Una bella full immersion nell'arte di (un)fair

di Laura Frigerio

Godere dell'infinita bellezza dell'arte: è una delle cose a cui abbiamo dovuto rinunciare negli ultimi due anni a causa della pandemia. Ora però stiamo cercando pian piano di ricominciare e di riprendere le buone abitudini, tra cui quella di immergersi nella cultura in quei luoghi in cui essa diventa esperienza collettiva.

Quindi questo weekend vi consigliamo vivamente di partecipare alla prima edizione di (un)fair, il nuovo format legato all'arte contemporanea (nato dall'esperienza di Manuela Porcu e Laura Gabellotto - ex direttrice e fair manager di Affordable Art Fair Milano), che si terrà dall'8 al 10 aprile a Milano, per la precisione al Superstudio Maxi (in Via Moncucco 35).

Quello che ci offre (un)fair è un viaggio affascinante nelle proposte artistiche di 60 gallerie internazionali, a cui viene associato un programma collaterale: dalle attività di MOVING ai workshop con gli artisti, dai talk fino allo Spazio Bimbi. Presente anche uno spazio dedicato al basket in collaborazione con la ONLUS Slams Dunk, che attraverso la pallacanestro mira a migliorare le condizioni di vita dei bambini che vivono nelle aree degradate dell’Africa.

La mission di (un)fair è quella di avvicinare il pubblico all'arte contemporanea nel segno dell'inclusione, del confronto e della sostenibilità, offrendo spunti di riflessione e approfondimenti su tematiche di grande attualità, si parlerà di Metaverso, NFT e realtà virtuale, ma anche di design e architettura.



Per saperne di più: https://www.un-fair.com/




crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Il fascino delle opere luminose di Ilaria Lappano

di Redazione

“Creare per comunicare”. Questa è la mission di Ilaria Lappano, giovane artista di talento che attraverso le sue opere d'arte riesce a creare una speciale connessione con le persone, alimentando un immaginario che proietta in una realtà futura.

Le sue opere materiche, in perfetta simbiosi tra Arte&Design, sono infatti ispirate dalla luce, dai corpi celesti e dagli scenari vissuti durante l'infanzia.

“Ho iniziato a sperimentare arte sin dalla tenera età e da allora non ho più smesso di Plasmare e Creare. La mia spinta creativa nasce dal desiderio di connettermi alla moltitudine di persone che non conosco e che non si conoscono fra loro, proprio attraverso le mie opere d'arte” - racconta - “Sono sempre stata attratta dalla luce, dai suoi effetti morbidi e le sue trasparenze e come essi influiscono su uno stato d'animo rendendolo più sereno e armonioso. I miei lavori presentano un'attinenza con qualcosa di lontano e al contempo che si possa percepire attraverso il tocco: pianeti lontani, crateri, suggestive costellazioni quindi la maggior parte delle mie creazioni evidenziano una forte matericità e la presenza della luce che trasforma il quadro in un punto luce vero e proprio”.

E sottolinea: “Ma c'è anche il tema delle Aliene, un soggetto che mi sta molto a cuore in quanto se a prima vista può sembrare che parli di qualcosa di fantascientifico o con poca attinenza con la realtà, dopo un pò l'osservatore capisce che l'aliena non è il soggetto nel quadro ma è se stesso. Noi tutti non sappiamo da dove veniamo o dove andremo e molte volte ognuno di noi si è sentito fuori posto in un qualche contesto o in forte contrasto con i fenomeni attorno a sé. E da quì un invito a porsi domande e scoprire di più”.

CHI È ILARIA LAPPANO
Ilaria Lappano è nata a Cosenza nel 1987. Figlia d'arte, sin dalla tenera età è stata instradata dal padre, noto docente di Conservatorio, attraverso la Musica classica e altri influenti personaggi che gravitavano attorno a quel mondo accademico. Dopo i suoi studi presso l’istituto europeo di Design (IED Milano), a 23 anni ha intrapreso un viaggio in America che ha segnato l’inizio di un nuovo percorso. Attraverso le esperienze vissute in quel periodo, le conoscenze apprese e le persone incontrate ha sviluppato il suo senso artistico governato dalla materia e da continue sperimentazioni sugli effetti di luce.
I suoi lavori artistici rappresentano la qualità e la precisione certosina dell’artigianato italiano che si sposa con l’instancabile ricerca di un'estetica più elevata e dell’eleganza del Design di Interni. Oggi si fa spazio nel campo artistico creando una simbiosi tra Arte&Design unendo l’estetica alla sperimentazione in modo gentile e prettamente femminile.

