Parte la nuova edizione di MICAM

di Laura Frigerio

Il mondo della moda cerca di ripartire anche con le fiere, naturalmente in totale sicurezza.

Nel capoluogo lombardo, prima dell’inizio della Milano Fashion Week, spazio alla 90esima edizione di MICAM che si terrà dal 20 al 23 settembre negli spazi di Fiera Milano.

I numeri fanno ben sperare: si parla di oltre 500 aziende presenti e dovrebbero essere presenti più di 5000 buyer provenienti da tutto il mondo.
L’hashtag di questa edizione è: #STRONGERTOGETHER.

“MICAM Milano sarà la prima manifestazione di grandi dimensioni che si terrà a Fiera Milano Rho dopo il lockdown e rappresenta l’occasione concreta per le nostre aziende del comparto calzaturiero di far ripartire il business” – spiega Siro Badon, Presidente di MICAM - “È il primo appuntamento per sviluppare la campagna vendita di un settore strategico per il Made in Italy. L’incontro in fiera rimane la via privilegiata per procedere alle contrattazioni degli ordini dopo aver toccato con mano i campionari e soprattutto, partecipando alla rassegna, ci si confronta con i colleghi e gli operatori del settore per capire dove va il mercato, cogliendone in anticipo i trend. Tengo inoltre a sottolineare che, l’erogazione di un finanziamento alle aziende italiane che partecipano a manifestazioni internazionali da parte del Governo, sia una soluzione concreta per far ripartire il settore sui mercati internazionali. Grazie ai fondi messi a disposizione da Simest, si potrà partecipare alla rassegna espositiva con contributi agevolati e a fondo perduto”.

GLI SPAZI

MICAM Milano occuperà i padiglioni 1,2,3,4 e 6. I padiglioni 1 e 3 cambieranno la denominazione in Premium ed ospiteranno la proposta più esclusiva di MICAM e, per la prima volta, ci sarà un’area occupata da MIPEL (fiera internazionale più rappresentativa della pelle e della borsa) e da TheOneMilano Special, featured by MICAM (salone del prêt-à-porter femminile) per un format originale e promettente che offrirà un’opportunità inedita ai buyer in visita.



crediti foto: ufficio stampa