Vinokilo rilancia l’e-commerce di capi vintage

di Laura Frigerio

L’emergenza sanitaria causata dal Coronavirus ha avuto delle conseguenze anche sul fronte della moda. Vinokilo, icona del fashion eco green, è stata costretta a cancellare oltre 80 eventi fissati in Italia e in Europa.

Ha quindi deciso di puntare sul suo canale di e-commerce con la vendita di preziosi capi al prezzo di chilo, lanciando in contemporanea una campagna di crowdfunding basata sulla prevendita di abiti ed esclusive esperienze vintage su startnext.com.

Un’azione proattiva incentrata sul cambiamento del modello di business, grazie alla visione giovane ed intraprendente di tutto il team che non vuole fare affidamento alle istituzioni.

L’e-commerce Vinokilo dà la possibilità ai clienti di creare uno stile unico, grazie alla grande selezione di straordinari capi vintage acquistabili al prezzo di chilo. Lo store online è stato completamente ideato con una filosofia green e, attraverso l’acquisto di un chilo di vestiti, aiuta in prima linea il pianeta poiché risparmia 15 kg di CO2 grazie all’attento studio e processo con cui mette gli articoli vintage in vendita.

Altra peculiarità dello store Vinokilo è l’approccio di vendita completamente differente dai comuni e-commerce e dalla vendita al dettaglio, per regalare un’esperienza unica nel suo stile. I preziosi capi vintage non sono valutati singolarmente, ma sono suddivisi per categoria di capo come camicie, maglioni, abiti, accessori etc, su cui viene calcolato il costo al peso attraverso i diversi parametri operativi che permettono la messa on-line. Ogni categoria quindi ha un prezzo differente in base al peso, non in base al marchio, alla qualità di materiale o per la lavorazione.
Un concetto di vendita completamente democratico che permette di acquistare capolavori vintage interamente realizzati a mano con materiali di altissima fattura come pelle, seta o lino ad un prezzo completamente competitivo.

Per quanto riguarda la campagna di crowdfunding, possiamo dirvi che darà la possibilità ai sostenitori, attraverso la donazione, di ricevere un voucher di pre-acquisto di un chilo di inconfondibili capi vintage valido al prossimo evento disponibile Le prevendite sono erogabili in diversi modi, acquistando uno o più chili di abiti oppure acquistando la card “Orange” membership che permette di accedere gratuitamente a tutti gli eventi e di avere sempre il 20% di sconto su ogni articolo. Un’altra prevendita esclusiva è quella dell’accesso in magazzino, sarà possibile infatti avere accesso all’ingente collezione vintage del magazzino di Vinokilo, dove sarà possibile acquistare 5 o più chili di capi, per chi è un grande appassionato e vuole scovare tesori nascosti.

Sarà possibile anche prenotarsi per un’esclusiva cena gourmet con Robin Balser, CEO & Founder di Vinokilo, nella nota regione della Renania, in Germania. Come altra prevendita limitata e super esclusiva c’è quella dell’ingresso anticipato di un’ora dall’apertura ad uno degli eventi, per accaparrarsi 20 chili dei più esclusivi gioielli vintage.
Quando riprenderanno gli eventi? Probabilmente a settembre, naturalmente con un calendario fitto di eventi in Italia ed Europa.

"Ad inizio marzo eravamo ancora con le mani in pasta su 6 eventi per ogni fine settimana dislocati su tutto il territorio europeo, con una previsione complessiva di 200.000 ingressi. Ora ci troviamo completamente fermi. Il Covid-19 ci ha colpito duramente e velocemente, tanto da farci annullare 50 eventi nel giro di 8 giorni. Ma ci stiamo riprendendo cercando di trarre il meglio dall’attuale situazione vedendo la crisi come una nuova opportunità" - commenta Robin Balser, CEO & Founder di Vinokilo - "Quello su cui ci siamo concentrati maggiormente è stato non perdere tempo di fronte ad un punto di obbligata stasi. Entro un paio di giorni siamo riusciti a quadruplicare le nostre entrate dallo store online e ci aspettiamo di raggiungere circa 120k in più rispetto ai 30k registrati questo mese. Siamo riusciti a rialzarci grazie alla nostra giovane visione e alla voglia di fare, che quella non è mai mancata".


crediti foto: ufficio stampa