Pingu's Road Show al Parco City Life di Milano

di Redazione

Continuano i festeggiamenti per il 10° anniversario di Pingu’s English Italia.

Una storia iniziata due lustri fa con l’apertura della prima sede a Bologna e che ha visto il progetto crescere, anno dopo anno, grazie alla fiducia dei genitori dei giovanissimi studenti, all'impegno dei teachers soprattutto grazie ai sorrisi di migliaia di bambini che hanno frequentato e frequentano la scuola.

Per l'occasione Pingu's English ha organizzato una serie di iniziative, attività e sorprese (sia offline che online).
Tra questi il Pingu's Road Show, che ci porterà in giro per grandi parchi di Milano dove si terranno eventi molto speciali.
Le insegnanti sono pronte per giochi, lavoretti creativi e tante attività in inglese per passare una giornata divertente insieme.

La prossima tappa è fissata per giovedì 9 giugno al Parco di City Live, tra le ore 16 e le 18.

Da non perdere!


 

 






crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Piante grasse in tazza grande, laboratorio per bambini da Garden Steflor

di Redazione

Chi si trova nei pressi di Milano non può fare a meno di fare un salto da Garden Steflor a Paderno Dugnano, anche per via dei laboratori che vengono organizzati ogni settimana.

Molti di questi sono per bambini come "Piante grasse in tazza grande - Il mondo delle succulente!", fissato per il 21 maggio tra le 16 e le 18.
Ci saranno due turni e per ognuno ci sarà spazio per un massimo di 12 bimbi. Il costo? 8€.





 

 

 

crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

La caccia al tesoro di Pingu’s English Italia

di Redazione

Sono iniziati i festeggiamenti per il 10° anniversario di Pingu’s English Italia.
Una storia iniziata due lustri fa con l’apertura della prima sede a Bologna e che ha visto il progetto crescere, anno dopo anno, grazie alla fiducia dei genitori dei giovanissimi studenti, all'impegno dei teachers soprattutto grazie ai sorrisi di migliaia di bambini che hanno frequentato e frequentano la scuola.

Per l'occasione Pingu's English ha organizzato una serie di iniziative, attività e sorprese (sia offline che online). Uno dei prossimi imperdibili appuntamenti è quello con la Caccia al Tesoro, prevista per il 14 e il 15 maggio nelle sedi Pingu's English: le teachers saranno pronte ad accogliere tutti i bambini per passare una mattinata o un pomeriggio all’insegna del divertimento, il tutto ovviamente in inglese.
La caccia al tesoro si svolgerà all’aperto o all’interno delle scuole e i bambini saranno chiamati a trovare oggetti di vario genere in base ad un percorso studiato per farli muovere, imparare nuove parole e a godere della bella giornata con Pingu e la sua famiglia.

 

 

 

 

 








crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Mini Me, la collezione di Calzedonia per tutta la famiglia

di Laura Frigerio

Vi state proiettando già verso l'estate? Allora dovete scoprire assolutamente Mini Me, la collezione mare Spring-Summer 2022 di Calzedonia per tutta la famiglia.

Costumi da bagno di diverse forme e modelli, sia per la mamma e il papà che per i bambini.

La scelta è davvero varia: si va dalle tinte unite color block alle fantasie, fino alle stampe marine e jungle.

Per questa collezione sono stati usati anche nuovi tessuti tessuti tra cui la spugna e il crochet super di tendenza.

La collezione Mini Me di Calzedonia si arricchisce inoltre di un accessorio esclusivo. Infatti con una spesa minima di 70 euro si riceverà in regalo (fino ad esaurimento scorte) la borsa mare pratica e di tendenza.









crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Un osteopata in famiglia: i 5 consigli di Parentsmile per neonati e bambini

di Redazione

Quando si diventa genitori, tutto cambia. Si parte da come arredare la cameretta del proprio bambino o bambina fino all’incontro con nuove realtà e professioni, come quelle che propone Parentsmile, la prima piattaforma europea per il supporto e il benessere a domicilio di tutta la famiglia.
Accedendo al portale https://parentsmile.com/, oggi, è possibile prenotare una visita a domicilio oppure un videoconsulto con diverse figure specialistiche, tra cui l’osteopata.

