La Fitness Week di Buddyfit

di Redazione

È partita oggi con il Body & Strength Day con Paola di Benedetto la Fitness Week di Buddyfit, che continuerà fino a 17 settembre.

La startup che ha rivoluzionato il mondo dell’home fitness ti aspetta online con i nuovi corsi speciali e i trainer più apprezzati, per accompagnarti col sorriso alla ripresa dell’attività sportiva dopo le ferie estive.

Proprio in occasione della Fitness Week Diadora, già partner tecnico della piattaforma di home fitness, ha lanciato una speciale capsule collection active in collaborazione con Buddyfit.

A metà settimana verrà dato spazio al benessere della mente con il Body & Mind Day, per connettersi con se stessi grazie a Yoga, Pilates e meditazione; I Don’t Have Time – Flash Day giovedì propone classi da 15 minuti per tutti coloro che hanno poco tempo da investire nell’attività sportiva, ma non vogliono rinunciare all’allenamento; infine, l’imperdibile Fitness Week di Buddyfit si conclude venerdì con il Killer Glutes Day, per scolpire la parte bassa del corpo grazie ad esercizi ad alta intensità.

Non mancheranno poi le anticipazioni in esclusiva dei nuovi Buddyfit Programmes, pensati sia per chi è già allenato e sia per coloro che decidono di cominciare un nuovo percorso, per rimettersi in forma e raggiungere progressivamente i propri obiettivi con classi da 2 a 12 settimane.

Iscriversi a Buddyfit e affidarsi ai trainer migliori in Italia nelle loro discipline e agli ospiti esclusivi che ogni mese tengono masterclass speciali non è mai stato più conveniente. Chi partecipa alla Fitness Week, infatti, potrà godere dello sconto del 50% sull’iscrizione annuale alla piattaforma, disponibile per Android e Ios, oppure sul web all’indirizzo Buddyfit.it.

Si può seguire Buddyfit anche su Instagram e si possono condividere gli allenamenti per entrare a far parte della community sportiva più cool del momento. Buddyfit si adatta alle necessità di una società sempre più smart e frenetica incontrando le esigenze dei propri utenti: tutte le classi della settimana speciale, live o in replay, restano disponibili senza limiti per 48h, per allenarsi in totale libertà proprio come se frequentassi una palestra su misura per te, grazie alla qualità Full HD della piattaforma disponibile su smartphone, PC o TV.










crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Verbania rilancia il cicloturismo

di Redazione

“Anche il tuo giro parte da Verbania. Con questo bel claim la città “giardino sul lago” lancia una campagna di rilancio del cicloturismo per portare gli amanti delle due ruote più allenati sulle orme dei più grandi campioni di tutti i tempi e i principianti e le famiglie sui percorsi immersi nella natura partendo proprio da Verbania.

Il rapporto Legambiente presentato al “Bike Summit 2020” dipinge il cicloturismo come un settore in rapida ascesa che, nel 2019, ha registrato solo in Italia 55,1 milioni di pernottamenti (dei quali 34,4 milioni di ciclo-turisti stranieri), i quali hanno generato una spesa totale stimata per 4,6 miliardi di euro (2,9 da parte degli stranieri). Beni e servizi collegati all’alloggio e alla ristorazione hanno assorbito il 64% del budget degli stranieri (61% italiani), con una spesa media giornaliera di 75 euro. In ottica di sviluppo, il noleggio di attrezzature sportive interessa il 4% dei ciclo-turisti, con una spesa media giornaliera di 40 euro per gli stranieri, 26 per gli italiani. Un turismo per lo più locale e all'aperto, in linea con l'attuale situazione in cui ci troviamo, e green, attento alla mobilità sostenibile e compatibile con la vocazione del territorio, in cui il “soggiorno a Verbania e dintorni” diventa base di partenza per raggiungere e conquistare i principali itinerari ciclo-turistici del luogo.

Ciclo-amatore, atleta evoluto, ciclo-turista e «randonneur», con itinerari che vanno dal percorso più impegnativo di taglio sportivo, su cui si sono cimentati alcuni dei più famosi campioni italiani, fino alla gita su sentieri off-road accessibili anche al ciclista alle prime armi e alla famiglia amante della natura: il Verbano è ricco di molti percorsi di diverso grado di difficoltà, da abbinare a destinazioni e soste di carattere culturale ed eno-gastronomico.

SCOPRI INSIEME A NOI TUTTI I PERCORSI PER LE DIVERSE TIPOLOGIE DI CICLISTA

APPASSIONATO DI CICLISMO, ATLETA ALLENATO
Sulle orme di campioni come Marco Pantani, Gilberto Simoni, Philippe Gilbert, Miguel Indurain e Paolo Tiralongo, oppure sulle strade dove è nato e su cui si sta allenando il ciclista campione del mondo verbanese Filippo Ganna: gli appartenenti al primo gruppo sono atleti allenati, suggestionati dall’ambizione di poter ripercorrere le strade sulle quali i campioni del Giro d'Italia si sono dati battaglia, rivedere i luoghi, riconoscere i tornanti, le rampe e i traguardi.

