Su Amazon i nuovi Echo ed Echo Dot

di Redazione

Amazon ha iniziato a consegnare in Italia i nuovi dispositivi Echo ed Echo Dot, caratterizzati da un design sferico completamente nuovo e una qualità audio migliore. Le consegne di Echo Dot con orologio partiranno invece il 5 novembre. Importante sottolinear che i dispositivi Echo sono realizzati con materiali riciclati e sono dotati della modalità risparmio energetico.

IL NUOVO ECHO
Presenta un design completamente nuovo e una finitura in tessuto che si adatta perfettamente a qualsiasi stanza, con un anello luminoso a LED alla base della sfera che si riflette sulle superfici per una maggiore visibilità.
Anche l’audio è stato migliorato: grazie al woofer da 3” (76 mm) e ai due tweeter (20 mm/0,8”), Echo offre un suono stereo Dolby da un unico dispositivo con alti nitidi, medi dinamici e bassi profondi. Come Echo Studio, il nuovo Echo rileva automaticamente l'acustica del tuo spazio e ottimizza la riproduzione audio. Inoltre, per la prima volta, Echo include un hub per la Casa Intelligente, con il supporto di Zigbee, e dispone anche della connettività Bluetooth LE.

ECHO DOT, ANCHE CON OROLOGIO
Il nuovo Echo Dot ha lo stesso design sferico e la stessa finitura in tessuto di Echo. Presenta un potente altoparlante frontale da 41 mm che riproduce voci nitide e bassi bilanciati per un audio pieno in qualsiasi stanza della casa. Il nuovo Echo Dot con orologio presenta gli stessi miglioramenti di Echo Dot, oltre a un display LED che consente di controllare facilmente l'ora, la temperatura esterna, i timer e le sveglie. E, da oggi, la funzione che consente di spegnere la sveglia con un tocco, che i clienti adorano su Echo Dot con orologio, sarà disponibile anche su Echo Dot ed Echo.

ALTRE INFORMAZIONI
Echo ed Echo Dot sono disponibili al costo di 99,99 € e 59,99 € nei colori antracite, bianco ghiaccio e ceruleo. Le consegne ai clienti iniziano a partire da oggi, 22 ottobre 2020. Echo Dot con orologio sarà invece disponibile al costo di 69,99 € nei colori bianco ghiaccio e ceruleo, a partire dal 5 novembre 2020.

In merito alle consegne del nuovo Echo Show 10, seguiranno aggiornamenti nelle prossime settimane.




crediti foto: ufficio stampa

Huawei in passerella con Francesca Liberatore

di Laura Frigerio

L’ultima Milano Fashion Week, divisa tra reale e virtuale, ha avuto tra gli eventi clou la sfilata di Francesca Liberatore, una delle stiliste italiane più talentuose del momento. In passerella non hanno sfilato solo i capi della collezione Spring-Summer 2021 della designer, ma anche Huawei con i device del suo ecosistema.


L’obiettivo era quello di rappresentare una moda moderna, sempre più comunicativa. Huawei ha offerto supporto tecnologico concreto e i suoi device hanno permesso a tutti i presenti di diventare opera e operatore allo stesso tempo, assumendo un ruolo attivo passivo, in linea con la modalità di svolgimento dell'intero evento.


“Il talento e il genio creativo hanno significati importanti per noi in Huawei. Quando un’idea forte come quella portata in passerella da Francesca Liberatore incontra la nostra tecnologia, il risultato non può che essere originale e all’avanguardia. Crediamo che la tecnologia possa essere fattore abilitante e, in questo momento più che mai, sia un elemento chiave per farci sentire tutti connessi. Continueremo a lavorare per offrire le più avanzate soluzioni tecnologiche attraverso i nostri prodotti e servizi sempre più ricchi, interconnessi tra di loro senza soluzione di continuità e aperti ad un pubblico sempre più ampio” - ha affermato Isabella Lazzini, Marketing & Retail Director Huawei CBG Italia.

“Creare qualcosa di autentico e reale in cui, come nel film Lisbon Story di Wim Wender, fosse importante rappresentare la contingenza e in particolare l’evento con il massimo dell’oggettività che solo una camera 'fuori controllo' può dare, creando un racconto nuovo grazie all’assoluta qualità che la tecnologia Huawei ha potuto conferire” - ha affermato Francesca Liberatore.


