Veepee: la best selection dell'estate

di Laura Frigerio


È scattata la voglia di fare un po’ di shopping on-line? Allora collegatevi a Veepee, nuovo sito evoluzione di vente-privee, che per l’estate 2019 propone la sua best selection di must have. Quest’ultima spazia dal beauty alla moda, dall’hi-tech ai complementi d’arredo.

MODA
Veepee propone per la bella stagione abiti chemisier, leggeri e coloratissimi, come quelli di Oltre e kimoni firmati Karl Marc John. Eleganti giacche in San Gallo, ampi pantaloni e top con volant, rigorosamente bianchi, sono invece ideali per un look che esalta l’abbronzatura, anche in città. Per l’uomo, Veepee propone semplici ed eleganti polo dalle tinte accese oppure camicie dai motivi floreali che in un attimo ci portano alle calde atmosfere delle vacanze.

KIDSWEAR
Quest’anno l’estate si colora di un fuxia acceso con i mocassini firmati Oca Loca, brand che propone anche i sandaletti con frange multicolor, che seguono il trend delle calzature da donna. L’ampiezza dell’offerta per il bambino è un valore aggiunto importante per le mamme digitali di oggi che trovano proprio nell’online l’alleato fondamentale per le esigenze dei figli: un bisogno che diventa anche divertimento per le socie di Veepee che possono anche acquistare giocosi complementi d’arredo per la cameretta.

ACCESSORI

Quest’estate, per ravvivare con un tocco di colore anche i look volutamente minimal, Veepee consiglia sneakers dai cromatismi fluo o décollté dalle tinte pastello. E non si possono dimenticare, per una festa estiva o per una gita fuori porta, le coloratissime espadrillas da indossare con borse di paglia o con le iconiche O Bag.

ARREDAMENTO
Veepee suggerisce alcuni accorgimenti sempre validi per scaldare l’atmosfera domestica all’insegna del motto ‘Home sweet home’: una stampa divertente da appendere alle pareti o lampade a forma di banana e ancora divertenti lettere luminose.

HI-TECH
Per la corsa al parco Veepee ha selezionato le cuffie wireless Fresh ‘n Rebel, mentre per chi ama immergersi nelle acque cristalline, la maschera a immersione con telecamera sportiva è l’alleato ideale!


BEAUTY
I consigli firmati Veepee per l’inizio dell’estate? Creme solari per grandi e piccini sono il must-have per le ‘fughe’ al mare o al lago, mentre per la sera Veepee suggerisce una leggera crema idratante che esalti l’abbronzatura e ci permetta di abbandonare il make up per un look ‘very fresh’: i cofanetti di Shiseido con creme e fragranze sono ideali per i viaggi e i weekend fuori porta.

FOOD-WINE
I soci di Veepee possono ora curiosare anche fra molte proposte Food and Wine, dove trovare vini dai bouquet profumati, dolci, delicatessen e preparati per tisane. Perché non sorprendere i propri ospiti con un vino speciale da servire durante una cena all’aperto?

leggi di più

Finger's Porto Cervo compie 10 anni

di Redazione


Spin off estivo del celebre Finger’s in uno degli angoli di mare più affascinanti al mondo, Finger’s Porto Cervo è ormai diventato un indirizzo imperdibile per il pubblico sardo, ma anche per i numerosi turisti italiani e internazionali che ogni estate frequentano la Costa Smeralda.

Inaugurato con la stagione 2010, Finger’s Porto Cervo si trova nell’esclusiva Promenade du Port, l’elegante passeggiata che si snoda fra gallerie d’arte e design, boutique, concept store e locali alla moda. Con una splendida terrazza affacciata sul mare e centoventi coperti complessivi (fra terrazza, portico e interno) Finger’s Porto Cervo è un vero e proprio angolo d’Oriente nel cuore del Mediterraneo.

