Alla scoperta di Masi Wine Bar e Ristorante Col Druscié 1778, a Cortina

di Redazione

Punti di riferimento per sciatori, amanti della montagna e del lifestyle, il Masi Wine Bar Al Druscié e il Ristorante Col Druscié 1778 rappresentano due tappe di gusto da non perdere nell’area panoramica di Col Druscié, facilmente raggiungibile dal centro di Cortina con la moderna cabinovia Tofana-Freccia nel Cielo.

Direttamente sulle piste mondiali che hanno fatto innamorare i più grandi campioni di sci alpino, sono aperti tutti i giorni negli orari di funzionamento degli impianti, dalle 8.30 alle 16.30, e offrono anche l’occasione di organizzare una cena con gli amici, la propria famiglia o romanticamente in due, oltre ad eventi personalizzati su prenotazione.

Il Masi Wine Bar Al Druscié, è una location informale ma elegante che combina glamour e tradizione tra legno e corten, dove una cucina tradizionale rivisitata in chiave moderna trova il proprio abbinamento con i vini della Cantina Masi. Qui, il vino è ingrediente e abbinamento al tempo stesso: da provare i salumi della Valpolicella affinati al Campofiorin, il risotto all’Amarone Costasera con scaglie di Monte Veronese e il Guancialino brasato all’Amarone e miele. La carta vini spazia su oltre 50 etichette prodotte da Masi, include grandi formati e una selezione di vecchie annate.

La sera, solo su prenotazione, è possibile vivere un’esperienza wine & food accompagnata da una speciale vista notturna su Cortina dall’alto. Il Ristorante Col Druscié 1778 è il giusto locale per godere di una pausa dallo sci, in un ambiente tradizionale ma moderno e con una terrazza panoramica. Si presenta come un cottage in legno chiaro che si adatta perfettamente al panorama naturale che lo circonda, dove respirare un’atmosfera familiare e assaporare specialità ampezzane, prelibatezze tipiche tirolesi e italiane, piatti rivisitati dallo chef in chiave moderna con estro e fantasia.

Un luogo adatto ad ospitare anche eventi, cerimonie e cene a tema su prenotazione, con spazi adatti anche a famiglie e bambini. In collaborazione con l’Osservatorio Astronomico “Helmut Ullrich”, il Ristorante Col Druscié 1778 propone anche la speciale iniziativa “Astrocena a Col Druscié”, in programma il 3 gennaio 2022: un appuntamento che combina una serata invernale alla scoperta delle stelle, accompagnati dalle guide dell’Associazione Astronomica Cortina Stelle, e i piatti della cucina di montagna.











crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Come sopravvivere alle abbuffate di fine anno? Ce lo spiegano i medici AIGO

di Redazione

Brindisi, pranzi e cene: mai come quest'anno l'appuntamento con le feste di fine anno era atteso. Le festività natalizie sono uno dei momenti dell'anno in cui si cucina di più e si consumano pasti ricchi di grassi, zuccheri e alcol che sono una vera "prova di sopravvivenza" per il nostro organismo, già messo sotto stress in queste settimane per la situazione sanitaria e la poca attività fisica che nell'ultimo anno abbiamo praticato.

Per iniziare il 2022 con i migliori propositi, è possibile seguire dei semplici consigli per rendere meno "pesante" ma sempre golosa la nostra tavola imbandita, richiamandoci al buon senso e alle regole della dieta mediterranea.
Ecco l'abc indicato dai medici gastroenterologi AIGO.


ALCOL E MALATTIE GASTROINTESTINALI: CI SI PUO’ CONCEDERE QUALCHE BRINDISI?
Al cenone di fine anno è difficile rinunciare ai brindisi, ma è importante sapere che negli uomini la dose massima giornaliera è di 1-2 bicchieri di vino, mentre nelle donne di 1 bicchiere Anche nei soggetti sani l'alcol può causare anche in dosi moderate sintomi da reflusso o bruciore, in presenza di patologia serve particolare prudenza.
Il paziente con malattia di fegato non dovrebbe assumere bevande alcoliche, mentre il paziente con disturbi funzionali, come intestino irritabile, può concedersi un brindisi. La cosa più importante che spesso manca nelle tavole delle feste è l'acqua!