A sfilare alcuni dei prodotti più recenti lanciati sul mercato italiano, tra questi: i nuovi auricolari Huawei True Wireless Stereo (TWS) top di gamma HUAWEI FreeBuds Pro, i primi con cancellazione intelligente e dinamica del rumore; i nuovi wearable, HUAWEI WATCH FIT, i primi con quadrante rettangolare e bordi arrotondati ad includere un vero personal trainer animato e HUAWEI WATCH GT 2 Pro, con il suo design minimal e confortevole ma altamente personalizzabile con oltre 200 immagini diverse per il quadrante e oltre 100 modalità di allenamento.

Ma non è finita qui: presenti anche i flagship HUAWEI P40 Pro+ e HUAWEI P40 Pro che grazie agli obiettivi Leica Ultra Vision declinati rispettivamente in una quintupla e una quadrupla camera, garantiscono una qualità fotografica senza precedenti e gli occhiali smart HUAWEI GENTLE MONSTER, che permettono di creare un look elegante e smart, integrando nella montatura varie funzionalità per il controllo di musica e chiamate. Infine, il nuovo laptop HUAWEI MateBook 14 AMD, leggero, elegante e super performante, è stato protagonista durante l’asta di beneficienza che ha messo in vendita i capi della nuova collezione di Liberatore.

Il ricavato verrà devoluto a sostegno del progetto per sostenere il Monastero Benedettino di Mvimwa in Tanzania. Indossati dalle modelle durante il catwalk, i prodotti Huawei si sono mostrati in occasioni d’uso quotidiane, confermando l’eleganza del design e la pratica indossabilità, compagni perfetti per chi desidera device performanti senza rinunciare allo stile.





crediti foto: ufficio stampa

Wiko e Kaspersky: 5 consigli per il binge watching

di Laura Frigerio

Con l’arrivo dell’autunno e delle temperature più rigide, la voglia di passare le serate e il weekend a casa sul divano, con tanto di copertina sulle gambe, è tanta. E qualche modo migliore di passare il tempo se non immergendosi nel binge watching di qualche bella serie tv?
Però c’è un aspetto che spesso viene trascurato: a nostra cybersecurity. Quanto siamo disposti a “rischiare” pur di vedere la nostra puntata del cuore?  


In occasione dell’European Cyber Security Month, Wiko (celebre brand di smartphone) ha voluto condurre un sondaggio sulla sua Instagram community per raccontare e documentare la passione degli italiani per le serie televisive e il loro livello di cyber-awareness, per poi fornire insieme a Kaspersky (azienda di cyber sicurezza) qualche consiglio per restare sempre “protetti”.

Si parte da un dato: il 94% degli intervistati ha svelato che, quando si trova a casa, guarda più serie tv. Sebbene la TV e il PC restino i mezzi preferiti, un buon 36% degli utenti predilige utilizzare il proprio smartphone. D’altronde, oggi, con gli schermi sempre più grandi degli smartphone, la visione mantiene la sua immersività anche da mobile. 

Al bando però lo streaming pirata, il 66% degli utenti fruisce infatti dei propri contenuti preferiti solo attraverso un abbonamento a un’app o ad un servizio di streaming. E anche i fan più sfegatati sono consapevoli del rischio che si potrebbe correre preferendo siti illegali sul web (70%).  

Pensavate che vedere una serie fosse sinonimo di binge watching? Vi state sbagliando perché solo il 41% è disposto a far nottata pur di finire tutte le puntate di una nuova stagione, mentre il 59% aspetta comodamente il weekend. E i sottotitoli? Per il 51% sono un’opportunità di unire l’utile al dilettevole e di imparare una nuova lingua, mentre alla restante metà non dispiace attendere il doppiaggio italiano pur di guardare l'episodio in totale relax.  

C’è di più: le serie si vedono in solitaria (57%), niente chat o gruppi di WhatsApp per condividere con amici passaggi clou o commenti. Il risvolto social si manifesta solo alla fine, quando in attesa delle prossime puntate o spin-off ci si iscrive alle fanpage o si inizia a seguire i profili di tutti i protagonisti(57%) per restare aggiornati e continuare a sognare ancora un po’.   Quindi per concludere, cosa possiamo fare per proteggere la nostra cybersecurity mentre guardiamo una serie TV? E, soprattutto, siamo al sicuro anche quando utilizziamo servizi legali?  

Ecco i consigli degli esperti di Kaspersky:  
- Utilizzate sempre password diverse e forti per ognuno degli account che possedete (anche per quelli che vengono usati per accedere ai servizi di streaming) e non condividetele con i vostri amici. Ci sono milioni di account potenzialmente a rischio e tentativi di trarre in inganno anche gli utenti più esperti!