MONTE OLOGNO (2015): L’IMPRESA DI PHILIPPE GILBERT CHE DA PIANCAVALLO PLANA SU VERBANIA
Una salita spettacolare dal punto di vista panoramico ed estremamente impegnativa da quello sportivo. Dopo Cannero Riviera, paese degli agrumi più a nord d'Italia, si sale percorrendo tornanti a picco sul lago dai panorami indimenticabili, sino ad arrivare all'incredibile vista panoramica sul Monte Ologno. Prosegue un saliscendi che attraversa Colle e Piancavallo, altro belvedere sul Lago Maggiore, poi Manegra, Pian di Sole e Premeno, tutte località immerse nella natura e in panorami da cartolina.
Il ciclismo racconta che il Giro d'Italia passò sulla ‘Trarego–Colle’ il 28 maggio 2015 nella tappa da Melide a Verbania. Grande protagonista fu Philippe Gilbert, ‘Le Roi Philippe’, gigante belga delle classiche che non disdegnava di vincere nei grandi cimenti a tappe. Quel giorno lungo i durissimi tornanti che salivano allo scollinamento in località Monte Ologno perse le ruote dai compagni di fuga mentre dietro la maglia rosa Alberto Contador staccò tutti. Dal Gpm all'intersezione con la salita della Segletta, Gilbert non solo tornò sui primi ma nel tratto di continuo falsopiano staccò tutti, planando da solo a Verbania e vincendo una grande frazione.

MACUGNAGA (2011): PAOLO TIRALONGO E IL GESTO NOBILE DI ALBERTO CONTADOR
Alla scoperta di Macugnaga, nella Valle Anzasca. Una vallata dalla natura intatta, incantevoli borghi e tradizioni antiche, ai piedi dell’impressionante parete est del Monte Rosa. Qui il tempo scorre ancora lento, silenzioso e cordiale e, grazie anche a un territorio completamente privo di contaminanti, l'offerta enogastronomica è di alto livello, con ottime produzioni di nicchia per i consumatori più attenti. La Valle dell’oro, conosciuta già dal 1100 per la ricchezza di giacimenti auriferi nel sottosuolo, sede delle miniere più attive in Italia fino al secolo scorso oggi aperte al pubblico, si veste di colori e di profumi intensi in tutte le stagioni.
La salita ai piedi del Monte Rosa inizia da Vogogna, l'antica capitale dell'Ossola Inferiore su cui domina il castello Visconteo e dove ha sede l'Ente Parco Nazionale della Val Grande. Un solo arrivo del Giro d'Italia sulla lunga ma pedalabile salita verso Macugnaga, il 27 maggio 2011. Il finale della Bergamo-Macugnaga fu spettacolare, con un attacco del siciliano Paolo Tiralongo; all'ultimo Km l’ha raggiunse la maglia rosa Alberto Contador, difendendolo dagli attacchi e intimandogli di seguirlo verso il traguardo, dove gli cederà il successo di giornata; i due sono amici e l'anno precedente erano anche compagni di squadra. Terzo fu un giovane Vincenzo Nibali.

CASCATE DEL TOCE (2003): L’ULTIMO SCATTO DEL PIRATA MARCO PANTANI
Ci sono posti unici, misteriosi e quasi magici, protetti dalle montagne che li custodiscono insieme alle loro leggende. Uno di questi posti sono sicuramente le cascate del Toce: in Val Formazza, un impressionante salto d'acqua di 143m, considerato uno dei più belli delle Alpi. Emozioni da sudarsi fino a quasi 1700m di altitudine. La strada prosegue per altri 4km che, attraversata la splendida piana di Riale, portano ai 1815m del Lago di Morasco. L'intera vallata propone soste per ristori a base di prodotti tipici, prodotti di eccellenza come il formaggio Bettelmatt, prodotto tipico dell'alta Val d’Ossola.
La salita dalle emozioni forti rievoca l'ultima zampata che il Pirata regalò alla storia del ciclismo moderno; pura iconografia del ciclismo, il 30 maggio del 2003 il Giro per la prima volta fece tappa in Val Formazza, alla Cascata del Toce, salita totem del mondo amatoriale, partendo da Canelli. Nei pressi di Canza allungò Marco Pantani, due scatti che però non diedero l'esito che tutti quel giorno avrebbero voluto. Vinse Gilberto Simoni in maglia rosa, ma nell'immaginario collettivo la strada che porta verso la Cascata è quella «dell’ultimo scatto di Pantani». In vetta fu inaugurato un piccolo monumento a ricordo di Adriano De Zan, storico cronista del ciclismo per decenni.

MOTTARONE (2011, 2001, 1999 e 1966): IL RECORD DI GILBERTO SIMONI
È una delle salite più ambite dagli appassionati e più volte è stata inserita nel Giro d’Italia professionisti, sia dal versante cusiano sia da quello dell’Alto Vergante. Su quattro edizioni del Giro passate sul Mottarone, in attesa di questo 2021, ben tre volte la salita venne affrontata sotto una pioggia battente, tra gelo, nebbia e nevischio. Nel 1999, nella tappa da Verres a Borgomanero, il tifo fu tutto per il mergozzese Marco Della Vedova; nel 2001, Gilberto Simoni, in maglia rosa, attaccò appena iniziata la seconda scalata del Mottarone, dal versante cusiano e fece l'impresa arrivando solo ad Arona.
Nel 2011, prima di Macugnaga, la salita fu affrontata da Stresa ed al Gpm passò primo il francese Pineau. Protagonista della prima scalata nel 1966 fu Vittorio Adorni, in maglia rosa, che nei primi anni 60 conobbe Vitaliana Erbetta, figlia dei proprietari di un albergo in vetta al Mottarone, dove lo stesso Adorni stava passando un periodo di ritiro: oggi i due sono sposati da oltre 50 anni…Gignese. Il paese merita un attimo di sosta e forse anche di più, se non si vuole perdere l'occasione di fare una visita al locale museo dell'ombrello e al rinomato Giardino Alpinia.


