MFW SS 2020: Milan Fashion Club

di Laura Frigerio

Tra gli eventi di maggior successo dell’ultima Milano Fashion Week quello targato Milan Fashion Club, dedicato ai migliori fashion brand emergenti di tutto il mondo, che si è tenuto al FiftyFive con ben 1000 presenze.

Il Milan Fashion Club si è presentato come il nuovo format che mira a diventare parte integrante della settimana della moda milanese, mantenendo un tono di esclusività ma rendendola più accessibile alle nuove proposte del fashion italiane ed internazionali, oltre che alle migliaia di visitatori della manifestazione.

A chi ha aderito all'iniziativa, gli organizzatori hanno dato la possibilità di avere un vero e proprio Fashion Show dedicato, ma anche di esporre e vendere le proprie collezioni all’interno di un Pop Up Store nel cuore di Brera, in Corso Garibaldi 46, così da farsi conoscere e testare il mercato durante una delle settimane più prestigiose del settore.

«Il nostro obiettivo è costruire una comunità di fashion designer e fashionistas democratizzando l'accesso al fashion system per i brand emergenti» - ha dichiarato Elif Resitoglu, co-founder di Blank e direttrice artistica di MFC.

Tra i presenti all’evento: VONLIPPE by Irene Marqueta, OTAKURACE by Hyejin Grace Kim, Ivan Royo, giovane stilista spagnolo. E ancora Anarela, Wamnes e Federica Cristaudo che ha presentato la sua nuova linea di accessori sperimentali in collaborazione con Elle Venturini e Francesca Interlenghi. Alla straordinaria riuscita dell’evento hanno contribuito la U-PRO Academies diretta da Ivan Spinella con le sorprendenti live performance, Nashi Salon Porta Genova e Daniele La Mela con l’hair styilng, VOR Make-Up e B-Selfie con il make-up, oltre a Renault RRG Milano, Asahi, NIO Cocktails, RoundAbout, Deswag e MO.

Crediti foto: ufficio stampa

 

MENTRE LEGGI L'ARTICOLO ASCOLTA LA  Playlist Pink and Chic MFW SS2020

leggi di più

Sloggi inaugura il suo primo shop monomarca, a Roma

di Laura Frigerio

Uno dei brand underwear più longevi è indubbiamente Sloggi, che festeggia ora i suoi primi 40 anni di attività. E l’ha fatto anche aprendo il suo primo shop monomarca a Roma, in via di Campo Marzio 52 (a due passi da Piazza di Spagna).

L’obiettivo è quello di continuare la sua strategia di espansione retail globale che ha visto negli ultimi anni l’apertura di numerosi punti vendita in Europa e uno nel mercato Asiatico.
In un’ottica di crescita omnichannel, il brand ha infatti deciso di investire sull’ampliamento del proprio network soprattutto in Europa e Asia, puntando sull’apertura di negozi mono-brand in aree commerciali strategiche.

Tornando allo shop italiano, possiamo dirvi che si sviluppa su una superficie espositiva di circa 30mq. Entrando ci si trova immersi nel mondo giocoso e divertente del brand, l’illuminazione, i manichini, i dettagli nei camerini: tutto è disegnato per far vivere ai visitatori l’esperienza del vero comfort.

La proposta di collezioni è vasta: dalle linee originali come Basics+ e 100, a quelle iconiche e inconfondibili come ZERO Feel, le più recenti EVER Fresh e WOW Embrace fino alle collezioni del segmento premium S by sloggi.

Per inaugurare lo shop è stato organizzato un evento speciale, impreziosito dalla performance della celebre ballerina rap Colette. Tra le ospiti Benedetta Mazza, Sophia Galiazzo, Camilla Mangiapelo, insieme ad altre influencer come Ida Galati, Arianna Calvitti, Fabrizia Spinelli, Fiamma Andrioli, Ambra Valiul, Martina Corradetti e Roberta Zioni.