CONTATTI
Le opere di Ilaria Lappano possono essere visionate su appuntamento scrivendo a info@ilarialappano.it.













crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Guido Rocca in mostra al Two Creation, a Milano

di Redazione


È stata inaugurata, nella galleria d'arte e design Two Creation di Milano (in Via della Spiga 22), la nuova mostra di Guido Rocca.

Il pittore milanese, nominato dalla prestigiosa rivista “Albatros” come uno dei maggiori esponenti dell’arte come soluzione sociale e dell’astrattismo contemporaneo Italiano, è molto apprezzato anche negli Stati Uniti ed è stato intervistato più volte dalla rivista the “Art Insider”. 
Il vernissage è stato un vero successo: tra il pubblico vi erano presenti molti collezionisti e mercanti d’arte, tutti colpiti dall’estetica e dall'armonia sprigionate dalle opere dell'artista. Dieci opere, cinque delle quali di grandi dimensioni ornavano le pareti, avvolgendo gli osservatori di una miriade di tratti colorati. La tecnica di Guido Rocca infatti è molto peculiare: le sue tele sono composte da migliaia di pennellate sottili e materiche che si sfumano tra l’oro, sono cosi ricche di movimento e tonalità differenti che sembrano vibrare come se avessero una vita propria.

«Sono convinto che le tele di un pittore non contengano solo materia ma si impregnano delle idee, delle intenzioni e dello scopo dell’artista, per questo esse non sono materia inerme ma bensì sono ricche di vita.» - spiega Guido Rocca - «Le vibrazioni dell’arte non si vedono, ma si possono percepire e penetrano nell’animo umano sollevandolo dalle inquietudini quotidiane». 

Questi concetti espressi a parola dall’artista, ritrovano una conferma evidente nelle sue opere che emanano un’energia e un’armonia rasserenante. Per lui, infatti, l'arte incide sul tono emozionale, aiutando le persone ad avere un umore migliore e a creare trasformazioni interiori. «Dipingo e scrivo con la consapevolezza che l’arte è una forma di rivoluzione gentile ed è la linfa vitale della società, dopo anni di perdizione in cui vagavo nell’oblio, ho compreso che l’unico modo per non perdermi e sentirmi libero è fare qualcosa che mi faccia sentire utile e sento, con tutto me stesso, che attraverso l’arte posso dare il mio contributo».

Guido Rocca ha avuto una vita intensa viaggiando in mezzo mondo e finendo in molte trappole come la droga, riuscendo però a sollevarsi dopo ogni caduta e trasformando le sue esperienze negative nei suoi punti di forza odierni, infatti l’artista è molto attivo anche nel campo umanitario: «La mia vita è stata una lotta per la sopravvivenza. Nei miei versi e nelle mie pennellate tutto questo è presente. Vitalità, afflizione, rabbia, malinconia, dolore e gioia, cerco sempre di esprimere ogni emozione ed elevarla ad estetica, sono convinto che solo cosi le persone che interagiscono con le mie opere, si possono sentire comprese e meno sole».

I quadri di Guido Rocca rimarranno esposti presso Two Creation per tutto il 2022 e verranno cambiati durante l'anno in base alle vendite. Un'ottima occasione ammirare dal vivo le sue opere e conoscere la sua arte.

Un consiglio: andate a visitare la mostra, perché ne vale davvero la pena!