ALPE SEGLETTA (1992): CHIOCCIOLI E CHIAPPUCCI ALL’ATTACCO DELLA MAGLIA ROSA DI MIGUEL INDURAIN
Le arcigne rampe della Segletta, definita “la salita più dura del giro 1992” dal direttore della Gazzetta dello Sport Candido Cannavò, sono un vero must per i ciclisti nostrani. Era il 12 giugno 1992, terz'ultima tappa di quella edizione della Corsa Rosa. Nei pressi di Aurano il toscano Franco Chioccioli, vincitore del Giro 91, attaccò l’inossidabile Miguel Indurain in maglia rosa; lo spagnolo prese 20 metri di distacco ma seppe rientrare con la sua classica eleganza.
I primi tre della classifica: Indurain, Chioccioli ed il ‘Diablo’ Claudio Chiappucci diedero spettacolo e Max Lelli poté solamente fare da spettatore. A Verbania vinse Chioccioli su Chiappucci con Indurain che chiuse quarto come sempre senza sprintare. Chiappucci in maglia verde di leader del Gpm passò primo sia all’Alpe Segletta che a Pian di Sole, località poco sopra Premeno. Percorso ricco di salitelle collaterali (Intragna e Caprezzo per fare due nomi) che si incontrano lungo il percorso e collegamento con la discesa della da Piancavallo, Manegra, Pian di Sole. Una divagazione sul percorso se si volesse provare l'ebbrezza mozzafiato di una discesa con la Zip Line Lago Maggiore.

PASSO DEL SEMPIONE (2006, Cima Coppi 1985, 1965, 1963, 1956, 1952): ARRIVO A DOMODOSSOLA - IVAN BASSO
Il Passo del Sempione è storicamente una delle principali vie di comunicazione attraverso le Alpi; collega l'Ossola con la valle del Rodano e unisce la Pianura Padana alla Svizzera occidentale ed alla Francia. Dopo il confine di stato (800m) al villaggio di Gondo (855m), dove si trova la dogana svizzera, si penetra in forte ascesa nelle selvagge e pittoresche gole di Gondo.
Passato il pittoresco villaggio di Simplon Dorf si entra nell'ampia conca del valico disseminata di grandi massi: su uno di questi è ben visibile l'aquila napoleonica, prima della torre dell'antico ospizio (1650) ed al massiccio fabbricato dell'ospizio iniziato da Napoleone e completato dai monaci del Gran San Bernardo. Il valico, aperto tra il Monte Leone (3552m) ed il Fletschorn (3996m), funge da punto di separazione convenzionale tra Alpi Pennine e Lepontine; il panorama è bellissimo, tra i ghiacciai del Monte Leone, del Fletschorn e del Weissmies (4023m); a nord svettano le cime del gruppo Jungfrau-Finsteraarhorn. Numerosi passaggi del Giro d’Italia, sin dagli anni ‘50 (1952, 1956, 1963, 1965) e Cima Coppi nel 1985 fino all'ultimo nel 2006 nella tappa con partenza da Aosta ed arrivo a Domodossola.

MOLTO E MEDIAMENTE ALLENATO
Una serie di itinerari che comprendono passaggi più semplici e giri più impegnativi, in cui trovano soddisfazione la grande passione per la bicicletta e una vivace curiosità per i luoghi.
· Verbania - Cannero Riviera - Panoramica Ghiffa - Sacro Monte SS. Trinità - Arizzano - Verbania
· Verbania - Lago di Mergozzo - Candoglia - Ornavasso - Gravellona - Verbania
· Verbania - Cannobio - Finero - Valle Vigezzo Santa Maria Maggiore - Domodossola - Verbania
· Verbania - Locarno - Cento Valli - Santuario di Ré - Valle Vigezzo - Domodossola - Verbania
· Verbania - Omegna - Giro del Lago d'Orta - Orta San Giulio - Arona - Verbania
· Giro del Lago Maggiore (mezzo-giro rientro da Laveno)

SPORTIVO, AMANTE DI ITINERARI STRADALI E OFF-ROAD
Una serie di percorsi in mezzo alla natura, in strade più defilate e lontane dal traffico, anche off-road, immerse nel verde.
· Parco Val Grande mete e percorsi (Cossogno e Museo dell'acqua, Valle Intrasca, Ompio, Pian Vadà, Malesco e il Museo della pietra ollare)
· Campello Monti

· Colloro
· Monterosso e Cavandone
· Premeno e Pian di Sole
· Levo, Gignese, Alpino e i Giardini Alpinia









crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Praticare yoga fa bene alla vita sessuale, parola di MioDottore

di Redazione

Sono sempre più persone che praticano yoga e così MioDottore (piattaforma leader nella prenotazione online di visite mediche e parte del gruppo Docplanner) ha coinvolto una delle sue esperte, la Dottoressa Jole Rosafio (psicologa che ha aderito al progetto di video consulenza online attivato dalla piattaforma) per indagare come questa disciplina possa influire positivamente sulla sfera sessuale delle persone, fornendo approfondimenti e 5 buone ragioni per iniziare la pratica.


L’antica disciplina indiana dello yoga aiuta a ritrovare l’armonia di corpo, anima e mente, agendo in maniera profonda sulla persona e riducendo lo stress, la sensazione di ansia e anche la depressione. Questa pratica, infatti, apporta molteplici benefici a livello mentale, toccando aspetti intellettivi, spirituali ed emozionali, grazie alle specifiche tecniche di respirazione che aiutano il rilassamento e dunque l’abbassamento degli stati ansiosi.

