un nuovo prodotto in maniera dilettantesca, c'è bisogno di professionalità per presentare grandi aziende e grandi prodotti. Lo smart working ti porta a stare per più di dieci ore d avanti ad un computer, chi deve seguire un evento o una diretta Zoom vuole contenuti e non vuole annoiarsi deve avere lo stimolo di poter seguire tutta la diretta e poter interagire in modo decisivo.



Sito internet Thirty Seconds Milano: https://www.produzionevideomilano.com/




crediti foto: ufficio stampa

Golden Globe: Kaspersky svela le minacce dietro le serie tv

di Redazione

La notte tra il 28 gennaio e il 1° maggio si terrà la 78esima edizione dei Golden Globe, il primo grande evento televisivo della stagione dei premi del 2021.

Questo e altri show televisivi, così come i film, non sono solo una fonte di intrattenimento ma anche un richiamo irresistibile per i criminali informatici che li sfruttano per diffondere minacce, pagine di phishing e email di spam. Infatti, questo evento di importanza mondiale è diventato un’attrazione per cinefili, appassionati di cinema ma anche truffatori.

Per avere un quadro più chiaro di come i criminali informatici provino a monetizzare gli interessi degli spettatori, gli esperti di Kaspersky hanno analizzato i file dannosi nascosti dietro i film in nomination, così come i siti web di phishing legati ai film e progettati per rubare le credenziali degli utenti. Durante le prime tre settimane di gennaio, i ricercatori di Kaspersky hanno osservato che 275 utenti sono stati sottoposti a tentativi di infezione che sfruttavano file con varie minacce mascherate da finti film in nomination.

I ricercatori di Kaspersky hanno scoperto che "The Mandalorian" è stata l'esca più popolare tra i criminali informatici, rappresentando il 68% delle infezioni. Al secondo posto la serie di successo di Netflix "The Queen's Gambit" con l'11% e "Ozark" al terzo posto con il 6%. Il 21 febbraio i ricercatori di Kaspersky hanno scoperto che il numero di utenti presi di mira da malware associati ai film e alle serie in nomination è diminuito di quasi tre volte rispetto al mese precedente.

Sono stati osservati però dei cambiamenti nelle percentuali: “The Mandalorian” rimane il film più bersagliato con il 33% (un decremento di sei volte rispetto al mese precedente) mentre “The Queen's Gambit” ha mantenuto la seconda posizione ma con una percentuale del 18%. Allo stesso tempo l'interesse dei criminali informatici si è spostato da “Ozark” a “Palm Springs” con un aumento delle infezioni per quest’ultimo di tre volte.





crediti foto: ufficio stampa

Blue Monday: secondo Wiko si può combattere con i dispositivi hi-tech

di Redazione

Il 18 gennaio è il Blue Monday e sapete quando è nata questa “ricorrenza”? Nel 2005, partendo da un’intuizione di una agenzia di viaggi e si tratta di una giornata caratterizzata da un velo di malumore e che necessita di qualche consolazione in più.

Per raccontare queste 24 ore blu, Wiko (brand franco-cinese di smartphone) ha voluto ancora una volta interpellare la sua community di Instagram, facendo luce sui rimedi più efficaci per combattere la tristezza, con un’attenzione in più ai supporti tecnologici. Comperare qualcosa per se stessi è sicuramente una buona soluzione.


L’85% del campione dei rispondenti si trova infatti d’accordo con questa affermazione. Tra le categorie merceologiche più apprezzate, si fa spazio anche l’high tech. Per il 57% dei partecipanti al sondaggio di Wiko l’acquisto di un prodotto tecnologico è una più che valida “coccola”.

Oggi, in un momento di estrema incertezza e fragilità, va da sé che la prima causa di infelicità sia la situazione socio-economica causata dal Covid-19. Lo conferma l’80% del campione.

I dispositivi tecnologici, smartphone in primis, possono però venirci incontro. Il cellulare nel 75% dei casi è un “compagno” per sentirsi meno soli e tristi. La possibilità, inoltre, di fare videochiamate ad amici e parenti è per il 60% dei rispondenti un efficace strumento per migliorare l’umore e allontanare la malinconia.
Per il restante 40%, invece, non basta. Lo smartphone, però, se da una parte aiuta a mantenere vive le relazioni, anche a distanza, dall’altra porta alla necessità di stabilire dei momenti di pausa.


Il famoso digital detox incide positivamente sull’umore nel 61% dei casi. Lungi dal voler demonizzare la tecnologia, ma un utilizzo consapevole e misurato degli strumenti mobile non può che lasciar spazio a una vita offline più intensa.

Per non peggiorare, infine, il proprio stato d’animo cosa è assolutamente vietato fare? Qui la battaglia si fa dura. Vince, ma solo di misura (51%), lo stimolo di andare a sbirciare tra i feed social di influencer e celebrity. Talvolta fin troppo perfetti, ricche di #instacool e #goodvibes, queste bacheche possono gravare sulla giornata. Per il restante 49% la condizione peggiore è invece controllare il proprio conto online.

L’antidoto, dunque, per azzerare la tristezza? È davvero semplice quanto naturale: per l’82% dei partecipanti al sondaggio di Wiko è pensare che c’è sempre un buon motivo per essere felici. Ovvio, ma evidentemente efficace. Uno di questi motivi, ad esempio, è riflettere sulla natura stessa del Blue Monday: è una pura invenzione per la quale, in fin dei conti, non vale la pena abbattersi.