ZUCCHERI E GRASSI: COME SCONGIURARE PESANTEZZA E GONFIORE ADDOMINALE?
I cibi tipicamente presenti sulle tavole nel periodo natalizio sono notoriamente più ricchi di grassi animali e zuccheri, elementi che possono favorire disturbi come cattiva digestione, gonfiore addominale, reflusso gastroesofageo, essendo difficilmente digeribili anche per le persone in buona salute.
Senza demonizzare le nostre eccellenze gastronomiche, è bene tenere presente che in alcune persone con difficoltà nell'assorbimento del lattosio, prodotti caseari freschi, creme e intingoli possono favorire i disturbi sopra elencati e diarrea. Ricordati delle verdure: se non soffri di colon irritabile, questo è l'unico caso in cui è ammesso abbondare.

LA MODERAZIONE È IL VERO TRUCCO PER NON SGARRARE TROPPO O CI SONO ALTRI ACCORGIMENTI DA POTER METTERE IN PRATICA?
È il caso di controllare anche altri "comportamenti" sbagliati come la velocità nell'assunzione del cibo, l'abitudine di fumare tra un pasto e l'altro, la sedentarietà dopo il pasto, scegliendo anche di moderare i condimenti. Un po' di movimento fisico è sempre la soluzione migliore per favorire la digestione e migliorare la regolazione glicemica. Il rischio di stare sul divano è che ti venga voglia di mangiare ancora!

LO STRESS NEMICO DELLA SALUTE
La situazione che stiamo vivendo non favorisce la spensieratezza, e da mesi molti italiani lamentano malesseri legati all'apparato gastroenterico come diarrea, nausea, dolori addominali dovuti a stress e sedentarietà post lockdown. Con alcune accortezze si può concedersi i piaceri delle tradizioni culinarie senza acquisire sovrappeso e aggravare condizioni patologiche in essere.
Innanzitutto è necessario ricordare che qualsiasi sintomatologia "nuova" riferibile all'apparato digerente va discussa con il proprio Medico Curante senza rimandare, per valutare se vi siano elementi di allarme o di sospetto che rendano necessari accertamenti specifici. In caso di malattia già nota è indispensabile stringere l'alleanza medico-paziente e fare gioco di squadra: moderazione e buon senso sono i migliori rimedi.












crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Helbiz Kitchen sceglie materie prime di qualità attraverso la partnership con Planet Farms

di Redazione

Helbiz Kitchen, business unit di Helbiz (NASDAQ: HLBZ) leader mondiale nella micromobilità e primo nel suo settore ad essere quotato al Nasdaq, annuncia la sua collaborazione con Planet Farms, società leader nel vertical farming.

Nata a Milano nel 2018, Planet Farms ha sviluppato un sistema di coltivazione verticale unico al mondo, in grado di armonizzare perfettamente tutti i parametri fondamentali per la crescita degli ortaggi, ottenendo un prodotto dal gusto sorprendente e ricco di proprietà nutritive. L’azienda ha fin da subito puntato ad una sostenibilità a 360°: ambientale, sociale ed economica, grazie ad un approccio volto a massimizzare la produttività garantendo un risparmio di oltre il 95% di acqua e il 90% di suolo rispetto all’agricoltura in campo aperto, evitando completamente l’uso di pesticidi o diserbanti e minimizzando gli sprechi alimentari lungo l’intero processo produttivo.

I prodotti Planet Farms si conservano freschi più a lungo in modo del tutto naturale e, grazie ad una filiera completamente integrata (dal seme al prodotto confezionato), l’azienda assicura la massima qualità, trasparenza, certificabilità e tracciabilità del prodotto. Helbiz Kitchen si avvale di fornitori di eccellenza, con l’obiettivo di offrire ai propri clienti i migliori prodotti presenti sul mercato, con un’attenzione particolare verso la sostenibilità ed il territorio di provenienza, nel rispetto della migliore cultura alimentare e tradizione agricola italiana. In quest’ottica, Helbiz Kitchen ha scelto Planet Farms come collaboratore per la fornitura di materie prime di elevata qualità, che verranno utilizzate per la preparazione dei piatti come insalate, poke e burger.