Intanto potete avere un assaggio dell’arte di Guido Rocca sui social:
Facebook - https://www.facebook.com/guidoroccaart
Instagram - https://www.instagram.com/guido.rocca.art/











crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Magic Mountains-Sibillini Experience al Maxxi

di Redazione

Dopo il successo della prima “Sibillini Experience” e della docu-serie “Sibillini Stories” (in streaming sul sito www.magicmountains.it), il progetto non-profit multipiattaforma “Magic Mountains” (finalizzato alla valorizzazione e alla ri-scoperta del patrimonio culturale e naturalistico del Parco Nazionale dei Monti Sibillini) porta la magia delle montagne a Roma con la prima “Immersive Exhibition” al Corner MAXXI - Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo di Roma, dal 28 al 31 ottobre. Un’esperienza immersiva con video e audio installazioni, la presentazione di ricerche e progetti artistici dedicati ai Monti Sibillini, montagne magiche per antonomasia e al loro straordinario patrimonio di storie, leggende e miti.

Installazioni audiovisive, mostra fotografica collettiva e contenuti di digital storytelling interattivo per immergersi nella magica atmosfera dei Monti Sibillini, territorio magico per antonomasia, ricco di fascino e di storia, abitato fin dall’alba dei tempi da una gran quantità di miti e leggende ma duramente colpito dal sisma del 2016 prima e dalla pandemia di Covid-19 dopo.

Oltre alla proiezione del progetto fotografico collettivo “Il fascino magico dei Sibillini” con gli scatti più belli della Call #Magicmountains - Call For New Photographers e a una serie di contenuti di storytelling interattivi accessibili in loco tramite devices, saranno presenti le Video Installazioni “Cosa cercate voi sul dorso dei Giganti?”, un’immersiva ricostruzione dell’atmosfera sibillina accompagnata dalla colonna sonora in quadrifonia (a cura della compositrice turca Ekin Fil) che condurrà i visitatori direttamente sulle vette delle montagne, e “Sibillini Stories” una raccolta di testimonianze e video racconti delle leggende e dei miti più belli che abitano queste montagne. Saranno inoltre presenti le opere dell’illustratrice e pittrice umbra Francesca Greco, curatrice delle illustrazioni del libro di fiabe dei Sibillini realizzato da Magic Mountains.

Si potrà visitare la mostra dalle ore 11:00 alle ore 21:00. L’ingresso è gratuito e contingentato, con prenotazione obbligatoria su DICE.FM.










crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Angelique Cavallari tra sogno e surrealismo con la Street Performance “Phoenix-Poetic Acts”

di Redazione

“La visione poetica è rinascita, libertà e coraggio” sostiene Angelique Cavallari, che non smette di immergersi in nuove dimensioni creative.

Esploratrice assidua di nuove visioni e libera dagli schemi, l'artista e attrice riprende con le sue Street Performance itineranti (dopo la performance “L'effimero e il grano” per le strade del Marais di Parigi – accompagnata dal polistrumentista Nicola Linfante - in occasione dei “Parcours Nomades”, ma anche “Identità” presentato al Lady Fest di Roma). La nuova performance si intitola “Phoenix-Poetic Acts”, una video-testimonianza degli atti poetici da lei fatti per le strade della città di Parigi, ma anche e soprattutto nelle sue periferie, le “banlieux”, i luoghi da lei scelti. Questa suggestiva Street Performance verrà presentata in prima assoluta all'Iper Festival (evento dhygital, multidisciplinare e gratuito dedicato alla periferia di Roma e delle metropoli del mondo) che si terrà dal 21 al 23 maggio.

Visibile sulla piattaforma virtuale https://iperfestival.it/, il festival coinvolge artisti scelti da tutto il mondo (Parigi, Addis Abeba, Barcellona, Bari, Berlino, Bologna, Bolzano, Bucarest, Buenos Aires, Caracas, Città del Messico, Il Cairo, Kinshasa, Lima, Manchester, Miami, Milano, Montreuil, Napoli, New York, Palermo, Papaichton, Pechino, Praga, Quito, Taipei, Taranto, Tel Aviv, Torino, Tripoli, Venezia).
L'evento, curato da Giorgio de Finis (MAAM, RIF, MACRO Asilo), inaugura anche il nuovissimo nonché unico Museo delle Periferie attualmente in costruzione (Tor bella Monaca - Roma). La performance “Phoenix-Poetic Acts” e la proiezione del video avranno luogo anche nella galleria di Parigi di Bonnie Tchen Hy, con la curatrice Simona Amelotti (MetacritikOpera).

