Le parole più odiate nel 2020 e quelle con cui iniziare il 2021, secondo Wiko

di Redazione

Abbiano appena lasciato alle spalle il 2020 e siamo pronti per iniziare (con speranza) il 2021.

Per l’occasione Wiko (brand franco-cinese di smartphone) ha ha coinvolto la sua community di Instagram in un nuovo sondaggio. Quali sono state, dunque, le parole più usate e abusate dell’anno appena concluso? Cosa ci porteremo dietro? E, infine, con un’attenzione in più al mondo tech e social, quali saranno le keyword del 2021?

Non si può non partire da un’assoluta conferma: il 2020 in una parola ha significato lockdown per il 62% dei rispondenti. Da marzo a maggio, con una ripresa dopo l’estate, la chiusura di tante attività commerciali, ricreative e culturali ha davvero sconvolto l’anno, lasciando la parola DPCM con il solo 38% delle scelte.

La frase da cancellare invece portava con sé un messaggio di speranza. Inizialmente amata ed esposta su tutti i balconi, colorata con i toni dell’arcobaleno, è stata investita con il passare dei mesi di una certa scaramanzia. “Andrà tutto bene”, secondo il sondaggio condotto da Wiko, è assolutamente da cancellare dal 2020 per il 78% dei rispondenti. Resilienza convince solo il restante 22%.

È uno “pseudoanglicismo” la parola più abusata dell’anno appena concluso. Smart working, espressione che in inglese invero non esiste, ha coinvolto migliaia e migliaia di persone. Tra meeting e call da remoto, c’è chi l’ha amato permettendo maggiore flessibilità, chi meno sentendosi isolato e privato della socialità e del confronto vis-à-vis del lavoro, in entrambi i casi è stato sulla bocca di tutti. Con il 70% dei voti, smart working è l’espressione più abusata del 2020, battendo l’acronimo tutto italiano Dad (didattica a distanza) fermo al 30%. Quando si tratta di bannare e cancellare per sempre una parola o termine dal 2021, allora, la sfida si fa più dura.

Secondo la survey di Wiko, ‘distanziamento sociale’ supera solo di misura l’ansia da ‘nuovo bollettino’, con un testa a testa che si conclude con un 52% vs 48%. Cosa accade invece in ambito tech e social, i territori più vicini e affini al brand Wiko e al suo modo di comunicare? I rispondenti al sondaggio hanno richiesto al nuovo anno, con il 78% dei consensi, sempre più streaming e dirette social. Il podcast, fenomeno sempre più coinvolgente, si arresta al 22%. Parlando di smartphone, non può non essere 5G l’espressione che per il 76% dei rispondenti della community Instagram di Wiko monopolizzerà il 2021. Rallentato dagli avvenimenti del 2020, il 5G sarà l’oggetto delle discussioni più accese del nuovo anno. Decisamente meno appealing i confronti su quad cam e maxi schermi che conquistano solo il 24% delle scelte.

Tra rappresentazione di una realtà artificiosa e voglia di spontaneità, il sondaggio di Wiko dà conferma della cosiddetta “rivoluzione estetica” che sta coinvolgendo da tempo i principali social network. L’hashtag da eliminare nel 2021 è #instacool per il 67% dei rispondenti al sondaggio. È finito il tempo dell’ostentazione e della coolness a ogni costo. #Nofilter che sta invece a rappresentare il bisogno di naturalezza piace e convince ancora (33% voti). Guardando al futuro, il sondaggio condotto da Wiko ha evidenziato quale fosse la parola su cui investire di più nel 2021. Anche in questo caso, i risultati sono davvero lo specchio dei tempi. Vuoi per la giovane età della community Instagram di Wiko, vuoi per la enorme visibilità delle recenti manifestazioni ambientaliste, ‘sostenibilità’ raccoglie il 60% dei consensi, con una ‘innovazione’ stabile al 40% delle scelte. In una sola parola, infine, cosa ci riserverà questo 2021? Qui il panel si divide perfettamente a metà: sarà ‘speranza’ per il 50% dei più ottimisti e ‘incertezza’ per il restante 50% dei più cauti.





crediti foto: ufficio stampa