Golden Globe: Kaspersky svela le minacce dietro le serie tv

di Redazione

La notte tra il 28 gennaio e il 1° maggio si terrà la 78esima edizione dei Golden Globe, il primo grande evento televisivo della stagione dei premi del 2021.

Questo e altri show televisivi, così come i film, non sono solo una fonte di intrattenimento ma anche un richiamo irresistibile per i criminali informatici che li sfruttano per diffondere minacce, pagine di phishing e email di spam. Infatti, questo evento di importanza mondiale è diventato un’attrazione per cinefili, appassionati di cinema ma anche truffatori.

Per avere un quadro più chiaro di come i criminali informatici provino a monetizzare gli interessi degli spettatori, gli esperti di Kaspersky hanno analizzato i file dannosi nascosti dietro i film in nomination, così come i siti web di phishing legati ai film e progettati per rubare le credenziali degli utenti. Durante le prime tre settimane di gennaio, i ricercatori di Kaspersky hanno osservato che 275 utenti sono stati sottoposti a tentativi di infezione che sfruttavano file con varie minacce mascherate da finti film in nomination.

I ricercatori di Kaspersky hanno scoperto che "The Mandalorian" è stata l'esca più popolare tra i criminali informatici, rappresentando il 68% delle infezioni. Al secondo posto la serie di successo di Netflix "The Queen's Gambit" con l'11% e "Ozark" al terzo posto con il 6%. Il 21 febbraio i ricercatori di Kaspersky hanno scoperto che il numero di utenti presi di mira da malware associati ai film e alle serie in nomination è diminuito di quasi tre volte rispetto al mese precedente.

Sono stati osservati però dei cambiamenti nelle percentuali: “The Mandalorian” rimane il film più bersagliato con il 33% (un decremento di sei volte rispetto al mese precedente) mentre “The Queen's Gambit” ha mantenuto la seconda posizione ma con una percentuale del 18%. Allo stesso tempo l'interesse dei criminali informatici si è spostato da “Ozark” a “Palm Springs” con un aumento delle infezioni per quest’ultimo di tre volte.





crediti foto: ufficio stampa