Nonostante il periodo carico di restrizioni e limitazioni, Angelique ha dato vita a questi atti poetici in totale indipendenza e con quel pizzico di trasgressione che da sempre contraddistingue l’atto performativo puro in sé, che è totalmente libero. Così, tra sogno e surrealismo, si presenta vestita con un abito che “evoca metaforicamente una Fenice contemporanea” (fatto da lei stessa a mano) e mentre cammina con una mano sparge petali di fiori freschi (prese da un cesto di vimini) per le strade di cemento e con l'altra tiene alto un fumogeno colorato. Un contrasto scenico che diventa mistico e surreale, onirico, ma che è concreto e tangibile. Tangibile come la presenza dell'artista. Un momento che vuole celebrare la restituzione del diritto di tutti alla bellezza e al sogno attraverso l‘arte.

Si perché il messaggio della Cavallari qui è molto chiaro: “La Fenice è, per eccellenza, il simbolo della Rinascita e con questi passaggi, questi semplici gesti entriamo in una dimensione surreale di quel che può essere considerata la forza della creatività in sé . Puri atti della resilienza della visione poetica, che vince sempre ed esiste come risorsa radicata ed imprescindibile dell'essere umano”.

Intanto ricordiamo che “La Nuit”, mediometraggio diretto da Stefano Odoardi con protagonista proprio Angelique Cavallari, autrice anche dei brani musicali da lei cantati, sta continuando a girare il mondo e a vincere premi in vari festival cinematografici (è stato anche tra i finalisti del Los Angeles Italia Film Fashion and Art Festival). “La Nuit” è attualmente disponibile (gratuitamente) sulla piattaforma streaming Chili.

Angelique Cavallari è inoltre protagonista del cortometraggio “Seven Wishes”, realizzato da Karolina Bomba, in cui l'attrice veste i panni di una donna/fata che cercherà di esaudire i desideri di un bambino sulla sedia a rotelle. Anche questo titolo sta avendo successo per i festival internazionali: dal Roma Prisma Indipendent Film Festival,al New York Film Festival. La Cavallari ha vinto per questa pellicola anche il premio come migliore attrice al Best Actor Award New York.







crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Il pittore Guido Rocca: “I musei sono chiusi, ma l’arte non ha confini”

di Redazione

I lockdown continui e le restrizioni anti-Covid 19 hanno portato alla chiusura dei musei in quasi tutta Italia. Questo però non deve allontanarci dall'arte e dalla sua capacità di aprire la mente (oltre che il cuore), come sottolinea Guido Rocca, apprezzato pittore che ha deciso di fare sentire la sua voce in questo momento difficile.

“Oggi purtroppo abbiamo l’evidenza che molto spesso la società lascia intendere che l’arte non sia un bene primario, ma in realtà sono fermamente convinto che sia la linfa vitale della società e della cultura. L’arte ha il potere enorme di incidere sul tono emozionale, elevandolo e rendendo le persone più produttive, etiche e serene. Potete facilmente intuire che influenzando gli individui l’arte alza l’umore generale della società e questa è la chiave per avere un futuro migliore e pacifico per tutti” - spiega Guido, che invita a circondarsi di arte anche tra le mura domestiche - “Ora i musei sono chiusi e la situazione non è semplice, ma il vantaggio è che l’arte non ha confini e dobbiamo avere la forza di non abbatterci a causa di queste restrizioni, ma alzare il nostro livello di necessità e di urgenza e fare ancora più arte, creare ambienti estetici, circondarsi di bellezza, leggere, ascoltare musica. Mai come oggi dobbiamo spegnere per un po' i cellulari e dedicare più tempo all’arte. Un bel quadro appena entri in casa per esempio può estrovertiti ed elevare il tuo umore in un modo che neanche ti immagini, sciogliendo rabbia e preoccupazione e rivitalizzando in te la voglia di creare”.

Guido continua facendoci comprendere come l’arte può farci vedere oltre l’apparenza e può esserci di aiuto nei momenti bui: “Questa capacità di farci vedere è talmente magica e potente che l’arte ci permette di osservare anche ciò che è invisibile, ci sono quadri che pur essendo fatti di materia, sono energia pura e rappresentano un universo invisibile difficile da portare alla luce se non tramite l’arte. Molto spesso essa ci permette di comprendere quanto il mondo spirituale, nonostante non si possa toccare, sia più vero dell’universo materiale”.