Ricordiamo che Sloggi è da sempre vicino ai propri consumatori grazie ai moltissimi rivenditori multibrand in tutta Italia e attraverso lo shop online sloggi.com/it.

leggi di più

Presentata La stoffa della mia vita, la biografia di Martino Midali

di Laura Frigerio

È stato presentato, presso la Maison Martino Midali di Milano, la biografia del celebre stilista intitolato “La Stoffa della Mia Vita” – Un intreccio di trama e ordito.

L’evento, che ha avuto un grande successo, è stato presentato da Jo Squillo portavoce della battaglia contro la violenza sulle donne, che con Midali condivide l’impegno sociale che le riguarda da vicino e con la partecipazione della scrittrice Cinzia Alibrandi, letterata, diplomata in arti drammatiche, che ha saputo restituire sulla carta stampata, le memorie e il percorso di un vero self made man. Una presentazione conviviale con personaggi e figure storiche che hanno da sempre supportato Martino Midali.

Il momento più emozionante? Vedere la commozione di Jo Squillo, nel ricordare la madre, scomparsa di recente, anch'essa grande estimatrice dello stilista. Tra gli applausi finali, si è creata una lunga fila per ricevere un autografo sulla copia appena acquistata.

A seguire si è tenuto un cocktail party con degustazione speciale di Rose Gold Spumante Brut. L’azienda vinicola Bottega Spa ha offerto Bottega Rose Gold, un vino spumante Brut ottenuto dalla vinificazione in rosato delle uve Pinot Nero. Durante la serata, è stato possibile gustare le “sinfonie” di Enrico Rizzi - Milano, il rinomato nome milanese, con la sua boutique di Via Correnti 5 ha proposto Macarons realizzati con le proprie miscele, vere e proprie composizioni di sapori ancora più esclusivi e raffinati.

leggi di più

Un passo dal Giappone, la nuova mostra-mercato di Steflor

di Redazione

Inizia l'autunno e Steflor, leader del mondo green da oltre 30 anni, riparte con i suoi imperdibili appuntamenti aperti al pubblico.

Si parte con “Un passo dal giappone”, mostra mercato del bonsai che si terrà dal 13 al 29 settembre a Paderno Dugnano (in provincia di Milano), nella loro sede in Via Erba 2.

“Un passo dal giappone” è una meravigliosa e vasta esposizione di bonsai ed esemplari unici da collezione. Il 29 settembre, dalle ore 15.30 alle 18.00, sarà presente anche un esperto che fornirà alla clientela interessata tutte le informazioni utili sulla cura, il mantenimento e la potatura dei bonsai.

leggi di più

A Milano la mostra Umbro 95 - Lo stile sul campo

di Laura Frigerio

Gli amanti del calcio conoscono molto bene Umbro, che fatto la storia di questo sport firmando buona parte delle maglie delle squadre soprattutto tra gli anni'80 e '90.

Ora per festeggiare i suoi primi 95 anni nnsports presenta "Umbro 95 - Lo stile sul campo", una mostra che si terrà al BASE di Milano dal 12 al 14 settembre.

Cosa vedremo? Ben 95 maglie iconiche realizzate dal brand inglese. Questo è un evento unico, fortemente voluto da NewAge Spa, licenziataria italiana del brand e protagonista assoluta del grande ritorno nel nostro paese di Umbro, primo marchio della storia del calcio, fondato nel lontano 1924 dai fratelli Humphreys.

L’allestimento offre un viaggio nello stile calcistico che parte negli stadi per arrivare fino allo streetwear contemporaneo, con approfondimenti sul design,sull’influenza culturale e ovviamente sul calcio, con le maglie e le immagini che hanno fatto la storia dell’iconico double diamond, in grado di segnare la storia del football in Europa: dal colletto alzato di Eric Cantona al Manchester United, dai pattern stravaganti di USA 94 all’eleganza della Nazionale inglese, insieme alle maglie di Inter, Lazio e Napoli di inizio anni ’90.


Da non perdere!

leggi di più

Premio Sorriso Diverso Venezia 2019: i vincitori

di Redazione

Grande successo per la cerimonia di premiazione del premio collaterale di critica sociale "Sorriso Diverso Venezia” tenutasi all’Hotel Excelsior nell’ambito della 76esima Mostra del Cinema di Venezia.

