Erika Lemay nel nuovo short film di Thirty Seconds Milano

di Redazione

Thirty Seconds Milano Film & Video Production Company torna a collaborare, con la grande artista poliedrica Erika Lemay curando la produzione per lo short-movie dal titolo “One Day To Fly”, che come autore e regia vede il nome di Francesco Tolve.

Erika Lemay, creatrice di spettacoli, danzatrice nel cielo, ambasciatrice di Physical Poetry e oratrice. Nata in Canada, Erika Lemay e' diventata un icona nel mondo delle performance dal vivo, usando il suo corpo in modi che sfidano la gravita' e le possibilita' umane. Il suo percorso di vita l'ha portata dalla sua prima lezione di balletto all'eta' di quattro anni, al successo mondiale e diversi riconoscimenti. Erika e' riconosciuta come un artista di prima classe nel mondo e ci si riferisce a lei come la creatrice di Physical Poetry.

Ogni spettacolo è letteralmente un momento in cui si sfida la vita – sotto l'ala dell'eleganza. Si e' esibita estensivamente come solista e ospite d'onore con il Cirque du Soleil ed e' un Ambasciatrice delle Arti per il progetto non-profit “Pensare Oltre”.

Vanity Fair l'ha nominata come la nuova regina del Circo in un intervista che include anche delle foto esclusive del fotografo leggendario e creatore di icone di Hollywood Douglas Kirkland. Il suo ultimo libro “Physical Poetry Alphabet” e' un tributo al lavoro di Erika. Gia' un autorita' nel mondo degli eventi e nel bel mezzo della sua brillante carriera, Erika creo' e si esibi' in uno spettacolo solista nel 2012 in cui spingeva ancora oltre i confini fisici e artistici. Questo spettacolo di 75 minuti, acrobatico, di ballo, di tecnologie immersive e teatro e' stato il primo del suo genere rappresentato e eseguito da una donna solista. La prima di Erika Lemay e che in seguito scaturi' altrettanti spettacoli del genere; esempi noti si trovano in Tailandia, Grecia e Arabia Saudita.


Oggi Erika attinge da due decenni di esperienza per creare spettacoli personalizzati per narrare le visioni di altre persone attraverso Physical Poetry.

crediti foto: ufficio stampa