La pazza gioia di Valeria Bruni Tedeschi

di Laura Frigerio

Ieri sera avete visto anche voi i David di Donatello? È stata una serata davvero magica, soprattutto per tre film che hanno fatto incetta di premi: "La pazza gioia" di Paolo Virzì (a quota 5 statuette tra cui quella per la miglior regia e il miglior film), "Indivisibili" di Edoardo De Angelis e "Veloce come il vento" di Matteo Rovere (6 David a testa).

Ammettiamo che quest'ultimo era il nostro preferito e speravamo in qualche premio in più tipo quello per la miglior canzone, perché adoriamo “Seventeen”, scritta da Lara Martelli + Andrea Farri e cantata dall'attrice Matilda De Angelis.

La fanciulla ha rischiato anche di vincere come miglior attrice protagonista, ma poi ha avuto la meglio Valeria Bruni Tedeschi ovvero una delle due splendide interpreti de La pazza gioia. Valeria ieri ha conquistato tutto non solo per la sua classe innata, ma anche per l'innocenza e la spontaneità: è salita sul palco quasi inciampando, poi ha voluto assolutamente al suo fianco la co-protagonista Micaela Ramazzotti e ha tirato fuori dei figli con indicati tutti i nomi delle persone che voleva ringraziare, compresa la sua analista. Come non amarla?

Scrivi commento

Commenti: 0