Rocca poi affronta un tema che fa riflettere: “L'arte alza il tono generale delle persone e della società, rendendo ognuno di noi più libero e sereno. Tramite essa possiamo aiutare, sia come artisti che come amanti e divulgatori. E per una persona non esiste soddisfazione più grande che sentirsi utile agli altri. L’arte migliora il presente dando vita al futuro”

Continua poi raccontando come la sua arte è il riflesso di se stesso: “Come artista cerco di fare la mia parte e sono convinto che su ogni tela, non solo sono impressi i colori ma anche le mie idee, le mie intenzioni e il mio scopo, mi auguro che questo venga percepito da chi osserva le mie opere, perché quello che vedono non è solo materia ma è vita, io sono i miei quadri”.

CHI È GUIDO ROCCA
Guido Rocca nasce a Milano e, fin da piccolo, coltiva la sua passione per la scrittura. A diciotto anni si trasferisce all’estero e poi inizia a viaggiare in tutto il mondo, passando un lungo periodo in Asia (tra India e Nepal, in particolare a Kathmandu). I viaggi e le avventure vissute hanno fatto scattare in lui un grande flusso creativo e così, a venticinque anni, ha iniziato a dipingere e da allora non ha più smesso. Con le sue opere Guido cerca di trasmettere nel mondo materiale l’universo dell’anima. Il suo scopo è poter creare sensazioni libere da schemi fissi in coloro che osservano e comunicano con i quadri. Il suo desiderio è che la diversità e la necessità di ognuno possa liberamente cogliere ciò che vuole dentro di se e che possa essere rasserenata dall’interazione con l’opera.


 



crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

I Segreti Degli Altri di Silvia Bertocchi alla Galleria Cael

di Redazione

Venerdì 19 Febbraio la Galleria Cael di Milano ha ospitato una performance dal titolo “I Segreti Degli Altri” realizzata da Silvia Bertocchi, giovane autrice, attrice e pittrice di origini sarde molto attiva nel panorama della performance art.

Seduta al centro della galleria, l'artista regge un cartello che riporta il titolo della performance e attende che il pubblico scriva, su piccoli pezzi di tessuto, un proprio segreto, una confessione intima da condividere solo con colei che in silenzio aspetta, immobile nel suo mini abito rosa shocking.
Alle spalle di Silvia c'è la tela da dipingere, davanti a lei ci sono i segreti di tutti che lei prende in mano uno alla volta, legge, e interpreta con parole e movimenti danzati in un percorso che la porta davanti alla tela, dove attacca il segreto ricevuto con un punto di spillatrice e ci dipinge sopra a mani nude, prima di tornare seduta a reggere il suo cartello. La performance si è conclusa una volta che sono stati letti e uniti all'opera, i segreti di tutti i presenti - I segreti Degli Altri.

Vorreste visitare l’opera visuale “I Segreti Degli Altri” tratta dalla performance? Potete farlo fino al 5 marzo presso la Galleria Cael in via Carlo Tenca 11 a Milano.

La galleria, oltre al lavoro visuale di Silvia Bertocchi, ospita anche opere di artisti provenienti da tutto il mondo nella collettiva “Change The Way”, curata da Loredana Trestin con Maria Cristina Bianchi.




crediti foto: Davide Bonaiti

leggi di più

Fashion Film Festival Milano, la settima edizione

di Laura Frigerio

Si inaugura oggi, con una diretta Instagram (alle ore 18), la settima edizione del Fashion Film Festival Milano che terminerà il 18 gennaio e avrà un format interamente digitale.

La manifestazione, fondata e diretta da Constanza Cavalli Etro, pur ribadendo la sua complementarietà alla Milano Fashion Week Collezione Uomo (che si terrà dal 15 al 19 gennaio), assume una identità culturale propria ed entra nelle case di tutti quelli che vorranno seguirlo.
Allo stesso tempo il Festival, in questo modo e in questo particolare periodo, riporta la moda a essere espressione e linguaggio sociale e culturale. Specchio democratico e collettivo della società e non più solo mondo affascinante ma distante ed elettivo.