Un mix riuscito e raffinato che si traduce nella cucina di Roberto Okabe: geniale, gustosa e creativa, esprime inedite combinazioni di gusti. Alla leggerezza e all’armonia della cucina tradizionale giapponese, lo chef nippo-brasiliano unisce le suggestioni del Brasile e i sapori mediterranei per dare vita all’inconfondibile Finger’s Style.


Per festeggiare i 10 anni di Finger’s Porto Cervo (e i 15 anni di Finger’s Milano) lo chef Roberto Okabe ha creato un piatto da pesca sostenibile che ha come protagonista la Palamita, il piccolo tonnetto del Mediterraneo dalle carni sode e gustose: Katsuo Tataki di Palamita, ovvero un sashimi leggermente scottato, con zenzero e cipollotto.

Finger’s Porto Cervo non è un ristorante show-off, ma una vera e propria meta gourmet nel cuore del Mediterraneo che offre un’esperienza gastronomica unica e irripetibile: in carta, i grandi classici di sempre (dalle Tartare Finger’s ai sashimi, dal Carpaccio Gazpacho alla Capasanta scottata con pasta kataifi croccante e salsa allo yuzu, agli imperdibili nidi di tonno e salmone) e le selezioni di rolls, uramaki e nigiri.
Insieme alla cucina, l’ambiente sofisticato e il servizio accurato sono le qualità che hanno permesso a Finger’s Porto Cervo di conquistare in pochi anni un numero sempre maggiori di estimatori.

leggi di più

ALLA SCOPERTA DEL RISTORANTE LAROSSA

di Laura Frigerio

Il nostro paese, si sa, è ricco di eccellenze culinarie ed è bello andare a scoprirle. Quindi, se capitate delle parti di Alba, vi consigliamo di fare una tappa al Ristorante Larossa.

Il locale, gestito dallo chef Andrea Larossa con la sua compagna Patrizia Cappellaro, si è aggiudicato in poco tempo 1 Stella Michelin, 2 Forchette sulla guida del Gambero Rosso, 1 Cappello sulla guida l’Espresso e 1 “Faccino Radioso” su Il Golosario.

UNA CUCINA TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE
La cucina di Andrea si ispira al territorio e da questo parte per un viaggio gastronomico che tocca terre vicine e lontane, sapori familiari e sconosciuti ma comunque sempre netti, vivaci e capaci di esprimere un’autenticità che parte dalla materia prima e arriva al piatto. Tradizione, certo, ma al tempo stesso innovazione tecnica, accostamenti sperimentali e presentazioni fantasiose per una cucina che vuole esprimere concretezza, calore e divertimento, lo stesso che prova Andrea mentre crea. Dalla preparazione al servizio, i suoi piatti portano con sé la personalità del loro ideatore espressa in modo comprensibile, così che ogni cliente possa gustarli pienamente, con tutti i sensi che ha a disposizione.

CHI E’ANDREA LAROSSA
Nato a Verbania nel 1980, Andrea Larossa cresce in una casa legata alle tradizioni culinarie laziali della mamma e a quelle lucane del papà, un insieme di ricette, sapori e profumi legati indissolubilmente al piacere di condividere la tavola. Comincia ad appassionarsi alla cucina durante il servizio militare dove viene assegnato ai fornelli e comincia così a cimentarsi con la spesa quotidiana e la preparazione di piatti ogni giorno diversi in una cucina professionale.
Ben presto capisce di sentirsi a suo agio in quella dimensione, tanto da decidere, una volta terminato il periodo di leva, di cominciare a studiare, approfondire la conoscenza delle materie prime e delle loro lavorazioni, delle tecniche e della storia della cucina, del servizio di sala e dell’universo del vino. Intraprende diverse Esperienze, convinto che ovunque e da chiunque ci sia qualcosa da imparare, comincia a girare le cucine più diverse, inaugurando un periodo di formazione che culmina con l’approdo alla grande cucina, quella di Carlo Cracco a Milano.
Per Andrea è l’occasione di confrontarsi con alcuni tra i professionisti migliori mai conosciuti, imparare da loro e al tempo stesso sperimentare quelle idee che di giorno in giorno prendono sempre più corpo andando a comporre le basi di una cucina che verrà: la sua.