- Prediligete l’utilizzo di una soluzione di sicurezza affidabile e certificata, in grado di offrire una protezione avanzata su tutti i dispositivi in uso e fate sempre tutti gli aggiornamenti richiesti dal vostro smartphone e dalle app.


- Utilizzate solo fonti affidabili, ovvero servizi per i quali è stato sottoscritto un abbonamento, evitando fonti non verificate. Controllate sempre il formato dell'URL o l'ortografia del nome dell’azienda prima di effettuare qualunque download. I finti siti web possono sembrare apparentemente identici a quelli legittimi, ma prestando maggiore attenzione ad alcune irregolarità è possibile distinguerli.

- Se possibile, usate una carta di credito prepagata per i pagamenti ed evitate di memorizzare sul sito o app di streaming i dettagli della carta.

- Prestate attenzione all’estensione del file scaricato. Per esempio, l’estensione di una puntata non sarà mai in formato .exe.




crediti foto: ufficio stampa

LG Velvet per il vostro Back to Work

di Redazione

Il vostro smartphone vi ha accompagnato durante l’estate e le vacanze, rivelandosi indispensabile anche durante i momenti di relax.
Ora bisogna prepararsi al Back to Work e per affrontare le giornate frenetiche, corse contro il tempo ed eventuali cadute dello smartphone, LG Velvet è l’alleato ideale grazie alla solidità e qualità dei materiali che lo caratterizzano.


LG Velvet, il nuovo smartphone lanciato da LG in vendita (al prezzo consigliato di 649,00 €), può infatti vantare due importanti caratteristiche di resistenza. Il device è dotato della certificazione MIL-STD-810G, uno standard definito dal Comando Test di Sviluppo degli Stati Uniti che si sviluppa su diversi test ambientali volti ad accertare che l’equipaggiamento militare sia resistente.


In particolare, sono 12 i test che LG Velvet ha superato una volta messo alla prova. Tra cui:

-Test di funzionamento a temperature estreme: lo smartphone viene tenuto in funzione per un giorno a +43°C e per un altro giorno a -21°C. Viene poi sottoposto a tre cicli di shock termici: si tiene per due ore a +43°C e poi in meno di un minuto si passa a -21°C e viceversa.

-Test a bassa pressione: simulando la pressione che si troverebbe sulle vette di 4500m, lo smartphone viene fatto funzionare alla pressione di circa 57kPa per un giorno.

-Sabbia e polvere: viene simulata una sorta di tempesta di sabbia, in cui vengono sparate sabbia e polvere sullo smartphone a circa 33 km/h da 6 direzioni diverse in un ambiente con temperatura di 70°C. Il tutto in cicli di un’ora ripetuti per ben sei volte.

-Test di caduta: alcuni campioni di Velvet sono stati fatti cadere 26 volte da un’altezza di 76 cm su un piano di compensato da 2 cm appoggiato su una base di cemento.

Questi e altri test militari, effettuati presso i laboratori Eurofins MET Laboratories Inc negli Stati Uniti, confermano la resistenza di LG Velvet, dimostrando che lo smartphone è in grado di funzionare correttamente anche dopo l’esecuzione dei test stessi.

LG Velvet è inoltre dotato della certificazione IP68, effettuata con un test in acqua dolce, che garantisce un’ottima resistenza a polveri e liquidi, offrendo così a tutti gli utenti amanti della tecnologia un’alternativa valida e concreta alle ingombranti cover per la protezione degli smartphone. Nello specifico, il Velvet resiste all’acqua per un massimo di 30 min a una profondità massima di 1,5 m.




crediti foto: ufficio stampa

Thirty Seconds Film & Video Production Company, una garanzia in Italia e all'estero

di Redazione

Thirty Seconds Film & Video Production Company si conferma, anche in questo periodo non facile, il partner ideale nel campo video non solo in tutta Italia, ma anche all'estero. Un partner in grado di entrare subito in sintonia con i suoi clienti, fin dal primo briefing, ottimizzando così sui viaggi, la logistica e i relativi spostamenti.

Thirty Seconds Video Production Company (www.produzionevideomilano.com) ha sede in via Vincenzo Monti, a Milano e da oltre 25 anni collabora e lavora con clienti diretti , B2B, Agenzie Marketing ed Agenzie Pubblicitarie che intendono realizzare, sia su territorio italiano che su territorio europeo, fantastici contenuti video per documentari/reportage, video commerciali, video aziendali, conferenze, meeting, congressi, spettacoli musicali, film, riprese aeree ed interviste in lingua madre.

