La Petite Robe di Chiara Boni arriva a Firenze

di Laura Frigerio

Esaltare la femminilità del corpo di ogni donna, con capi che siano anche pratici e comodi. Questa, dal 2007, la mission di Le Petite Robe ovvero il celebre brand fondato dalla celebre stilista Chiara Boni che ora (dopo Milano e Roma) ha aperto una boutique anche a Firenze, sua città natale.

Dove? In uno dei posti più belli e affascinanti della città: Loggia Rucellai, ad angolo tra Via della Vigna Nuova e la celebre Piazza de’ Rucellai. 
Da sempre questo spazio ha avuto una vocazione commerciale ed è proprio con il commercio che i Rucellai costruirono la loro fortuna, grazie alla quale hanno contribuito in modo attivo alla storia dell’arte fiorentina. 

Ispirandosi ai disegni albertiani per Palazzo Rucellai, Antonio del Migliorino Guidotti realizzò quest'ampia loggia che racchiude in sé tutti i caratteri dell'architettura rinascimentale, composta da tre arcate a tutto sesto su colonne centrali e pilastri agli angoli, al di sopra dei quali corre una trabeazione caratterizzata dal motivo ornamentale che riprende l'emblema araldico dei Rucellai con le vele dispiegate al vento.


La bellezza del luogo e le peculiarità dell'architettura Rinascimentale, si sposano perfettamente con lo stile sofisticato, femminile ed elegante di Chiara Boni La Petite Robe. 

A firmare il concept della boutique (di circa 75 mq) sono ancora una volta gli architetti Marco Bonelli e Marijana Radovic, che puntano su un’immagine pulita e morbida, priva di spigoli, caratteristica che contraddistingue anche le altre boutique. Alla base del progetto vi è la volontà di lasciare ben visibile la qualità architettonica di pregio della location, utilizzando per gli arredi forme e volumetrie che si distaccano da quelle del contesto così da renderlo immediatamente riconoscibile e valorizzato nelle peculiarità. 


La boutique, dall'altezza complessiva di oltre 8 metri, è dominata da una quinta in tubolari verniciati e da un camerino free standing tondo. In linea con la porta di ingresso, posizionato su una pedana ellittica, il raffinato banco cassa dalla forma ovale. Ai lati del perimetro, appenderie dalle forme organiche in color platino fanno pendant con le sedute ecopelle ovali dalle linee sinuose ed avvolgenti color avorio. Lungo le vetrine sono collocate pedane espositive che nel loro centro vedono l'inserimento di schermi a led.  

“Siamo molto soddisfatti e particolarmente orgogliosi per l’apertura di questo nuovo monomarca di prestigio” - dichiara Maurizio Germanetti, amministratore delegato del brand - “La boutique è stata fortemente voluta da me, ma anche e soprattutto da Chiara Boni, per il profondo legame che ha con la sua città natale, fonte per lei di grande ispirazione creativa ma anche piazza di grande pregio per lo shopping internazionale del 'Made in Italy' di cui ci stiamo facendo portavoce nel mondo”

crediti foto: ufficio stampa