COM’È NATO IL RISTORANTE LAROSSA
Dopo l’esperienza milanese parte per Alba, destinazione Locanda del Pilone, il Ristorante stellato la cui cucina era all’epoca guidata da Masayuki Kondo. Qui apprende con entusiasmo i segreti gastronomici delle Langhe uniti alle suggestioni orientali tipiche dello Chef giapponese, e la sua filosofia va delineandosi in modo sempre più netto. Non passa molto tempo prima che Andrea capisca che i tempi sono maturi per camminare da solo, in un ristorante tutto suo dove la sua passione possa esprimersi al pieno delle sue possibilità. Sceglie Alba, una città straordinaria per storia gastronomica e inserita in un territorio, quello langarolo, unico al mondo per biodiversità.

Qui scopre, dopo molto cercare, un locale che all’epoca era sfitto da più di un anno. Lo vede, se ne innamora, e decide che quello è il posto giusto per aprire il suo Ristorante gastronomico. Poco dopo inizia a lavorare con Patrizia, sua compagna di vita e fin dal principio sua grande sostenitrice. In pochi anni Patrizia scopre una passione per la ristorazione che non credeva di avere e diventa Sommelier. Passione e grinta sono le doti che la caratterizzano: è una responsabile di sala instancabile e attenta, fa sentire a casa chiunque decida di trascorrere un pranzo o una cena al Ristorante Larossa.

Crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Per l'estate Babasucco presenta Babastecco

di Laura Frigerio

In estate sale la voglia di prodotti freschi e così BABASUCCO (il primo brand che ha portato in Italia la filosofia del cold-pressed juicing) lancia BABASTECCO, il sorbetto su stecco ispirato agli iconici succhi.

L'unicità di BABASUCCO nasce, come ben sapete, dalla capacità di conciliare i benefici funzionali di frutta e verdura pressata a freddo e con un basso carico glicemico alla forte attenzione al gusto. Con la stessa tecnica vengono realizzati i sorbetti su stecco, la versione rinfrescante dei succhi: totalmente realizzati senza zuccheri aggiunti, a base di frutta e verdura fresca e selezionata pressata a freddo con succo d'Agave.

LE QUATTRO RICETTE DI BABASTECCO
Detox - a base di finocchio, mela verde, mela, sedano, spinaci, lime, menta, spirulina e vitamina C.

Energy - con dattero, banana, mandorle, cannella, sale dell'Himalaya, vitamina C.

Sun - contiene carota, arancia, mela, zucca, mango, limone, zenzero, curcuma.


Sicily - con agave limone, lime, zenzero, menta, vitamina C.

DOVE TROVARLI
Sono disponibili nei migliori supermercati, su Amazon Prime e su Glovo App.

leggi di più

Cross-Food, quando il cibo è benessere

di Laura Frigerio

Il benessere parte dalla tavola. È per questo che bisogna prestare particolare attenzione a ciò che si mangia, soprattutto se si soffre di patologie che interessano il tratto gastro intestinale come ad esempio le malattie autoimmuni, infiammazione o disbiosi intestinale, difficoltà di digestione e gonfiore addominale, dolori muscolari e fibromialgia.


Se è il vostro caso vale la pena scoprire i prodotti Cross-Food, un progetto italiano creato da Giordana Proto e Dario Angiolucci, che propone cibi free from (quei prodotti senza glutine, lievito e lattosio) per la salute ed il benessere personale.