Per menzionare alcune delle collaborazioni: Samsung, General Electric, Kodak USA, CEIA, Electronic Arts e Nintendo. Essendo esperti del territorio possiamo fornire una consulenza dettagliata e professionale su location interne ed esterne. Dagli Appennini alla Sicilia includendo la Sardegna.

Thirty Seconds Video Production Company pensa a tutti i permessi, in qualsiasi regione d’Italia, in quanto accreditati con La Lombardia Film Commission, la quale si occupa di dare l’approvazione per la riprese e la fotografie in spazi aperti. Inoltre hanno modo di ottenere i permessi per le riprese video in tutta Italia.

Esperti conoscitori dell’Italia, Thirty Seconds Video Production Company da sempre accompagna i suoi clienti tra le località più belle. Qualche esempio? Il fantastico lago di Como, dove il Manzoni raccontò la sua opera e il lago di Lecco con un promontorio spettacolare, per non parlare della bellissima cittadina di Bellagio fino a passare per le emozionanti calle dell’ affascinante Venezia. Tra le migliori video produzioni, c'è la Toscana dall’isola d’Elba al Chianti, per poi passare nel Senese percorrendo la strada del vino San Gimignana la quale ha infinite possibilità tra luoghi e paesaggi per ottenere riprese mozzafiato di tramonti ed albe fantastiche. Incredibili luoghi che vengono utilizzati periodicamente in innumerevoli film internazionali. Passando attraverso l’Italia si trova Roma con scenari incredibili, ricchi di storia, fino ad arrivare alla Puglia con luoghi come il Salento, Alberobello, Otranto, Ostuni ( meglio conosciuta come la città bianca), impareggiabili location con un mare caraibico, tra lo Ionio e il Mediterraneo, anch’essi cornici d’altri tempi per Storytelling d’autore. Percorrendo le famose strade del sud Italia della Dolce Vita arrivando sulla famosissima Amalfi Coast, trovandosi così nella perla d’Italia: Capri. Senza escludere Ischia, Procida, Amalfi con i suoi famossissimi limoni. Proseguendo per Positano e le isole limitrofe. Infine si arriva alla punta d’Italia con la bellissima Sicilia con le sue isole Eolie.

Il team di Thirty Seconds Video Production Company è presente su tutto il territorio e realizza video produzioni su misura secondo le esigenze e co le migliori attrezzature broadcast. Altra peculiarità di Thirty Seconds Video Production Company è la capacità di realizzare vari progetti anche in modalità smart working. I creativi dell'agenzia sono sempre a disposizione dei clienti per realizzare dei servizi su misura, in massima sicurezza e affidabilità, rispettosi delle normative igienico sanitarie prescritte dal Governo.


crediti foto: ufficio stampa

Kaspersky svela la preferenza degli italiani per le relazioni online

di Laura Frigerio

Fino a qualche tempo fa il dating online veniva visto con sospetto e scetticismo da molti, ma ora le cose sono cambiate. Lo conferma una ricerca internazionale di Kaspersky (leader mondiale nella cybersecurity), nell’ambito della campagna “Love & Loneliness / Protect your Digital Passions”, attraverso la quale scopriamo che buona parte degli italiani (il 32,5%) si sentono più estroversi nelle relazioni online piuttosto che in quelle reali.


Per il 28,9% è più facile costruire nuove amicizie online o sui social media. Invece il 50,7% ammette di passare online almeno cinque ore al giorno ha dichiarato anche di sentire la solitudine.


Per chi fosse interessato, sul blog di Kaspersky è possibile trovare le riflessioni di Marvi Santamaria (autrice del blog Match and The City) sulla solitudine e le relazioni online, le app di dating e i rischi legati alla sicurezza informatica.


Un tema che merita decisamente di essere approfondito, soprattutto dopo che gli ultimi mesi (causa lockdown) ci siamo ritrovati isolati per lungo tempo dagli altri e costretti a mantenere vivi i nostri contatti proprio attraverso la rete.



crediti foto: ufficio stampa

Babbel festeggia il World Emoji Day

di Laura Frigerio

Se un tempo erano soprattutto i più giovani a usare le emoji (da non confondere con le emoticon) nei loro messaggi e sui social network, ora è ormai abitudine diffusa per tutte le età.

D’altra parte emoji semplificano la comunicazione: sono immediate, universalmente comprese e abbattono le barriere linguistiche.
Però bisogna anche dire che, tra le 1600 emoji in codice Unicode Consortium, ne esistono alcune soggette a fraintendimento.