“Avere al nostro fianco un partner come Planet Farms non solo è motivo di orgoglio, ma è anche una importante conferma che vogliamo dare ai nostri clienti: ci impegniamo giornalmente nella ricerca di materie prime eccellenti, per poter essere certi di offrire sempre un prodotto di alto livello. Planet Farms offre una risposta concreta al bisogno di prodotti agricoli sani, di alta qualità e a bassissimo impatto ambientale” - ha commentato Paolo Scocco, COO di Helbiz Kitchen“Ancora una volta Helbiz Kitchen ha scelto fornitori italiani di eccellenza, con una forte attenzione alla sostenibilità”.


“Con Helbiz Kitchen condividiamo lo stesso obiettivo: quello di fornire al consumatore un prodotto buono, sano e attento all’ambiente. In Planet Farms abbiamo sviluppato un sistema di coltivazione verticale innovativo, che permette di armonizzare perfettamente tutti i parametri fondamentali per la crescita degli ortaggi nel rispetto della fisiologia della pianta - afferma Luca Travaglini, Co-Founder e Co-CEO con Daniele Benatoff di Planet Farms – “Creiamo le condizioni ideali attorno alle nostre colture, salvaguardando l'ambiente, il palato e la salute dei consumatori. Dobbiamo lavorare con la natura responsabilmente, studiando soluzioni alternative per migliorare l’efficienza nell’uso delle risorse”.

Le ordinazioni su Helbiz Kitchen sono attive per 12 ore al giorno, dalle 11:00 alle 23:00, 7 giorni su 7, attraverso l’app Helbiz. Grazie a un’unica app, oltre a scegliere il mezzo migliore di micromobilità, con un unico ordine e un'unica consegna, i clienti potranno avere a domicilio tutte le 6 specialità gastronomiche di Helbiz Kitchen.













crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Mon Chéri Cherry Club Vodka, in limited edition

di Redazione

Il croccante del cioccolato fondente, il calore del liquore e la dolcezza della ciliegia. Questo è da sempre Mon Chéri che, a novembre, arriva sul mercato con una nuova Limited Edition pronta a sorprendere tutti i palati: Mon Chéri Cherry Club Vodka. Per questa occasione, infatti, il cioccolatino dalla forma a scrigno cambia “anima” e sostituisce il liquore classico con la vodka, creando così un nuovo ed inaspettato gusto.

La ricetta originale di Mon Chéri è molto complessa, a partire dallo studio della forma della conchiglia esterna di cioccolato fondente creata per contenere comodamente la ciliegia ed il liquore che, al morso, deve invadere tutto il palato. La complessità raddoppia quando si sceglie di sostituire il liquido all’interno. Trovarne uno in grado di dare il giusto corpo e la giusta intensità al cioccolatino senza snaturare la ciliegia, infatti, non è facile. Solo dopo tanti test di assaggio e prove all’interno dei laboratori Ferrero si è arrivati alla combinazione perfetta: la vodka con il suo sapore neutro e limpido, unito ad una varietà di ciliegia dal gusto meno dolce ed intenso. Tutto per creare un piccolo capolavoro di gusto adatto ad accompagnare i consumatori durante i propri momenti speciali oppure da condividere nelle serate tra amici.

Le particolarità di questa Limited Edition sono state svelate in anteprima durante l’evento di lancio aperto al pubblico che ieri, 28 ottobre, ha riunito tanti appassionati a Milano nel cocktail bar Carico– vincitore del premio Bar d’Italia 2021 del Gambero Rosso – per un viaggio multisensoriale in tre sale alla scoperta della novità targata Mon Chéri. I partecipanti hanno affrontato un percorso che ha coinvolto tutti i sensi: dall’esperienza immersiva creata grazie a uno shot studiato ad hoc, un video-racconto e l’assaggio del prodotto, sono poi passati alla degustazione di cocktail e finger food perfettamente abbinati a Mon Chéri Cherry Club Vodka. La serata è terminata con un quiz che ha associato ogni invitato ad uno dei 3 ingredienti distintivi della novità, in base alle sensazioni e reazioni osservate durante tutto l’evento.