 






crediti foto: ufficio stampa

Alla scoperta di Alexa Answers

di Redazione

Avete in casa Alexa? Allora sappiate che ora potrete aiutare Alexa a diventare più intelligente grazie alla funzionalità “Alexa Answers”.

DI COSA SI TRATTA
Ogni giorno milioni di clienti in Italia si rivolgono ad Alexa per chiedere le informazioni più disparate, dagli ultimi risultati sportivi, per esempio, al nome dell'attore protagonista del proprio film preferito. Uno degli obiettivi di Amazon è far sì che Alexa possa funzionare bene per tutti i clienti.

Più Alexa viene utilizzata, più il servizio diventa intelligente adattandosi al modo di parlare dei clienti, al loro vocabolario e alle loro preferenze personali. Solo negli ultimi due anni, dal lancio in Italia, Alexa ha registrato un miglioramento del 36% sul livello di comprensione delle richieste dei clienti.

Tuttavia, nonostante Alexa sia in grado di rispondere a un vasto numero di richieste da parte dei clienti, esistono domande alle quali Alexa non ha ancora una risposta. Ad esempio: “Il miele è un cibo per le api?” o “Qual è il gas più abbondante nell'atmosfera?” o “Perché esiste la muraglia cinese?” o “Da che altezza ci si butta col paracadute?” o “Perché le fragole sono rosse?”.

Da oggi Amazon, oltre ad utilizzare le tecnologie più avanzate, come l'apprendimento automatico e la comprensione del linguaggio naturale, vuole coinvolgere direttamente la sua community di clienti per aiutare Alexa a rispondere al maggior numero di domande possibili. I clienti Amazon offrono già da tempo il loro contributo sulle pagine di dettaglio dei prodotti su Amazon.it attraverso le recensioni. Allo stesso modo, con “Alexa Answers”, ciascun cliente potrà aiutare Alexa ad imparare nuove nozioni, a beneficio di tutti gli altri clienti di Alexa in Italia.

COME FUNZIONA
È sufficiente accedere a https://alexaanswers.amazon.it tramite il proprio account Amazon. Sulla pagina sarà visibile un elenco di domande a cui rispondere, filtrabili in base a categorie come “domande più frequenti”, “domande più recenti”, “aree tematiche” oppure come “scienza”, “storia”, “letteratura”, “musica” e altro ancora. Dopo aver inviato una risposta, il cliente guadagnerà punti per classifiche mensili e settimanali e distintivi in base, per esempio, al numero di domande a cui avrà risposto e a quante volte la sua risposta è stata condivisa da Alexa e molto altro ancora.




crediti foto: ufficio stampa

Safe Expression: Kaspersky e KRAKATAU lanciano una collezione con l’ “impronta digitale”

di Laura Frigerio

Capi con la vostra “impronta digitale”. Ci avete mai pensato? Lo hanno fatto Kaspersky e KRAKATAU (brand internazionale di abbigliamento tecnico), che hanno appena lanciato Safe_expression, una collezione di capi che possono essere personalizzati con l'impronta digitale di chi li acquista.


L’idea nasce da una recente ricerca di Kaspersky, dalla quale è emerso che il 43% dei millennials italiani pensa di essere troppo noioso per attirare l’attenzione dei criminali informatici.

Però l’analisi degli esperti di Kaspersky su diversi mercati Darknet, ha dimostrato che tutti i dati possono essere preziosi non solo per gli utenti a cui appartengono, ma anche per i criminali informatici. Infatti, tra i dati più ambiti dai cybercriminali e che vengono venduti su questi mercati ci sono: la condivisione di selfie con i documenti come passaporti o patenti di guida (fino a 40-60 dollari), le cartelle cliniche (fino a 30 dollari), i dati della carta di credito (fino a 20 dollari), i conti PayPal (fino a 500 dollari), e le informazioni complete della carta d’identità (fino a 10 dollari).

Queste informazioni possono essere utilizzate per vari scopi malevoli, dallo sfruttamento in cambio di denaro alle richieste di ricatto. Internet e i servizi online ci offrono diverse opportunità per condividere le nostre opinioni e per connetterci con altre persone in tutto il mondo e proprio per questo è fondamentale che sia un luogo sicuro, in cui è consentito agli utenti di potersi esprimere liberamente.

La collezione Safe_expression è pensata proprio in questa ottica, tanto che consente di creare capi in grado di esaltare la personalità di ognuno, rivelando anche il livello di sicurezza della propria privacy. Infatti i capi possono essere personalizzati con l’impronta digitale di ognuno.

Come funziona? Durante l’acquisto dovrete rispondere ad alcune semplici domande, rivolte da uno speciale chat bot in merito al comportamento tenuto online e alle abitudini rispetto alla privacy, verrà realizzata un’impronta unica. La stampa verrà realizzata con algoritmi unici che analizzano i problemi di privacy degli utenti. Più l’utente è attento alla propria privacy, più complessa o armoniosa sarà la stampa.

Volete provare? Collegatevi al sito ufficiale: https://safe-expression.krakatauwear.com.




crediti foto: ufficio stampa