YOGIN: I PIU’ BRAVI A GESTIRE RELAZIONI INTERPERSONALI E DI COPPIA
Secondo la psicologa di MioDottore, chi pratica yoga (Yogin) ha la possibilità di ottenere una serie di vantaggi per la propria vita quotidiana, tutti collegati tra loro. Alcune pratiche agiscono sul flusso dei pensieri positivi-negativi, stabilendo un equilibrio che porta alla sensazione e al ritrovamento della felicità, raggiungendo così una tranquillità interiore e di conseguenza anche una serenità nei rapporti interpersonali e di coppia. Infatti, la dottoressa commenta: “Percepire, accettare, ascoltare se stessi e assecondare i propri bisogni consente di visualizzare ‘l’Altro’ come ‘Cosa buona’ e non un nemico o una figura sulla quale scaricare frustrazione. Dunque, se l’individuo si assume la responsabilità del proprio stato emotivo, è certo di poter vivere una relazione a due in modo sano, in quanto ogni membro della coppia è responsabile della propria felicità”.

SESSO PIU’ SODDISFACENTE: CON LO YOGA MENO TABU’ E INIBIZIONI
Direttamente collegato, anche l’ambito sessuale viene coinvolto in tale processo di miglioramento e le esperienze erotiche diventano più appaganti. Ma come avviene esattamente questo ulteriore passaggio? Per raggiungere il piacere è importante trovarsi in uno stato di relax, più si è rilassati e più intensa sarà la percezione del godimento. Inoltre, praticare yoga permette di lavorare sui propri “blocchi interni” e facilita la ricerca del benessere personale, oltre ad aiutare a sciogliere le problematiche legate a preconcetti imposti e assimilati, assecondando in modo armonico le necessità individuali.
L’esperta di MioDottore spiega: “Una vita sessuale soddisfacente si ottiene attraverso una profonda conoscenza di se stessi, quando si è in grado di assecondare i propri bisogni e desideri senza paura di essere giudicati dall’altro. È fondamentale capire il proprio corpo attraverso la sperimentazione e il contatto per comprendere il suo funzionamento ‘meccanico’ e ‘sensoriale’, saper trovare la strada per provare piacere e riuscire a comunicarlo al partner senza tabù e inibizioni”.
Infine, dal punto di vista fisiologico esistono alcuni ulteriori plus per le donne e gli uomini che intraprendono questa disciplina. Per il gentil sesso, l’attività apporta benefici su ovaie, ipofisi (che produce l’ossitocina, provocando eccitamento e piacere), tiroide e un aumento della produzione di estrogeni (ormoni sessuali femminili). Mentre per i maschi, il controllo della respirazione e gli esercizi di tonificazione perineale permettono di prolungare l’erezione e l’eiaculazione e intensificano il godimento.

5 MOTIVI PER CUI LO YOGA CONTRIBUISCE A MIGLIORARE LA PROPRIA VITA SESSUALE
Quindi, secondo la psicologa di MioDottore, la pratica della disciplina orientale aiuta notevolmente corpo e mente, tanto da consentire esperienze sessuali di gran lunga più appaganti. Ecco i 5 perché:

1. Praticare yoga attenua ansia e stress.
2. Le energie spirituale e fisica vengono (ri)attivate.
3. L’umore migliora, in quanto si riduce il flusso di pensieri positivi-negativi, riportando un equilibrio tra essi.
4. Viene favorita una migliore percezione di se stessi, che porta a un incremento dell’autostima.
5. Lo yoga agisce sulla produzione di estrogeni, migliora l’erezione e l’eiaculazione.

COME CONSULTARE MIODOTTORE
Per ricevere consigli relativi ai benefici dello yoga in ambito relazionale e sessuale, ma non solo, MioDottore mette a disposizione degli utenti la funzionalità di consulenza online, con circa 7.000 esperti disponibili. Nato per far fronte alle esigenze sorte con il primo lockdown, il progetto consente di incontrare via video gli specialisti della piattaforma, sia che si tratti di un primo colloquio o di appuntamenti di consueto monitoraggio del proprio benessere.






crediti foto: Adobe Stock

leggi di più

Beatrice Valli nella squadra di LIVENow Fitness

di Laura Frigerio

C’è una new entry nella squadra di LIVENow Fitness: si tratta di Beatrice Valli.

L’influencer (che vanta più di 2 milioni di follower) avrà, all’interno della sezione dedicata al benessere fisico della celebre piattaforma streaming, un suo format chiamato “Time to train with Beatrice Valli”.

A partire dal 28 giugno, per un mese, Beatrice Valli presenterà in live streaming su LIVENow il suo percorso fitness insieme al trainer professionista Luca Santonastaso. Proponendo in sei lezioni un allenamento completo, Beatrice, insieme al suo trainer di sempre, darà agli utenti di LIVENow la possibilità di imparare e realizzare insieme a lei il suo training quotidiano.

IL CALENDARIO DEGLI APPUNTAMENTI
28 giugno, ore 18
1 luglio, ore 13
12 luglio, ore 18

15 luglio, ore 13
19 luglio, ore 18
22 luglio - speciale live su IG, ore 13

LA PAROLA A BEATRICE VALLI
Beatrice Valli ha così commentato il progetto: “Allenarmi mi fa sentire bene, fisicamente e psicologicamente. Grazie all’aiuto del mio trainer Luca Santonastaso, riesco a seguire una routine di fitness che mi dà energia e forza per affrontare le mie giornate. Come ho sostenuto più volte, penso che dobbiamo imparare ad accettarci e amarci per quello che siamo e il fitness deve essere un modo per farci sentire bene. Spero che con questo training, con me e Luca, gli utenti di LIVENow abbiano la possibilità di allenarsi con noi, divertendosi e sentendosi bene”.

