"Domina", il nuovo romanzo di Lisa Hilton

di Laura Frigerio


Oggi parliamo di libri e in particolare di "Domina", il secondo capitolo della trilogia della scrittrice inglese Lisa Hilton (edito da Longanesi), che uscirà in Italia il 2 maggio e in contemporanea anche in Francia, Germania e Regno Unito. Il precedente romanzo, "Maestra" (2016), è stato un best seller pubblicato in 42 paesi del mondo e ha venduto solo in Italia oltre 100.000 copie.

Judith Rashleigh, l’originale protagonista della serie, è stata definita dai critici britannici come un Mr. Ripley al femminile (The Times) e una moderna Becky Sharp (The Sunday Telegraph).

Considerata la risposta femminista all’Anastasia Steele di "Cinquanta sfumature di grigio", la protagonista di Domina si conferma un’antieroina decisa e senza scrupoli. Anche in questo nuovo romanzo Lisa Hilton, storica dell’arte, laureata a Oxford, torna a rivelare i retroscena più oscuri e pericolosi del mondo dell’arte, trascinando nuovamente i suoi lettori nelle vicende di Judith, dove male e bene si confondono e la bellezza si intreccia ai traffici illeciti della mafia internazionale.

Se il libro precedente aveva portato alla luce le truffe milionarie delle grandi case d’asta, Domina, ambientato in buona parte in Italia e immerso nel fascino misterioso e ambiguo della laguna di Venezia, rivela il legame esistente tra il mercato delle collezioni private e la criminalità organizzata, la malavita serba e i grandi oligarchi russi. L’autrice, con una narrazione dai toni cupi e dal ritmo serrato e tagliente, utilizza ancora una volta un grande maestro della pittura di ogni tempo come pigmalione artistico per il suo romanzo: dove Maestra aveva illuminato i tratti di modernità delle opere e dell’esistenza di Artemisia Gentileschi, Domina indaga i lati oscuri e perversi dell’animo umano attraverso le tele e la vita di Caravaggio.

Vivamente consigliato!

Scrivi commento

Commenti: 0