È per questo che, in occasione del World Emoji Day del 17 luglio, Babbel (la celebre che porta le abilità linguistiche ad un livello superior), ha deciso di fornire agli internauti una vera e propria guida all’utilizzo delle emoji.


-Una delle emoji più dibattute è quella della faccina sorridente capovolta. Potrebbe sembrare una semplice alternativa dello smile, ma nel suo utilizzo corretto, mostra un doppio significato, che si tratti di sarcasmo o di un eufemismo.

-L’emoji della faccina con la goccia dal naso ha un significato ben diverso da quello che si potrebbe pensare. Potrebbe trattarsi di un'immagine che rappresenta una faccia raffreddata, ma il suo vero significato arriva dal Giappone, dove è stata inventata: questa emoji esprime la noia.

-L’emoji “leggermente sorridente” non è usata come segno di felicità in tutti i Paesi. In Cina, per esempio, implica sfiducia, incredulità o qualcuno che ti umilia. Può anche trasmettere un tono ironico di voce in altri contesti.


-A sollevare dubbi non sono solo le faccine. In Oriente e Occidente, l’emoji del battito di mani ha due significati ben diversi: mostra elogi e congratulazioni nei paesi occidentali, mentre in Cina simboleggia fare l’amore.

-Similmente, nei paesi occidentali, questa emoji molto utilizzata indica che tutto va bene. In Giappone, invece, è un gesto utilizzato come rappresentazione del denaro. E ancora, In Brasile e Turchia il gesto “OK” è considerato un insulto, equivalente al dito medio.

-Anche questa emoji sembra avere significati differenti a seconda del Paese in cui ci si trova. Per molti, simboleggia il rock o l’espressione “rock on”, ma come in Italia occorre prestare particolare attenzione all’utilizzo dell’emoji in Brasile, Grecia, Portogallo, Spagna, Colombia e Argentina, in quanto significa che il partner della persona che riceve il messaggio lo/la tradisce. La stessa emoji significa anche “ti amo” secondo la Lingua dei segni Americana.

-Altre emoji richiedono una particolare attenzione nell’utilizzo. È il caso della melanzana, della banana e della pesca. Per quanto riguarda le prime due, sono spesso usate a sfondo sessuale. Mentre la pesca ultimamente viene utilizzata per rappresentare i glutei nelle foto fitness delle più sportive influencer. In realtà, la melanzana simboleggia la buona fortuna in Giappone.


-L’emoji del fuoco ha molteplici significati: può rappresentare sia forza e orgoglio, sia qualcosa di “figo”, quindi è tendenzialmente considerata una emoji molto positiva. Ma può anche diventare il pittogramma di sexy.


-L’emoji delle mani giunte è forse la più controversa. Qualche anno fa cominciò a diffondersi online la teoria secondo cui queste sarebbero mani che si danno il cinque. Non è così: sono sempre state mani giunte, tanto che, nelle versioni più definite si vede che si tratta di mani che hanno i mignoli dalla stessa parte, cosa che non succede se ci si dà un cinque con la stessa mano. Le mani giunte sono utilizzate anche come una preghiera, un richiamo al “namaste” indiano, ma in realtà provengono da “per favore” o “grazie” nella cultura giapponese. Altre due interpretazioni comunemente errate sono le emoji giapponesi “persona che si inchina”, conosciuta come “dogeza” in Giappone, che viene utilizzata per esprimereuna sincera scusa o un profondo favore, ma che molti hanno interpretato come “persona che fa flessioni”, “eccitato”, “persona carina”, “sdraiato per il massaggio” e “Kin no unko” o “cacca d’oro”, un segno di buona fortuna e una delle emoji più popolari in Giappone, molto dibattuta nel mondo occidentale.

-Contrariamente a quanto si ritiene comunemente, questa non è una donna che tiene una mano a mezz’aria per dire qualcosa con tono insolente, oppure toccandosi i capelli. In realtà rappresenta una donna (Ma ne esiste anche una versione maschile) di un banco informazioni mentre fa un gesto come per dire: “come posso aiutarla?”.



crediti foto: ufficio stampa

Huawei lancia lo smartphone P40 Pro+

di Laura Frigerio


Amanti dell’hi-tech attenzione, perché c’è una bella novità per voi. In casa Huawei è arrivato infatti un nuovo smartphone: si tratta dell’attesissimo HUAWEI P40 Pro+.