ALTRE INFORMAZIONI
Il costo per l'intero pacchetto “Time to train with Beatrice Valli” è di 14.99€ e, per chi è già iscritto alla piattaforma, sarà possibile ricevere uno sconto. Tutte le informazioni sono disponibili su LIVENow.







crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Giornata Internazionale dello Yoga: l'indagine di Wiko

di Redazione

Il 21 giugno è la Giornata Internazionale dello Yoga, disciplina che nell’ultimo anno e mezzo (causa lockdown e restrizioni) è stato praticato sempre più spesso in casa. Wiko (brand franco-cinese di telefonia da sempre attento a cogliere trend e fenomeni che animano la rete e interessano gli utenti) ha voluto scoprire qualcosa in più su questa antichissima disciplina, ora divenuta digitale, attraverso il coinvolgimento di Yoga-Smart.

Yoga-Smart, come suggerisce la parola, è una piattaforma online per seguire live da casa (come al parco) le lezioni o le registrazioni di yoga, pilates, meditazione e mindfulness. Elisa, uno dei soci fondatori di Yoga-Smart, ha effettivamente confermato la tendenza virtuosa degli ultimi mesi, con iscrizioni in costante crescita, dovute proprio a una libertà di fruizione “smart” che è sempre più un valore aggiunto del quale in tanti non riescono a fare a meno.

L’esperienza di vita dell’ultimo anno, aggiunge Elisa di Yoga-Smart, ha inoltre risvegliato negli utenti l’importanza di prendersi cura di sé. Si è imparato a dare priorità alla cura del corpo anche lontano dalle palestre, badando maggiormente alla qualità dell’alimentazione, dedicando più tempo alla preparazione dei cibi in casa, riscoprendo tanti piaceri più “slow”. E non c’è da storcere il naso se lo yoga è divenuto digitale. Si può davvero insegnare anche attraverso uno schermo. Che sia quello di un PC o di uno smartphone con un ampio display come quello del nuovo Power U30 di Wiko da 6,8”, confortevole, ergonomico e facile da trasportare in qualsiasi situazione, l’insegnante può correggere immediatamente e suggerire a ciascuno le posizioni e le varianti più adatte. Con due grandi vantaggi: praticando online, di fronte a uno schermo, nessuno viene distratto dagli altri e non c’è competizione, nessuno si sente scoraggiato vedendo chi è più avanzato come spesso accade quando si è in una sala in presenza. Ma quali sono i grandi miti e pregiudizi da sfatare sullo yoga? Innanzitutto che sia unicamente una pratica rilassante. Lo è, ma è altrettanto tonificante e impegnativa. È una disciplina estremamente completa che richiede una preparazione fisica importante, tanta costanza e soprattutto, ci insegna a respirare.

I risultati sul corpo - e non solo - sono presto evidenti. In secondo luogo, è una pratica democratica e accessibile a tutti. La platea di fruitori Yoga-Smart, ad esempio, è estremamente transgenerazionale, intercettando utenti che vanno dai 18 ai 70 anni. Come iniziare, quindi, a praticare yoga senza scoraggiarsi e coinvolgere anche i più scettici?

L’ostacolo è solo iniziale, solitamente chi prova una volta, poi non molla più. Elisa consiglia di non cimentarsi subito con pratiche avanzate ma di iniziare con sessioni più soft, come classi di Hatha Basic, o comunque classi adatte alla propria preparazione fisica. Una volta scelta la classe giusta, il consiglio è di lasciarsi andare completamente, senza pregiudizi. Il benessere percepito alla fine della pratica sarà ciò che terrà “calamitati” gli allievi alla pratica per sempre.

Qualora non bastassero una connessione, uno smartphone e una dose di buona volontà, lo yoga online può essere arricchito con una colonna sonora a piacimento. Si possono indossare comodamente degli auricolari wireless, come i nuovi Buds Immersion di Wiko, per immergersi nella pratica senza rumori di fondo grazie alla doppia cancellazione del rumore con tecnologia ANC combinata con ENC, o in alternativa posizionare accanto al tappetino gli altoparlanti WiShake Vibes per riprodurre in maniera diffusa una playlist rilassante e mistica. Con la bella stagione, anche i parchi e le spiagge cittadine sono un’alternativa alle mura domestiche, per uno yoga più a contatto con la natura.








crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Diletta Leotta, allenamento in diretta su Buddyfit

di Laura Frigerio

Avete già provato Buddyfit, la start up numero uno in Italia dedicata all’home fitness? In molti l’hanno provata e sono soddisfatti del servizio, che ha tra i Brand Ambassador anche Diletta Leotta.

La conduttrice sportiva lunedì 1 marzo, alle ore 19.15, terrà la sua prima Masterclass di allenamento nel Live Studio di Buddyfit.

Sessanta minuti, dedicati ad un work out 100% aerobico durante il quale Diletta sarà in compagnia di tre trainer certificati Buddyfit: Carol Enrico, ballerina e bootybar specialist, Veronica Contatti coach amata dalla community per i suoi workout a corpo libero e per la quota blu del Pierluigi Gallucci.

