laF celebra il mese della Terra con un ciclo di film

di Laura Frigerio

Aprile è il mese dedicato alla Terra e culminerà il 22 con l’Earth Day.

Per l'occasione laF proporrà ogni lunedì, in prima serata,  un ciclo di film che raccontano la meraviglia e la grandezza della natura che ci circonda. Dal Kenya all’Islanda, dalla Nuova Zelanda alla Colombia: la natura maestosa, spesso profondamente segnata dalle minacce dell’uomo, fa da sfondo a quattro pellicole provenienti dai più importanti festival cinematografici.

Lunedì 2 aprile, ore 21.10: The Constant Gardener – La cospirazione. Tratta dal romanzo Il giardiniere tenace di John le Carré, la pellicola si avvale della magistrale interpretazione di Rachel Weisz che per questo film ha vinto il Premio Oscar e il Golden Globe. In Kenya viene ritrovato il corpo senza vita dell'attivista politica Tessa Quayle (Rachel Weisz). Il movente sembra quello passionale, ma Justin (Ralph Fiennes), il marito della vittima, nutre diversi dubbi e decide così di indagare per conto suo. The Constant Gardener – La cospirazione (The Constant Gardener) di Fernando Meirelles, con Ralph Fiennes e Rachel Weisz. [USA/Gran Bretagna 2005 - 129’]

Lunedì 9 aprile, ore 21.10: La ragazza delle balene. Dal romanzo The Whale Rider di Witi Ihimaera, il film, vincitore di numerosi premi internazionali è ambientato in Nuova Zelanda, dove tradizione vuole che il comando delle tribù si tramandi di padre in figlio. Porourangi (Cliff Curtis), figlio dell’attuale capo, dà alla luce un maschio e una femmina, ma il primogenito muore durante il parto. La giovane Pai (Keisha Castle-Hughes, che per questa interpretazione è stata candidata agli Oscar 2004 come Miglior attrice protagonista), sfidando pregiudizi e difficoltà, prenderà il suo posto. La ragazza delle balene (Whale Rider) di Niki Caro, con Cliff Curtis e Keisha Castle-Hughes. [Nuova Zelanda/Germania, 2002 - 104’]


Lunedì 16 aprile, ore 21.10: Rams – Storia di due fratelli e otto pecore. Premiata al Festival di Cannes 2015 nella categoria Un Certain Regard e candidata all’ European Film Awards 2015 nella categoria Miglior Film, la pellicola racconta la storia di Gummi (Sigurður Sigurjónsson) e Kiddi (Theodór Júlíusson), due fratelli, ottimi pastori e allevatori di montoni, che, sebbene condividano lavoro e modo di vivere, non si parlano da 40 anni. Quando un'infezione letale minaccia il gregge di Kiddi, i due fratelli dovranno mettere da parte il rancore pur di salvare un’attività che in Islanda viene tramandata da generazioni. Rams - Storia di due fratelli e otto pecore (Hrútar) di Grimur Hakonarson, con Sigurður Sigurjónsson e Theodór Júlíusson. [Islanda, 2015 - 90’]

Lunedì 23 aprile, ore 21.10: Un mondo fragile. Vincitore della Caméra d'or per la Miglior opera prima al 68º Festival di Cannes, il film racconta la storia di Alfonso (Haimer Leal), un anziano campesino che, a causa della malattia del figlio, diciassette anni prima aveva lasciato la sua famiglia e la sua terra. Quando fa ritorno a casa scopre che il progresso industriale sta causando profonde trasformazioni, all’ambiente e nelle persone. Un mondo fragile (La tierra y la sombra) di César Augusto Acevedo, con Haimer Leal. [Colombia, 2015 - 97’]