HUAWEI P40 Pro+ è il non plus ultra in termini di fotocamere smart e amplia radicalmente le possibilità offerte fino ad ora dalla fotografia mobile. Insieme alla migliore esperienza 5G al mondo e a un design iconico. Insomma, è lo smartphone del futuro.

"HUAWEI P40 Pro+ rappresenta per noi la massima espressione della fotografia visionaria, grazie all'esclusivo HUAWEI Ultra Vision Sensor, al SuperZoom Array e alle caratteristiche cinematografiche di livello professionale. Lo smartphone offre anche una connessione ultraveloce garantita dalle impareggiabili prestazioni del processore Kirin 990 5G, per connettere istantaneamente le persone e il mondo che le circonda" - ha dichiarato Pier Giorgio Furcas, Deputy General Manager Huawei CBG Italia.

Quali sono le sue caratteristiche? Scopriamole insieme…

FOTOGRAFIA IN SUPER DEFINIZIONE IN QUALSIASI MOMENTO
La penta-camera Ultra Vision Leica di HUAWEI P40 Pro+ è dotata del sensore Huawei da 1/1,28 pollici – leader di settore – in grado di supportare il pixel binning producendo pixel che misurano 2,44μm. Grazie al lavoro sinergico del sensore e del filtro array RYYB, la fotocamera riesce a catturare luce e dettagli restituendo immagini con un’elevata chiarezza sia di giorno che di notte. Il sensore principale della fotocamera è anche il primo al mondo a supportare il Full Pixel Octa PD AutoFocus, per dettagli precisi indipendentemente dalla complessità della scena e dalle condizioni di luce.

L'esclusivo SuperZoom Array di HUAWEI P40 Pro+ è composto da due teleobiettivi 3x e 10x per lo zoom ottico e fino a 100x di zoom digitale, grazie all'avanzato design del periscopio con prismi che riflettono la luce. In combinazione con Triple OIS+AIS, HUAWEI P40 Pro+ fornisce la migliore stabilizzazione dell'immagine mai realizzata su un dispositivo della serie HUAWEI P, per prestazioni di zoom senza precedenti.

La doppia camera frontale vanta una fotocamera da 32MP con messa a fuoco automatica e una fotocamera di profondità a infrarossi, che lavorando congiuntamente permettono di creare selfie con effetti bokeh naturali ed incredibili. HUAWEI Golden Snap è disponibile anche su HUAWEI P40 Pro+, ed include AI Best Moment, una funzione di fotografia intelligente che sceglie i fotogrammi migliori da un'immagine in movimento, AI Remove Passerby e AI Remove Reflection che rimuovono i soggetti indesiderati e i riflessi dall'inquadratura.


UNA VIDEOCAMERA POTENTE E COMPATTA
La Ultra-Wide Cine Camera da 40MP di HUAWEI P40 Pro+ grazie alla sensibilità alla luce ISO 51200 supporta la ripresa video in condizioni di scarsa illuminazione, sfida difficile anche per coloro che utilizzano apparecchiature professionali. Insieme alla tecnologia SedecimPixel Fusion, che produce super pixel di 4,48μm, il dispositivo è in grado di registrare video luminosi e chiari, anche di notte.
La Cine Camera supporta anche la ripresa di contenuti HDR, la registrazione Ultra Slow-Motion 7680fps e gli effetti Bokeh in tempo reale per i video - simili ai risultati ottenibili con un obiettivo ad ampia apertura. La telephoto Camera può catturare filmati di alta qualità anche con lo zoom attivo e video 4K time-lapse, inoltre è possibile utilizzare il Directional Audio Zoom che permette agli utenti di zoomare su una sorgente audio, amplificandone, allo stesso tempo, il suono.


DESIGN VISIONARIO
HUAWEI P40 Pro+ è dotato del display HUAWEI Quad-Curve Overflow, con bordi super sottili e angoli arrotondati aerodinamici che assicurano una tenuta ergonomica e un look quasi senza confini, per un'esperienza visiva impeccabile. Inoltre, il display fluido a 90 Hz offre una reattività ottimizzata e animazioni più fluide, oltre a un'esperienza di gioco molto più coinvolgente. Dotato di un innovativo pannello posteriore in nano-tech ceramica che viene forgiato e lucidato per garantirne la durabilità, HUAWEI P40 Pro+ ha uno stile senza tempo ed è disponibile in due varianti di colore Ceramic White o Ceramic Black.