Durante la sessione di allenamento, come di consueto durante le classi live su Buddyfit, ampio spazio alle chat e all’interazione con gli utenti della community che potranno inviare domande e curiosità a Diletta sui suoi allenamenti ed esercizi preferiti.

L’appuntamento speciale di lunedì 1 marzo con Diletta si inserisce in un piano di allenamento che gli utenti potranno seguire su Baddyfit oltre alle 500 classi live al mese presenti sul sito. Numeri importanti che, in queste ultime settimane, sono stati confermati anche da un altro importante traguardo raggiunto dal team di Buddyfit guidato da Giovanni Ciferri, Stefano Manzoni e Stefano Cortese che ha festeggiato 5 milioni di euro per il suo secondo round di investimenti.
La startup ha deciso, infatti, di estendere l’aumento di capitale anche alla sua community lanciando una campagna di equity crowdfunding sulla piattaforma Backtowork.

Ricordiamo che con un solo abbonamento ogni mese, con Buddyfit, è possibile partecipare ad un numero illimitato di classi in diretta. Dai circuiti ad alta intensità, HIT, al relax con classi di Yoga e pilates, grazie a Buddyfit sembrerà di essere in palestra senza uscire dal proprio salotto, grazie alla qualità Full HD delle classi disponibili da smartphone, PC o TV.




crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

Maddalena Corvaglia ambassador di LIVENow Fitness

di Laura Frigerio

Maddalena Corvaglia è entrata ufficialmente a far parte della famiglia di LIVENow come ambassador di LIVENow Fitness, la sezione dedicata al benessere fisico della nuova piattaforma online che sta conquistando sempre più persone.

La sua prima lezione di fitness, in streaming, è stata con il trainer e influencer Paolo Zotta, che si occupa della preparazione fisica di molti artisti, tra cui Mahmood e Tommaso Paradiso.

Per tre volte a settimana, direttamente da La Fabbrica del Vapore a Milano, la conduttrice televisiva e showgirl si allenerà con i migliori trainer di LIVENow con un suo speciale percorso fitness kombat.
Ogni lezione consisterà nella preparazione ad una disciplina sportiva diversa e verranno insegnate le propedeutiche fondamentali per gestire e potenziare le performance fisiche di un determinato sport.

LIVENow
Con la sezione fitness LIVENow si pone l’obiettivo di diventare una piattaforma “enter-training”, offrendo corsi live realizzati ad hoc da personaggi di spicco del mondo del fitness e dando la possibilità di sperimentare lezioni dal vivo in modo interattivo. La piattaforma fornisce allenamenti di diversi livelli e discipline, tra cui HIIT, yoga, calisthenic, kombat, stretching, pilates e molto altro.
Volete abbonarvi? Sappiate che ci sono l’accesso giornaliero (2,90 €), il mensile (9,99 €) e l’annuale (79,99 € al mese).





crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

California Prune Board suggerisce l'allenamento per avere una pancia piatta post feste

di Redazione

Le festività, come ogni anno, mettono a dura prova il nostro fisico. Così si cerca spesso di eliminare la sensazione di pesantezza con diete severe ed allenamenti sfiancanti, ma il rimedio per ritrovare il fisico perfetto può essere molto semplice con il giusto allenamento indoor e la scelta di ricette salutari e bilanciate.

Il California Prune Board (consorzio che riunisce 800 coltivatori e 28 confezionatori di prugne provenienti dalla California) ha elaborato con il fitness influencer Davide Campagna un allenamento mirato a scolpire gli addominali e una ricetta salutare come i muffin alle Prugne della California cioccolato e lamponi, da gustare dopo gli esercizi per rimettersi in forma e ottenere la tanto desiderata pancia piatta!

Per la giusta carica ed energia pre-allenamento o per concedersi una pausa rilassante al termine le Prugne della California risultano infatti un valido alleato per la realizzazione di ricette sane e gustose grazie al loro sapore unico e naturalmente dolce e la presenza della vitamina B6, che aiuta ad alleviare il senso di stanchezza. Le Prugne della California contengono inoltre carboidrati a lento rilascio e sono anche una fonte di rame e manganese, che contribuiscono alla normale formazione e mantenimento dei normali tessuti connettivi.

“Il mio consiglio per riprendersi dopo gli eccessi delle festività è quello di seguire una dieta sana ed equilibrata e praticare qualche esercizio a casa come il mio circuito pancia piatta. Suggerisco di ripetere il circuito 2 o 3 volte in base all’obiettivo e premiarsi alla fine con uno snack salutare o uno spuntino preparato precedentemente” - raccomanda Davide Campagna.

Il workout proposto dal California Prune Board consiste in un circuito di 3 set con due esercizi ciascuno. È consigliabile riposare per un massimo di un minuto tra un circuito e l’altro, utilizzando un timer per conteggiare i secondi di lavoro:

STEP 1
20 secondi Sit up – Il sit up (addominali nella versione più classica) viene eseguito a partire dalla posizione supina, con le anche e le ginocchia flesse e i piedi a terra. Da questa posizione si si deve sollevare il tronco fino a giungere in posizione seduta per poi ritornare con il busto gradualmente a terra riappoggiando interamente la schiena e la testa prima di ripartire.


10 secondi Double crunch - Per una corretta esecuzione sdraiarsi a terra su un tappetino in posizione supina, mani poste dietro la testa, gomiti aperti. Assunta la corretta posizione, avvicinare contemporaneamente spalle e ginocchia, prestando molta attenzione a tenere i gomiti aperti verso l’esterno, a staccare da terra la parte alta della schiena e a non flettere le gambe durante l’esecuzione. Arrivati al punto di massima contrazione, tenere per un secondo la posizione e tornare al punto di partenza.


