Natale: i Panettoni di Pica Milano

di Laura Frigerio

Tra poco più di un mese sarà Natale e, nonostante la situazione complicata che stiamo vivendo, è importante iniziare a pensarci, meglio se in dolcezza. E per questo ci viene in soccorso Pica Milano con la sua collezione di Panettoni con cui celebrare le Feste in golosa raffinatezza.

Per questo dolce tradizionale solo ingredienti di alta qualità, a partire dal Lievito Madre. Il composto di farina di frumento ed acqua, caratterizzato dalla presenza di microrganismi di specie diverse, che è stato il primo procedimento di lievitazione dell’uomo, viene sublimato da una lievitazione lenta, che ne rispetta i ritmi e si basa esclusivamente sulle sue naturali proprietà.
E dopo 72 ore di lavorazione il risultato è impeccabile: alveolatura perfetta, sofficità ed estrema freschezza.

“Iniziamo la produzione dei nostri panettoni non prima del periodo ad essi assegnato, vale a dire non prima dei primi giorni del mese di dicembre. Questo perché non prevediamo nella maniera più assoluta l’utilizzo di conservanti né grassi idrogenati” - spiega Massimo Pica.

Quattro le declinazioni previste, che vanno dall’omaggio alla tradizione più vera del Panettone Classico, con arancia candita, uvetta idratata, crema pasticcera e pasta di arancia, alla irresistibile croccantezza del Panettone Mandorlato, caratterizzato dalla golosa copertura di mandorle e glassa. A queste si aggiungono le versioni che prevedono golose farciture: il Panettone Cioccolato e Marroni, con marroni in pezzi, crema pasticcera, pasta di arancia, ricoperto di glassa al cioccolato fondente e decorato da perle di cioccolato e il Panettone al Pistacchio, con pasta di arancia, crema pasticcera e copertura di pasta di pistacchio di Bronte DOP e cioccolato bianco.


Dove potete acquistarli? A Milano in via Ozanam (piazza Lima), ma anche presso il Lavazza flagship store di piazza San Fedele, Eataly in piazza XXV aprile, The Stage Dining in piazza Gae Aulenti, Dim Sum in via Nino Bixio e nei punti venditaselezionati Il Viaggiator Goloso della Lombardia.





crediti foto: ufficio stampa