I nonni secondo i millenials

di Laura Frigerio

In occasione della Festa dei Nonni lo Story Cooking di Casa Coricelli, l’osservatorio sulle tendenze nel mondo dell’olio e della cucina dell’omonima azienda umbra, ha condotto uno studio mediante la metodologia WOA (Web Opinion Analysis) su circa 1500 ragazzi di età compresa tra i 16 e i 25 anni, attraverso un monitoraggio online sui principali social network, blog, forum e community dedicate, per capire quanto sia forte il rapporto fra nonne e nipoti.

Il risultato? Un millenial su due dice che la nonna è “Un porto sicuro dove trovare riparo”, “l’amica ideale” e dice “quando voglio mangiare qualcosa di buono è la prima persona a cui penso”.

Che si tratti di un consiglio, di un’opinione o di un semplice piatto caldo, la nonna è la persona che più di ogni altra assume un ruolo di primo piano nella vita del giovane. È l’amica ideale perché è fedele, non ti giudica e la sua casa è il posto sicuro dove rifugiarsi quando ci sono problemi in famiglia. In particolare per la fascia d’età 16-18 (38%) la nonna è la confidente adatta per parlare dei primi amori (34%), dei problemi a scuola (26%) e dei litigi con i genitori (22%).

Ma guai a pensarla solo come la "vecchietta" sulla sedia a dondolo: la nonna del terzo millennio è dinamica, giovanile e al passo con le nuove tecnologie, come Facebook e WhatsApp. Senza dimenticare la sua principale dote: essere un’eccellente cuoca. Che si parli di focacce farcite, torte o spaghetti al ragù, il risultato è sempre lo stesso, per il 47% la cucina della nonna stravince il confronto con il fast food.

La nonna ideale? Sophia Loren. Lo stesso quotidiano inglese The Mirror sul suo sito sottolinea il ruolo fondamentale che la nonna ha all’interno della famiglia, essendo la figura di riferimento per i giovani, soprattutto in tenera età. Da Miley Cyrus a Ariana Grande, da Goldie Hawn a Tina Turner , sempre più celebrities non nascondono il loro rapporto stretto con nonne e nipoti.