LA STORIA
L'idea nasce dall'esperienza diretta di Giordana, che sin dalla più tenera età ha combattuto con un problema al Colon che le causava una sintomatologia dolorosa molto invalidante, SIBO (la sovra crescita batterica del piccolo intestino), leaky gut (permeabilità intestinale con alterazione dei parametri ematochimici) e tiroide di Hashimoto.
Questo le ha causato non poche difficoltà ad alimentarsi, in particolare fuori casa. Per fortuna, con il tempo e grazie ai preziosi consigli di medici e nutrizionisti, è riuscita a riprendere una vita normale.
I prodotti Cross-Food sono il frutto delle indicazioni mediche e nutrizionali che Giordana ha ricevuto ed ha saputo adattare per poter affidare la sua esperienza, ottenendo un prodotto tipicamente da grande distribuzione ma con le caratteristiche di un prodotto artigianale. La mission di Cross-Food non è sostituirsi alle cure mediche, bensì affiancarle perché le persone possano riscoprire il piacere del cibo senza rinunciare alla leggerezza e soprattutto al buon gusto. Un modo per non vivere con ansia un momento piacevole come il mettersi a tavola.

I PRODOTTI
Tutti i prodotti di Cross-Food sono free from, hanno una shelf-life allungata senza l’ausilio di conservanti, sono quasi tutti prodotti in atmosfera protetta e le materie prime hanno caratteristiche antinfiammatorie. Inoltre rispettano anche le esigenze di chi soffre di intolleranze alimentari, al glutine e ai latticini, e di chi ha patologie legate all’alterata permeabilità intestinale come ad esempio le patologie dermatologiche (psoriasi e dermatiti) o della tiroide. Da non dimenticare che sono forniti anche di mieli e tisane dalle diverse proprietà curative, antidolorifiche, depurative e riequilibranti, sia per la regolarizzazione di alcuni parametri ematochimici (ad esempio l’abbassamento del colesterolo nel sangue) sia per ristabilire le normali funzionalità dell'intestino.
I prodotti della linea Cross-Food sono veramente adatti a tutti. Ogni snack contiene ingredienti diversi, ricercati, studiati ma anche unici nel gusto. Per la merenda, per esempio, ci sono le Chips Di Barbabietola o le Chips di Patata Americana. Sono tra i prodotti più recenti e oltre ad essere free from, sono anche vegan. Se volete iniziare la giornata con una colazione energica ma light non Cross-Food propone i Muffins al Cocco o alla Nocciola.

I DATI
Tutti i prodotti di Cross-Food sono realizzati in laboratori “senza glutine” e si possono acquistare nelle farmacie, negli stores, sulle piattaforme online oppure in ristoranti e hotel. Un dato importante rispetto alle intolleranze e ai disturbi alimentari sono i numeri: in Europa ci sono più di diciassette milioni di intolleranti, di cui più di due milioni e mezzo solo in Italia. (Fonte EAACI, Accademia Europea di Allergia e immunologia Clinica 2016). E Cross-Food al momento è l'unico alleato in tutta Europa che fornisce aiuto a coloro che sentono il bisogno di alimentarsi in modo sano e di trovare un sollievo ai loro disturbi da affiancare alle cure mediche che gli prescrive il medico.


CROSS-FOOD A NOZZE
Giordana e Dario sono una coppia non solo sul lavoro, ma anche nella vita. Il 23 giugno convoleranno a nozze nell’incantevole cornice di Casale San Silvestro a Troina (Enna, Sicilia) e il matrimonio sarà totalmente incentrato su un’alimentazione che rispetta le diverse esigenze nutrizionali e sull’importanza di mangiare sano in qualsiasi occasione. Saranno presenti due catering che cureranno le proposte di menù: “La cucina dei colori” si occuperà dall’angolo vegan e di quello crudista, invece “Querce di Cota” delizierà gli ospiti con la cucina tipica troinese preparando piatti biologici e a km zero. Per quanto riguarda invece i free from ci saranno i prodotti di Cross-Food messi liberamente a disposizione: chips do platano, pane di mandorle e di riso, farine, biscotti e preparati per torte nonché le bomboniere.
Che dire: un bell'esempio da seguire!

leggi di più