Volete provare nuove combinazioni di gusto? Allora sappiate che dall'8 al 22 novembre sarà attivo un concorso instant win dove (per 60 minuti al giorno) si potrà vincere un premio esclusivo: un kit da mixologist e la nuova confezione Mon Chéri Cherry Club Vodka. Partecipare è davvero facile. Ogni giorno sulle pagine social del brand verrà svelata l’ora “X” in cui, collegandosi al sito www.gustalattimo.moncheri.it e registrandosi, si potrà scoprire se si è tra i 4 fortunati vincitori della giornata.

La Limited Edition sarà disponibile, fino ad esaurimento scorte, in tutti i canali della GDO solo per il mese di novembre e dicembre.











crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Helbiz Kitchen e la sua partnership con San Pellegrino

di Redazione

Helbiz Kitchen, business unit di Helbiz (HLBZ) leader mondiale nella micromobilità e primo nel suo settore ad essere quotato al Nasdaq, annuncia la sua partnership con il Gruppo Sanpellegrino, conosciuto in tutto il mondo per la qualità dei suoi prodotti.

Grazie alla nuova collaborazione, all’interno dell’app Helbiz sarà possibile acquistare Acqua Panna e S. Pellegrino, le acque del fine dining internazionale. Ambasciatrici del gusto e dello stile italiano, Acqua Panna e S. Pellegrino sono presenti da sempre sulle migliori tavole di oltre 150 paesi in cinque continenti. La storia di S. Pellegrino è la storia di un’icona, simbolo di eccellenza, eleganza e stile, ambasciatrice dell’arte di vivere all’italiana e della sua proverbiale convivialità.

Il naturale connubio con il mondo del fine dining oggi si riafferma e va oltre, grazie alla partnership con Helbiz Kitchen, perché il cibo è più che mai fenomeno sociale, culturale, creatore di momenti di condivisione. Acqua Panna, acqua oligominerale piatta la cui sorgente era già nota nel ‘500 e si trova nei pressi di Scarperia, in provincia di Firenze, si distingue per il suo gusto inconfondibile, equilibrato e rinfrescante, assai gradevole al palato; è perfetta per accompagnare i piatti leggeri dalle caratteristiche gusto-olfattive delicate. Helbiz Kitchen si avvale dei migliori fornitori con l’obiettivo di offrire ai propri clienti prodotti di qualità.  Questo è il legame alla base della partnership con il Gruppo San Pellegrino.

“Avere al nostro fianco un Gruppo di fama internazionale come Sanpellegrino, è per noi motivo di orgoglio. La qualità di quest’azienda non ha bisogno di presentazioni e riflette l’attenzione ai dettagli su cui si basa l'esperienza culinaria di Helbiz Kitchen” - ha commentato Rossella Di Dio, CEO di Helbiz Kitchen.
“Fra le varie iniziative che stanno concretamente contribuendo a dare nuovo impulso alla ripresa e alla trasformazione del settore della ristorazione c’è l’interessante progetto di Helbiz Kitchen” - ha commentato Giacomo Giacani, Marketing Manager del Gruppo Sanpellegrino“Una realtà giovane e dinamica che abbiamo scelto di sostenere con entusiasmo, in coerenza con le iniziative messe in campo da Sanpellegrino per favorire la ripresa del mondo della ristorazione in tutte le sue espressioni”.

Le ordinazioni su Helbiz Kitchen sono attive per 12 ore al giorno, dalle 11:00 alle 23:00, 7 giorni su 7, attraverso l’app Helbiz. Grazie a un’unica app, oltre a scegliere il mezzo migliore di micromobilità, con un unico ordine e un'unica consegna, i clienti potranno avere a domicilio tutte le 6 specialità gastronomiche di Helbiz Kitchen.








crediti foto: ufficio stampa

leggi di più