STEP 2
20 secondi Bicycle Crunch – Aiutandosi unicamente con la contrazione degli addominali, bisogna sollevare la parte superiore del busto torcendolo contemporaneamente da un lato. Il gomito che avanza nel movimento di torsione si avvicina al ginocchio del lato opposto, che viene mosso in avanti; l'altra gamba invece si distende senza toccare terra. Si continua simulando con le gambe una pedalata e sincronizzando le torsioni del busto avvicinando in maniera alternata il gomito destro al ginocchio sinistro e successivamente il gomito sinistro al ginocchio destro. Si consiglia di eseguire l'esercizio lentamente.

 

10 secondi Crunch a gambe tese - Con la schiena a terra e la pancia rivolta verso l’alto, distendere le gambe fino a creare un angolo di circa 90 gradi. Da questa posizione, contrarre gli addominali e portare le mani come a toccare le punte dei piedi per poi ritornare lentamente alla posizione di partenza.

STEP 3
20 secondi Cross Climbers - Assumere la posizione di push-up (piegamenti sulle braccia) con le mani a una distanza leggermente superiore rispetto alla larghezza delle spalle. Contrarre gli addominali e mantenere la contrazione per tutto il tempo. Portare un ginocchio verso il gomito opposto. Ritornare alla posizione di partenza e ripetere per il lato opposto.

10 secondi Ginocchio Mano - Assumere la posizione di push-up. Tenendosi in equilibrio con un braccio, ruotare la parte superiore del corpo in una direzione portando la mano verso il ginocchio opposto, tenendo contemporaneamente stesa l'altra gamba. Mantenere la posizione e tornare alla posizione di partenza per ripetere l'esercizio nell'altra direzione. Per una pancia piatta e senza gonfiore addominale è consigliato ripetere il circuito due volte la settimana alternandolo con circuiti cardio.

 

RICETTA
MUFFIN ALLE PRUGNE DELLA CALIFORNIA, CIOCCOLATO

Ingredienti per 6 muffin con Prugne della California:
65 gr di farina integrale
1 cucchiaino di lievito
60 gr di lamponi 8 Prugne della California
1 banana 60 ml di latte vegetale
25 ml d’olio
1 albume
20 gr di gocce di cioccolato

Per completare
6 Prugne della California
Gocce di cioccolato


Frullate le 8 Prugne della California con la banana, l'olio, l'albume ed il latte vegetale per circa 40 secondi. In una ciotola mescolate farina, lievito e gocce di cioccolato. Versate il composto frullato nella ciotola con la farina. Aggiungete i lamponi e lavorate gli ingredienti fino a ottenere un impasto omogeneo. Versate il composto in uno stampo da 6 muffin e guarnite ciascuna porzione con le gocce di cioccolato e una Prugna della California. Infornate a 170 °C per circa 23-25 minuti e lasciate raffreddare prima di servire.

 

 

 

 


crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

HiPRO presenta HiPRO Supports Trainers

di Redazione

Le misure restrittive dovute al Covid-19 ha colpito fortemente il mondo dello sport e delle palestre.
Sono centinaia, infatti, i personal trainer che in questi mesi sono costretti a stare lontani dai loro atleti e dalle palestre.


Per sostenere chi ha dedicato la propria vita al mondo del fitness in un momento così difficile e complicato HiPRO, brand di Danone che dal 2019 è al fianco di tutti gli sportivi, presenta HiPRO Supports Trainers.

HiPRO Supports Trainers è una palestra online pensata per dare visibilità e supportare i personal trainer che vogliono continuare a mantenere il contatto con la propria community di sportivi e trovare un nuovo pubblico di appassionati di fitness, nonché dedicarsi allo sport grazie al supporto delle tecnologie digitali.

Iscriversi a HiPRO Supports Trainers è semplicissimo basta accedere al link supports-trainers.hipro-danone.it e seguire le istruzioni. Tutte le persone interessate a seguire gli allenamenti non dovranno formalizzare alcuna iscrizione, ma verranno indirizzate direttamente alla sezione dedicata ai video. Una volta iscritti, i personal trainer potranno caricare i loro allenamenti e renderli disponibili a quanti desiderano tenersi in forma avendo a disposizione tantissimi workout realizzati da professionisti e pensati per essere svolti in spazi alternativi alla palestra. Le lezioni dei personal trainer saranno disponibili sul canale YouTube di HiPRO e verrà data loro visibilità anche sugli altri canali social del brand.

“HiPRO è nato per sostenere gli sportivi e in un momento come questo è stato per noi spontaneo pensare a un’iniziativa che potesse aiutare i personal trainer e gli appassionati di fitness. HiPRO Supports Trainers, la nostra speciale palestra online, nasce dal desiderio di restare al fianco di chi ha dedicato l’intera esistenza al benessere e all’allenamento anche quando le circostanze storiche sembrano complicarsi. Siamo lieti di poter mettere a disposizione tutti i nostri canali per dare ai trainers la massima visibilità e far sì che tutti gli sportivi continuino ad allenarsi e a tenersi in forma” - spiega Maia Ottogalli, Marketing Manager di Danone.