Il Premio, che quest’anno vede la collaborazione di Paranormal e L'Oro di Bacco Piacere di perle dorate, è istituito dal Festival dei Tulipani di Seta Nera e ogni viene consegnato all’opera cinematografica presentata al Festival di Venezia che meglio valorizza i temi sociali e umani.

I vincitori dell’edizione 2019?
Premio miglior film italiano - “Mio fratello rincorre i dinosauri” di Stefano Cipani.
Menzione speciale per Lorenzo Sisto, attore con sindrome di down del film “Mio fratello rincorre i dinosauri”.

Premio miglior film straniero - “J’Accuse (l’ufficiale e la spia)” di Roman Polanski. Hanno ritirato il premio Luca Barbareschi e Paolo Del Brocco.

leggi di più

65° Puccini Festival: presente La Compagnia Nazionale di Danza Storica

di Laura Frigerio

Il 9 e il 10 agosto La Compagnia Nazionale di Danza Storica di Nino Graziano Luca parteciperà al 65° Puccini Festival, a Viareggio.

Il 9 agosto, presso Villa Paolina, si terrà il Gran Ballo dell’800; mentre il 10 agosto il Gran Ballo aprirà le danze ed a seguire si terrà la Bohème con Angela Gheorghiu con la Regia di Alfonso Signorini.

Nato nel 1930, il Festival Pucciniano con gli anni è diventato un appuntamento che richiama migliaia di spettatori provenienti da tutto il mondo per ascoltare le più grandi stelle della lirica, sotto la direzione di importanti direttori d’orchestra ed ammirare straordinari allestimenti curati dai più famosi registi dei capolavori pucciniani. 

Le opere di Puccini vanno in scena in un grande teatro all’aperto di 3.400 posti, in riva al lago di Massaiuccoli, circondato dal verde proprio davanti alla Casa Museo del maestro Puccini dove sono custodite le spoglie del musicista e dove si possono ammirare reperti e cimeli della vita e della gloriosa vicenda artistica di Puccini.

Un Festival immerso in una natura mozzafiato che parla di amore - per la Vita e per il Bello-, di passioni, che esalta la migliore cultura italiana nella consapevolezza che il passato può aiutarci moltissimo a vivere meglio il presente ed il futuro.

Fatte queste considerazioni, la Compagnia Nazionale di Danza Storica diretta da Nino Graziano Luca merita questo Festival e questi luoghi, non solo per il curriculum (che la vede reduce da numerosi successi internazionali, dallo spettacolo con Roberto Bolle alla Pinacoteca Ambrosiana di Milano, dalle esibizioni in Cartellone allo Sferisterio di Macerata, a Taormina Arte), ma lo merita in quanto, da sempre, non è solo una compagnia di danza: è soprattutto un modo di essere.

È l’espressione dell’amore per la vita e le sue passioni, dell’arte della speranza, dell’amore per il Bello, ponendo la massima attenzione al rapporto armonico tra uomo-natura e uomo-cultura, il tutto all’interno di un paradigma di lettura della tradizione e del passato in costante, proficuo dialogo con l’attualità e la contemporaneità. 

Il recupero del passato in Compagnia Nazionale di Danza Storica non cede mai il passo ad una lettura romantica e nostalgica della storia e dei fatti ma li ri-significa nel presente, senza perdere di vista gli ideali base della Civiltà europea. Ogni spettacolo e Gran Ballo non ripropone dunque solo un sapere di tempi lontani, ma tende a condividere principi e valori dal cui rispetto dipende anche il nostro presente ed il nostro domani.  

L’omaggio alla grande Opera, all’Operetta ed al Balletto prevederà: Gianni Schicchi – O Mio Babbino Caro (Circle Waltz); La Boheme – Quando m’en vo; Aida – Marcia Trionfale; La Traviata – Valzer;  Rigoletto - Questa o Quella; Il Pipistrello - Quadrille 2, 3, 4, 5; Il Fazzoletto di Pizzo della Regina - Rose dal Sud; Coppelia – Valzer delle Ore. Il viaggio nell’Unione Europea della Danza Storica ci porterà dall’Austria, alla Francia, dall’Italia all’Inghilterra e la Russia con: Fächer Polonaise; Contraddanza dal Gattopardo; Mazurka dal Gattopardo; Hole in the Wall; The Comical Fellow; Mr Beveridge’s Maggot; St. Bernard Waltz; Moscow Polka; Musen Polka;  I Lancieri - Debut Quadrille; Russian Figure Waltzny; Radetsky March.