Nel corso del Fashion Film Festival Milano verranno presentate, nelle varie sezioni, più di 200 opere provenienti da 60 paesi.

Quelle in concorso verrano giudicate da una giuria internazionale composta da: Tim Yip, Lachlan Watson, Marcelo Burlon, Anna Dello Russo, Milovan Farronato, Javier Goyeneche, Margherita Missoni, Paolo Roversi, Elizabeth Von Guttman e Tamu McPherson.
Ultimo giurato d’eccezione sarà il pubblico, che (su fffmilano.com) potrà votare per il proprio fashion film preferito decretando il vincitore del People’s Choice Award.

Altre opere verranno presentate fuori concorso. Ci sarà una sezione speciale dedicata al Made in Italy e alla creatività italiana “The World of Italian Fashion Films”, a cui si aggiungo cinque première di lungometraggi e progetti speciali come #FFFMilanoForGreen (dove il festival continua la sua missione di promuovere ed educare verso la sostenibilità per il quinto anno, dando spazio alle realtà, ai designer e alle istituzioni che sono in prima linea per supportare uno stile di vita sostenibile) e #FFFMilanoForWomen (dove si promuove e sostiene il talento femminile, dando spazio e voce a progetti sociali, registe, designer, imprenditrici e attiviste).
Inoltre si terranno sei conversazioni con personaggi di spicco.

Dove sarà possibile seguire il Fashion Film Festival Milano? Su tre piattaforme in contemporanea: fashionfilmfestivalmilano.cameramoda.it, fffmilano.com e MyMovies.it.

 

 





crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Antonio Martino partecipa alla mostra-performance ROBOTIZZATI

di Laura Frigerio

Il confine tra arte e moda è sottile e lo dimostra anche la mostra “Robotizzati. Esperimenti di moda”, in scena al WeGil di Trastevere a Roma, a cui parteciperà lo stilista Antonio Martino con due creazioni della collezione Japanese Renaissance.

Nello specifico: la Legenda di Tanabata, ovvero un cappotto blu in lana con fodera vintage in seta stampata e un kimono dress in douchesse rossa di seta stampata con lungo strascico.

“Ringrazio Stefano Dominella e Guillermo Mariotto per il prestigioso invito ricevuto e sono onorato di partecipare con due pezzi unici della mia collezione di alta moda all’esposizione performance che celebra i super robot giapponesi e il Sol Levante, un mondo che mi ha sempre affascinato e che ha ispirato la mia ultima linea, presentata nel calendario ufficiale di Alta Roma. Mi auguro che il periodo difficile che stiamo attraversando finirà presto e spero di poter approdare quanto prima in Giappone con i miei abiti, in un’ottica di internalizzazione e con il supporto delle istituzioni e delle ambasciate italiane” - ha dichiarato Antonio Martino.

Il percorso espositivo, ideato e curato da Stefano Dominella con la direzione artistica di Guillermo Mariotto, è visitabile fino al 24 gennaio presso l’hub culturale della Regione Lazio ed è realizzato da LAZIOCrea e con il patrocinio di Unindustria – Unione degli Industriali e delle Imprese del Lazio.





crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

La mostra Frida Kahlo - Il caos dentro alla Fabbrica del Vapore di Milano

di Laura Frigerio

Il mito di Frida Kahlo continua ad essere coltivato, per fortuna, anche in Europa. La pittrice messicana, figlia della rivoluzione, che ha segnato il secolo scorso come artista ma anche come donna, è diventata una icona per più generazioni. E siamo felici che anche le più giovani si stiano interessando alla sua storia e alla sua arte.

È per questo che vi consigliamo di non perdere la nuova mostra a lei dedicata, ovvero “Frida Kahlo - Il caos dentro”, che è stata inaugurata il 10 ottobre alla Fabbrica del Vapore di Milano e sarà visitabile fino al 28 marzo 2021.