5G ALLA MASSIMA POTENZA
Alimentato dal Kirin 990 5G e potenziato dall'esperienza di Huawei, leader nel 5G, HUAWEI P40 Pro+ offre una connettività 5G integrata con il più completo supporto di banda 5G, per una connessione ultra-veloce. La tecnologia Wi-Fi 6 Plus a 160MHz offre anche una connettività ad alta velocità di supporto per una velocità di trasmissione teorica di picco di 2.400Mbps e una migliore ricezione del segnale. Il sistema 4-in-1 SuperCool assicura le migliori prestazioni di raffreddamento per aiutare HUAWEI P40 Pro+ a gestire l'elaborazione ad alta capacità delle comunicazioni 5G.


CONNETTIVITA’ SENZA SOLUZIONE DI CONTINUITA’
HUAWEI P40 Pro+ è dotato del più recente sistema operativo EMUI 10.1, che introduce nuove funzionalità per una connettività più fluida. Tra queste: HUAWEI MeeTime che supporta la più alta qualità di tutte le applicazioni di video chat oggi disponibili, l'aggiornamento di Huawei Share che consente connessioni ottimizzate con altri dispositivi Huawei e apparecchiature di terze parti, e la nuova funzione Multi-Screen Collaboration che abbatte le barriere tra i sistemi Windows e Android, per un'esperienza di ufficio mobile senza soluzione di continuità.




crediti foto: ufficio stampa

Wiko svela i trucchi per selfie con la mascherina

di Redazione

Come vi state abituando a questa “nuova normalità” post lockdown? In questa fase tra distanziamenti, nuove norme e regole da rispettare, c’è indubbiamente un comune denominatore da tenere in considerazione: la mascherina.

La mascherina protettiva è infatti un prezioso alleato che ci accompagnerà nell’immediato futuro e con cui dover familiarizzare, anche nei momenti quotidiani. Perfino mentre si scatta una foto con lo smartphone o ci si fa un selfie. È evidente che se i sorrisi, le smorfie, così come i bronci e tutte le espressioni della parte inferiore del viso sono inevitabilmente coperti, per scatti d’impatto, occorre puntare tutto sullo sguardo.

Wiko, brand franco-cinese portavoce del lusso democratico, da sempre attento ai trend che spopolano tra le sue community, gremite di giovani e giovanissimi, non poteva non accorgersi di questo fenomeno. Per raccontare un nuovo modo di fotografare e di fotografarsi, il marchio ha voluto interpellare MKS - MILANO FASHION AGENCY, Agenzia di Make-up Artists da oltre 4 anni nel mondo della moda, che fa dell’immagine e dello styling il suo operato.

Come realizzare dunque dei selfie effetto wow, pronti per essere condivisi, commentati e ricevere valanghe di like nonostante la mascherina?
Gaetano Pane e Giusi Mertoli, make-up artist di MKS MILANO, hanno fornito a Wiko alcuni pratici e utili consigli per esaltare gli occhi e lo sguardo, con un’attenzione particolare agli abbinamenti di colore e ai prodotti più giusti da tenere nel beauty case.


1-Per iniziare, stendere un velo di crema con un buon fattore protettivo (SPF) per proteggersi dai raggi solari più intensi della stagione calda, quindi, poiché il respiro tenderà a creare vapore che a causa della mascherina verrà indirizzato proprio verso gli occhi, il primo consiglio per cominciare la beauty routine quotidiana è quello di puntare su prodotti a lunga tenuta o waterproof.

2-Visto che gli occhi saranno il centro dello scatto, è importante tenere a portata di mano un leggero correttore fluido, da fissare con un velo di cipria, applicata tamponando con una spugnetta. Le temperature si alzano: nessuno vuole un effetto cerone, eccessivamente mat e poco naturale, ma è altrettanto fondamentale che il trucco occhi non si sciolga rovinando così anche il più bello dei selfie!

 

3-Si parte con l’illuminazione dell’occhio: prima si applica un ombretto luminoso sulla parte interna dell’occhio, sfumando con un ombretto più scuro verso l’esterno, quindi si procede con un eyeliner o con una matita nera, cercando di rimanere il più possibile attaccati alla rima ciliare e infine si continua applicando un abbondante strato di mascara, per infoltire e modellare le ciglia.

4-È bene ricordarsi di creare sempre i giusti accostamenti cromatici in base al colore dell’iride e dell’incarnato. L’armocromia ci viene incontro e ci insegna infatti che gli occhi castani si enfatizzano con il bordeaux e il marrone scuro, gli occhi verdi sono invece valorizzati da bronzo e rame, gli occhi azzurri amplificano il loro magnetismo con il grigio perla e il blu, mentre gli occhi neri o marrone scuro si accostano perfettamente ai verdi e ai perlati.