Tra i tanti personal trainer che hanno aderito finora all’iniziativa anche Alice Mastriani, vero e proprio punto di riferimento del mondo del crossfit in Italia e Brand Ambassador di HiPRO: “HiPRO Supports Trainers è una bella opportunità che permette a tutti noi personal trainer certificati di fare community e continuare a tenere il contatto con i nostri atleti. La palestra digitale pensata da HiPRO dà grande visibilità alla nostra passione e ci consente di mettere a disposizione di tanti, in maniera totalmente gratuita, tutti i benefici dello sport. Soprattutto in questo momento così delicato per tutti, fare sport può essere un vero alleato per trascorrere dei momenti dedicati a noi stessi e al benessere e riuscire ad affrontare meglio la difficile prova di resistenza e pazienza che il virus ci ha presentato dallo scorso febbraio”.




crediti foto: ufficio stampa

leggi di più

California Prune Board: 4 consigli per la scoperta del benessere indoor

di Redazione

Dedicare il tempo libero ad attività produttive e utili quando si è costretti in casa è un buon modo per rientrare in contatto con noi stessi e per mettere a frutto al meglio il nostro tempo, scoprendo anche nuove pratiche di benessere e distogliendo l'attenzione dai problemi più immediati.

Il California Prune Board (consorzio che riunisce 800 coltivatori e 28 confezionatori di prugne provenienti dalla California) ha individuato i quattro step fondamentali per il benessere quotidiano da realizzare a casa tra meditazione e mindful eating grazie alla collaborazione con Daniel Lumera, sociobiologo ed esperto internazionale di meditazione e Annamaria Acquaviva, dietista nutrizionista per il Board in Italia.

MANGIA CONSAPEVOLMENTE
Mangiare lentamente, masticando bene, favorisce la buona digestione e il senso di sazietà che è fondamentale nell’approccio alla dieta: lo percepiamo, infatti, solo dopo 20 minuti dall’inizio della masticazione. Se mangiamo in fretta, quindi, mangeremo più del necessario, senza gustare il cibo ma incrementando il peso corporeo, inghiottendo aria e rendendo difficile la digestione. La pratica della meditazione può aiutare a vivere con maggiore consapevolezza anche il momento dei pasti, praticando quello che viene definito il “mindful eating”.


“La pratica del mindful eating consiste in un nuovo approccio al cibo, una nuova consapevolezza nel nutrire il proprio corpo. Questo ci permette di distinguere tra la fame vera e la fame di “altro”. Ecco perché nella scelta del cibo è bene preferire alimenti sazianti, che ci aiutano a tenere sotto controllo l’appetito. Diversi studi scientifici hanno dimostrato come il consumo di Prugne della California, all’interno di una dieta sana e bilanciata, non crea problemi al controllo del peso, ma favorisce la sazietà, grazie al basso IG di 291 all’alto contenuto in fibre (7,1/100 g) che contribuisce al mantenimento in buona salute del sistema digestivo, delle ossa e del sistema immunitario2” - spiega Annamaria Acquaviva.

IMPARA A MEDITARE, A PARTIRE DAL TUO RESPIRO
La meditazione insegna ad essere più consapevoli delle emozioni che si vivono e a godere dei momenti che si trascorrono con sé stessi o con i propri cari. Focalizzarsi su ogni istante e valorizzare “il qui e ora” favorisce anche il controllo dello stress. Imparare a meditare concentrandosi sul respiro svuotando la mente dai pensieri più superflui, è il modo più efficace per iniziare a coltivare la propria consapevolezza.
Quando si medita e si focalizza tutta l’attenzione sul proprio respiro si costringe la propria mente al presente, poiché il respiro può esistere solo nel momento attuale. Con la pratica ripetuta, questa semplice tecnica contribuirà a rafforzare la propria consapevolezza.

CONTROLLA LA TUA POSTURA
Per un giorno intero, provare ad essere costantemente consapevole della postura che si adotta aiuta il raggiungimento del benessere personale. Che si sia seduti, sdraiati o in piedi, concentrare tutta la propria attenzione verso il proprio corpo ha un effetto immediato nel ripristinare la propria coscienza del presente. Lo scopo è semplicemente essere consapevoli delle sensazioni che il corpo sta avvertendo qui e ora (la pressione della sedia, il pavimento sotto i piedi o una leggera brezza sulle braccia).

GUARDA, ASCOLTA, SENTI – LA MEDITAZIONE DELLA GENTILEZZA
Dopo i primi esercizi introduttivi per respirazione e postura, praticare un semplice esercizio di meditazione come la “Meditazione della Gentilezza” di Daniel Lumera aiuta a sciogliere le tensioni, staccare dal mondo esterno e ridurre stress e preoccupazioni.

“La meditazione è una forma di nutrimento rigenerativo per il corpo, le emozioni, la sfera mentale ed esistenziale. Possiamo considerare la meditazione a tutti gli effetti come un integratore della nostra dieta biologica, emozionale e mentale perché ha un profondo impatto sul rallentamento dei processi di invecchiamento (radicali liberi, morte cellulare, infiammazione), così come sul tono dell’umore e sulla chiarezza e presenza mentale. La Meditazione della Gentilezza rappresenta un allenamento biologico, emozionale, mentale ai sentimenti di reciprocità, unione e cooperazione che abbassano livello di stress, di conflittualità permettendoci di sviluppare una mente quiete e concentrata, di migliorare la nostra salute psicofisica, ristabilire un equilibrio emozionale e sviluppare relazioni sane e consapevoli” -  spiega Daniel Lumera.

Non resta che iniziare a integrare questi quattro piccoli esercizi di consapevolezza nelle giornate casalinghe, riscoprendo man mano quanto il presente sia gradevole e quanto la mente diventi più attiva e vigile, regalando una nuova sensazione di benessere!



crediti foto: ufficio stampa

leggi di più