Figura fondamentale non solo per adulti, ma anche per neonati (0-2 anni) e per bambini (2-16 anni), in tal caso si parla di osteopatia pediatrica. L’osteopatia è ben nota agli italiani già da tempo, nonostante sia stata ufficialmente riconosciuta solo lo scorso giugno 2021. Questo è confermato dalla recente indagine secondo cui due italiani su tre conoscono l’osteopatia e uno su cinque, vale a dire 10 milioni di italiani, si è rivolto ad un osteopata.
"Grazie ad un approccio delicato e mai invasivo, l'osteopatia è particolarmente indicata per il trattamento dei bambini e dei neonati, senza porre limite di età - dichiara Irene Maccarini, l’osteopata di Parentsmile - L'osteopatia risulta essere una valida risorsa per il trattamento di tutte quelle problematiche legate alla prima infanzia, come il reflusso neonatale, le coliche gassose, le difficoltà legate alla suzione, la costipazione, il torcicollo, la plagiocefalia, i disturbi del sonno. Inoltre, grazie all'intervento osteopatico, si può seguire da vicino lo sviluppo motorio, intervenendo con semplici stimolazioni per permetterne un progressivo e fisiologico andamento".

Ecco una lista di 5 consigli dell'esperta che possono essere utili a tutti i genitori:

TUMMY TIME DA SUBITO
La posizione prona, oltre a mettere le basi per un corretto sviluppo motorio, è un’ottima strategia per prevenire la più comune forma di plagiocefalia: quella posizionale! In questa posizione il bambino è incentivato ad attivare la muscolatura cervicale che si inserisce sul cranio, evitando di trovare una sola posizione di preferenza e comodità.

DIALOGO RAVVICINATO
Nei primi mesi di vita i bambini riescono a vedere chiaramente fino ad una distanza di 20-30 cm. Per questo è importante avvicinarsi molto al loro viso affinché riescano a riconoscerci e a metterci a fuoco. Sia in posizione prona che supina si può sfruttare questo momento per spostarsi lentamente nel campo visivo del bambino, da destra a sinistra, dall’alto al basso, ma anche in diagonale. In questo modo il bambino sarà incuriosito e stimolato a seguirci prima con gli occhi e poi con l’intero movimento del capo. Sarà un bel momento di dialogo e di esercizio muscolare.

QUANDO CI SI METTE SEDUTI?
La regola è una sola: i bambini si mettono seduti da soli nel momento in cui sono pronti a farlo! Spesso per comodità si posiziona il bambino seduto prematuramente, ma non si tiene conto delle conseguenze posturali che comporta questo semplice gesto: la struttura muscolo-scheletrica dei bambini deve prepararsi adeguatamente ad assumere questa posizione, accelerando questa tappa si sovraccarica la colonna vertebrale e questo potrebbe avere ripercussioni posturali. La posizione seduta è una tappa fondamentale dello sviluppo motorio, è importante che i bambini la raggiungano autonomamente.

QUANDO USARE LE PRIME SCARPE?
È bene che i bambini imparino a camminare a piedi scalzi o con delle calze antiscivolo, questo permette loro di sperimentare al meglio e imparare a gestire l’equilibrio e il baricentro. Inoltre camminare scalzi permette una migliore attivazione della muscolatura che andrà così a creare un arco plantare fisiologico. Le scarpe vanno quindi usate esclusivamente fuori casa.

IMPARIAMO A CAMMINARE
Come per tutte le tappe motorie è bene dare l’opportunità ai bambini di sperimentare il più liberamente possibile. Spesso si tende ad incentivare la camminata dei bambini tenendoli per mano, ma è davvero un aiuto? La risposta è semplice ed è no! Se non è ancora in grado di camminare da solo è perché la sua struttura non è ancora pronta ad affrontare questo grosso cambiamento, quindi aiutarli sorreggendoli per le braccia vuol dire anticipare una tappa motoria importantissima. Sorreggerli per le braccia vuol dire non permettergli di sperimentare in modo fisiologico la camminata, anche se la trazione è leggera i bimbi non avranno modo di gestire autonomamente l’equilibrio e l’appoggio sui piedi e questo potrebbe portare ad adattamenti posturali scorretti (come imparare a camminare sulle punte). Più li lasciamo liberi, più sperimentano in modo sano.

Cosa c'è da sapere su Parentsmile
Parentsmile, oltre all’osteopata, offre un’ampia rosa di professionisti, scelti accuratamente, tra ostetriche, logopedisti, terapisti della neuro-psicomotricità, psicologi/psicoterapeuti, nutrizionisti, pedagogisti, puericultrici, tate, educatrici e personal trainer. Una volta selezionati il servizio e lo specialista, il genitore è libero di scegliere il giorno e l’ora, compresi i weekend, e la modalità della visita (a domicilio o videoconsulto), in base alle proprie preferenze ed esigenze.

 

 

 

 

 

 

 

 




crediti foto: ufficio stampa

leggi di più