Questa non è una semplice mostra, ma una vera e propria immersione nel mondo di Frida Khalo, un percorso sensoriale altamente tecnologico che vi catturerà fin dalle prime tappe. Dopo una spettacolare sezione multimediale con immagini animate e una avvincente cronistoria raccontata attraverso le date che hanno segnato le vicende personali e artistiche della pittrice, entra nel vivo con la riproduzione minuziosa dei tre ambienti più vissuti da Frida a Casa Azul, la celebre magione messicana costruita in stile francese da Guillermo Kahlo nel 1904 e meta di turisti e appassionati da tutto il mondo: la camera da letto, lo studio realizzato nel 1946 al secondo piano e il giardino.

Segue la sezione “I colori dell’anima”, curata da Alejandra Matiz, direttrice della Fondazione Leo Matiz di Bogotà, con i magnifici ritratti fotografici di Frida realizzati dal celebre fotografo colombiano Leonet Matiz Espinoza (1917-1988). Matiz, considerato uno dei più grandi fotografi del Novecento, immortala Frida in spazi di quotidianità: il quartiere, la casa e il giardino, lo studio.

Al piano superiore la mostra prosegue con una sezione dedicata a Diego Rivera: qui troviamo proiettate le lettere più evocative che Frida scrisse al marito. E una stanza dedicata alla cultura e all’arte popolare in Messico, che tanta influenza ebbero sulla vita di Frida, trattate su grandi pannelli grafici dove se ne raccontano le origini, le rivoluzioni, l’iconografia, gli elementi dell’artigianato: gioielli, ceramiche, giocattoli. Esposti alcuni esempi mirabili di collane, orecchini, anelli e ornamenti propri della tradizione che hanno impreziosito l’abbigliamento di Frida. Nella sezione seguente sono esposti gli abiti della tradizione messicana che hanno ispirato ed influenzato i modelli usati dalla Kahlo: gonne ampie e coloratissime, scialli e camiciole, copricapo e collane.

Il focus sulla tradizione messicana procede con la sezione dedicata ad alcuni dei più conosciuti murales realizzati da Diego Rivera in varie parti del mondo: saranno proiettati nella loro interezza e in alcuni dettagli i ventisette pannelli murali che compongono il Detroit Industry Murals (Detroit, 1932), il Pan American Unity Mural (San Francisco, 1940) e Sueño de una tarde dominical en la Alameda Central (Città del Messico).

Nella sezione “Frida e il suo doppio” sono esposte le riproduzioni in formato modlight di quindici tra i più conosciuti autoritratti che Frida realizzò nel corso della sua carriera artistica, tra cui Autoritratto con collana (1933), Autoritratto con treccia (1941), Autoritratto con scimmie (1945), La colonna spezzata (1944), Il cervo ferito (1946), Diego ed io (1949). Il modlight è una particolare forma di retroilluminazione omogenea, in cui ogni dipinto, precedentemente digitalizzato, viene riprodotto su uno speciale film mantenendo inalterate le dimensioni originali.

A conferma della grande fama globale di cui la pittrice messicana gode, la mostra prosegue con una straordinaria collezione di francobolli, dove Frida è stata effigiata, una raccolta unica con le emissioni di diversi stati. Il percorso comprende anche l'opera originale di Frida del 1938 "Piden Aeroplanos y les dan Alas de Petate – Chiedono aeroplani e gli danno ali di paglia" e sei litografie acquerellate originali di Diego Rivera. Lo spazio finale è riservato alla parte ludica e divertente dell’esposizione: la sala multimediale 10D combina video ad altissima risoluzione, suoni ed effetti speciali ed è una esperienza sensoriale di realtà aumentata molto emozionante, adatta a grandi e piccoli.


“Frida Kahlo - Il caos dentro” è prodotta da Navigare con il Comune di Milano, con la collaborazione del Consolato del Messico di Milano, della Camera di Commercio Italiana in Messico, della Fondazione Leo Matiz, del Banco del Messico, della Galleria messicana Oscar Roman, del Detroit Institute of Arts e del Museo Estudio Diego Rivera y Frida Khalo, la mostra è curata da Antonio Arévalo, Alejandra Matiz, Milagros Ancheita e Maria Rosso.




crediti foto: ufficio stampa

leggi di più