leggi di più

Martini racconta 80 anni di musica, in scatti

di Laura Frigerio

Da 80 anni la storia di Martini si è intrecciata con quella della musica. E a testimoniarlo la mostra “Terrazze Martini. Uno sguardo sul mondo”, in corso fino al 26 agosto a Casa Martini, a Pessione di Chieri.

La mostra è organizzata da Casa Martini e Archivio Storico Martini & Rossi, con il Patrocinio di Città di Chieri, ANAI Gruppo Italiano Archivisti di Impresa, Museimpresa e con la collaborazione di Associazione Abbonamento Musei e Turismo Torino e Provincia.


MARTINI E MUSICA
All’inizio erano i “Grandi Concerti Radiofonici Martini & Rossi”, che nel 1936 davano il via a un’iniziativa del tutto innovativa, subito amata dal pubblico e seguitissima per tutte le 352 esecuzioni, andate in onda fino al 1964. Grazie a questi appuntamenti musicali, gli italiani potevano scoprire e apprezzare i più grandi nomi della lirica come la soprano Maria Callas e il tenore Beniamino Gigli

Negli anni Ottanta il legame tra Martini e la musica classica è continuato con il ciclo di concerti dedicati a Wolfang Mozart con il violinista Salvatore Accardo. Da oltre settant’anni, inoltre, le Terrazze Martini fanno da palcoscenico ai nomi più importanti della musica italiana ed internazionale, da quella rock alla pop, passando dal jazz e dalla classica: da Herbert Von Karajan a Luciano Pavarotti, da Amalia Rodriguez a Miriam Makeba, da Bill Haley a Cindy Lauper, da Yves Montand a Charles Aznavour.


Star di fama internazionale scelgono le Terrazze Martini per il lancio delle nuove uscite discografiche: per esempio, i Rolling Stones a Bruxelles nel 1964, provocano una tale affluenza di pubblico da rendere necessario l’intervento della polizia per dirigere il traffico bloccato ai piedi del grattacielo della Terrazza.

La storia continua nel 2019 grazie alla partnership con il Jova Beach Party, l’evento musicale dell’anno, in cui Martini è presente con una speciale Terrazza Martini itinerante. Proprio come ieri, anche oggi prosegue il profondo legame con il mondo della canzone, accompagnando i momenti più importanti e celebrando la musica italiana nel mondo. La Terrazza Martini, che in ciascuna delle tappe si affaccia proprio sul palco principale, diventa dunque il punto di ritrovo di vip e personaggi influenti del panorama musicale italiano che proprio da qui assistono ad un avvenimento che tanto ha a che fare con la musica, ma che nello stesso tempo si presenta come un vero e proprio caso sociale che valica i classici confini del concerto.

crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Lirica e classica in estate con Frasso Musica

di Redazione

Dal 4 Agosto all'11 Agosto il Comune di Frasso Sabino (RI) e la Pro Loco di Frasso Sabino presentano la XXX edizione di "Frasso Musica", kermesse musicale sotto la direzione esperta di Fabrizio Fiorini

"Frasso Musica nasce come un festival lirico culturale per estendersi nel tempo a più realtà musicali"-  racconta lo stesso direttore artistico - "Oltre alla musica classica abbiamo cominciato negli anni a rinnovare la tradizione con spettacoli di tango e musica popolare. L'edizione 2019 si aprirà con l'esibizione dei talentuosi allievi del Conservatorio di Santa Cecilia per concludersi con lo spettacolo dei Terraross, suonatori e Menestrelli della Bassa Murgia, che con la loro musica fatta di tarantelle, pizziche e tammuriate della bellissima Puglia intratterranno e divertiranno i presenti. Non solo. Quest'anno anche serate swing e jazz".

