Giornata Mondiale dell'Amicizia: il galateo dello smartphone di Wiko

di Redazione

Il 30 luglio è la Giornata Mondiale dell’Amicizia e per l'occasione Wiko (brand franco-cinese di smartphone da sempre attento ai trend del mondo digitale) ha deciso di stilare una lista di consigli per mantenere salde le proprie amicizie anche quando si comunica tramite smartphone. Via chat, infatti, spesso si rischia di creare più fraintendimenti che di persona, tra un emoji e una GIF fuori posto, o di peccare di entusiasmo, sommergendo gli amici di messaggi e notifiche.

Se, da un lato, grazie alla tecnologia e ai social è più facile consolidare i rapporti, dall’altro si rischia di essere poco attenti alla sensibilità altrui, invadere gli spazi online e mandare in fumo, con un unico clic, anni e anni di fiducia reciproca.

Quali sono allora i princìpi base per “tenersi stretti gli amici” anche online? Ecco qualche suggerimento di bon ton digitale da Wiko:
1-Dalla loro creazione alla recente funzione che consente di velocizzarle, le note vocali creano sempre un grande dibattito tra amici. Tra pigri della tastiera, che inviano audio anche alle 7 del mattino “per comodità”, e logorroici seriali, per cui stare sotto ai 3 minuti di audio è una conquista, è meglio optare per l’autocontrollo. Sono quindi da evitare le note vocali più lunghe di 60 secondi, anche se il gossip da commentare si fa davvero succoso.

2-Occhio alle GIF e alle Emoji più particolari. Siamo tutti d’accordo che in assenza di espressioni facciali e comunicazione paralinguistica, le faccine vivacizzano la conversazione e strappano anche qualche risata, ma il troppo stroppia. E attenzione ai fraintendimenti: nell’era 4.0 è il modo più facile per incorrere in inutili incomprensioni.

3-Soprattutto nelle conversazioni “concitate”, quando vogliamo che gli amici restino al passo con i nostri racconti, inviare le frasi spezzettate dopo ogni parola rischia di mettere a dura prova anche l’affetto dei più storici compagni di banco. Meglio includere un pensiero in un unico invio, per non assillare gli altri con mille notifiche, screenshot e fotografie che, oltre a intasare la memoria del loro smartphone, gli faranno fumare anche le orecchie.

4-Vietato spammare! Catene di Sant’Antonio, bufale e link a pagine improbabili? Non inviatele. Anzi, non apritele in prima persona. I virus sono sempre dietro l’angolo e ricordate, le password è meglio non condividerle, soprattutto via chat.

5-Tutti hanno quell’amico/a social-addicted che passa le serate in compagnia, a scattare foto e girare stories per immortalare ogni momento sui propri feed. Ecco, se non lo avete, probabilmente siete voi. In questi casi, sarebbe bene ricordare di chiedere sempre il permesso agli amici prima di postare contenuti che li riguardano: potreste causargli problemi con il partner o sul lavoro, qualcuno potrebbe non amare le fotografie e qualcun altro, invece, potrebbe voler essere prima taggato per poterle condividere a sua volta. Oppure semplicemente godersi una cena con voi praticando un po’ di buon e sano digital detox!

Per finire, anche se grazie allo smartphone si riesce a rimanere sempre in contatto e con molti amici ci si sente anche più volte al giorno, non è mai una cattiva idea inviare un messaggio affettuoso a qualcuno per ricordare loro che gli si vuole bene e che li si sta pensando. Un pensiero positivo, per quanto piccolo, ha l’immenso potere di migliorare qualsiasi giornata!




 





crediti foto: ufficio stampa