5-Ultimo punto, non di minore importanza, è di non dimenticare le sopracciglia poiché incorniciano gli occhi e creano la giusta armonia nel viso. Prima di procedere con la condivisione di una nuova foto che alimenterà i propri profili social, occorre pettinare segmento dopo segmento le sopracciglia verso l’alto e fissare in modo da aprire lo sguardo. Questo è un consiglio utile anche per gli uomini. Brow soap e brow gel sempre nel beauty case e il gioco è fatto!




crediti foto: ufficio stampa

LG Styler per il guardaroba intelligente

di Laura Frigerio

In queste giornate di lockdown avrete sicuramente provato ad occuparvi del vostro guardaroba, magari non ottenendo i risultati desiderati.


È per questo che siamo sicuri vi interesserà LG Styler, il guardaroba intelligente multifunzione di LG Electronics, che si prende cura dei capi, anche dei più delicati. È sufficiente riporre gli indumenti al suo interno affinché vengano igienizzati e rinfrescati, rimuovendo le pieghe ed eliminando gli odori sgradevoli.

Scopriamo alcune delle caratteristiche…

VAPORE IGIENIZZANTE PER LA MASSIMA PROTEZIONE
Grazie alla tecnologia TrueSteam che riduce fino al 99,9% di allergeni e batteri, LG Styler igienizza con facilità i tessuti con un delicato getto di vapore costituito da acqua al 100%, senza aggiunta di additivi chimici. LG Styler è il partner indispensabile per coloro che soffrono di allergie stagionali e desiderano igienizzare in pochi minuti gli indumenti appena indossati ma anche per i genitori più esigenti che vogliono igienizzare i capi o gli oggetti in tessuto (come i peluche) dei propri bambini.

DEUMIDIFICA, RINFRESCA, STIRA E ASCIUGA
Pensato per rispondere a ogni tipo di evenienza che possa verificarsi tra un lavaggio e un altro dei capi d’abbigliamento, LG Styler prevede diverse modalità di utilizzo per rispondere a differenti bisogni. Se infatti la funzione Gentle Dry rimuove completamente l’umidità dai tessuti, il ciclo Special Care è in grado di prendersi cura di quei capi delicati (maglioni di lana e cachemire, cappotti, capi in velluto o con applicazioni di paillettes) che è preferibile lavare il meno possibile e che in molti casi necessitano semplicemente di essere rinfrescati dopo l’utilizzo. Per ogni ciclo disponibile è possibile stabilire l’intensità del getto di vapore, partendo da quello più veloce della durata di soli 20 minuti.

LG Styler è in grado di contenere fino a quattro capi contemporaneamente, inclusi i pantaloni a cui è dedicato il vano nella parte interna dello sportello. Proprio per la cura dei pantaloni nasce la funzione Pants Crease Care in grado di restituirli ai legittimi proprietari ordinati, puliti e già stirati.


RISPARMIO DI ENERGIA E DI TEMPO
Un touchscreen con comandi semplici e intuitivi completa l’elegante design di LG Styler e la tecnologia Heat Pump Drying contribuisce alla riduzione del consumo di energia, riciclando il calore prodotto dall'aria e dall’umidità accumulata all'interno dell’armadio.


"LG Styler introduce un nuovo modo di gestire il bucato e gli indumenti: il nostro guardaroba intelligente infatti riduce il tempo impiegato nelle attività domestiche, permettendo alle persone di dedicarsi ad attività più piacevoli, avendo la certezza di avere un armadio sempre pulito e in ordine" - dichiara Francesco Salza, Consumer Electronics Director di LG Italia.

Anche LG Styler, come tutti gli elettrodomestici LG, è inoltre dotato della funzione Smart Diagnosis™, il sistema innovativo che permette di monitorare il funzionamento dell’elettrodomestico e di segnalare le possibili criticità prima che queste si verifichino. Inoltre, in caso di malfunzionamento, il sistema aiuta il consumatore a facilitare la comunicazione con l’assistenza LG fornendo alla stessa un report di stato rapido e preciso.

Infine LG Styler può essere gestito da remoto grazie all’app gratuita LG ThinQ™ che permette di tenere d’occhio il consumo energetico e di scaricare programmi personalizzati grazie al Cycle Download.

COME ACQUISTARLO
LG Styler può essere acquistato a partire da oggi sullo shop online di LG e sarà distribuito nei prossimi mesi presso alcuni dei rivenditori più importanti.

crediti foto: ufficio stampa