Giunto alla 30esima edizione "Frasso Musica" è il festival di musica classica e moderna che vanta l’anzianità più alta nella Sabina. La manifestazione è diventata un appuntamento consolidato e atteso dal pubblico sabinese ed è ormai considerato tra gli eventi di maggiore richiamo del territorio.

IL PROGRAMMA
4 Agosto - gli Allievi del Conservatorio di Santa Cecilia: Beatrice Zappalenti (violino), Simone Coccia (tromba), Ilaria Violetti (pianoforte), Marzia Marianantoni (sassofono), Veronica Aracri (soprano), Federica Paganini (mezzosoprano accompagnate al pianoforte da Michele Biki Panitti.

5 agosto - “Rosabella Tour 2019”: Lavinia Mancusi (voce, violino, chitarra, percussioni), Monica Neri (organetto, lira calabrese, ciaramella, percussioni), Rita Tumminia (organetto, voce, percussioni), Gabriele Gagliarini (percussioni).

6 Agosto - “Tango del retorno”ad esibirsi: Rubén Peloni (voce), Adrian Fioramonti (chitarra), Dario Polonara (bandoneon), Fabrizio Pieroni (pianoforte), Vincenzo Albini (violino), Virgilio Monti (contrabbasso), Marcelo Álvarez e Sabrina Amato (ballerini).


7 Agosto - “Opera che passione”: Tiziana Fabietti (mezzosoprano), Carlo Di Cristoforo (basso), pianoforte Michele Biki Panitti, coro Nova Arcadia, Direttore Piergiorgio Dionisi.

8 Agosto - “Jumpin’Jive Orchestra”(C’era una volta l’Italia dello swing): Romeo Alfredo (batteria), Bochicchio Alfredo (chitarra), Gallinelli Marco (contrabasso), Sanna Agnese (pianoforte), Centofanti Rossano, Ferrazzi Vito, Olimpio Riccardi (sax), Collacchi Enzo, Di cori Stefano (trombe), Coccia Stefano (trombone), Seragusa Laura, Clara Simonoviez, Talone Chiara (voci), Arrangiamenti e direzione - Ciafrei Massimiliano.

9 Agosto - Concerto dell’Art & Jazz Big Band diretta da Felice Porazzini.

10 Agosto - “Musica sotto le stelle”- Arie Classiche e non solo per una notte “lucente”: Maria Rosaria De Rossi (soprano), Selene Fiaschi (soprano), Alessandro Calamai (basso), Sandro Sacco (flauto Traverso), Paolo Paniconi (pianoforte). A seguire osservazione e musiche all’Osservatorio di Frasso Sabino.

11 Agosto - “I Terraross” - Tour 2019

leggi di più

Eleonora Mazzotti partecipa a Queen's Symphonies

di Redazione

Eleonora Mazzotti torna ad esibirsi con l'Orchestra Sinfonica G. Rossini che, insieme al Coro del Teatro della Fortuna “Mezio Agostini”, ha organizzato la rassegna Vitruvio 3.0 (con il sostegno del Comune di Fano – Assessorato alla Cultura e di alcuni sponsor privati ovvero BCC Banca di Credito Cooperativo di Fano, Azimut ed Enereco).

L'appuntamento è per mercoledì 31 luglio, alle ore 21.15 presso Rocca Malatestiana a Fano (provincia di Pesaro e Urbino) con “Queen's Symphonies”. Come si può intuire dal titolo, si tratta di uno spettacolo dedicato al leggendario gruppo inglese, che ripercorrerà la storia della band e la complessa vicenda umana ed artistica di Freddie Mercury.

"Questa estate continua a darmi grandi sorprese: tornerò finalmente a condividere il palco con un'orchestra che stimo molto e che da tempo mi ha dato fiducia. Canteremo e racconteremo, grazie all'importante partecipazione di colleghi attori, la vita di Freddie tra successi, eccessi e genialità”.

CREDITI FOTO
Fotografa: Kasia Art Photography
Location: Labirinto Effimero - Azienda Galassi

Outfit: RUH
Scarpe; La Femme Ravenna
Makeup: Zao - grazie a Bio romance
Make Up Artist: Marina Milandri

leggi di più